Calciomercato Torino: per il 4-2-3-1 servono esterni. E c’è il rebus Iturbe

Calciomercato Torino: per il 4-2-3-1 servono esterni. E c’è il rebus Iturbe

Approfondimento / I granata hanno pochi giocatori in rosa in grado di ricoprire quei ruoli. Molto dipenderà da Iturbe e gli altri giocatori in prestito…

di Nicolò Muggianu

Boyè, Iturbe, Iago Falque e Ljajic: sono questi i giocatori a disposizione di Mihajlovic in grado di ricoprire il ruolo di esterno nel 4-2-3-1. Quattro interpreti per due ruoli però sono pochi e la questione diventa ancor più spigolosa se si tiene conto del fatto che il fantasista serbo è stato ormai dirottato centralmente in maniera permanente e che il prestito del paraguayano finirà a giugno.

ALTERNATIVE – Il Torino potrebbe trovarsi dunque al termine della stagione a dover costruire quasi da capo le fondamenta di un modulo che, se anche non dovesse essere quello adottato in pianta stabile, rappresenterà comunque una freccia importante nell’arco di Mihajlovic, con uomini contati nei ruoli nevralgici nel gioco. Sembra evidente che, per adottare un modulo con due trequartisti esterni, ne servono almeno tre, se non quattro. Il campionato è pieno di insidie e il Torino, se vorrà centrare l’obiettivo Europa, non potrà di permettersi di ritrovarsi in corso d’opera con la coperta corta. Ecco dunque diventare fondamentale pensare, in vista della prossima stagione, a cercare sul mercato nuovi attaccanti esterni. Uno se dovesse essere confermato Iturbe, due se dovesse tornare invece a Roma, a prescindere dalla permanenza di Belotti.

TURIN, ITALY - APRIL 02: Juan Iturbe of FC Torino in action during the Serie A match between FC Torino and Udinese Calcio at Stadio Olimpico di Torino on April 2, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – APRIL 02: Juan Iturbe of FC Torino in action during the Serie A match between FC Torino and Udinese Calcio at Stadio Olimpico di Torino on April 2, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

IL REBUS – In questo senso molto passerà proprio dal futuro dell’ex Verona e Roma – per il quale i granata potrebbero chiedere alla Roma il prolungamento del prestito visto il recente infortunio patito –  ma anche da quello di Parigini e Aramu che faranno ritorno a casa base e dovranno essere valutati da Mihajlovic. Pare attualmente complicata la strada che porta al riscatto del cartellino del giocatore, visto che la Roma richiede attualmente una cifra che si aggira tra i 12 e i 13 milioni di Euro. L’ipotesi più plausibile potrebbe essere strappare ai giallorossi un prolungamento del prestito del paraguayano. In caso di permanenza di Iturbe infatti il Torino potrebbe “risparmiare” in quella zona di campo. A quel punto, servirebbe solo più un’altra alternativa nel ruolo di esterno d’attacco: difficilmente sarà reperita tra i giovani in prestito, più facilmente si opterà per andare sul mercato.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 3 anni fa

    Ma la Roma ridarebbe in prestito Iturbe in cambio di cosa? Forse della cessione di Baselli da lei tanto ambito. A queste condizioni non se ne parla proprio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pimpa - 3 anni fa

    Io rimango della mia idea: Iturbe neanche gratis.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy