Ricciardi: “Si può pensare a graduale riapertura degli stadi ai tifosi”

Ricciardi: “Si può pensare a graduale riapertura degli stadi ai tifosi”

Il medico: “Si può fare nelle regioni dove da diversi giorni i casi sono zero con un numero ridotto di pubblico per garantire le misure di sicurezza”

di Marco De Rito, @marcoderito

“Si può pensare a una graduale riapertura degli stadi ai tifosi”, lo afferma Walter Ricciardi ai microfoni di Sir. L’ordinario di Igiene generale all’Università Cattolica e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza ha però specificato: “Si può fare nelle regioni dove da diversi giorni i casi sono zero con un numero ridotto di pubblico per garantire le misure di sicurezza, difficili da attuare con migliaia di spettatori”. Le regioni dove ci sono zero casi sono Basilicata da oltre 10 giorni, ma anche Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Molise, Calabria e Puglia.

Covid-19, il bollettino della Protezione Civile: 283 positivi, 2.062 guariti nelle ultime 24 ore

Ricciardi, in quanto membro della Commissione antidoping della Federcalcio ha collaborato al gruppo di lavoro che ha analizzato la possibilità della ripresa del campionato, dunque si tratta di una voce autorevole sul tema. Il dottore poi continua a spiegare: “Non escludo la possibilità di una seconda ondata in autunno, con il rischio che si possa sommare alle epidemie di influenza e para-influenza. L’osservazione clinica costituisce una parte importantissima della medicina, ma non l’unica. Solo la collaborazione tra medicina clinica e medicina della sanità pubblica produce verità scientifiche. Il virus circola ancora e la sua pericolosità non è affatto diminuita” .

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy