Torino e Robaldo: il 22 gennaio altro appuntamento. E c’è il problema-nomadi

Torino e Robaldo: il 22 gennaio altro appuntamento. E c’è il problema-nomadi

Il punto / Il club granata aspetta ancora la consegna delle chiavi per dare il via ai lavori. Vanno evacuati i senza fissa dimora che hanno occupato le baracche

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Non finisce mai la telenovela Robaldo, per il Torino. La vicenda relativa alla futura casa del Settore Giovanile del Torino (cinque campi in Strada Castello di Mirafiori a Torino, che ospiteranno l’attività delle squadre dalla Berretti in giù), anche se la strada è in discesa da un pezzo, riserva sempre nuovi ostacoli. Ormai è noto, il Torino ha da quasi due anni le mani sul terreno, ma non è ancora riuscito ad iniziare i lavori di restauro. La vittoria della concessione risale al 21 marzo 2016, le firme per la ratifica dell’aggiudicazione provvisoria al 29 settembre 2017.

Toro
Il terreno conteso del Robaldo

Oggi si cerca ancora di capire quale sarà il giorno in cui il club granata riceverà le chiavi dell’impianto, ormai abbandonato da una decina d’anni. In ballo ci sono dettagli burocratici relativi all’aggiudicazione definitiva, alle modifiche progettuali richieste dal Toro e, appunto, alla consegna delle chiavi. Un appuntamento tra Torino e Comune c’è stato lo scorso 18 dicembre, ma ha portato ad un nulla di fatto.

LEGGI: Torino e Robaldo, intervista alla presidente della Circoscrizione

Il prossimo è stato fissato per il 22 gennaio: si spera che possa essere il giorno giusto per formalizzare il tutto e poter dare il via ai lavori. Intanto, spunta un altro problema: nelle ultime settimane, nelle baracche abbandonate del centro sportivo si sono sistemati alcuni nomadi senza fissa dimora. Occorrerà ovviamente evacuarli nel momento in cui il Torino prenderà possesso effettivo del terreno.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giansiro - 11 mesi fa

    Non scrivo niente, è meglio..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Andrea Valentino - 11 mesi fa

    Non riuscire ad avere neanche un centro sportivo per le giovanili di proprietà, ma solo in affitto, ma dove vogliamo andare…. Cairo la smetta di fare il grandioso quando continuiamo ad avere una sede di 25mq un affitto. Basta fingere, sia sincero con i tifosi. Giù la maschera. Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 11 mesi fa

      Ohhh… Qualcuno che usa gli occhi per vedere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata78 - 11 mesi fa

      Infatti il Robaldo è di nostra proprietà da un paio di anni e precisamente dal 21 marzo 2016 come indicato nell’articolo che evidentemente hai letto con molta attenzione. Il problema non è Cairo o la società, come piacerebbe a te, ma la burocrazia italiana che non ha ancora concesso ai proprietari del terreno, ovvero la società Torino, di intervenire e rendere quel centro utilizzabile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ribaldo - 11 mesi fa

    i nomadi li c’erano già quando al Robaldo ci giocavo io 45 anni fà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. maraton - 11 mesi fa

    guarda caso quando c’è di mezzo il TORO tutto si complica.
    alle prossime votazioni vediamo di ricordarcene…. :-)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. michelebrillada@gmail.com - 11 mesi fa

    bisogna cominciare a marciare sul comune di merda iuventino ai gobbi sui terreni della continassa è andato tutto liscio e addirittura gli zingari sono spariti in fretta e furia dopo che il comune iuventino le ha regalato (praticamente i terreni ) ai gobbi . quando invece c’è di mezzo il toro guarda caso si trovano sempre degli ostacoli ( vedi il filadelfia con abitabilità temporanea),bisogna manifestare in massa e con i bastoni davanti al municipio e aspettare che la sindaca prenda delle decisioni definitive

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. forecroft218_959 - 11 mesi fa

    un amico che abitava li mi ha sempre detto che i nomadi non sono arrivati per caso, infatti la attorno è pieno di altre zone che avrebbero potuto “prendere” e hanno scelto proprio quella… quel mio amico diceva che da una di quelle baracche spuntava una bandiera zebrata…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Insaneinthebrain - 11 mesi fa

      Gobbi infami!!!! Torino è granata, loro per riempire il loro supermercato hanno bisogno anche degli zingari!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Insaneinthebrain - 11 mesi fa

      Guarda caso prima erano alla Continassa………….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13653020 - 11 mesi fa

    certe situazioni…..bizzarre….chissà perché capitano sempre a noi!!!!
    A questo punto il toro rinunci e si faccia pagare i danni…Se il problema è comunale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. CUORE GRANATA 44 - 11 mesi fa

    Ringrazio la Redazione per la nota informativa. Speriamo che i vari nodi vengano sciolti a tempi brevi! Siamo di fronte al classico esempio di “elefantiasi” burocratica all’italiana! Poi…chissà, trattandosi del Toro e non di quelli di Venaria…tutto è più “complicato” Teneteci al corrente! FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy