Un trofeo e i talenti lanciati: Torino Primavera, un’altra stagione da applausi

Un trofeo e i talenti lanciati: Torino Primavera, un’altra stagione da applausi

Il Commento / La mancata finale non cancella una stagione decisamente positiva: la Supercoppa, vero, ma soprattutto tanti giocatori in vetrina

di Alberto Giulini, @albigiulini

Un finale beffardo, è stato proprio un finale beffardo quello della Primavera granata. Già, perché dopo aver agguantato i supplementari all’ultimo secondo dei tempi regolamentari, i ragazzi di Coppitelli hanno addirittura sfiorato la finale dei playoff Scudetto. Una beffa, perché da un salvataggio clamoroso sulla linea è nata l’azione che ha portato al 3-2 dell’Atalanta che, di fatto, ha sancito la fine dell’incontro. Un pallone che avrebbe potuto regalare un’impresa straordinaria contro una squadra più forte. Ma il Torino in ogni caso non può che essere ampiamente soddisfatto per quanto fatto in quest’ultimo anno.

CAMMINO SUPER – Perché l’obiettivo primario del vivaio, è bene ricordarlo, è la formazione di giovani talenti che possano aspirare ad un futuro con la maglia della prima squadra. Era proprio questo il salto di qualità cui era chiamato il settore giovanile granata, che negli ultimi anni ha compiuto veri e propri passi da gigante. Importante essere competitivi su tutti i fronti, certo, e il Toro lo stato appieno. Lo scorso anno è arrivata la vittoria della Coppa Italia, quest’anno la Supercoppa oltre ad una nuova finale di coppa. E se ieri fosse entrato quel pallone ai supplementari, il Toro si sarebbe probabilmente trovato a giocare la terza finale di questa stagione. Un cammino importantissimo, indice di un vivaio che sta funzionando alla grande e sembrerebbe quest’anno aver trovato il salto di qualità.

Primavera, Coppitelli dopo Atalanta-Torino 4-3: “Stagione memorabile”. E sul futuro…

GIOCATORI PRONTI – Ma aldilà della conquista della Supercoppa, già un ottimo risultato, la stagione del Toro è stata decisamente positiva per il gran numero di talenti che si sono messi in mostra anche grazie al lavoro di un grande allenatore come Coppitelli. Millico ha dimostrato di possedere delle giocate da altra categoria, conquistandosi il salto diretto nel Toro dei grandi, come ha più volte confermato Mazzarri. Ma l’attaccante è solamente la stella più luminosa di una squadra davvero ricca di ottimi giocatori. Ferigra, Gilli e Rauti, tanto per citarne alcuni, hanno dimostrato di poter ambire quantomeno ad una squadra in Serie B, aldilà di quelli che saranno poi gli sviluppi di mercato. Da anni la Primavera granata è competitiva ai massimi livelli ma il vero salto di qualità da inseguire in questa stagione era proprio questo: tornare a produrre giocatori pronti al salto diretto in Serie A o Serie B. Obiettivo, probabilmente, raggiunto.

 

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mestregranata - 1 settimana fa

    Non vedo giocatori già pronti e maturi per una serie A. Già una categoria come la C ha dimostrato che certi nostri giovani del passato han faticato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bischero - 1 settimana fa

    Neanche millico per me tarzan. Non ora. Si farebbe del male solo al Torino e al ragazzo sopratutto. Se sono furbi(procuratore e giocatore) vanno a farsi un bel campionato di serie b. Se é bravo come pensa di essere fa il protagonista in cadetteria e il prox anno ne riparliamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bischero - 1 settimana fa

    Ma chi sarebbero i giocatori pronti per la seria A? Dobbiamo essere obbiettivi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tarzan - 1 settimana fa

      Concordo. Millico, che a mio parere si fa bene a tenere in prima squadra. E poi? Adopo, Rauti, Ferigra, buoni giocatori ma il salto nel professionismo se lo devono ancora conquistare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy