Lettera all’infermiere Oscar da un tifoso del Toro

Lettere alla Redazione / Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviataci da un tifoso, guarito dal Covid-19 grazie anche al prezioso aiuto di un infermiere

di Redazione Toro News

La redazione di Toro News torna ad aprire le colonne della prima e più grande testata on-line dedicata al Torino FC ai suoi lettori, i quali da sempre meritano di avere spazio. Inviateci agli indirizzi redazione@toronews.net o gianluca.sartori@toronews.net articoli su qualsiasi argomento legato al mondo Toro: i più meritevoli e significativi saranno settimanalmente pubblicati sul nostro sito.

Oggi spazio alla lettera inviataci da un tifoso granata guarito dal Covid-19 che ci tiene a ringraziare l’infermiere che si è preso cura di lui durante il suo periodo di ricovero in terapia intensiva. L’infermiere si chiama Oscar, il nostro lettore ci chiede invece di mantenere l’anonimato: richiesta esaudita. 


Ciao Oscar,

siamo stati insieme molti giorni, ma se ti incontrassi per strada non saprei riconoscerti per salutarti come vorrei. Il tuo viso non l’ho mai visto, avevi sempre il capo coperto, la mascherina, gli occhialoni, lo schermo. Eri vestito con una tuta bianca coperta da sottili grembiuloni verdi che cambiavi ogni volta per entrare nella stanza. Mi chiedevo come tu potessi lavorare così coperto con tre paia di guanti e come potessi camminare con quei copri scarpe da astronauta e immaginavo la tua fatica.

Ho saputo che il tuo nome era Oscar perché era scritto con il pennarello sulla tua tuta bianca. Mi sei stato vicino come lo sei stato ai tanti altri pazienti che, come me, erano ricoverati per Covid19 o Coronavirus all’Ospedale Carle di Cuneo nel reparto di terapia intensiva. Dopo i primi giorni terribili, dove la malattia mi aveva anche tolto il permesso di pensare, ho cominciato ad osservarti. Ti distinguevi fra altri infermieri e sanitari per il tuo passo sicuro, per come adempivi a tutte le incombenze del tuo lavoro con capacità e sicurezza, a come ti dedicavi ad istruire le colleghe, reclutate per l’emergenza in altri reparti, che sia pur volenterose, un po’ disorientate si trovavano catapultate in una situazione così nuova e surreale per tutti. Bloccato in un letto fra tubi di respiratori, casco, monitor e flebo, in un momento di così grande dolore e smarrimento e di estrema incertezza e paura, tu non sai come sia stato di conforto per me vederti entrare così sicuro nella camera. Ad occhi socchiusi ti ho sentito parlare nel nostro bel dialetto ai pazienti dei letti vicini e mi chiedevo da quale zona del cuneese tu venissi, perché noi della Granda parliamo tutti lo stesso dialetto, ma ognuno in modo diverso; forse tu sei di Busca o Caraglio o forse di qualche vallata? Ho capito tuttavia che qualche parola detta bene ad un anziano sofferente nella lingua che lui vuole sentire, poteva veramente scaldare il cuore e dare speranza. Dal mio letto con il casco fisso e poi con il respiratore, non vedevo quasi nulla. Vedevo soltanto l’armadietto a me riservato posto sul muro di fronte. Su quell’armadietto spiccava a grandi caratteri il numero 11 lo stesso del mio letto. Non mi sono mai interessato alla numerologia o ai numeri ricorrenti, ne alla cabala napoletana, ma dopo i primi giorni durissimi sentivo che il numero 11 mi voleva dire qualcosa. Ho aperto tutti i cassetti della mia memoria per cercare un riferimento positivo legato a quel numero e non trovarlo.

Poi un flash: mi sono rivisto ragazzo sugli spalti dell’allora Stadio Comunale di Torino. Era una bella domenica di maggio, era anche l’ultima giornata del campionato di calcio. In campo un ragazzo, all’incirca della mia età di allora, si tuffava a filo del terreno e con un fantastico colpo di testa segnava un gol decisivo, che avrebbe assicurato al Toro lo storico scudetto. Il suo numero di maglia era 11 il suo nome Paolo Pulici. Da quel momento, guardando il numero sull’armadietto, rivedevo quello stesso numero sulla maglia granata e pensavo a quella grandissima gioia collettiva, dove tutti sugli spalti, in tribuna o in curva, si abbracciavano con una vicinanza unica, festeggiando insieme una grande gioia comune. Le mie paure, la mia tristezza allora si facevano più leggere e poi con il passare dei giorni sentivo che anche io avrei potuto vincere il mio personale scudetto, che, una volta ristabilito, avrei festeggiato con la mia famiglia, con gli amici e con tutte le persone che erano in trepidazione per me ed anche con tanti altri sconosciuti, così come in quella lontana domenica di maggio. Tornato finalmente a casa, proprio ieri ho saputo che il mio ultimo tampone è risultato negativo e seppur ancora debole e spaventato ora ho la consapevolezza di essere guarito. Grazie a tutti i medici che mi hanno assistito, in primis il mio caro amico Guido, per la loro grande competenza e incredibile dedizione, grazie all’Ospedale Carle e alle sue preziose attrezzature e grazie a te Oscar e a tutti gli Oscar che in questo momento in tutto il mondo lavorano  generosamente per il bene di tutti e per darci al più presto di nuovo una grande gioia comune da festeggiare tutti insieme come quel giorno sugli spalti del Comunale.

Letto n. 11

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pik67 - 6 mesi fa

    Questa lettera è la dimostrazione che ci sono persone che nel momento del bisogno,sono li,pronte a fare il possibile per il prossimo.Quello che non continuo a capire,sono le macchine del potere che stanziano milioni di euro per riprendere a giocare….Questo mondo,non lo capisco più,pensavo che potessimo fermarci di fronte a un epidemia così grande…Si parla del calcio come insegnamento di valori etc etc.Io vedo solo Soldi e Potere!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13953968 - 6 mesi fa

    Grande Uomo, lettera stupenda …un grazie a tutti gli Oscar di questi giorni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. angelo - 6 mesi fa

    Se fossi Oscar sarei orgoglioso di ricevere una lettera così, che ti ringrazia per quello che fai e sei, per la tua competenza, professionalità ed umanità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CUORE GRANATA 44 - 6 mesi fa

    Ciao “letto 11”. Noi del Toro anche nei momenti “particolarmente difficili”non dimentichiamo di ricordare istantanee di gioia e felicità legate alla ns. gloriosa maglia.Ti auguro ogni bene per la tua guarigione.Lunga vita e sempre FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tarzan - 6 mesi fa

    Lettera commovente. Complimenti. Sono felice che tu stia meglio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy