Alessio Cerci è un nuovo giocatore dell’Arezzo: la discesa in Serie C

Ufficiale / L’ex granata approda in toscana nel girone A

di Redazione Toro News

Continua la parabola discendente di Alessio Cerci. Da svincolato si è accasato oggi all’Arezzo nel girone A di Serie C. L’ex giocatore del Torino, dopo aver raggiunto anche la Nazionale, a 33 anni arriva nella terza lega del calcio italiano, l’ultima professionistica. L’esperienza a Salerno con Ventura è stata tutt’altro che indimenticabile, così come le ultime della sua carriera tra Spagna, Turchia ed Italia. Ora per lui un triennale all’Arezzo. “Per me è una grande opportunità di rilancio – ha dichiarato durante la presentazione Cerci – . La mia condizione? Mi sono allenato con un mio preparatore anche se mi manca il pallone. Non vedo l’ora di mettermi a disposizione del mister. Voglio essere protagonista quando starò bene. Non ho mai giocato in questa categoria ma qualcuno dei miei compagni l’ho affrontato in passato”.

LEGGI ANCHE: Serie A, quanto valgono le rose? Granata decimi dietro Fiorentina e Sassuolo

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. guerriero - 2 settimane fa

    6 anni fa era il miglior giocatore della serie A. Mi dispiace leggere commenti che lo sfottono. Io per 2 anni aspettavo domenica per veder giocare Cerci, da qualche anno mi dispiace quasi che si giochi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Granata69 - 2 settimane fa

    Fu veramente un coglione, detto con affetto. Una carriera buttata nel cesso. Poteva fare almeno un altro paio d’anni con noi e poi si che sarebbe andato in un top club,a guadagnare ben più di un paio di milioni.
    Succede quando attorno a te hai sanguisughe e non gente che vuole il tuo bene. Non tanto la ragazza , quanto il procuratore. Per questo mi incazzo quando un paio di giorni fa quasi tutti davano pieno credito alle parole di un pagliaccio come il procuratore di Torreira. Nel caso di Alessio, il suo bene era rimanere con noi, i fatti lo hanno provato, e quella scelta lo ha danneggiato sia sportivamente che economicamente. Che spreco enorme di talento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13693815 - 2 settimane fa

    Con te e Ciro ci saremmo giocati una bella EL però…
    Beh, buona fortuna comunque, e grazie per i 2 anni da noi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Robs - 2 settimane fa

    Benvenuto nel calcio che C… onta!!! Però che tristezza sempre pensando che ha messo a posto i nipotini come si dice in questi casi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Luca83 - 2 settimane fa

    In bocca al lupo a un calciatore di talento che con le sue scelte si è sempre tirato la zappa sui piedi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cup - 2 settimane fa

    Da noi ha raggiunto l’apice, peccato sia solo venuto per rilanciarsi ed andarsene (voleva già farlo dopo la prima stagione), senza capire che se prima non aveva sfondato, la nostra era forse la sua dimensione. In quei due anni ci ha fatto impazzire, ma non sono mai riuscito a vedere nel suo pianto dopo il rigore fallito con la Viola, dispiacere per il Toro, ma solo dispiacere per lui. Ad ogni modo, buon finale di carriera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. mah... - 2 settimane fa

    Vai Alessio, l’importante è la famiglia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Héctor Belascoarán - 2 settimane fa

    Quanto conta il calcio lì?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. tajarin - 2 settimane fa

    Gli ultimi due anni di Cerci dicono che in fondo l’Arezzo sia tutto sommato una buona scelta per provare a ripartire. Da Granata gli auguro di risollevarsi in quanto non potrò mai e poi mai voler male ad Alessio che rimarrà comunque sempre nel mio cuore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. maccabee - 2 settimane fa

    non nutro rancore per le sue dichiarazioni, ma soltanto rimpianto per l’ultima ala capace di infiammare la Maratona: degno erede di Claudio Sala e di Lentini.
    Se Alessio fosse rimasto, magari insieme a Ciro, oggi il Toro avrebbe Cerci-Immobile-Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Pau - 2 settimane fa

    beh io gli faccio gli auguri, il passato è passato e secondo me ha capito la cazzata che ha fatto, vedi il tatuaggio con la data del goal al genoa.
    Rimane una testa calda comunque, ma non è l’unico nel mondo pallonaro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Fabiano.Giunta - 2 settimane fa

    Sicuro che a noi non ci sarebbe servito no ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. granatasky - 2 settimane fa

    E’ arrivato alle 3 C e alla serie che gli compete:

    il Calcio Che Conta…..!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il Vittoria - 2 settimane fa

      Bellissima!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Jume Verda - 2 settimane fa

      La serie C3, che non c’èèè

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. user-14356946 - 2 settimane fa

    Quello si che è il calcio che ti appartiene!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. gm - 2 settimane fa

    Nel calcio che conta….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy