Video – Giampaolo: “Il mio futuro al Toro? Lo vedo bene”

Multimedia / Un estratto della conferenza di Giampaolo post Torino-Spezia

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rogozin - 1 mese fa

    ‘Sto imbecille – che al Toro non doveva metterci piede -andrebbe accompagnato alla porta a calci, insieme a chi l’ha assunto. Costui è semplicemente un ciarlatano, che si esprime pure male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ToroNelCuore - 1 mese fa

    Anch’io lo vedrei bene il mio futuro con tre milioni netti in due anni in saccoccia e non facendo più un cavolo per almeno un anno e mezzo (ma a me basterebbero e avanzerebbero per una vita intera). Come vincere al superenalotto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ddavide69 - 1 mese fa

    Lo vede proprio bene il futuro, forse ha bisogno di occhiali. Ma va a caghe’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. altoro - 1 mese fa

    Il tecnico abruzzese è furbo e la sua risposta, assolutamente scontata alla specifica domanda del giornalista, attesta la sua strenua volontà di difendere il suo contratto biennale di un milione e mezzo netto a stagione. Tuttavia troppi sono i calciatori nella rosa a sua disposizione che percepiscono in modo assolutamente altrettanto indegno e vergognoso un ingaggio milionario continuando ad offrire da troppo tempo prestazioni assolutamente sconcertanti, come quella di ieri sera contro la matricola Spezia, e alludo specificatamente agli inguardabili Zaza, Verdi e Linetty.
    Da ieri sera, un minuto dopo il deludente pareggio interno contro l’organizzato Spezia, conseguito con il vantaggio di una superiorità numerica che si è protratta per ottanta tre minuti , peraltro vanificata dalla peggiore prestazione stagionale collettiva della squadra, ritengo che purtroppo lo spettro della retrocessione si è materializzato agli occhi sia della Società TORINO F.c. sia del popolo di tifosi granata.
    La scorsa estate la scelta della Società granata di ingaggiare Giampaolo fu motivata con la volontà di affidarsi all’esperienza e ad nuovo un modulo tattico, congeniale alla filosofia calcistica del tecnico abruzzese, 4-3-1-2, quindi con l’innesto di un regista e di un trequartista dietro la coppia di attaccanti, che offrisse nel medio-lungo termine concreti risultati sportivi. Come è noto, in occasione della scorsa sessione estiva di mercato la Società granata non fu capace di ingaggiare alla casella entrate nè il regista nè il trequartista, indicati da Giampaolo, in quanto le trattative specifiche intraprese a questo proposito con i vari Torreira e Ramirez sono presto evaporate. A quel punto Giampaolo ha preso atto della sostanziale incompetenza e inadeguatezza della Società ed è stato costretto ad operare metaforicamente con “la legna in cascina” a sua disposizione e quindi nello specifico ruolo di play basso davanti alla difesa è stato “adattato” Rincon e nel ruolo di trequartista sono stati provati in ordine cronologico i vari Verdi, Lukic e Gojak. Fino ad oggi nella sostanza Giampaolo ha provato tutte le possibili soluzioni modificando sia il modulo tattico sia gli interpreti. Infatti nel frattempo, assolutamente scoraggiato dalla manovra globale attuata con il citato preferito modulo tattico, lo stesso Giampaolo lo ha accantonato temporaneamente per restituire alla squadra l’antico modulo della difesa a tre, presumibilmente più congeniale alla caratteristiche dei singoli calciatori della rosa a sua disposizione. Ieri sera il nuovo stravolgimento tattico sera quando Giampaolo ha preso atto dell’assoluta inconsistenza, sotto l’aspetto tecnico, della manovra della squadra granata e all’inizio del secondo tempo tramite un paio di cambi è nuovamente ricorso al modulo tattico del suo credo calcistico ossia il citato 4-3-1-2. Nel riscontro del campo nulla è sostanzialmente cambiato e pertanto a distanza di oltre cinque mesi dall’ingaggio di Giampaolo, la concreta e spietata cronaca attesta che il TORO è miseramente collocato penultimo in classifica quando occorre disputare soltanto una giornata al termine del girone di andata che sancisce la metà esatta del campionato in corso. Personalmente ritengo che nella sostanza Giampaolo rimane il meno responsabile di una situazione che da ieri sera è oggettivamente precipitata con la peggiore prestazione stagionale offerta dalla squadra granata, la quale continua a percepire il settimo monte ingaggi della Serie A.
    A questo proposito, a questo punto il buon senso suggerisce che sarebbe opportuno intervenire con un taglio drastico degli stipendi milionari dei vari Zaza, Verdi e Linetty, soltanto per citare alcuni dei responsabili del fallimento generale della squadra, tuttavia i contratti in essere non prevedono tali condizioni per cui l’unica opzione percorribile per una eventuale svolta alla guida tecnica della squadra è quella tradizionale dell’ambiente del calcio professionistico ossia nella fattispecie la riflessione di queste ore nel merito e nella sostanza relativa alla posizione del tecnico abruzzese.
    Pur attribuendo delle attenuanti all’operato di Giampaolo, personalmente dubito fortemente che il “Cuore TORO” Moreno Longo avrebbe fatto un simile girone di andata alla guida tecnica del TORO in quanto onestamente risulta difficile conseguire un risultato sportivo peggiore di questo tracollo generale. Eppure la scorsa estate leggevo su questo forum un profondo scetticismo sulle qualità e la competenza del giovane tecnico di Grugliasco, alla cui guida tecnica il TORO colse una salvezza assolutamente non scontata al termine del campionato della scorsa stagione. Lo stesso patron Cairo e il Direttore Sportivo Vagnati, Responsabile dell’Area Tecnica, gli preferirono appunto Marco Giampaolo, nominato guida tecnica della nuova stagione in quanto ai loro occhi lo stesso risultò maggiormente affidabile sotto l’aspetto dell’esperienza. Ribadisco, ieri sera contro lo Spezia, matricola assoluta nella storia della Serie A nazionale, l’ennesima prestazione sconcertante della squadra granata, a mio parere, ribadisco, la peggiore prestazione collettiva stagionale in una sfida di fondamentale importanza logistica contro una squadra diretta concorrente in chiave salvezza. La Società TORINO F.c. è giunta all’ennesimo bivio stagionale della gestione ultra quindicennale del patron Cairo. Il consuntivo delle prime due settimane di mercato attesta che la casella entrate è desolatamente vuota. Pertanto al prossimo 1° Febbraio, data di chiusura della sessione invernale di mercato, mancano due settimane e a questo punto urge intervenire per l’ingaggio del regista di qualità e della punta da affiancare al Capitano “Gallo” Belotti. Nel frattempo si preannuncia una domenica di riflessione per Urbano Cairo mentre il nostro amato TORO è già sul baratro … . Amen. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LucaVoss - 1 mese fa

      belin che due cojoni! non hai altro da fare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. altoro - 1 mese fa

        LucaVoss, naturalmente nessun lettore del forum è obbligato ad effettuare una valutazione relativa all’analisi specifica, dettagliata e circostanziata, della situazione della squadra del cuore. Pertanto è un dato oggettivo che il tuo commento è assolutamente sciocco e inutile in quanto manifesta profonda ignoranza e incompetenza della materia calcistica. Quindi, fottiti ! Alè TORO !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. rogozin - 1 mese fa

      L’unica cosa sensata in questo lungo ed inutile sproloquio, che è la noiosa ripetizione dei fatti, che tutti conosciamo, è l’amen finale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. VECCHIO FILA - 1 mese fa

    Dirigenza colpevole e complice se non esonera uno che afferma che il suo futuro lo vede bene nel Toro. Ciò che conta nel calcio sono i risultati per cui come fa a vedere bene il suo futuro? Se la persona, almeno finora, è stata giudicata un buon uomo ora decade anche questa considerazione. La dirigenza per quanto inesistente e scarsa di idee non può per lassismo lasciarsi considerare anche masochista. Prendere provvedimenti !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Kieft - 1 mese fa

    Ha detto che è migliorato il gioco perché deve difendere il rapporto con quei giocatori viziati che guadagnano milioni e fanno cagare ….zaza con quella faccia da culo esce dal campo sorridendo e rifiuta il levante perché a Torino lo stiamo arricchendo ….è sempre stato così…qui Lucarelli prima maxi lopez poi si ingrassano come maiali …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. EraldoPecci - 1 mese fa

    Ogni dichiarazione di questo signore è insignificante.
    Avesse almeno la serietà di non prendere per i fondelli i tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. mp63 - 1 mese fa

    Secondo me si fa di qualcosa. Lo hanno intervistato su sky e ha detto che il toro ha giocato bene! Certo che se non lo mandano via e se non comprano qualcuno è chiara l’intenzione di far retrocedere il toro. Bravo Cairo. Fatti consigliare da Comi ed ecco i risultati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. fabrizio - 1 mese fa

    hai le tue attenuanti ma adesso esageriamo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy