Toro News
I migliori video scelti dal nostro canale

italia granata

Serie C: Adopo parte bene e poi cala, in crisi il Renate di Gemello

Il fine settimana dei granata in prestito: Onisa entra nel finale, Sportelli fuori lista. Rauti, altro rinvio: seconda gara saltata per focolai Covid

Alberto Giulini

In un fine settimana caratterizzato dalla sosta dei campionati per far spazio alle Nazionali, non si è fermata la Serie C. Torna dunque l'appuntamento del lunedì mattina con Italia Granata, per passare in rassegna, pur in forma ridotta, il rendimento dei giocatori del Toro in prestito.

GEMELLO (Renate): continua a vivere un periodo poco felice il Renate, sconfitto 2-1 sul campo della Giana Erminio e sceso al quinto posto in classifica. Solamente due vittorie nelle ultime undici per i brianzoli, ora a 7 punti dalla vetta del Como (che dovrà anche recuperare una partita). Questa volta sbaglia qualcosa anche Gemello: sul gol del momentaneo 1-0 dei padroni di casa, il portiere si fa battere da posizione defilata sul suo palo (VOTO: 5).

ONISA (Imolese): Un quarto d'ora abbondante di gioco per Mihael Onisa, che rileva l'ex granata D'Alena nel finale della gara persa dall'Imolese contro il Perugia. Un lasso di tempo in cui il centrocampista di proprietà del Toro non riesce ad incidere (VOTO: NG).

SPORTELLI (Arezzo): Sconfitta esterna per l'Arezzo, che capitola (1-0) sul difficile campo del Sudtirol. Assente Sportelli, non in lista.

ADOPO (Viterbese): Un punto per la Viterbese, che fa 2-2 contro il Potenza. Parte subito forte Adopo, che nella prima frazione è tra i migliori del centrocampo e recupera un gran numero di palloni. Nella ripresa cala e perde qualche brutta palla prima di essere sostituito all'80' (VOTO: 6).

RAUTI (Rauti): Terzo turno consecutivo senza gare per il Palermo, che dopo il riposo previsto dal calendario è andato incontro a due rinvii. I rosanero avrebbero dovuto affrontare il Monopoli nell'infrasettimanale ed il Foggia questa sera, ma entrambe le squadre avversarie sono alle prese con focolai Covid al proprio interno.

Potresti esserti perso