Primavera, le pagelle di Spal-Torino 2-2: Lovaglio entra ed è ancora decisivo

I voti di TN / L’errore di Mirabelli rischia di rovinare la giornata ai granata

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto
Lovaglio Torino Primavera

Il Toro con sofferenza ottiene il primo punto stagionale grazie al gol allo scadere di Lovaglio. I granata riescono così a evitare la terza sconfitta consecutiva e possono iniziare la pausa per le nazionali tirando un sospiro di sollievo. Alcuni buoni segnali sono comunque arrivati. Aceto è apparso sicuro, Sava ha fatto bene e Siniega è sempre più un terzino.

SAVA 6.5: Da quando è arrivato in granata ha subito 5 gol, di questi 4 su rigore. Oggi ha compiuto anche il primo vero intervento complicato, quando ha salvato nel finale sulla conclusione ravvicinata di Seck.

MIRABELLI 4: Fino al novantesimo una discreta partita, poi la follia con cui ha atterrato Campagna e regalato il rigore del 2-1 alla Spal. Per fortuna alla fine arriva comunque il pareggio.

PORTANOVA 5.5: Pronti via e subito un errore in impostazione. Poi ha praticamente poco tempo per rimediare al brutto avvio, visto che viene subito sostituito dopo lo svantaggio. (24′ CELESIA 6.5: Entra a freddo e patisce subito Seck e le sue sgroppate. Nel secondo tempo cresce vistosamente e non viene quasi mai saltato).

ACETO 6: Buona prestazione. La Spal spinge tanto, ma in area di rigore non ci arriva mai a parte le due occasioni dei rigori.

SINIEGA 6: Sta diventando sempre di più un terzino. Nella ripresa cresce con la squadra e tira su un muro dalle sue parti.

KRYEZIU 5.5: Deve ancora entrare negli schemi e si vede. La sua prestazione è a metà tra un primo tempo negativo e una ripresa positiva. Il piede sembra esserci, ora potrà usufruire di due settimane per conoscere meglio i compagni e il gioco di Cottafava.

LAROTONDA 5.5: Alterna buone giocate ad alcune ingenuità. La sua crescita è evidente. Deve cercare di perdere meno palloni ingenuamente. Quando si mette a palleggiare fa bene. Bravo anche a fare il lavoro sporco.

FREDDI GRECO 5.5: Serviva più attenzione, quanto meno in area di rigore, e invece regala un penalty evitabile alla Spal nel primo tempo. Nel secondo tempo si fa perdonare realizzando quello del pareggio a inizio ripresa.

FAVALE 6: Prestazione incolore, ma non tutte le colpe sono sue. Il fantasista granata non viene quasi mai servito nel modo giusto, anzi spesso deve andare a recuperare palle alte, che non sono il suo forte.  Si sacrifica tanto in fase di non possesso. (85′ LOVAGLIO 8: Neanche dieci minuti di gioco e trova il gol che vale il primo punto stagionale. Quando Cottafava lo schiera lui cambia sempre la partita e questa volta l’ha fatto anche segnando la sua prima rete stagionale).

HORVATH 5: Nel primo tempo si vede solo un buono spunto, poi il nulla. Nella ripresa inizia a far vedere qualche buona giocata. Fa ancora troppi errori, come al 71′ quando spreca una buona occasione dopo l’ottimo recupero palla di Larotonda.

VIANNI 6: Gara di grande sacrificio. Nella ripresa si conquista il rigore dell’1-1. Poi con una stupida simulazione si fa ammonire. (70′ CANCELLO 6: Entra e vede pochi palloni. Poi mette la testa su quello giusto, spizzando quanto basta per lo scatto di Lovaglio.).

ALL. COTTAFAVA 6.5: Ciò di cui bisogna rendergli merito sono tre momenti della gara. Sceglie di inserire Celesia per passare a una linea difensiva a 4, che dà più solidità ai suoi. Poi nell’intervallo sistema la squadra che si ripresenta in campo con un altro spirito e si vede da subito. Terzo è aver puntato ancora una volta su Lovaglio, che sta vivendo un avvio di stagione veramente positivo. L’ex Cuneo a gara in corso è un’arma importante.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy