Il Padrino? No, Alessio Cerci. In Turchia lo vedono così

Multimedia / Un accostamento che può sembrare offensivo

Una quanto meno singolare campagna social quella del club turco dell’Ankaragucu, squadra della capitale che ha ingaggiato l’ex attaccante del Torino e del Milan Alessio Cerci, fino a ieri svincolato. Oltre a scrivere in modo errato il suo nome, con due elle (ma questo è il minimo), il club sui suoi account ufficiali presenta Cerci come “Il Padrino” con tanto di colonna sonora del celebre capolavoro di Francis Ford Coppola. L’intenzione è sicuramente quella di fare una cosa simpatica e originale, ma l’esito può suonare offensivo, non solo per Cerci, con l’accostamento Italia-mafia

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13957062 - 1 anno fa

    È andato nel calcio in … che conta

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy