Zerolandia

Prima che sia troppo Tardy / L’analisi di Enrico Tardy alla quarta giornata di campionato del Torino: “La situazione attuale, allenatore o non allenatore, regista o non regista, mi pare molto complicata. Siamo psicologicamente fragili”

di Enrico Tardy
tardy

Ebbene sì, il trend non si inverte, perdiamo, perdiamo, perdiamo con la puntualità di un dpcm di Conte. Ieri con il Cagliari abbiamo visto calciatori atleticamente imballati, lenti, che provavano a pressare gli avversari ad un ritmo da over 50, il tutto condito da marchiani errori individuali.

LEGGI ANCHE: C’era una svolta…

Se in tre gare si subiscono otto reti, ossia più di due a partita direi che vincere diventa impresa titanica. Certo, un regista ci farebbe comodo, ma ricordo, a me stesso in primis, che questi stessi calciatori, più o meno, hanno fatto 63 punti in un campionato e 27 in un girone guidati dal vituperato Mazzarri ed il cucitore di gioco non c’era. Ora abbiamo il maestro di calcio, ma per il momento si vede nulla. Solite chiacchiere sull’assimilazione degli schemi, sul tempo che passa, sul covid, insomma aria fritta.

LEGGI ANCHE: Ground zero

I tifosi sono stremati e disgregati. Quello che non condivido dei tifosi è la faziosità legata ad antipatie personali. Io non ho personalmente amato particolarmente né Ventura, né Mazzarri, ma sarebbe miope non vedere che hanno ottenuto i risultati richiesti in base al parco calciatori a disposizione. Anzi, in alcuni casi facendo guadagnare bei denari alla società. Ebbene, nonostante i risultati parlassero chiaro, nulla, si criticava il tipo di gioco, le dichiarazioni, l’abbronzatura…

LEGGI ANCHE: Quel che non si vede

Attenzione, questi allenatori hanno avuto anche un periodo finale infelice, ma sarebbe scriteriato non leggere i numeri che tendenzialmente non mentono. Giampaolo ha appena iniziato, è arrivato nel momento peggiore della storia recente del Toro, mi rendo conto che fino ad oggi siamo una squadra, chiedo scusa, non siamo una squadra, ma se raggiungerà gli obiettivi prefissati, nulla da dire (sia chiaro, la salvezza).

LEGGI ANCHE: Mi sono fatto il voucher

La situazione attuale, allenatore o non allenatore, regista o non regista, mi pare molto complicata. Siamo psicologicamente fragili, poco attenti, i “nuovi” si sono rapidamente allineati alla mediocrità dei “vecchi”, insomma siamo rimasti quelli di gennaio-febbraio. Rivivere una stagione intera sullo stile del passato girone di ritorno sarebbe un vero incubo.
E venerdì sera ci mancherà Milinkovic-Savic, dunque le punizioni dal limite le tirerà Verdi…

LEGGI ANCHE: Diciotto


Avvocato penalista, appassionato di calcio (ha partecipato al corso semestrale di perfezionamento in diritto e giustizia sportiva presso Università di Milano), geneticamente granata, abbonato al Toro da circa trent’anni.

Disclaimer: gli opinionisti ospitati da Toro News esprimono il loro pensiero indipendentemente dalla linea editoriale seguita dalla Redazione del giornale online, il quale da sempre fa del pluralismo e della libera condivisione delle opinioni un proprio tratto distintivo.

43 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. policano67 - 1 mese fa

    Puntualmente il magnate dopo la puntuale sconfitta si inabissa da mezzo ominide quale e.poi apparira in settimana con qualche perla di saggezza tipo ho rinunciato a tanti ml per belotti,ho tenuto izzo nonostante avesse tante richieste e caxxate varie.la cosa che mi fa cade le braccia e che ce ancora tanta gente che pende dalle sue labbra anche qua sopra.di questo passo col cavolo se ne andra.intanto di questo passo la b e realta e nn penso che ci vada bene per due anni consecutivi.oggettivamente siamo scarsi per restare in a e giampaolo nn e santo da miracoli.ognuno ha cio che merita.noi cairo.dimenticauo,nn ci sono solo i fallimenti economici ma anche sportivi.ce ne renderemo conto piu in la.ora passa ancora perche le sconfitte sono appena quattro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. giacki - 1 mese fa

    Squadra specchio della società…i giocatori(eccetto belotti e sirugu)dopo un po si adeguano…si vivacchia…esempio tipico e baselli che ora aspettiamo come il pane ma che non è mai veramente esploso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. giacki - 1 mese fa

    Titolo errato…meglio dire cairolandia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fb - 1 mese fa

    Non e’ Cairo che scende in campo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pedro - 1 mese fa

      Non è il mandante che schiaccia il grilletto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. come un pugno chiuso - 1 mese fa

      purtroppo è sceso in campo quindici anni fa e i risultati sono sotto gli occhi di tutti

      ora si eclissa da buon vigliacco qual è e quando riapparirà sarà solo per dire l’ennesima delle sue ridicole stronzate

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. OldBull - 1 mese fa

    Il fenomeno di Masio non se ne andrà (per ora) come recita la lettera dell’associazione dei Toro club, dovremo conviverci ancora per un bel po’, quindi tocca rassegnarsi a meno che non ci sia una sollevazione popolare tipo il movimento dei forconi a convincerlo, più con le cattive che con le buone a levarsi dalle palle. Certo il dopo sarà un enigma.
    Io ero allo stadio nel 76 l’anno dello scudetto, il Toro, quello vero l’ho visto! Oggi penso che non lo rivedrò mai più, ma credo anche che adesso il problema grosso è levarsi dalla palude degli zero punti quindi, cerchiamo per quanto possibile di sostenere almeno l’allenatore, certi giocatori mi pare ovvio sia impossibile… Probabilmente Giampaolo ha bisogno di sentire fiducia intorno a se, penso che sia giusto dargli tempo e fiducia almeno fino al prossimo anno, contrariamente ci perdiamo tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pedro - 1 mese fa

    Continuate a parlare di allenatori e giocatori e non dell’indegno.
    Andrete lontano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guevara2019 - 1 mese fa

      Ce lo porta lei un nababbo? Le saremo sempre riconoscenti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Pedro - 1 mese fa

        Nababbo x comprare cosa? Una rosa piena di brocchi e una sacca di palloni?
        Basterebbe a avanzerebbe una persona per bene.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Guevara2019 - 1 mese fa

          La storia del Toro e soprattutto il bacino di utenza granata, avrebbero dovuto farci evitare tutti i ciaparat degli ultimi decenni,ma evidentemente a Torino solo una luce deve brillare…
          Dopo questa nullità,scommettiamo che ne arriverà uno simile?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Pedro - 1 mese fa

            Questo é quasi certo, praticamente scontato. Si passerà da un prestanome ovino a uno scudiero dei lambs.
            Resta però il fatto che dopo 15 anni di saprofagia questo debba sparire dalla nostra vista. A tutto c’è un limite….

            Mi piace Non mi piace
  7. BiriLLo - 1 mese fa

    Dai che oggi c’è la champions, il palliativo per non pensare a che punto siamo, purtroppo, ma a sognare dove dovremmo essere.
    Oddio, neanche in passato abbiamo molto frequentato l’Europa salvo Bilbao, Amsterdam e la Mitropa.
    Ma col meneghino reuccio mandrogno ce la faremo, un altro paio di quinquenni e alcuni allenatori improvvisati ma ci si arriva.
    Ottimismo e rassegnazione.
    Cairo vattene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. 27766fvcg - 1 mese fa

    Premesso che anch’io sono dell’avviso che i numeri nn mentono, vorrei fare alcune considerazioni riguardanti l’ultimo periodo del Toro e in particolar modo l’ultima partita. Credo che il compito di un allenatore nn sia quello di insegnare a giocare a pallone a dei giocatori di serie A (si presume che chi arriva a giocare in serie A lo sappia fare) ma quello di mettere insieme questi giocatori e formare una squadra.
    Quando un allenatore arriva in una squadra che ha fatto il disastroso campionato che ha fatto il Toro, credo, che il suo compito primario sia quello di individuare le poche cose buone che si possono salvare (se ci sono) e ripartire da quelle.
    Le cose buone erano Sirigu Belotti Bremer e Ansaldi.
    E il ns fantomatico Maestro cosa fa????
    Ansaldi nn lo considera più..
    Bremer lo mette in panca per far giocare un personaggio che x tt la campagna acquisti si è offerto a destra e a manca pur di essere ceduto.
    Risultato???? Abbiamo tolto il 50% di certezze a una squadra che già nn ne aveva.
    Se a questo aggiungiamo, nell’ultima partita, cambi fatti all’80 quando Rodriguez Rincon Meite e Linetty nn l’hanno mai vista…il gioco è fatto.
    Caro sig. Vardy, proprio perché i numeri nn mentono, voglio solo ricordarle che il ns Maestro è famoso più per gli esoneri che per i successi. E che il “fantastico” mister Mazzarri ha iniziato a essere preso di mira dopo aver preso 7 gol in casa con l Atalanta e 4 con il Lecce.
    E qui l’abbronzatura o la simpatia nn c’entrano (Sn numeri, come dice Lei)
    Per concludere, un ultima cosa, il tifoso del Toro nn è ne sarà mai FAZIOSO E SNOB, sennò questo altri siti sarebbero vuoti di commenti, arrabbiature, gioie (poche), pareri diversi…
    Il cuore nn si comanda e il granata nn si tocca…
    Poi se a me da fastidio vedere Ansaldi ai margini e Meite Rincon Zaza titolari inamovibili è un mio pensiero personale… Ma sentirmi dare del fazioso o dello snob mi fa incazzare più che se mi danno dello juventino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 1 mese fa

      Sbagliato, con Mazzarri ve la siete presa ben prima dei 7 gol dell’Atalanta. E’ inutile, la squadra è lo specchio dei tifosi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 27766fvcg - 1 mese fa

        Quindi tu sei contento di questa squadra????
        E se fa figuracce di fila è colpa dei tifosi????

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Robs - 1 mese fa

          No, ma dopo due vittorie bastò la sconfitta con lecce all’andata per avere uno stadio che fischiava.. E nel girone d’oro (e va beh anche di culo) dei 63 pt nessuno ci credeva e quindi lo stadio rimaneva vuoto anche se la squadra pur giocando non bene stava galoppando. Ha ragione r.ponzon per tanto, anche se la faziosità credo centri poco… Quindi non si senta offeso..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    Ventura era antipatico, aveva sfacciate preferenze per certi giocatori e ne emarginava altri. Era pure sempre abbronzato e tifoso della Sampdoria.
    Un bastardo che non ci ha mandato neanche ai Mondiali.
    Si era tutto questo.
    Ma con la squadra data a Mazzarri e anche a questa di Gianpaolo sarebbe arrivato quinto o sesto in classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 1 mese fa

      Bravo. Intendo proprio questo quando, provocatoriamente, affermo che la peggior tifoseria d’Italia è snob. Vuole il calcio champagne ma non da Gasperini, vuole che vengano valorizzati i giovani tenendo la squadra nella parte medio alta della classifica ma non con Ventura, vogliono un Toro concreto che metta in difficoltà le grandi ma non con Mazzarri, vogliono una squadra con una forte identità tattica che faccia divertire e vincere ma non con Giampaolo, vogliono un Toro che incarni i valori storici che ci hanno resi unici ma Longo non va bene. Però vuoi mettere che figo Sinisa? E Maxi Lopez? E Ljajic? Lasciamo perdere, va…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Pedro - 1 mese fa

        Di peggiore d’Italia c’è solo il presidente oltre a qualche presunto esperto .

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

      Mimmo@: condivido in parte il tuo pensiero.
      Ma non siamo la peggiore tifoseria d’Italia. Siamo la tifoseria che sta scomparendo. Che è peggio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 1 mese fa

        Ho già spiegato che la mia è una provocazione tesa a tentare di far riflettere chi noon perde occasione per giocare a demolire, purtroppo non sono pochi, anzi. Domenica molti di quei 1000 allo stadio non hanno perso occasione per subissare di fischi Meitè, uno dei migliori da quando si è ripreso a giocare dopo il lockdown. E’ bastata una partita sotto tono per riprendere a fischiarlo. Peraltro in un contesto dove tutta la squadra va male e quindi Meite, come altri, sarà carnefice ma è anche vittima di una situazione che la società non ha saputo ribaltare in sede di mercato azzerando tutto e ripartendo solo da chi ha dimostrato sempre impegno: Sirigu – Bremer – Ansaldi – Belotti. Cui aggiungo N’Koulou che ha sicuramente sbagliato i modi, lo scorso anno, ma è professionista serio e calciatore validissimo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Robs - 1 mese fa

        Scompariamo proprio per quello che dice Mimmo.. Quale bambino si diverte a vedere il calcio con gente che si lamenta sempre.. Io e soprattutto i miei nipoti, in epoche diverse, vedemmo sconfitte e anche molte umiliazioni. Ma c’era un senso d’appertenenza che ci rendeva diversi. C’era una maratona che ti esaltava farne parte anche nelle sconfitte. Così come è il tifoso medio oggi, un bambino si fa convincere dal rigadin compagno di banco..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

      Mimmo, i tifosi del Toro per me erano quelli che un tempo riempivano di colore e canti la Maratona. Gli altri. salvo eccezioni, sono solo spettatori.
      Su Belotti sfondi una porta aperta. Ci manca che qualcuno lo critichi.
      Sirigu più o meno idem.
      N’Koulou è un ottimo difensore. Ma lo scorso anno ha dato il via a un campionato sciagurato e ne ha in parte le colpe.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Roland78 - 1 mese fa

        Caro Daniele, mi dispiace deluderti, ma qualcuno è già arrivato a chiamare “cretino” Belotti, per aver sbagliato un rigore, mendicando a lui e a Sirigu spiegazioni per l’anno che stavamo vivendo.
        Rispetto ai tifosi, ricordo una partita a Empoli diversi anni fa: il capo ultrà di allora, ai cori di insulto dei tifosi empolesi per essere noi gemellati con la viola, rivolto a noi che eravamo lì pronti a insultare, disse: noi siamo venuti a sostenere i ragazzi. E intonò un coro a favore del Toro. Ricordo ancora gli applausi degli empolesi, per questa scelta. Lì, io, giovane sfegatato granata, mi sentii orgoglioso di far parte di una tifoseria così speciale. Oggi tutto questo non c’è più e si fa prima a criticare… Tuttavia: Meitè domenica scorsa era da prendere a pallate per l’indolenza con cui ha giocato; mio figlio, 6 anni, alla decima palla sbagliata, mi ha chiesto, innocentemente: “Papà, ma perché non viene sostituito Meitè”?
        Sono il primo che odia chi critica (ad esempio, i mille che hanno insultato Berenguer nella sua ultima partita a Torino, mi hanno fatto vergognare), ma a volte l’esasperazione è più forte della sobrietà.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Guevara2019 - 1 mese fa

    Viviamo alla giornata, questa stagione ci avrei scommesso a priori che sarebbe stata orribile, il tecnico da mettere in panca con questa banda di squinternati, a parte i soliti due, sarebbe stato ben altro, ormai è inutile piangere sul latte versato.

    Le prossime partite saranno decisive sul futuro di Gp, dovessero risultare nefaste,arriverà un tecnico che bada al sodo, ma sarà durissima per chiunque.

    Incrociamo le dita!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. bloodyhell - 1 mese fa

    tardy dipana domande ed espone dubbi al quale egli stesso,come tutti noi, non riesce a dare una risposta certa. perchè la domanda finale, e a mio parere onnicomprensiva, è sempre la stessa: cosa sta succedendo al toro da un anno e mezzo a questa parte? perchè non si riesce a trovare il bandolo della matassa? A prescindere dall’attacco sterile, colpa di un centrocampo evanescente e sconclusionato(e senza un regista), continuiamo a prendere troppi gol. In difesa si vedono errori così grossolani che neanche in serie b. Eppure lyanco, tanto per fare un esempio, a bologna aveva fatto bene, e nel corso dell’ultimo mercato era stato richiesto in portogallo. Qualsiasi sia il giudizio che ognuno di noi ha su giampaolo(personalmente non lo amo), a questo punto non gli si può che dare tempo per lavorare sui problemi presenti non da oggi, ma dai tempi di mazzarri. Qualcuno continua a rimpiangere longo, dimentincandosi che anche con lui la media punti era da retrocessione. Rimuovendo il fatto che anche con longo di buon gioco non se ne è mai visto e di gol se ne prendevano fin troppi. Per quanto mi riguarda cairo se ne deve andare domani mattina, ma non riesco ad ascrivere l’ orrore messo in scena in campo da toro da più di un anno solo al nostro sciagurato presidente. Con la rosa che ha, il toro dovrebbe dare molto di più di quel che vediamo. E allora cosa sta succedendo? Spero qualcuno trovi una risposta a questa domanda

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. come un pugno chiuso - 1 mese fa

      succede che il giocattolo (che già non era di qualità particolarmente elevata) si può rompere ma il proprietario non fa nulla né per ripararlo né per ripulirlo degli ingranaggi che non funzionano più né tantomeno per migliorarlo, ecco cosa succede

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Il_Principe_della_Zolla - 1 mese fa

      Succede che per curare una cancrena bisogna amputare, non basta l’aspirina. Ci vogliono coraggio e scelte forti, radicali. Si doveva far fuori mezza squadra, a costo di rimetterci in termini di bilancio, e se non ci sono i mezzi per allestire una rosa di valore ripartire da qualche giovane. Senza allenatori “cuori toro” o “cuori di panna”, ma qualcuno esterno all’ambiente e esterno al giro dei procuratori, toh! un Malesani. Questo ci voleva. Non è stato fatto, ergo moriamo a piccolo fuoco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. come un pugno chiuso - 1 mese fa

    ‘sarebbe scriteriato non leggere i numeri che tendenzialmente non mentono’

    giusto, a questo proposito mi auguro di leggere prima o poi (meglio tardy che mai) un suo commento (anche divertito come questo se vuole, ma la vedo dura)
    sui numeri della presidenza cairota

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Mimmo75 - 1 mese fa

    Il tempo è galantuomo e sta rendendo il giusto merito a Ventura e Mazzarri. Bene fa Tardy a sottolineare quel che i numeri hanno scolpito nella pietra. Ma la peggior tifoseria d’Italia da quell’orecchio non ci sente, non impara dagli errori, è superba, snob! Dopo aver iniziato a dileggiare Longo ha già messo nel mirino Giampaolo. Meritiamo Cairo. Anzi, ci va persino di lusso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. come un pugno chiuso - 1 mese fa

      i tifosi del Toro, per come li vedo io, non sono né superbi né snob, semplicemente in molti si sono chiesti, e continuano a chiedersi, perché mai in questi ultimi quindici anni non si sia mai pescato un allenatore emergente, motivato, ambizioso, amante della grinta e del bel gioco (un De Zerbi o uno Juric, per esempio) invece di ingaggiare cariatidi a fine carriera oppure megalomani fissati su un’idea sola oppure volonterosi carneadi

      Ventura e Mazzarri cos’hanno fatto poi di così straordinario ? e che continuità hanno avuto ? ci è così piaciuto veder giocare le loro squadre ?
      Longo e Asta, invece, per quanto mi riguarda, meritano solo tanta riconoscenza per aver riacciuffato per i capelli una squadra lanciatissima verso il baratro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Fantomen - 1 mese fa

        Basta vedere i numeri …..punti media punti rosa a disposizione ecc asta è Longo grandi cuori granata…punto . Chiamati per migliorare la situazione di Mazzarri e a momenti ci portano in B ……io parlo di numeri non di simpatie ……basta con la favola che Longo ci ha salvati…..Longo ci ha quasi portati in B …..stiamo pagando il disastro dell’anno scorso scorso tra cui il lavoro di Longo…….a voi basta che sia nato nel toro e diventa automaticamente bravo ……Longo lo stimo come persona che per altro conosco ma non come allenatore………nel calcio i numeri fanno i risultati,con le simpatie e antipatie si fanno le divergenze

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Fantomen - 1 mese fa

    Questa volta disanima perfetta i numero non mentono mai …….cosa mi spaventa che i più brevi sono stati in più criticati ……impopolare ma giusto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Nero77 - 1 mese fa

    La Colpa è di una sola persona,il Giornalaio aveva l obbligo di rifondare una squadra e puntare su di un Ct navigato.Invece ha puntato su un tecnico strampalato fissato con le sue idee,non ha rinforzato la rosa,il tutto nel nome del Risparmio!Adesso?Conoscendo la testardaggine e l arroganza del edicolante,si arriverà a gennaio in fondo alla classifica,la Piazza esonera il maestro si richiamerà qualche vecchia conoscenza o un nome gradito ai tifosi , si cerchera diprendere qualche cadavere al mercato di riparazione sperando nell ennesimo miracolo.Grazie Urbanetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. FuriaGRANATA - 1 mese fa

    La cosa più critica non sono gli 0 punti giampaolo i tifosi i giocatori,ma bensì una società pressoché inesistente e mai presente nelle difficoltà,basta vedere l’atteggiamento del presiniente quando si perde sparisce al posto di fare il c… ai suoi dipendenti.cairo vattene
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. lucabenzoni7_8317634 - 1 mese fa

    Sempre bla bla bla populista, scommetto che non ha giocato neanche negli amatori ….. cosa mi ha detto ? Solito nulla cosmico …. FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BiriLLo - 1 mese fa

      Meglio un cono alla cioccolata, ma tu sei un esploratore.
      Complimenti, avanti così.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lucabenzoni7_8317634 - 1 mese fa

        Il peccato originale è che a causa della rete la gente come voi può dire tutte le minkiate di questo mondo ormai alla deriva … FT

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. marione - 1 mese fa

          Il peccato è che quelli come te non vengono più gettati dalla Rupe Tarpea.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. lucabenzoni7_8317634 - 1 mese fa

            Compagnia dell’INETTO docet …. FT

            Mi piace Non mi piace
          2. bloodyhell - 1 mese fa

            grande marione come divulgatore culturale. ora il benzoni, consultando wikipedia, sarà venuto a conoscenza della rupe tarpea. nel suo mondo alla deriva non è poco, visto che era rimasto al peccato originale, venuto probabimente dopo il nulla cosmico da lui menzionato.

            Mi piace Non mi piace
        2. Innav (CAIROVATTENEINBELIZE) - 1 mese fa

          QUEST’ANNO CI DIVERTIAMO.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy