27 marzo 1983: l’indimenticabile derby di Dossena, Bonesso e Torrisi

27 marzo 1983: l’indimenticabile derby di Dossena, Bonesso e Torrisi

Memorie Granata / 36 anni fa un duello tra Torino e Juventus che entrò negli annali

di Redazione Toro News

Il 27 marzo 1983 non è una data qualunque per gli appassionati di Toro e di calcio. Trentasei anni fa il derby tra Torino-Juventus scrisse una pagina indelebile nella storia delle stracittadine torinesi. Una partita indimenticabile che sembrava già chiusa dopo poco più di un’ora, quando la Juventus che sembrava lanciata verso lo Scudetto era sopra di 2-0 grazie alle reti di Rossi e Platini. Poi tra il 71′ e il 74′, nell’arco di 124 secondi, successe l’imponderabile, con il Toro che ribaltò tutto con le reti di Dossena, Bonesso e Torrisi. Una rimonta così rimane indimenticabile in qualunque occasione, figurarsi se accade in un derby. Trentasei anni fa il Torino si ribellava a un destino già scritto, in un giorno che non verrà mai dimenticato.

IL TABELLINO (da archiviotoro.it)

TORINO – JUVENTUS 3-2 (0-1)
Torino
: Terraneo, Van De Korput, Beruatto, Zaccarelli, Danova, Galbiati, Torrisi (al 78′ Corradini), Dossena, Selvaggi, Hernandez, Borghi (al 59′ Bonesso). A disposizione: Longo, Rossi E., Bertoneri. All.: Bersellini.
Juventus: Zoff, Gentile, Cabrini, Bonini, Brio, Scirea, Bettega, Tardelli, Rossi, Platini, Boniek. A disposizione: Bodini, Storgato, Furino, Marocchino. All.: Trapattoni.
Arbitro: Lo Bello di Siracusa.
Marcatori: Rossi 15′ (J), Platini 65′ (J), Dossena 71′ (T), Bonesso 72′ (T), Torrisi 74′ (T).
Spettatori: 59.049 di cui 50.121 paganti per un incasso di 440.022.500 lire, e 8.928 abbonati.

LA RADIOCRONACA DI ENRICO AMERI

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. alètoro - 7 mesi fa

    Personalmente, poco più che diciannovenne, mi trovavo in Curva Maratona.
    Si trattò di un incredibile rimonta che mi fece vivere una emozione immensa, in cui, in quei 124 secondi di effettiva materializzazione, credo, di aver assaporato la reale esistenza della felicità umana e sportiva. Fu davvero un pomeriggio indimenticabile di primavera i cui le emozioni interiori, a quella età, almeno si decuplicano. Per sempre, Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13963316 - 7 mesi fa

    io adesso mi sono trasferito al mio paese in Sicilia , dove sono nato e da cui emigrai piccolissimo , non avevo ancora 3 anni… ho abitato a Torino per quasi 45 anni e ricordo ancora con felicità quella domenica pomeriggio ,avevo 17 anni da compiere , ed ero in Maratona con amici , al terzo gol di Torrisi finimmo uno sull’altro ma felicissimi!!! quello era il vero Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14204460 - 7 mesi fa

    facevo il servizio militare e in quei giorni un po bui questa è stata una goduria indescrivibile …..Ancora oggi ho i brividi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. iard68 - 7 mesi fa

    Avevo 15 anni e lavoricchiavo nel bar dei miei, prendevo le ordinazioni nel campo da bocce. Ero fuori quando segnò Dossena, i gobbi mi prendevano ancora in giro. Un paio di minuti dopo arrivavo al bancone da mio padre che mi accolse con un sorriso trionfante… il Toro aveva pareggiato. Al mio ritorno al campo, con i gelati da consegnare in mano, aveva già segnato Torrisi! Uno dei bocciofili, un gobbo simpatico di ormai quasi ottant’anni, lo incontro ancora: non ho mai smesso di prenderlo per i fondelli per quei cinque minuti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. galvano - 7 mesi fa

    bambino, ero allo stadio… all’epoca non c’era quella rassegnazione che oggi regna sovrana nei derby. però si perdeva 2-0 e pensavo che tornato a casa dovevo finire i compiti. poi il delirio… la maratona che viene letteralmente giù. io perdo il signore che mi portava allo stadio(lo ritroverò solo all’uscita tutto preoccupato)…beh che dire, il giorno dopo bigiai da scuola, mi comprai tutti i quotidiani sportivi e passai la mattinata al parco a leggere e rileggere dei miei eroi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. SiculoGranataSempre - 7 mesi fa

    15.anni.Sicilia. Piccolo paese. Balcone sbarrato, persiane abbassate. Sbircio dalle fessure. Giù sul muretto sono seduti gli altri ragazzini del quartiere 5 o 6 con cui giocavo. Tutti (o quasi) tifosi Juve che con la radiolina accesa a guardare verso il mio balcone, aspettando che io mi affacci, per sbeffeggiarmi del loro 2 a 0. Anche io ho la radio accesa. 2 a 1 ok. Ma non basta. 2 a 2 mi dirigo verso il balcone per alzare le persiane e uscire. Non finisco di aprire e uscire sul balcone e siamo già 3 a 2. A quel punto mi affaccio. Loro giù morti cadaveri. Io ripetutamente e silenzioso faccio a tutti un bel gesto dell’ombrello. Poi prendo il pallone, vado giù e gli dico: allora giochiamo o no. Con un sorriso beffardo che non dimenticherò mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ALESSANDRO 69 - 7 mesi fa

    Ricordo che sul 2-0 spensi la radiolina incazzato come una furia, quando ebbi in parte sbollito la rabbia riaccesi la radiolina che mancavano 5 minuti alla fine, dalla radio udivo i cori festosi dei nostri tifosi e io a chiedermi:” ma che cazzo avranno mai da festeggiare…??” Stentai a capirlo persino quando il rsdiocronista aggiornő il risultato “Il Toro sta difendendo molto bene il risultato acquisto ,per quanti si fossero messi in ascolto adesso ricordo che il Torino sta conducendo per 3-2 ” …..Fu un momento indescrivibile, non riuscivo a crederci, una rimonta di tali proporzioni oltretutto contro quella Juve, 6 campioni del mondo più Platini e Boniek….
    Quell’impresa é stata davvero epica….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. DANILO 61 - 7 mesi fa

    ricordo indelebile da brividi…..
    ero a militare, ufficiale di complemento e quella domenica montavo di ufficiale di picchetto alla caserma Wachernell di Malles Venosta ( per uno di Torino una caserma da vero granata) in mezzo ai cruchi.

    decido di andare al circolo ufficiali per bere qualcosa e vedere i risultati che scorrevano in sovraimpressione durante domenica in; come arrivo in saletta tv, seduto in prima fila, seduto in prima fila quel gobbo malefico del tenete Ragni (ufficiale di firma) che con voce nasale e ironica esordisce ” ehh mi dispiace Gioda state perdendo ahahah” impreco e vado al bar a prendere da bere, ritorno in saletta e scorre Torino 1 – giuve 2….con sufficienza dico “almeno abbiamo fatto il gol della bandiera e vi facciamo tremare un po’”, non finisco la frase che compare Toro 2 – giuve 2 …sgrano gli occhi, sospiro e fissando negli occhi il gobbo esclamo ” e adesso’! fifa eh?!” l’apoteosi quando compare Torino 3 – giuve 2. Non commento e mi fiondo sullo stereo in sala lettura dove un mio compagno di corso stava ascoltando musica classica ” scusa Andrea ma io devo accendere la radio per sentire novantesimo minuto”.
    Resto abbarbicato alle casse fino al fischio finale e poi…… ” scusi tenente Ragni, ma come è finito il derby…..? ahahah.

    scusate ma sono tanti anni che la racconto e questa volta oltre che scriverla l’ho veramente rivissuta.

    grazie a tutti e sempre FORA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. FVCG-70 - 7 mesi fa

    Domenica indimenticabile…
    Ero al Valentino con i miei con la radiolina…. 0-1, rigore per le merde, Terraneo para ma sulla ribattuta Platini insacca.

    E poi l’apoteosi!
    Nessuno potrà mai farmi dimenticare le facce di merda dei gobbi bastardi che mi chiedevano: “Scusa, quanto fa la Giuve?”
    Perde 3-2… ma figurati, mi dicevano e invece…..
    E vidi mio nonno la sera stessa piangere di gioia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy