Alessandro Gazzi: “EuroToro, te lo sei meritato. Quel sorriso di Moretti al San Mames…”

Alessandro Gazzi: “EuroToro, te lo sei meritato. Quel sorriso di Moretti al San Mames…”

Esclusiva TN / Il mediano ex Toro: “La crescita della società mi pare evidente e i tifosi dovrebbero essere felici”

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto
Gazzi, Torino, Fiorentina, Coppa Italia, formazioni, Le pagelle di Torino-Empoli

Alessandro Gazzi corre, pensa, scrive. Sul campo continua a dare tutto per la maglia che veste, lo farà anche l’anno prossimo per l’Alessandria. Fuori dal campo, tra le altre cose, si diverte a dare forma scritta sul suo blog ai suoi pensieri, quelli di un uomo di una rara sensibilità. I tifosi granata ricordano Gazzi come uno degli eroi di Bilbao: lui si concede volentieri a chiacchierare con noi, dopo la notizia del ritorno del Torino in Europa League.

Alessandro, quello del Torino è un ripescaggio meritato?

“Direi proprio di sì, per quello che è stato il campionato fatto. I 63 punti generalmente portano sempre in Europa quindi Mazzarri e i suoi uomini non si devono sentire dei ripescati. E poi se ci sono delle irregolarità economiche è giusto vengano punite, chi sbaglia deve pagare”. 

Europa grazie ad una sentenza di un tribunale, come nel 2014: il paragone con quello che successe a voi viene automatico. 

“Le due situazioni sono però diverse: noi non partimmo certo con l’idea di puntare all’Europa League, arrivavamo da una salvezza stentata e due anni prima eravamo in B. Questo Toro invece è squadra costruita e strutturata per acquisire una stabile dimensione europea”. 

Come accolse la notizia del ripescaggio dopo la mancata concessione della Licenza Uefa al Parma?

“In modo particolare, quell’estate la vissi praticamente con le valigie pronte, sembrava fossi fuori dai piani, quindi non avevo assolutamente la sicurezza di poter giocare l’Europa League col Toro”. 

Poi qualcosa cambiò… 

“Sì, giocai (a causa di un’emergenza a centrocampo, ndr) la prima partita di campionato, quella con l’Inter in casa. Feci una buona prestazione e la società allora adottò scelte differenti nei miei confronti, reinserendomi nel progetto. A volte il calcio è così”.

Bilbao è il suo miglior ricordo al Torino?

“Beh sì, fu una serata memorabile per noi e per i tifosi. Ricordo come ci avvicinammo alla gara, c’era in tutti una premonizione speciale. Un aneddoto? Sullo 0-0 dopo un’azione offensiva del Bilbao che si concluse con un po’ di fortuna, io e Moretti ci guardammo sorridendo prima di un rinvio di Padelli, c’era la sensazione chiara del fatto che quella era la nostra serata, che avremmo fatto qualcosa che ci saremmo ricordati per sempre. Comunque, anche la partita successiva contro lo Zenit fu veramente molto emozionante; al ritorno vincemmo per 1-0, ma non bastò a causa del risultato dell’andata. In ogni caso si creò una connessione speciale con il pubblico, cosa che auguro succeda al Torino anche quest’anno”. 

Si sarebbe aspettato che il Torino ci avrebbe messo quasi cinque anni per tornare di nuovo in Europa?

“Forse no, ma comunque c’è da dire che non è stato tutto da buttare. Il Torino negli ultimi anni si è stabilizzato sempre o quasi nella parte sinistra della classifica, non sono cose scontate. E nell’ultima stagione ha allestito una rosa competitiva in grado di giocarsela con le più forti, ottenendo anche risultati economici positivi. La crescita della società mi pare evidente e i tifosi dovrebbero essere felici”. 

Per finire, come ricorda a posteriori gli anni di Torino?

“Sono estremamente orgoglioso di quel che ho fatto in granata, consapevole di aver raggiunto tutti gli obiettivi che mi ero posto”.

 

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. AppianoGranata - 3 settimane fa

    Giocatore da Toro e persona splendida.grazie Alessandro. Per sempre uno di Noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paul67 - 3 settimane fa

    Un guerriero li in mezzo serve sempre, forza Gazzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. DANILO 61 - 3 settimane fa

    Come dimenticare in TORO – GENOA 2014 la palla sradicata al 93° dai piedi dell’appisolato genoano e lancio verso Cerci che centra il 7.
    Grande uomo di altri tempi ed atleta irreprensibile, per me, assieme Vives, un sottovalutato.

    grazie per tutto Alessandro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granata70 - 3 settimane fa

    Grande cuore non si risparmiava mai. Mai polemico sempre generoso e disponibile. Un calciatore d’altri tempi. Grazie Alessandro sei nei nostri cuori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Madama_granata - 3 settimane fa

    Uno dei nostri ex-giocatori che ricordo con più piacere e riconoscenza.
    Tifavo moltissimo per lui, perché ce la metteva sempre tutta. A volte aveva il viso rosso, stravolto, ma continuava a correre e a correre e a correre avanti ed indietro instancabilmente.
    I giocatori come Gazzi sono le figure che nobilitano il calcio moderno, in antitesi ai “divi” ultramilionari, capricciosi ed innamorati di sé, procuratore-dipendenti, computerizzati e programmati solo per vincere, però senza passione, senza sentimento, senza tifo, senza attaccamento alla maglia, senza emozioni.
    Auguri a Gazzi: mi fa piacere che giochi in una squadra piemontese: so che farà bene anche lì, e che saprà sempre farsi amare dai tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Garnet Bull - 3 settimane fa

    Grande lottatore, serio, umile…. Da toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Simo71 - 3 settimane fa

    Ciao Alessandro sei un grande!
    Ti ricorderemo sempre con affetto!
    Grazie x quello che hai fatto x il Toro!
    Forza ragazzi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. venziagranata - 3 settimane fa

      Grande ammirazione per giocatori/persone così.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. maxx72 - 3 settimane fa

    Grande Gazzi! Un esempio per tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Kieft - 3 settimane fa

    Quando tirava in porta mi faceva incaxxare….però come uomo è un grande

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy