Casarin: “I tifosi servono anche a noi arbitri”. E sui 5 cambi…

Casarin: “I tifosi servono anche a noi arbitri”. E sui 5 cambi…

L’ex direttore di gara analizza la ripresa del campionato dopo lo stop a causa del coronavirus

di Luca Sardo

L’ex direttore di gara Paolo Casarin, ora 80enne, ha rilasciato un’intervista ai microfoni della Gazzetta dello Sport in cui ha trattato diversi argomenti del calcio attuale, dalla ripresa del campionato a porte chiuse alla nuova regola introdotta dei 5 cambi a partita. “Dirigere una gara con lo stadio vuoto? È una cosa che fa pena: un arbitro vero partecipa molto a una partita e una partita a porte chiuse è per forza diversa. Poi anche l’arbitro è estremamente vanitoso, ambizioso, vuole fare vedere che è bravo. Se non ha nessuno che lo guarda cambiano le cose anche per lui. Il fischio del pubblico all’arbitro – continua Casarin – è come una sfida: il direttore di gara può mostrare di aver visto qualcosa che agli altri è sfuggito. Il gioco è una forma di invito a dare tutto se stesso, anche per il servitore del gioco, e il pubblico fischiando tiene il gioco sul binario, ti tiene vivo e in regola. Il nervosismo nei confronti dell’arbitro è un fattore che non credo possa scomparire da un momento all’altro, non è che il virus rende tutti più buoni“.

Torino: Longo continua sulla strada del 3-4-3, anche senza Verdi

5 SOSTITUZIONI – Pensiero poi sulla nuova regola di utilizzare 5 cambi a partita, considerate le tante partite in pochi giorni che i giocatori dovranno affrontare: “Si deve tornare indietro, non ho dubbi. Una delle valutazioni fatte da chi proponeva l’aumento dei cambi è quella di ovviare a tenere in campo giocatori fisicamente stressati. È vero, ma stiamo attenti: il rischio è di snaturare il gioco, a cambiarne l’anima. Ora i 5 cambi hanno un senso per combattere gli infortuni, dopo possono contribuire a fare un gioco a chi ha la panchina più forte. Adesso va bene, dopo torniamo al calcio. Che ha delle basi e questa è una di quelle“.

Torino e giocatori in scadenza, dalla Fifa: “Contratti prolungati di due mesi”

VAR– Chiosa finale sul Var: “Il problema non è la tecnologia ma le persone che devono lavorare insieme l’arbitro in campo e quello al monitor. In un tempo in cui si mette in dubbio tutto, come si fa ad accettare che una partita sia involontariamente falsata da un bravo arbitro quando abbiamo lì la soluzione? Il Var non ti invita a complicare le cose, ma a semplificare. Non cresciamo sulla pignoleria, ma sulla regolarità“.

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ddavide69 - 3 mesi fa

    INCREDIBILE ! Sono d’accordo su tutto quello che ha detto Casarin. Sarà perchè ha smesso di fare l’arbitro?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pik67 - 3 mesi fa

      Esatto!Quando sei nella “Setta”,diventa difficile dire le cose sensate…Devi sottostare alla linea Generale e se sbagli,Boom!!Si è visto in passato cosa è successo ad’alcuni arbitri che in occasioni diverse,quando hanno detto come funzionava l’apparato,sono stati esclusi dall’Aia!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy