Parigini, ancora poca lucidità negli ultimi metri. Ma contro il Milan…

Parigini, ancora poca lucidità negli ultimi metri. Ma contro il Milan…

Focus on / Dopo il contropiede sbagliato contro il Parma, un altro errore negli ultimi metri per l’attaccante. Contro i rossoneri, però, potrebbe arrivare una nuova occasione per riscattarsi

di Alberto Giulini, @albigiulini

Avrebbe potuto trovare il primo gol in maglia granata Vittorio Parigini, che domenica, nel finale di Genoa-Torino, ha sprecato malamente un ottimo pallone servitogli da Belotti. Il numero ventisette, a tu per tu con Radu, non è infatti riuscito a trovare la rete che avrebbe chiuso definitivamente l’incontro, calciando troppo debolmente con un rasoterra che è stato sventato dall’estremo difensore romeno.

GOL SBAGLIATO – È stato molto bravo il portiere del Genoa a dire di no all’attaccante, andando giù rapidamente ad intercettare il pallone. In una simile circostanza, però, è un attaccante di Serie A deve trovare il gol. Avrebbe dunque potuto e dovuto fare molto meglio Parigini, che ha sprecato un’occasione ghiottissima che, per fortuna della squadra, non ha portato alcuna conseguenza. La mancanza di freddezza messa in evidenza al Ferraris non rappresenta però un caso isolato per il numero ventisette, che già a Parma aveva sbagliato scelta in un’importante palla gol.

SCARSA LUCIDITÀ – Nel finale di gara contro i ducali Parigini si era infatti involato in contropiede verso la porta avversaria. Una volta giunto sulla trequarti, però, l’esterno granata ha provato un’improbabile conclusione di sinistro, mancando così di servire Zaza che avrebbe potuto colpire dal centro dell’area di rigore. Un segno di mancanza di lucidità nei momenti conclusivi dell’azione, insolito per un attaccante che con l’Under 21 ha saputo mettere a segno sette reti in ventuno partite giocando da esterno dimostrando quindi di sapere come è fatto un gol.

Rampanti: “Toro, può essere l’anno della grande gioia o dei grandi rimpianti”

CHANCE CON IL MILAN – Si tratta probabilmente di un blocco psicologico per Parigini, che sta ancora aspettando il primo gol in Serie A ma soprattutto il primo sigillo con la maglia del Toro dei grandi. Le occasioni, in ogni caso, non dovrebbero essere finite. Aldilà della scarsa lucidità negli ultimi metri il giocatore ha saputo dare un contributo alla squadra – specie entrando a gara in corso, visto che è così che lo utilizza Mazzarri – ed anche contro il Milan potrebbe arrivare un’altra chance. Complici infatti la squalifica di Zaza ed uno Iago Falque ancora sulla via del recupero, dovrebbe rimanere Belotti come unico centravanti vero a disposizione: per Parigini ci sono diverse possibilità di un ingresso in campo anche contro i rossoneri. E chissà che il gol non se lo sia tenuto per la sfida più importante.

39 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 4 mesi fa

    Parigini ha sbagliato è vero, ma se mettessimo in fila gli errori di Zaza quest’anno avremmo un’autostrada lunga svariati chilometri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alètoro - 4 mesi fa

    Parigini merita assoluta fiducia da tecnico, Società e tifosi.
    Quando è stato utilizzato dal tecnico toscano, egli ha dato sempre tutto sotto l’aspetto dell’abnegazione e della volontà.
    Il TORO è la sua squadra del cuore e, aldilà dei ricchi guadagni, questo fattore non è certamente secondario per un calciatore professionista in genere.
    E’ assolutamente vero, nelle due occasioni che gli sono capitate nel finale di partite sia a Parma sia a Genova egli ha difettato rispettivamente per calcolo della giocata (mancato assist a Zaza, solo al centro dell’area, contro i ducali) sia per eccesso di precipitazione (con freddezza avrebbe piazzato il pallone in rete contro i grifoni). Tuttavia, ritengo, che si tratti di errori di “gioventù” che appartengono al percorso di crescita che il ventitreenne Parigini sta compiendo.
    Personalmente sono convinto che Vittorio Parigini risulterà tra i protagonisti dei prossimi Campionati Europei Under 21, la cui fase finale si disputerà il prossimo Giugno nel nostro Paese.
    Auspico vivamente che entro la fine della stagione Parigini realizzerà la sua prima rete in maglia granata, chissà se contro il Milan oppure, a coronamento del suo sogno di calciatore tifoso del TORO, nel successivo derby torinese.
    A questo proposito, ricordo, che durante una intervista rilasciata ad inizio stagione, Parigini affermò testualmente che “una rete decisiva in un derby indossando la maglia del TORO vale sicuramente un anno di stipendio”.
    Naturalmente sia la Società sia tutti i tifosi granata lo prendono assolutamente in parola. Chissà …
    Forza Parigini ! Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14142151 - 4 mesi fa

    forza Vittò, dacci dentro e basta, le qualità non ti mancano. facci sognare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. TORO1960 - 4 mesi fa

    Giusto e condivisibile. F.V.C.G.♉♉♉♉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ALESSANDRO 69 - 4 mesi fa

    Io ho ancora stampata nella mia memoria ,come sono sicuro tutti voi, la primavera di Vatta e Pigino per cui figuriamoci se non faccio il tifo per Parigini e per quelli come lui, però dobbiamo essere obiettivi nel riconoscere che al momento il ragazzo è ben lontano dal consacrarsi…Vorrei che la smettessimo di dare sempre la colpa all’allenatore perchè mi sembra la stessa tendenza della cospicua parte di genitori che danno la colpa all’insegnante per giustificare gli insuccessi a scuola dei propri figli. La tecnica non si discute ma evidentemente è lo spessore e la personalità che difettano. Nessun tecnico conscio di avere un fenomeno in squadra si sogna di tenerlo in panchina. Mazzarri potrà non piacere ,per tutti i buoni motivi di questo mondo, ma non è da ieri che allena a certi livelli e presumibilmente sa valutare se un giocatore è in grado di reggere certi livelli….
    questa è la mia umile opinione….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Madama_granata - 4 mesi fa

    Se mai qualcuno avesse la bontà di voler legglere ill mio parerlle, ho scritto tutto nell’larticololll
    u Berenguer, facendo il paragone ltra i due.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 4 mesi fa

      Scusate l’errata ortografia: non si capisce nulla.
      Nell’articolo su Berenguer esprimo la mia idea, facendo un paragone tra i due!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14171750 - 4 mesi fa

    Parigini e forte bisogna solo dargli più spazio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Rinascito - 4 mesi fa

    Ho dovuto vedere 200 partite del macaco Martinez, 400 partite di Boye, 2000 di Zaza, stare zitto quando il gallo faceva molto male e sbagliava tutto, vedere Barreto, Meggiorini, e tanti altri … mettendo il gallo a parte che a cresciuto davvero, mi ho dovuto lasciar il sangue bollente centinaia di volte. Ma lasciare a giocatori del vivaio farsi la pelle, maturare e anche sbagliare mai….. purtroppo como non si sono spesi dei soldi, se non si trasforma in Zaniolo dal primo minuto, lascialo perdere …. Queste cose non gli capisco, purtroppo a me mi piace e godo quando il giocatore che e in campo e toro da nascita o ha cresciuto nel vivaio …Prego per pazienza e lasciare crescere e maturare, dopo se non servono non servono, ma giocando 346 minuti a pezzi non mi pare sufficiente per bocciarlo …. Io ci credo come credevo in Rincon, il suo grande carattere e capacita …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13973712 - 4 mesi fa

    ognuno rimane con le proprie opinioni. è vero che i soldi contano (ma contavano anche 40 anni fa, solo che allora comandavano le società, ora comandano non i giocatori ma i procuratori-brutta razza), e proprio per quello avere giocatori in prima squadra giocatori che vengono dalla primavera fa da stimolo alle centinaia e centinaia di ragazzi che indossano la maglia granata negli anni. Poi uno su mille ce la fa, ma per avere cessi clamorosi come amauri larrondo zaza e compagnia cantante preferisco scarponi allevati nella nostra scuderia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. sarino - 4 mesi fa

    È un giocatore del vivaio.granata è merita essere sostenuto. Sbaglia come gli altri ma prima o dopo farà gol. Bisogna farlo giocare più spesso e mettere un limite agli stranieri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 4 mesi fa

      Parole sante! Finalmente si sente un vero Cuore Granata che parla!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Bischero - 4 mesi fa

    Il faraone della Roma che non é robben o bale o nedved ha 3 anni in più ma gioca titolare in serie a da 7 anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Bischero - 4 mesi fa

    Parigini se ne fotte del toro tanto quanto edera Berenguer o chi vuoi tu. Si gioca solo più per la grana e per la fama il resto sono storielle per tifosi di un calcio che é morto e sepolto da 25 anni almeno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. mirafiori64 - 4 mesi fa

    parigini va assolutamente aspettato, è giovane, ha 23 anni e a margini di miglioramento, ci sta mettendo impegno e merita ancora tutto il prossimo campionato, poi se non è ancora riucito a convincere, arrivederci e buona fortuna non possiamo aspettarlo tutta la vita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 4 mesi fa

      Giusto,ma bisogna dargli il tempo di esprimersi, non metterlo “a cottimo” x 15 minuti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. user-13973712 - 4 mesi fa

    devo dire che tutti questi soloni del calcio, che ormai hanno già sentenziato l’inadeguatezza di Parigini dopo che avrà giocato si e no un 150 minuti in tutto il campionato, scusate, ma mi fanno un po’ pena e mi fanno capire quanto sia sceso il livello dei tifosi granata. Berenguer ha giocato mezzo girone di ritorno facendo se non sbaglio 2 gol e mangiandosene molti di più, secondo voi è adeguato per una squadra che ambisce in alto? secondo me no, come molti altri. Rimango convinto che a parità di valori un ragazzo della primavera avrà sempre più attaccamento (Ogbonna a parte) di un ragazzo straniero che del Toro e dei suoi valori se ne fotte allegramente. Ma forse è troppo difficile da capire per i tifosi granata del 2019

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 4 mesi fa

      Ovviamente concordo! E poi Berenguer di gol ne ha fatto uno solo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Bischero - 4 mesi fa

    Un po’ mi viene da ridere. Sembra che chi parla non bene di parigini sia un brutto tifoso cattivo irriconoscente per chi é cresciuto nel toro. In realtà a parigini non si può imputare nulla. Corre, si impegna, non alza la voce per la panchina, si é messo in discussione per rimanere in rosa adattandosi anche ad altri ruoli. Semplicemente lo si giudica per come si muove e cosa fa in campo. … Guardandolo giocare si vede lontano un km che in un toro con ambizioni europee un giocatore di quel livello non serve. Uno che dice di essere un esterno d attacco che gioca a piede invertito deve avere altri approcci alla fase offensiva. Se il Sassuolo é veramente interessato credo che sia meglio per entrambi separarsi. Poi se Mazzarri riterrà opportuno lavorare con lui per affinare la fase difensiva si potrà tenere come riserva sulla destra come quinto di centrocampo, altrimenti buona fortuna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. SiculoGranataSempre - 4 mesi fa

    A me questo giocatore non piace molto. Forse sono influenzato dal gossip e dalle sopraciglia depilate (

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Immer - 4 mesi fa

    Comunque è meglio per me un errore di parigini che3di berenguer io sono del Toro il resto è fuffa. Parigini ha giocato nelle giovanili del Toro per questo lo rispetto e lo incinto sempre e comunque

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Numero7 - 4 mesi fa

    Forse esploderà più avanti e lo spero vivamente per il Toro ma ad oggi oltre alla grinta che ci mette non è un giocatore che fa la differenza penso che attualmente non è un giocatore titolare da squadra da settimo posto in su, quello che serve a noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Tifoso da Malta - 4 mesi fa

    Parigini, in campo, é ancora immaturo.
    Parigini ha bisogno di crescere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. renato - 4 mesi fa

      E allora che facciamo? Lo facciamo “crescere” in panchina? Lo facciamo maturare mettendolo in una cesta al sole in estate?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. user-14246928 - 4 mesi fa

    vero all’estero giocano molti più giovani,gli danno maggior spazio, ci credono di più, i nostri molto spesso vanno a giocare altrove quando potrebbero rimanere in squadra. spero che millico e rauti, ma anche ferigra e kone rimangano qui e non vome sorrentino pellissier ed altri che si sono affermati altrove. lo avrei tenuto anche uno dei fratelli gomis al posto di milinkovic savic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Oni - 4 mesi fa

    Il ragazzo ogni volta che entra in campo si danna l’anima anche se a volte sbaglia x troppa foga e questo dovrebbe capirlo l’allenatore il quale dovrebbe avere la cura di insegnarli il mestiere ma il nostro allenatore non è in grado quindi basta dargli addosso perché non mi sembra che chi giochi prima di lui faccia sfracelli creando occasioni lasciamolo stare e diamogli il nostro appoggio perché lui è uno di noi tifoso del toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. DavideGranata - 4 mesi fa

      Esatto.

      Sottoscrivo parola per parola.

      Mazzarri dei Giovani se ne fotte, proprio perchè non è in grado, come Gasperino o di Francesco, di svezzarli, seguirli, farli crescere e dar loto fiducia.

      Anche in questo compito uno zero assoluto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. wendok - 4 mesi fa

    condivido in toto il pensiero di torohm

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. user-13967438 - 4 mesi fa

    Poche storie…
    In questi casi il portiere prega che il tiro sia debole o gli sbatta addosso.
    In entrambi i casi delle occasioni avute da Parigini è stato debole il tiro, dove per debole si intende eccessiva ricerca di precisione nell’angolo di tiro.
    Di per sè l’attaccante ha mantenuto il vantaggio del possesso palla facendo la scelta giusta.
    Poca velocità in più al pallone e il portiere è “fottuto”.
    Non potrà mai scendere più in fretta di quello che gli impone la legge di gravità e i suoi 9,8 metri al secondo quadrato… il pallone invece può viaggiare più in fretta di come ha fatto… non serve la cannonata a 150 km/h, basta veramente poco e la palla passerà prima della sagoma del portiere.
    La prossima volta sono sicuro verrà infranta la regola del non c’è due senza…
    Tocco angolato appena più sospinto e il gioco è fatto!

    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. TOROHM - 4 mesi fa

    Bah….uno se è forte gioca sia che abbia 19 o 30 anni.All’estero succede in italia no.Che i giovani forti siano solo all’estero mi sembra strano.Comunque Mazzarri Aina lo fa giocare quindi non ritiene Parigini altrettanto forte ed in effetti è bravo ma non è uno spaccapartite.È un pezzo che gioca tra A e B e ancora non è esploso quindi 7n motivo ci sarà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pacman - 4 mesi fa

      E Mazzarri è l’unico che gli sta dando una vera chance. Non dimentichiamoci che il tanto decantato Mihajilovic, quello che ha la nomea di far giocare i giovani, Parigini l’aveva spedito altrove e per sempre…. e edera al BOLOGNA lo tiene in panca.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Madama_granata - 4 mesi fa

      Perché, Aina è forse uno “spaccapartite”?
      Nel senso che le spacca perché si fa buttare fuori, o rischia di farci dare rigore contro?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. user-14246928 - 4 mesi fa

    Sul fatto che sia forte nessun dubbio, dovrebbe solo giocare di più, entrare sempre in campo per mettere esperienza e minuti nelle gambe e l’anno prossimo potrebbe giocarsi il posto di seconda punta! anche io ho esclamato contro di lui per l’ertore ma si farà il ragazzo c’è e si farà!!! vincenzo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pacman - 4 mesi fa

      Sul fatto che sia forte di dubbi c’è ne sono parecchi invece….. non dà proprio l’idea di essere un giocatore da Serie A, e mi dispiac3 un casino doverlo ammettere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. tafazzi - 4 mesi fa

    Io credo che ci sia prevenzione nei confronti del ragazzo; domenica Belotti ha sbagliato un contropiede molto simile a quello sbagliato da Parigini con il Parma (non ha centrato la porta e la linea di passaggio era molto più chiara rispetto a quella di Parigini, ma non mi pare si sia dato tanto peso all’errore.
    Il gol mangiato davanti al portiere è sicuramente un errore ma qualche merito lo si può dare anche al portiere.
    Non sta dando dimostrazione di essere un cecchino ma è evidente che quando gioca si crea molto di più e questo non lo può negare nessuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Kieft - 4 mesi fa

    Questo articolo è il motivo per cui al Torino i giovani non esplodono e vengono subito bruciati . Esploderà in un altra squadra come in passato ha fatto Pellissier oppure Marchetti oppure Sorrentino …Ma ha tirato in porta ….il portiere era fuori dai pali quindi gli aveva chiuso lo specchio della porta …era in corsa e ha tirato di prima ….il portiere l’ha deviata fuori ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ALESSANDRO 69 - 4 mesi fa

      Ci è andato in un altra squadra ma non mi risulta sia esploso .
      Inoltre ha incontrato le stesse difficoltà nel trovare un posto da titolare….
      Possibile che gli allenatori siano tutti idioti…???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Granata69 - 4 mesi fa

    E dai e dai prima o poi la butta dentro… forse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. morassut.maur_9001655 - 4 mesi fa

    Meno male che l’errore non è stato decisivo perché altrimenti lo appendevano per i……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy