Il Grande Torino nelle scuole: presentato il progetto “Superga 70”

Il Grande Torino nelle scuole: presentato il progetto “Superga 70”

Mondo granata / I ragazzi immaginano gli eroi di Superga 70 anni dopo

di Luca Sardo

Ieri è stato presentato presso la sala conferenze dello stadio Olimpico Grande Torino il progetto “Superga 70”, ideato in occasione del settantesimo anniversario della Tragedia di Superga il prossimo 4 maggio. Insieme al professor Davide Cravero, referente del progetto, hanno preso parte alla conferenza il direttore generale del Torino F.C. Antonio Comi, il direttore dell’ufficio scolastico del Piemonte Sergio Blazina, il giornalista sportivo Franco Ossola ed il responsabile del settore giovanile granata Massimo Bava. Il Torino FC, tramite questo progetto, ha creato un concorso dal titolo “Il Grande Torino per me è…” riservato alle scuole elementari e medie con l’obiettivo di diffondere i valori dello sport e far conoscere la storia della squadra granata agli studenti delle scuole della Città.

CONCORSO – Per gli alunni della scuola primaria il concorso prevede la realizzazione di un disegno, mentre per gli allievi delle scuole medie di primo grado un elaborato scritto (poesia, prosa, strisce a fumetti) o un prodotto multimediale (durata massima 3 minuti). Tutti gli elaborati verranno esposti presso lo Stadio Filadelfia nella giornata di domenica 12 maggio 2019. I ragazzi saranno invitati, con i loro insegnanti e accompagnatori, al “Fila Tour” e nel pomeriggio assisteranno gratuitamente alla partita Torino-Sassuolo allo stadio Olimpico Grande Torino.

IL RICORDO – Dopo una breve introduzione del professor Cravero, ha preso parola il DG Comi: “Questa iniziativa è stata voluta fortemente dal Torino F.C. e dal Presidente Urbano Cairo, in quanto è fondamentale insegnare ai giovani la storia del nostro paese. In collaborazione con scuole, si vuole dare la possibilità di apprendere una parte di storia che non tutti attualmente conoscono. Questo progetto è rivolto ai bambini che non conoscono questa realtà, e devono dunque usare uno strumento fondamentale come l’immaginazione. Quasi sempre, si sa, l’immaginazione supera la realtà, e visto che il Grande Torino era qualcosa di magico siamo curiosi di vedere cosa ne verrà fuori. Siamo convinti che ci sarà qualche bambino che ci sorprenderà”. Parola anche a Franco Ossola, figlio dell’omonima bandiera del Grande Torino, ha voluto raccontare quello che erano per lui gli Invincibili: “Mio padre era un attaccante di quella grandissima squadra, per questo mi sento emotivamente coinvolto in questo progetto e non potevo sottrarmi. Il Grande Torino era qualcosa di più di una squadra, era un gruppo di ragazzi che hanno rappresentato l’Italia: erano persone comuni con una profonda umiltà”.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CUORE GRANATA 44 - 5 mesi fa

    Iniziativa voluta fortemente dal Presidente dice il DG Comi.Posto che sia così allora diviene sempre più contraddittorio in termini l’atteggiamento di Cairo verso la realizzazione di quelle infrastrutture(Robaldo,Fila lotto 2 e Museo) che ciascuna con peculiarità proprie andrebbe a costituire un unicum permanente a testimonianza della ns.Storia o meglio Leggenda.Certo l’iniziativa avviate a livello scolastico ha ovviamente costi diversi…ed in un perverso “gioco dell’oca” torniamo sempre al punto di partenza: parole,promesse e poi….Come Cairo può pensare di avere ancora un minimo residuo di credibilità? La recente notizia di una possibile realizzazione del Museo all’ex Moi riapre un “nervo scoperto”teso a dividere ancor di più noi tifosi con il rischio che alla fine tutto venga rinviato a chissà quando…Il dato oggettivo è purtroppo costituito dal fatto che Torino Calcio che porta il nome della Città, da 14 anni è “un fragile vaso di coccio tra vasi di ferro”e alla proprietà va bene così come tante,ormai troppe, volte,ci siamo detti.Penso però che l’esito di questa stagione ci fornirà una “chiave di lettura” diversa dalle precedenti.FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. peluches - 5 mesi fa

    Speriamo che si ricordino di valorizzare anche quella tesi che il Museo del Grande Torino debba essere edificato dove giocò il Grande Torino. Confidiamo nelle valorizzazioni. Come si potrebbe spiegare che il Museo deve essere posizionato nei mercati generali forse i nostri campioni compravano le zucchine li….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dattero - 5 mesi fa

    valorizza talmente bene che x il museo granata puo andare all’ex moi perche si rimangia la parola con il Don,talmente valorizzante che fa il venditore di pentole con i seggiolini del fila.
    voglio poi vedere quanto partira’il lavoro del Robaldo,ma lui valorizza…come valorizza lui la ns Storia..nessuno!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ProfondoGranata - 5 mesi fa

    Che bella iniziativa. Ma è particolarmente bello che il nostro presidente vari dei progetti che abbiano come obiettivo anche indiretto la valorizzazione della nostra storia e rafforzino l’immagine della nostra squadra.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy