Torino, dentro il cattivo inizio della Primavera: troppe ingenuità costano care

Primavera / Quattro rigori contro subiti in quattro partite giocate sono emblema di una maturità agonistica ancora tutta da trovare

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto
Portanova Torino Primavera

Zero punti in classifica dopo due giornate e fuori al secondo turno eliminatorio della Tim Cup. Il Torino Primavera non è certamente partito alla grande come risultati. Le prime quattro partite di Marcello Cottafava sulla panchina granata non hanno sorriso particolarmente al nuovo tecnico. Dal punto di vista delle prestazioni qualche segnale che fa ben sperare (soprattutto nel match contro la Sampdoria) c’è stato, ma ovviamente sono i risultati a portare l’autostima che serve.

EPISODI – Il filo rosso che lega tutte queste partite riguarda i penalty subiti. Contro la Lazio i granata ne hanno concessi due, uno a testa a Sassuolo e Sampdoria. Tutti erano decisamente evitabili. Andiamo con ordine. 28′ del primo tempo contro la Lazio, Torino e romani sono sull’1-1, Shehu va al tiro e Portanova salta scomposto e la palla prende il suo braccio. Rigore. Nel secondo tempo il Toro riesce a rimontare grazie alla prodezza di Guerini, ma nel finale i granata dopo aver stretto in una morsa Castigliani, i granata lo stendono con troppa frenesia. Due disattenzioni che causato la sconfitta in una gara tutto sommato equilibrata. Stesso finale per la gara contro il Sassuolo. In questo caso la distrazione che ha portato al rigore ha pesato ancora di più, perché gli ospiti di fatto non si sono mai resi pericolosi. E’ successo tutto nel finale di primo tempo, quando Siniega ha cercato di uscire palla al piede in modo avventato. Il difensore granata ha perso subito palla e i neroverdi ne hanno approfittato con Mercati, steso da Mirabelli in area.

DISATTENZIONI – Infine, il penalty causato da Portanova ieri contro la Sampdoria, il secondo causato dal difensore ex Bologna e sempre per fallo di mano, come quello contro la Lazio. Qui si può aprire una parentesi: a lui, che gioca come fuoriquota come centrale della difesa a tre, Portanova chiede un altro tipo di contributo. Comunque, l’episodio di Bogliasco tra tutti è sicuramente quello più sfortunato. Ciò che non può andare bene è come sono arrivati i granata a subire il 2-2. In 11 contro 9 a sei minuti dalla fine non è ammissibile concedere agli avversari la possibilità di recuperare una partita ormai persa. L’errore alla base è nella mancata gestione del risultato. Si parla di ragazzi giovani che è accettabile non abbiano ancora una maturità calcistica da adulti: le prossime gare diranno se le lezioni saranno state apprese, perché questi episodi hanno rovinato un avvio di stagione che poteva essere decisamente migliore.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. TOROPERDUTO - 4 settimane fa

    Gradirei quando si parla della primavera che magari si parlasse di profili che abbiamo della loro crescita dei loro ruoli delle loro caratteristiche non di risultati che lasciano il tempo che trovano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paul67 - 4 settimane fa

    Mi rendo conto che però è difficile sbancare il lunario con ciò che offre la prima squadra e quindi si cerca di parlare delle giovanili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paul67 - 4 settimane fa

    L’esposizione mediatica delle giovanili dovrebbe essere ridottissima, lasciamoli crescere in pace senza pressioni, anche perché nn é importante vincere trofei a livello giovanile ma far crescere i ragazzi per poter ambire al professionismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kaimano - 4 settimane fa

      Sacrosante parole!!!
      I trofei servono solo all’allenatore e non ai giocatori.
      Preferirei avere 1 talento ogni 2 anni piuttosto che vincere 1 campionato Primavera ogni anno.
      La cosa più importante per un settore giovanile e insegnare a giocare a calcio e non insegnare le tattiche di gioco perchè cosi facendo soffochi la fantasia e il calcio e fantasia.
      In Spagna, Francia, Inghilterra e Germania lo hanno capito e i settori giovanili sono stati strutturati in questo modo. Bisognerebbe fare come in NBA dove si allenano talenti e non squadre e dove il miglior talento viene preso dalla squadra peggiore della passata stagione. Sarebbe molto + divertente così. Adesso gli allenatori insegnano il catenaccio pur di portare a casa 1 a 0 ma con il catenaccio non insegni calcio ma dai solo calci.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy