Torino Primavera: Morra trascinatore, Thiao mediano da “cuore Toro”

Torino Primavera: Morra trascinatore, Thiao mediano da “cuore Toro”

“Mamma Cairo”, Torino – Juventus 2-2 (6-3 d.c.r.): le pagelle di TN / Dalmasso si sacrifica, bene Bonifazi e Mantovani. Debeljuh si propone come protagonista

di Diego Fornero, @diegofornero

Diamo i voti ai giovani granata nella sfida del Memorial “Mamma Cairo” vinta dalla Primavera del Torino, in rimonta e poi ai calci di rigore, contro i parietà della Juventus.

ZACCAGNO 6.5: E’ una sicurezza per la retroguardia granata: incolpevole sulla rete di Soumah, non prontissimo sul raddoppio di Buenacasa, si riscatta alla grande parando il rigore a Granatiero. Il ’97 ex Padova si propone immediatamente come un piccolo grande colpo di calciomercato.

VENTURELLO 5.5: C’è ma si vede poco, l’esordio contro la sua ex squadra poteva sicuramente essere migliore. Avrà l’occasione per rifarsi (dal 1’st MONTEFALCONE 6.5: L’ex Roma conferma di avere tutte le caratteristiche per proporsi come vera sorpresa stagionale, dal suo ingresso in campo il Toro sulla destra ha tutto un altro passo).

DALMASSO 7: Il difensore granata gioca una gara attenta e di sacrificio. Non perfetto il suo piazzamento sulla prima rete di Soumah, ma il piccolo errore è ampiamente compensato da 93 minuti di sudore e dalla prima rete segnata dal dischetto con autorevolezza.

BONIFAZI 6.5: Dopo la prova positiva nei secondi 45 minuti contro il Milan, il possente difensore ex Siena si conferma, concedendosi anche il lusso di qualche giocata di fino.

RIZZO 6: Arrivato in granata e subito infortunato, questa era la prima occasione di mettersi in mostra per il laterale palermitano, che, tuttavia, non impressiona. Deve ritrovare la condizione, poi potrà far valere le sue qualità (dal 19′ st PROCOPIO 6: E’ un po’ in difficoltà con la pressione bianconera, cresce nei minuti finali).

D’ORAZIO 6: Dopo il brutto infortunio rimediato al Maggioni-Righi, con gli Allievi, ad aprile scorso, questi erano i suoi primi veri minuti in campo. Il giovane granata la mette sul fisico, ma non ha ancora il passo giusto: il messaggio, però, è forte e chiaro… Questo ragazzo è pronto a tornare protagonista (dal 19′ st MANTOVANI 6.5: Una stagione nella Berretti, conclusa con il trionfo Scudetto, ne ha forgiato il carattere da Toro. A suo agio anche come tuttofare di centrocampo, il difensore di scuola Roma ha un ottimo impatto sulla gara).

PROIA 6: Si fa subito male, e ha poco tempo per esprimersi. Nella mezzora in campo, comunque, appare piuttosto in difficoltà (dal 28′ THIAO 7: Dopo l’ottima prova contro il Milan, stavolta il senegalese è quasi monumentale. Non avrà la qualità di un regista, ma ha grinta da vendere e tanta voglia di fare a spallate gettandosi su ogni pallone: nei secondi finali è uno di quelli che ci crede di più).

TAHIRAJ 6.5: Sulla fascia mancina la sua velocità si sente, eccome, ma patisce un po’ la pressione fisica dei suoi ex compagni bianconeri. Ha il merito di propiziarsi un buon numero di falli (dal 9′ st SALLUSTIO 6.5: Non soffre l’emozione dell’esordio contro la formazione nella quale militava fino a poche settimane fa ed è una vera spina nel fianco destro bianconero. Difetta un po’ di precisione. Realizzazione dal dischetto perfetta).

LESCANO 5.5: L’ex Genoa fa troppo poco là davanti, e non riesce a rendersi pericoloso. Deve sbloccarsi davanti alla porta per fare il salto di qualità (dal 6′ st DEBELJUH 6.5: Va a cercarsi la rete che accorcia le distanze e che propizia la rimonta granata. Dal dischetto è inflessibile e sicuro: prova più che positiva la sua).

CANDELLONE 6: Poco a proprio agio nel ruolo di esterno offensivo nel 4-2-4, lui che è sempre stato una prima punta. Longo gli chiede di sacrificarsi per la squadra e lo fa con diligenza, ma è troppo lontano dalla porta (dal 6′ st MORRA 7.5: E’ l’uomo degli ultimi minuti: ci ricordiamo ancora il suo urlo in semifinale Scudetto quando segnò la rete decisiva contro la Lazio nei supplementari. Oggi serve uno splendido assist per il 2-1 a Debeljuh e completa la rimonta con un piattone di pregevole fattura al 93′: decisivo).

ROSSO 6: Un po’ di precisione in più, e il voto per il “Folletto” sarebbe stato sicuramente superiore. Per l’attaccante cresciuto in granata fin dalla scuola calcio tanto lavoro sporco, ma serve qualcosa in più (dal 30′ st MONNI 6.5: Buon impatto sulla gara nei minuti finali, dà del filo da torcere alla difesa bianconera sulla fascia di competenza e contribuisce ad aumentare la pressione granata. Realizzazione inappuntabile del rigore decisivo).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy