Le tre sentenze di Torino-Bologna 2-3: i granata soffrono di vertigini

Le tre sentenze di Torino-Bologna 2-3: i granata soffrono di vertigini

Sentenze / Scelte sbagliate ed evidenti limiti caratteriali, il pubblico l’unica nota positiva

di Nicolò Muggianu

LE TRE SENTENZE

1131045795-kwIG--896x504@Gazzetta-Web

Il Torino si arresta nella maniera più brutta e inaspettata. La squadra di Mazzarri interrompe a sette la striscia di risultati utili consecutivi e frena la sua corsa verso l’Europa contro il Bologna di Sinisa Mihajlovic. Una partita complicata e una serata storta: del 2-3 finale c’è ben poco da salvare. Le tre sentenze che ci ha lasciato in eredità questa sfida.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata - 5 mesi fa

    Concordo con chi mi ha preceduto nel rimpiangere un giocatore come Ljajic (se non lui, uno simile), ma c’ è da dire che Mazzarri non sa utilizzare il trequartista/regista. Infatti, ha silurato anche Soriano che molti di noi tifosi davano per morto e sepolto. Invece, quello che abbiamo visto sabato è un SIGNOR giocatore, giudicato da tutti i commentatori sportivi il migliore in campo.E allora, bisogna fare una riflessione obiettiva. 1) Silurando Ljajic e Soriano Mazzarri ha depauperato la “rosa”, privandola di quell’ elemento indispensabile in grado di lanciare a rete le punte. 2) Il materiale umano a disposizione del tecnico rimane comunque di buon livello, soprattutto in rapporto a un campionato abbastanza modesto, se si eccettuano un paio di squadre. Perchè allora la squadra ha alti e bassi e segna con grande fatica? Il nodo sta a mio parere nella mentalità di Mazzarri, che ha in testa sostanzialmente solo una tattica: primo non prenderle. Biasimevole? Dipende.Certo il gioco del Torino per essere efficace (e cioè portare a casa punti) non può far sognare, nè soddisfare chi ama il calcio. Siamo a una riedizione delle vecchie tattiche difensivistiche di decenni fa, quando la Juventus dei Trapattoni, dei Gentile e dei Brio andava in giro per l’ Europa a farsi fischiare per il gioco molto rude (ricordo il coro “animals” urlato dai tifosi del Manchester United).
    Il vero problema è che anche in questo Mazzarri denuncia qualche rigidità di troppo. Il gioco cosiddetto all’ italiana che sostanzialmente ripropone (tranne che col Bologna perchè come lui stesso ha testualmente dichiarato: “C’ era troppo entusiasmo tra i tifosi e non si poteva giocare al ribasso”) ha sempre utilizzato il modulo con il regista, due punte e un esterno di fascia, il cosiddetto tornante, pronto a servire gli attaccanti con precisi traversoni (penso a un Causio o a un Bruno Conti). Mazzarri ce l’ ha il tornate, è Iago Falque (tecnicamente il migliore che abbiamo), ma o lo tiene in panchina o lo utilizza in mezzo al campo, dove si perde. Se aggiungiamo che non utilizza nemmeno il regista/trequartista (potrebbe svolgere quel compito Baselli, ma gioca sostanzialmente da mediano e si perde pure lui), ecco che si comprende perchè si fa una gran fatica a segnare e il nostro gioco d’ attacco risulta quasi sempre asfittico. Il calo di forma di Meitè ha poi appesantito la situazione e non si capisce perchè Iago Falque debba scaldare la panchina e Meitè stare in campo. Dell’ attacco ho detto e, contrariamente alla maggioranza dei tifosi del Toro (molto umorali e spesso vittime di preconcetti), ritengo la coppia Belotti-Zaza una buona coppia per le nostre latitudini. Certo bisogna saperla utilizzare (col Bologna giocava a pestarsi i piedi) e servire. Che Zaza sia utile lo dimostra il fatto che, entrato lui, Belotti, finalmente, aiutato da una spalla vera, si è sbloccato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 5 mesi fa

      la penso uguale…anche il fatto di rimpiangere chi poteva rimanere ma che abbiamo fatto scappare tipo quagliarella,lijaic,soriano..( 3 ottimi giocatori da piazzamento sicuro in europa league)…fatti scappare x futili motivi..atteggiamento troppo provinciale della piazza…atteggiamento da cambiare subito se pretendiamo di essere una squadra di elite!…da tifoso solo della maglia dico ma chissene frega se uno non esulta ad un gol..se uno va agli allenamenti in ferrari…o se mette i like ai gobbi!…ma chissene frega della morale di un giocatore se poi questo o questi mi portano in europa league o in champions!…meditiamo gente meditiamo…e rosikiamo pensando che oggi quagliarella lijaic e soriano ci avrebbero dato una grossa mano in questo rush finale x la lotta al 6 posto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. lagavulin - 5 mesi fa

    A forza di riempire a malapena mezzo stadio quando capitano i 26k spettatori sono vissuti dai giocatori come un peso, una cosa a cui non sono abituati. Bisognerebbe fare tutti qualcosa di più per rendere una affluenza del genere la norma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gianni.seriacop_12218838 - 5 mesi fa

    La classifica è soddisfacente ma il gioco che la squadra ha espresso non mi ha mai soddisfatto questo perché specialmente in casa non disponiamo piu’di giocatori come LJAJic’che non avrei mai venduto e se Belotti finora ha segnato cosi poco ne è la prova lampante.Disponiamo di un grande giocatore che è Ansaldi che è l unico che salta l uomo con facilità e può coprire vari ruoli.La squadra si esprime meglio fuori casa inquanto la gran difesa di cui disponiamo e le caratteristiche dei nostri centrocampisti ci rende una squadra temibile . Mi sarebbe piaciuto che Sinisa avesse avuto questa rosa e sicuramente ci saremo divertiti molto di piu’ …Cque FORZA TORO GIANNI DI AREZZO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Granatissimo1973 - 5 mesi fa

    La sconfitta di sabato è tanto più indigesta perché ha ridato fiato alle insopportabili vedove di Mihailovic, tutti tromboni sfiatati che non si sentivano da tempo e che come tante iene spelacchiate sono uscite fuori dalla tana al solo sentire l’odore del sangue del nostro amato Toro ferito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 5 mesi fa

      Guarda che qui la nostalgia non è dovuta alla mancanza di mihaijlovic ma alla mancanza di una posizione consona a quella che dovrebbe avere il Toro e che da decenni ci è stata tolta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Junior - 5 mesi fa

    Il passo falso ci può stare. Certo vincere ci avrebbe portato alla partita con la Viola con altro spirito. Cmq non mollate ragazzi! FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Vanni (CAIROVATTENE) - 5 mesi fa

    Certo, non abbiamo ne squadra e meno allenatore per stare lassù.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy