Aldo Serena: “Il Toro segua Giampaolo. Ma al mister manca il trequartista”

Esclusiva TN / Le parole di un doppio ex d’eccellenza in vista di Inter-Torino: 223 presenze in nerazzurro, una stagione in granata con memorabile gol nel Derby

di Andrea Calderoni
Aldo Serena

Aldo Serena rimarrà per sempre legato alla data del 18 novembre 1984, quando la squadra di Gigi Radice, il Torino, sconfisse la Juventus al “Comunale” per 2 a 1 all’ultimo respiro. A realizzare il secondo gol granata fu proprio Serena (QUI LA SUA INTERVISTA SU QUEL GOL), uno dei pochi in Italia ad aver indossato, oltre alla maglia del Torino, anche quella di Inter, Milan e Juventus. Serena, da anni apprezzata voce tecnica di Mediaset, ci introduce alla gara di domenica alle 15 tra Inter e Torino, ovvero tra due sue ex squadre. Con l’Inter la bellezza di 223 presenze in tutte le competizioni, mentre con il Torino una sola stagione, la 1984-1985, con 9 gol, tra cui quello memorabile nel Derby della Mole.

Buongiorno Aldo. Partiamo con una domanda secca: che partita si aspetta a San Siro domenica tra l’Inter di Antonio Conte e il Torino di Marco Giampaolo?

“Sarà un match combattuto. Sotto il profilo agonistico tutti gli incroci tra Inter e Torino sono interessanti. Credo che il Covid-19 potrà condizionare il match da una parte e dall’altra. L’Inter dovrà fare a meno, ad esempio, di Brozovic, mentre il Torino di Giampaolo stesso. Penso che sarà una partita da seguire: il Torino si sta ritrovando. Il mister sta ottenendo buone risposte dai suoi ragazzi dopo un avvio difficoltoso e in salita. L’Inter, invece, è ancora alla ricerca di sé stessa. Deve trovare un equilibrio, un bilanciamento e una continuità. Nelle ultime uscite l’Inter ha rischiato troppo”.

Qualche segnale positivo dal Torino, dicevamo. Quali sono i punti fermi sui quali deve fondarsi Giampaolo?

“Parlando di singoli, senz’ombra di dubbio Andrea Belotti. Non è più un semplice capitano o un semplice finalizzatore, è un leader che ormai si è affermato in maniera definitiva. Giampaolo, inoltre, ha idee precise su come far giocare la sua squadra ed è importante che tutto il gruppo vada nella sua direzione. Mi sembra che questo stia avvenendo”.

LEGGI ANCHE: Torino, ora Belotti punta l’Inter: a San Siro per la 200° presenza granata

Giampaolo ha un suo credo calcistico e su questo non ci sono dubbi. Lei lo avrebbe scelto dopo la fallimentare scorsa annata? Non le appare troppo integralista per un Torino che deve rialzarsi e ristabilizzarsi?

“No, penso che sia una scelta giusta. Squadre come Torino o Sassuolo, che non possono ambire a vincere lo scudetto non avendo la forza economica per effettuare certi investimenti, devono puntare necessariamente su un allenatore didattico che insegna calcio e faccia crescere gli elementi in rosa, valorizzandoli. Giampaolo rientra appieno in questa categoria di allenatori. Dunque, ritengo corretto imbastire un progetto con lui”.

Per costruire un progetto, però, servono tutti gli elementi: al Torino di Giampaolo sembrano mancare ancora alcune pedine, nonostante gli adattamenti. Che ne pensa?

“Seguo da vicino Giampaolo da tanto tempo, da quando era all’Ascoli. So perfettamente cosa vuole dal trequartista Giampaolo. Non è solo un giocatore che illumina e inventa giocate, ma è un giocatore fondamentale per portare il primo pressing e per conquistare in zona offensiva i palloni. Detto questo, Simone Verdi non mi sembra un profilo che si adatta a tali richieste. Manca, secondo me, nella rosa attuale del Torino il trequartista che ha nella testa Giampaolo”.

Usciamo un attimo dal contesto Torino e parliamo di calcio a 360°. Martedì è stato impegnato nella telecronaca di Spagna-Germania per Mediaset. Un 6 a 0 storico quello degli iberici. Un match che insegna tante cose. Quale morale ha ricavato personalmente?

“Chi ha la pancia piena se entra in campo senza fame viene travolto. È una morale che vale a tutti i livelli e in tutti gli sport. Dall’altra parte, la Spagna ha individuato nuovi giocatori negli ultimi anni, ha creduto in loro e li sta facendo crescere, seguendo le precise idee del commissario tecnico. Con Giampaolo anche il Torino dovrà ambire a questo, facendolo lavorare”.

LEGGI ANCHE: Gian Piero Ventura: “Date tempo a Giampaolo. Io al suo posto? Fake news”

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. come un pugno chiuso - 6 giorni fa

    manca qualità nella zona fra difesa e attacco altrimenti detta centrocampo, un problema che si trascina da non so più da quanto tempo, certamente da almeno 15 anni

    Rincon ha personalità ma è un mediano di rottura e non un regista, Meité ha tecnica ma è lento, non tira mai in porta e non gli ho mai visto fare un assist decente, Linetty è una discreta mezzala ma con alti e bassi; Baselli difetta in personalità e chissà se tornerà a certi livelli dopo l’infortunio…Cairo pensa sempre di risolvere tutto puntando solo sull’allenatore ma gli lascia puntualmente in mano una squadra incompleta, nella zona nevralgica del campo è una costante, quest’anno direi che siamo messi male anche sulla fascia sinistra

    era così difficile investire su un play come si deve invece che su uno Zaza o un Verdi ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Messere Granata - 7 giorni fa

    Mancano certezze. Non c’è un leader in campo, tale da “caricarsi” la Squadra sulle spalle. Belotti in questo è troppo solo. Mancano autorevolezza e personalità. Penso a un giocatore tipo Moretti a centrocampo, dotato di carisma ed esperienza. I giovani, seppur bravi, nelle difficoltà tendono a smarrirsi. E i risultati negativi ne ritardano la crescita. Serviranno ancora tempo e pazienza. Sperando che bastino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Dr Bobetti - 7 giorni fa

    Penso che il trequartista sia ruolo coperto tra Lukic e l’eventuale impiego di Gojak in quella posizione.
    Manca il regista, può farlo Baselli se rientra e sta bene. L’unico dubbio è la mediana cui mancherebbe forza fisica al netto di mettere Rincon interno destro in determinate partite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tric - 7 giorni fa

      Segre è stato ormai liquidato?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 6 giorni fa

        Capofila, con Buongiorno, Millico ed Edera..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. tric - 7 giorni fa

    Per uno manca il regista, per un altro il trequartista, il terzo dice che serve la mezz’ala: forse serve un glossario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 7 giorni fa

      Per me serve un buon allenatore, che si accontenti e faccia fuoco con la legna che ha a disposizione. Alcuni “ciocchi” non sono poi così male: a lui saperli motivare ed “utilizzare” al meglio!
      E serve un gruppo unito e coeso, che ascolti l’allenatore e vada tutto nella stessa direzione, senza mugugni, lamentele, ammutinamenti e grandi rifiuti.
      Chi non ama il Toro, o non crede in questo progetto, può, anzi deve, andarsene.
      Se poi arriverà la famosa “ciliegina”, tanto meglio!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Salentogranata - 7 giorni fa

    Bah.. anche se,con le dovute differenze per adesso non è il trequartista il problema.. Lukic si sta disimpegnando più che bene direi, certo non penso lo vedremo mai fare dribbling passaggi o giocate da 10!
    Anche se volevo sapere..ma quando il Torino lo prese non fu detto che era un regista?

    SFT e buona salute a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 7 giorni fa

      Grazie per quella frase:
      “Buona salute a tutti”!
      Ricambiamo di cuore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. luizmuller - 7 giorni fa

      Sì, mi ricordo benissimo anch’io. Credo che fosse un’idea di Mihajlovic, basata non si sa bene su cosa. Per le qualità che sono di Lukic (dinamismo, velocità, ottima capacità di aggredire gli spazi) mi sembra proprio che fosse del tutto campata per aria.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Guevara2019 - 7 giorni fa

    Azz…Serena, siamo arrivati al 20 novembre e abbiamo tutti quanti scoperto l’acqua calda…
    Lo riferiremo a chi di dovere sapendo che accoglieranno il consiglio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy