Calciomercato Torino, Vagnati su Belotti: “Nessuna offerta, ma ce le aspettiamo”

Calciomercato Torino, Vagnati su Belotti: “Nessuna offerta, ma ce le aspettiamo”

Le parole / Il direttore tecnico granata a Sky: “Andrea è un giocatore importante, ma al momento non mi ha chiamato nessuno”

di Redazione Toro News

Il responsabile dell’area tecnica del Torino, Davide Vagnati, ha rilasciato un’intervista a Sky Sport per il format “Il calciomercato che verrà”. La messa in onda del servizio è prevista per le 13.30 di oggi. Intanto l’emittente tv ha fornito un’anticipazione, con in particolare le parole del dirigente granata sul futuro di Andrea Belotti: “Belotti è un giocatore importante, ma sappiamo di interessamenti altrui solo dai giornali, personalmente nessuno mi ha chiamato – ha detto Vagnati -, ma è normale che quando si parla di un giocatore del genere ci possiamo aspettare delle attenzioni. Mancano 13 partite alla fine, sono tante, mi piace programmare ma le cose vanno valutate“. Il capitano granata da settimane è accostato a squadre come Fiorentina, Napoli e anche Monaco: il contratto scade nel 2022 e, per trattenere il giocatore, il Torino dovrà intavolare un discorso per il rinnovo. Il suo futuro andrà sicuramente stabilito presto, mentre c’è un importantissimo finale di campionato in cui l’attaccante dovrà essere protagonista.

LEGGI: Belotti, trattativa con la Fiorentina? Salvioni: “La nonna me lo ha confermato”

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14554814 - 3 mesi fa

    Che c…..joni sti articoli… senza capo né coda

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paul67 - 3 mesi fa

    Ribadisco, Vagnati é stato preso da Cairetto per vendere, per vendere bene,si dovrà vendere tanto al prossimo mercato tanti vogliono cambiare aria e altri devono essere trombati. Cairetto nn ha tutto sto tempo da dedicare al mercato e quindi ha preso un ” osso duro” come Vagnati per vendere bene. Il mercato in entrata nn sarà all’altezza, come al solito, sarà pieno di speranze fondate sull’aria fritta che ci vende il CIARLATANO, da 15 anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      Ma tanta gente beve, o semplicemente gli va bene così…..e ce ne sono …ohhhhhh se ne sono !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BO - 3 mesi fa

    Noi abbiamo solo due gioielli di grande valore ed è giusto che in caso discesa agli inferi non scendano. La capacità di Vagnati sarà quella di vendere al meglio gli altri campioni presi in questi ultimi due anni e spendere bene gli introiti. Sempre il alto la nostra bandiera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gallochecanta - 3 mesi fa

    D’altronde mica ci viene in serie B.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Il Vittoria - 3 mesi fa

    Mi piacerebbe una chiosa in più “……, ma il capitano è incedibile e, a breve, rinnoveremo”.
    Questa dichiarazione non mi piace per nulla. Mi suona come un’apertura a una possibile cessione.
    Se così fosse non ci siamo per niente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Paul67 - 3 mesi fa

    Venghino signori venghino, il mercato riapre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. iugen - 3 mesi fa

    Il progetto Mazzarri è fallito totalmente, per cui bisognerà ricomincare per l’ennesima volta da zero. Potrebbe non essere un male, un paio d’anni senza proclami e particolari aspettative possono essere utili, se c’è un progetto serio a lunga scadenza.
    In quest’ottica bisogna cadere scontenti, palle al piede e contrattoni inutili (Nkoulou, Izzo, Zaza, Meité) e ahimé anche chi si merita di stare in contesti più competitivi (Srigu, sigh). In questa categoria rientra ovviamente anche il Gallo, per cui se fosse lui a chiederlo ci può anche stare la cessione, a malincuore, ma lui ha dato tanto al Toro, ipotizzando probabilmente scenari di squadra migliori, se ora volesse andare via non avrei niente da criticargli.
    L’importante ovviamente sarebbe poi spendere i soldi nel modo giusto e non nei vari Niang, Zaza, Verdi e compagnia. Speriamo in Vagnati, perché con le cessioni di tutti i sopracitati i soldi per ripartire nel modo giusti ci sarebbero, basta non aspettarsi tutto subito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iugen - 3 mesi fa

      Non ho citato Verdi nel commento perché impossibile da cedere, a meno di non perderci un sacco di soldi, ma a quel punto meglio provare a resuscitarlo, anche parzialmente, sperando possa contribuire in qualche modo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tarzan - 3 mesi fa

        Io mi sono rotto le p…e di rifondazioni. Dopo 15 anni ne ho anche qualche ragione,no?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. iugen - 3 mesi fa

          Non sei l’unico, e a ragione. Ma se iniziamo a togliere gli scontenti (Izzo, Nkoulou), gli inutili (Meité, Zaza), i bolliti (De Silvestri e forse Rincon), rimane veramente poco. C’è da cambiare mezza squadra se non di più. Allora a quel punto preferirei fare le cose con calma, ma bene, puntando su qualche giovane ma senza troppe aspettative all’inizio, piuttosto che raffazzonare una squadra psudeo-competitiva in fretta e furia sprecando soldi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ddavide69 - 3 mesi fa

            Il primo da cambiare è Cairo

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy