Toro la salvezza passa dalle vittorie iniziando con il Parma

Toro la salvezza passa dalle vittorie iniziando con il Parma

L’ANALISI di Gino Strippoli – Per i granata  una sfida difficile dove per vincere servirà la massima concentrazione

di Gino Strippoli

Questa sera il Toro inaugurerà contro il Parma il ‘nuovo ‘ campionato,  le 13 partite che porteranno la conclusione di questa stagione falsata  dalla lunga pausa avvenuta per l’emergenza sanitaria. Una sfida difficile che arriva in un momento altrettanto poco propizio per i granata vista l’indisponibilità di tre titolari come Baselli, Verdi e Ansaldi oltre al giovane Onisa. A ciò si deve aggiungere il taglio dell’organico voluto dall’ex allenatore Mazzarri. Se poi vogliamo mettere sul piatto che ben 4 giocatori sono in regime di diffida (Lukic, Izzo, Zaza e Sirigu) – e qui conterà molto la concentrazione dei giocatori per evitare  di prendere ammonizioni che costerebbero care per le prossime partite – allora la situazione è tutt’altro che rosea. 

Il Napoli domina un Toro senza cattiveria

Il Parma è squadra rodata, ha persino la quarta difesa migliore del campionato ed è a pochi punti dalla zona Europa League  quindi è una compagine di tutto rispetto. Gioca a memoria, d’altronde non ha avuto cambi di allenatore né tantomeno di moduli di gioco. Tutto il contrario del Torino. Moreno Longo si trova nelle difficoltà di imbastire schema di gioco e tattica per le evidenti problematiche citate in precedenza.  Stasera scopriremo se l’allenatore granata ha deciso per il più sicuro e compatto 4-4-2 o il più arrembante e offensivo  3-4-3. Sicuramente tra i due moduli il primo sembra per necessità il più favorevole per contenere i  contropiedi del Parma e di Gervinho, giocatore che ha sempre fatto male ai granata ma che è reduce da acciacchi. Occhio che la squadra di D’Aversa ha soprattutto la capacità di occupare bene gli spazi togliendo ossigeno agli avversari. L’attacco granata potrebbe essere costituito dal tandem Belotti e Zaza, e per quest’ultimo si tratterebbe di dimostrare da questa sera  alle prossime partite tutto il suo valore  se vorrà ancora avere un futuro  tra i granata. A centrocampo poche le scelte tra Meitè, Rincon e Lukic, con il serbo che dovrebbe andare in panchina vista la diffida che pende sulla sua testa.  Sulle fasce laterali lo spazio dovrebbe essere appannaggio  di Berenguer e De Silvestri. Purtroppo la carenza di organico in cui si versa il Toro condiziona inevitabilmente le scelte di Moreno Longo che comunque cercherà di mettere in campo la formazione e il modulo più affidabile. In difesa la scelta è a ampio raggio nel senso che è il reparto che conta più uomini e più adattabilità. Sicuri di un posto sono Nkoulou e Izzo  che nel reparto a 4 potrebbero avere come compagni Bremer e Lyanco. Una cerniera più ferma  e statica che garantirebbe  più sicurezza rispetto al modulo a tre. Quello che i granata dovranno avere questa sera è la giusta mentalità e tanta concentrazione per vincere una partita che porterebbe immediato entusiasmo verso Torino-Udinese. L’approccio alla partita sarà fondamentale anche perché la mancanza dei tifosi si farà inevitabilmente sentire. D’altronde anche quando le cose non sono andate bene la gente granata allo stadio ha sempre fatto sentire il proprio sostegno alla squadra. La carica di Belotti può essere il vero valore aggiunto per i granata. Il ‘ Gallo’ è giocatore capace di trascinare i compagni che dovranno essere combattenti proprio come il loro capitano.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14287754 - 3 mesi fa

    zero polemiche stiamo vicino al TORO tutti insieme faremo sti benedetti punti FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

    Speriamo che Longo riesca ad ottenere il suo primo pareggio in serie A.
    Sarà durissima!
    Rosa indebolita dallo scellerato mercato di gennaio, infortuni e giocatori che hanno ormai un contratto in mano in altri lidi.
    Grazie a lei presidente possiamo solo più sperare che lecce o doria o udinese facciano peggio di noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ribaldo - 3 mesi fa

      non so perchè ma vedo mal messo sopratutto il Genoa. forse perchè mi farebbe piacere:-)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

    Facciamo schifo.
    Siamo falcidiati dagli infortuni
    Società tornata ai suoi livelli più bassi.
    Molti giocatori sono demotivati
    Non ci sarà il pubblico a sostenerli e incitarli.
    Patiamo il Parma.
    Siamo reduci da 7 sconfitte e da colossali figuracce.
    Ma chi se ne frega ?
    Forza Toro sempre e comunque!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ribaldo - 3 mesi fa

    iniziando dal parma o da un altra fa proprio lo stesso. Basta vincerne tre e pareggiarne un paio. Chissenefrega con chi.Certo non vincendo oggi i soliti noti avrebbero un ottimo motivo in più per stracciare le palle, ma quei motivi non mancano mai comunque. .:)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

      10 punti non ci darebbero la sicurezza di restare in serie A.
      Ne servono 13 da fare in 13 partite.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ribaldo - 3 mesi fa

        37 punti basterebbero e ne avanzerebbero pure, Vedrai.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy