Torino Primavera, che il Filadelfia sia punto di forza: in casa ardore, non timore

Torino Primavera, che il Filadelfia sia punto di forza: in casa ardore, non timore

Giovanili / Sconfitta amara per i giovani granata, che hanno subito il contraccolpo: ma lo storico impianto dovrà fare la differenza in positivo

Non è stato l’esordio che il mondo Toro si aspettava, in quella che resta comunque a tutti gli effetti una giornata storica: ad anni di distanza la Primavera granata chiude un cerchio gigantesco e torna finalmente a scendere in campo per una partita ufficiale tra le mura del rinato – adesso sì, a tutti gli effetti – Filadelfia, ad assaporare l’incessante calore del pubblico anche per un match giovanile, a calcare il terreno sul quale correvano gli Invincibili. La sfida all’Atalanta sarà ricordata e resterà impressa nella storia, al di là del risultato finale, e non a caso ieri pomeriggio erano presenti personalità simbolo della galassia granata per assistere dal vivo a questo momento.

Un insieme di fattori positivi che avrebbero dovuto, e dovranno, avere l’effetto di caricare e galvanizzare i giovani del Torino, di fare la differenza in positivo spingendo i propri beniamini oltre ogni ostacolo, ma che nella sfida di ieri sembrano invece piuttosto aver generato l’effetto opposto: la Primavera granata non ha disputato una buona prestazione è stata conseguentemente sconfitta dai pari età dell’Atalanta per 0-2 (qui il commentoqui le pagellequi la classifica), ma una delle motivazioni è senza dubbio da ricercare nel fattore campo che per questa prima volta si è rivelato ulteriore elemento di difficoltà da superare. Scendere in campo nel cuore dello storico impianto, di fronte ad un pubblico così numeroso e dalle aspettative in un certo senso elevate, ha finito per incutere timore nei giovani granata.

Situazione non auspicabile, ma comprensibile per quello che è stato l’esordio nella “nuova” (meglio: ritrovata) casa. Ma a partire dal prossimo incontro tra le mura amiche, il Filadelfia dovrà avere sulla Primavera granata un effetto di carica: la pressione, come insegna la storia, dovrebbero e dovranno sentirla le formazioni ospiti e non il Torino. Anche perchè è facilmente prevedibile che l’affluenza per le sfide giovanili si confermi a partire da questa stagione ben superiore rispetto alle annate passate, proprio grazie al fattore campo: un elemento con il quale i giovani granata dovranno convivere e dal quale anzi trarre forza e motivazioni. Perchè il Filadelfia torni, davvero, a fare la differenza; ma a favore del Torino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy