“Prima vinco e poi me ne vado”, i dieci anni di Petrachi al Toro

“Prima vinco e poi me ne vado”, i dieci anni di Petrachi al Toro

La storia / Al suo arrivo il Toro era a rischio Serie C, dieci anni dopo i granata sono a tre punti dalla Champions League

di Marco De Rito, @marcoderito

Dieci stagioni, sette allenatori. Dalle porte della Serie C nel 2010, a tre punti dalla Champions League nel 2019. Gianluca Petrachi al Torino le ha viste tutte o quasi. Il suo punto più alto con Giampiero Ventura: quando il Toro è riuscito a centrare l’Europa League superando i sedicesimi a Bilbao, e ha vinto anche un derby con la Juventus dopo vent’anni di astinenza. Ripercorriamo la storia del direttore sportivo più longevo del Torino.

L’ARRIVO TURBOLENTO –  Al suo arrivo, dicembre 2009, c’è una pesante contestazione degli ultrà: la squadra granata langue nella classifica medio-bassa della Serie B. Petrachi prima affianca Rino Foschi, poi prende i pieni poteri della scrivania granata dopo la partenza dell’esperto dirigente romagnolo. Richiama Colantuono in panchina, al posto di Beretta, ed effettua un mercato rinominato poi la “rivoluzione dei peones”: fuori i giocatori di nome come Di Michele, Diana, Pisano ed altri, dentro calciatori meno conosciuti ed affamati come D’Ambrosio, D’Aiello, Pestrin, Barusso. La rimonta dei granata si ferma in finale playoff, persa col Brescia. Poi segue una stagione disastrosa, quella con in panchina Franco Lerda, 2010/2011. Allora avviene la svolta, per il campionato 2011-12 arriva Giampiero Ventura, con cui Petrachi aveva in precedenza lavorato a Pisa. All’inizio della nuova stagione, i tifosi chiedono le dimissioni del dirigente granata ma lui risponde: “Prima vinco, e poi me ne vado”. 

Ventura

L’ERA VENTURA – A Giampiero Ventura viene fornita una squadra interessante: nell’estate del 2011 arrivano al Torino, tra gli altri, due futuri pilastri come Glik e Darmian. La promozione arriva immediatamente con il secondo posto in B. Nei cinque anni di lavoro fianco a fianco con il tecnico ligure, il Toro riesce a centrare l’Europa League nel 2014 con un settimo posto diventato valido grazie alla mancata Licenza Uefa del Parma. Sono anni di crescita societaria e tecnica in cui il ds scova a basso prezzo diversi giocatori che hanno fatto la fortuna del club tra cui Cerci e Immobile.

CHE PLUSVALENZE – A marcare l’era petrachiana sono soprattutto le plusvalenze, clamorose cessioni milionarie (da Peres a Zappacosta, passando per Glik e Cerci) che hanno il fine di aumentare nel lungo periodo le possibilità della società in quanto a spese per ingaggi e cartellini. Dopo la deludente parentesi di Sinisa Mihajlovic, viene scelto il 3 gennaio del 2018 Walter Mazzarri: dopo sedici mesi, la squadra è a tre punti dalla Champions League. Il rapporto con Cairo, però, è da tempo ridotto ai minimi termini, sino al botta-e-risposta mediatico degli ultimi giorni che avvicina chiaramente la separazione tra i due (leggi qui). Tuttavia, il bilancio dell’era Petrachi all’ombra della Mole si può considerare positivo. Dalle porte della Serie C alle porte della Champions League: con il salentino dietro la scrivania, la dimensione del Torino è cambiata.

42 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS - 4 mesi fa

    Scelta giusta andarsene, se aspettava che si vinceva qualcosa ci toccava succhiarcelo ancora 100 anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. RDS - 4 mesi fa

    Scelta giusta andarsene, se aspettava che si vinceva qualcosa ci toccava succhiarcelo ancora 100 anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tifoso da Malta - 4 mesi fa

    Ma perche discutere questi soggetti caldi nel media?
    Davanti a tutti?
    Proprio in questo momento caldo dello stagione?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. paolino - 4 mesi fa

    Se vi ricordate quando Mondonico fu contattato dall’Inter lo disse chiaramente… e disse che era combattuto:è umano!
    Ora non dico che tutti dovrebbero fare così, lo stesso Giagnoni rammento’ di aver sbagliato, ma neanche diventare vittima e attaccare il presidente che ti ha concesso di crescere professionalmente… cmq se il Toro non arriva in Europa avrà perso anche Petrachi, se ci si riuscirà avrà invece un altro successo nel suo curriculum anche se ha dato a Mazzarri una squadra da 8/9 posto senza ricambi e senza mercato di riparazione che si sta giocando la Champions,,, santi Rincon, Belotti, Izzo, Sirigu, Ansaldi e Nkoulou: quando girano loro si sopperisce agli altri limiti che vengono da chi ha fatto il mercato non da chi li mette in campo… Con altri allenatori credo che non saremmo lì e Petrachi sarebbe già andato a Boston da tempo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. dattero - 4 mesi fa

    Granata il boss lo conosco,capisco perfettamente cio che intendi,cosi,come puoi immaginare,cosa assolutamente non sopporto di petrachi..
    il collega di forum bagigalupo,con cui quasi mai son d’accordo,ha scritto un post interessantissimo che consiglierei di tenere ben presente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dattero - 4 mesi fa

    Granata,anche a me piace il soggetto che opera in Toscana,ma come ci dicemmo,non piace al boss.
    poi,certo le vie del Signore sono infinite,ma la vedo ardua.
    un caro e sincero saluto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 4 mesi fa

      Saluti a te @dattero. Per fine campionato ci si può trovare, separati da una bottiglia, se vuoi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. dattero - 4 mesi fa

    sig De Rito,mi perdoni,lei ha scritto un sacco di panzane che non le fanno onore.
    visto che intraprende la carriera giornalistica,una delle pme virtu’ eè informarsi bene su cio che scrive.
    cerci ed immobile chi gli ha scovati?glick e darmian chi la chiesti e scovati?
    articolo distante dalla verita’,ma molto distante.
    forse non è il suo mestiere.
    non le ribatto punto su punto,essendo poco serio l’art,non perdo tempo.
    si faccia un esame di coscienza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. TOROHM - 4 mesi fa

    Meglio tenere Belotti & co.(ovvero quei 7/8 buoni) e vendere Petrachi che Cairo qualcosa guadagnerà anche con la sua vendita altrimenti lo tiene fermo un anno e ben gli sta a sto esoso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. JoeBaker - 4 mesi fa

    Se Cairo ha parlato, alla radio e manco alla stampa, qualcosa deve essere successo.
    Comunque, il momento sbagliato per parlare, creando distrazioni e tensioni, quando tutti dovrebbero avere la testa alle partite che mancano.
    Se Roma dovesse essere, mi pare che abbia fatto il primo colpo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Immer - 4 mesi fa

      Certo con 45 milioni di euro delle tv penso che andare in b diventa difficile perciò fare quello che fa petrqchi lo posso fare anche io. Come esperto di mercato non voglio e non posso giudicarlo perché con Cairo e zero osservatori esterni cosa può fare. Ma come uomo a pelle non mi è mai piaciuta antipatico mai detto qualcosa di Toro. Percio può andare dove gli pare tanto è solo un tirafili e come lui ce ne sono tanti basta anche un persona come Comi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Frenk - 4 mesi fa

    Siamo alle solite si cada sempre sul più bello.
    Se Cairo e petrachi non van più d’accordo si poteva aspettare alcune settimane e a campionato finito si parlava. E poi ognuno per la propria strada. Una società e un presidente serio si vedono anche ei piccoli gesti. Sicuramente il volpone di Cairo a qualcosa in mente. Si spera qualcosa di furbo. Forse petrachi lavorerà per altre società come 007. E ci girerà qualche buon giocatore a gratis. Dai forza toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. DavideGranata - 4 mesi fa

    Ai soliti “noti” che difendono a spada tratta l’operato di questo “squallido faccendiere”, unitamente all’operato del mandrogno, suo ex (quasi) padrone, evidenzio solo una “particolarità”:

    10 anni, ZERO TITULI sportivi, voto ZERO.

    Ovviamente, se invece la mettiamo da un punto di vista di “scudetto fair play finanziario” e quattrini di plusvalenze in tasca al mandrogno, sino a prima dell’avvento del serbo in panchina, allora il voto diventa 7 (al netto dei bidoni in stile Larrondo, Amauri, ecc. ecc.), anche se, in realtà, era Ventura che “tirava i fili” del mercato e petracchio gli “andava dietro” per manifesta incompetenza.

    In effetti, poc’anzi ho parlato di “periodo prima dell’avvento del serbo”: da quel momento e quindi da due anni a questa parte, sta continuando a fare cilecca (ma non c’è da stupirsene) e dunque il mandrogno, la cui “affezione” nei confronti dei suoi subalterni scompare del tutto quando gli fanno perdere quattrini, lo ha messo in liquidazione.

    La prova…?? Il bilancio chiuso qualche giorno fa, in rosso: cosa che il mandrogno non ammette, se non in prospettiva di futuri introiti sostanziosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 4 mesi fa

      Non abbiamo vinto titoli (cosa quasi impossibile in Italia, grazie ai gobbi, ancor più in Europa dove le italiane fanno le cenerentole) è vero, ma risultati si. Se ti trovi in bassa B e vieni promosso hai raggiunto il massimo risultato possibile. Se per anni facevi l’altalena tra A e B e ti stabilizzi nella massima serie hai raggiunto un risultato. Se conquisti l’Europa da outsider (e la meritammo perché il Parma fu più forte solo perché giocò) e poi la onori pur senza avere i favori del pronistico (la declamata Atalanta è stata sbattuta fuori nella fase a gironi, per fare un parallelo) puoi andarne orgoglioso. Da li in poi il declino, ed è lampante. Ora siamo di nuovo in carreggiata e dovessimo conquistare l’Europa sarebbe un altro risultato importante raggiunto. Non esistono solo i titoli, è tutto relativo. Per la Spal la salvezza vale uno scudetto, per i gobbi l’eliminazione (l’ennesima) dalla CL è un fallimento totale. Noi, credo, firmeremmo già solo per accedervi alla CL.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 4 mesi fa

        …il Parma giocò sporco….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. DavideGranata - 4 mesi fa

        Scusami, Mimmo, ma delle briciole non mi accontento.

        Sarà perchè io il Toro dello Scudetto, delle Coppe Italia, della Finale Uefa, di Giagnoni, di Radice e di Mondonico li ho vissuti in prima persona e di questo ne sono orgoglioso e fiero.

        Dopodichè ognuno faccia le proprie scelte e “riceverà” di conseguenza.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. anpav - 4 mesi fa

      Onestamente a leggerti si fatica a comprendere, tu, da che parte stai.

      Già la frase che tu hai voluto evidenziare potrebbe spiegare molte cose.
      E un certo tono di faziosità evidente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marcogol - 4 mesi fa

        Ancora date retta a davidefalso? Provocatore a tempo perso, maleducato e antigranata

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. DavideGranata - 4 mesi fa

          Che bello vedere due perdenti e accontentisti che si sostengono vicendevolmente.

          Mi raccomando, fare sempre l’abbonamento e versare l’obolo al madrogno, in attesa di “future vittorie”….!!!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. malva - 4 mesi fa

          hai dimenticato “patetico”

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. DavideGranata - 4 mesi fa

            Ecco il terzo che mancava: sono talmente perdenti nella vita che si sostengono l’un l’altro.

            Nemmeno buoni per fare da concime al campo di gioco del Filadelfia.

            Mi piace Non mi piace
      2. DavideGranata - 4 mesi fa

        Eh si…gli altri se non la pensano come te. sono faziosi, mentre tu hai la verità in tasca.

        Continua pure a gioire per gli scudetti finanziari e di bilancio, per le plusvaleze del mandrogno e a lodare 14 anni di nullità assoluta in termini sportivi.

        Saranno le uniche cose che avrai “vinto” nella tua vita, oltre a fare il baciapile del mandrogno e dei suoi lacchè.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. André - 4 mesi fa

    “Chi non é fiero di stare nel Torino può pure andarsene”. Parole sue (o giù di lì, non ricordo l’espressione esatta) che disse anni fa Petrachi.
    Mi era piaciuto per questa sua presa di posizione. Oggi ha perso una buona occasione per starsene zitto.
    Forza Toro!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Toro 8 Scudetti - 4 mesi fa

    Comunque dopo 10 anni ci sta
    Sabatini si è liberato dalla Samp. Sarà un caso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. steacs - 4 mesi fa

    un DS sopravvalutato come pochi… ma del resto in un paese di ciechi l’orbo fa il sindaco!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. mah... - 4 mesi fa

    Speriamo allora che arrivi, al suo posto, qualcuno che finalmente vinca qualche cosa…
    A lui ovviamente auguro di non fare la fine di Ventura, perché comportarsi male con il TORO non ha mai portato bene a nessuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. wally - 4 mesi fa

    sinceramente credo che le parole di Cairo non abbiano nulla di offensivo ma sono semplicemente di buonsenso..
    “se avesse fatto accordi sotto banco , avendo ancora un anno di contratto, non sarebbe corretto”..il SE è fondamentale e non accusa nessuno..
    se poi Petrachi ci vuole marciare sopra è un’altra cosa..
    Io spero che Petrachi rimanga,lo stimo molto anche se comprendo che più soldi fanno piacere a tutti..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Granata - 4 mesi fa

    Petrachi, rispetto ad altri, sino ad ora, ha avuto un merito che nessuno gli riconosce. Molto probabilmente , e non è una colpa, nessun commentatore conosce Cairo. Se lo si conoscesse si saprebbe che andare d’accordo con lui è molto ma molto difficile. L’eventuale o gli eventuali successori, per poter lavorare, dovranno superare questo banco di prova. A me , personalmente, piacerebbe una figura che attualmente lavora in Toscana, chissà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. user-13999465 - 4 mesi fa

    Pres. lascialo x 1 anno a grattarsi le balle così perde il carro roma. intanto ti guardi intorno x un nuovo d.s.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Madama_granata - 4 mesi fa

    Da ciò che leggo in generale, e in particolare nei commenti dell’esperto Granata, il “suggeritore” dei migliori acquisti è stato Ventura.
    Visto il buon rapporto sempre intercorso tra lui e il nostro Presidente, non potrebbe Ventura rientrare nel nuovo ruolo di dirigente e scopritore di “talenti”?
    O pensate che con Mazzarri 2 “galli nel pollaio” non potrebbero convivere?
    Io, se riuscissero a collaborare in armonia, non li vedrei male!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tarzan - 4 mesi fa

      Io personalmente Ventura non lo sopporto. Non è um giudizio tecnico, è proprio che mi da fastidio sentirlo parlare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Il mio Toro - 4 mesi fa

    Dico la mia…….tempi e modi sbagliati per uscire dai 10 anni di collaborazione, ma comunque si sapeva, era da 4 o 5 giornate che non si vedeva piu il DS vicino al Pres e spero che il nuovo DS (Sabatini?) venga da noi visto cosa aveva costruito recentemente con la Roma e cio’ che hanno distrutto in poco tempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. BACIGALUPO1967 - 4 mesi fa

    Andrà a far coppia con il concittadino prescritto…
    È farà il passacarte di baldini
    Auguri!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Akatoro - 4 mesi fa

    Bisognerebbe sapere se le varie plusvalenze sono colpi di petrachi o di ventura. Dando anche pieno merito a petrachi mi salta agli occhi un particolare: gli acquisti migliori sono sempre state le scommesse vedi glik maksimovic Darmian ecc, mentre gli acquisti importanti ( ad eccezione del gallo e Izzo) tutti fallimenti, vedi Niang, Zaza soriano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. fog127 - 4 mesi fa

    proprio il momento giusto per fare casino …. non si poteva aspettare la fine del campionato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. malva - 4 mesi fa

      Ti sbagli.Doveva dirlo prima..a quest?ora dovremmo avere già qualche nome di possibili sostituti per il prossimo mercato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. user-14125506 - 4 mesi fa

    IANN65
    TROVO CHE IL SIGN PETRACHI DOVEVA ESSERE PIÙ ONESTO CON TUTTI NOI , PRESIDENTE CAIRO ” E DIRE CHIARAMENTE CHE VUOLE ANDARE ALLA ROMA , SENZA CERCARE LA ROTTURA CON IL TORO IN QUESTO MODO E CREARE MALUMORI.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. user-13658280 - 4 mesi fa

    hai ragione granata..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Granata69 - 4 mesi fa

    La realtà è che finché c’era Ventura a dirgli chi prendere sono arrivati Cerci, Immobile, Belotti, Darmian, Zappacosta, Glick,Benassi, Baselli, Moretti.
    Poi sono arrivati Niang e Zaza.
    Qualche buon acquisto di sconosciuti, questo sì, se per merito suo non lo so…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 4 mesi fa

      Non voglio difendere Petrachi, lo fa da solo, ma è la prassi, in una società di calcio , seguire i desiderata dei vari allenatori. Dopo lustri passati nel calcio professionistico, MAI, ho visto o sentito di Ds che osservano da soli, senza suggerimenti intendo, e Ds che non ascoltino gli allenatori MAI.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 4 mesi fa

        Hai ragione, in generale, sull’operato dei DS. A loro compete, come dice il termine, la direzione sportiva del club. Non devono essere per forza osservatori. Conta saper tessere una valida rete di conoscenze (osservatori, procuratori, calciatori, allenatori, giornalisti, addetti ai lavori in generale etc) e sfruttarla a favore del club. Petrachi ha avuto la bravura di far questo e l’intelligenza di ascoltare Ventura (che forse dimentichiamo esser stato scelto proprio da lui) in primis, ricononscendone capacità superiori nella valutazione e valorizzazione dei calciatori. È indubbio che senza Ventura è diventato tutto più difficile per lui. Non so quanto possano aver inciso gli acquisti onerosi e fallimentari di Soriano, Zaza e Niang, nell’incrinare il rapporto con Cairo e, forse, anche con Mazzarri che accolse l’arrivo last minute degli ultimi due dicendo “è da luglio che lavoriamo con altri uomini e per altri schemi e dovremo rivedere tutto ora”. Sta di fatto che, per come è finita la storia, i nodi son venuti al pettine. Speriamo di uscirne migliori di prima che alla fine questo conta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. malva - 4 mesi fa

      Diciamo che non è un guru ma nemmeno pessimo.Di certo non insostituibile.
      Magari alla Roma ,con budgets più alti farà bene..si vedrà
      Comunque al Toro ci si deve comportare correttamente..se vuoi andartene lo fai sapere e te ne vai,senza fare teatrini.Finchè sei qua comportati da professionista,finisci la stagine e se hai qualcosa da dire non lo fai attraverso i giornalisti..BABBEO!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy