Rampanti: “Rigore su Verdi non dato? Torino troppo distaccato dal potere”

Le opinioni – Parola al Mister / Serino analizza così i temi in casa Toro dopo Torino-Lazio 3-4

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Il Torino subisce una incredibile rimonta contro la Lazio e finisce così per rimanere per la prima volta nella storia a solo un punto dopo le prime cinque partite giocate in A. Serino Rampanti, nel nuovo appuntamento con “Parola al Mister”, legge così i temi più caldi in casa Toro.

Serino, da dove partiamo per parlare di questa partita pazzesca?

“Da un’immagine che ho visto in tv di Antonio Comi da solo in tribuna, mi ha dato un senso di abbandono. E’ vero che allo stadio non c’era Cairo, a cui auguriamo di cuore di riprendersi presto, ma non c’era nemmeno Lotito, e poco dopo hanno inquadrato i dirigenti della Lazio. Tare, Peruzzi e Matri erano distanziati per via del Covid ma uniti e vicini, mi hanno dato la sensazione di essere una società presente e strutturata. Questo si riverbera secondo me anche in quello che succede in campo”.

A cosa ti riferisci?

“Al rigore non dato per quel fallo su Verdi. Incredibile: per spiegarmi una cosa così mi viene da pensare che, mentre Lotito dà sempre l’impressione di essere un personaggio influente negli ambienti ai vertici del calcio, il Torino non si sia mai attivato per diminuire il distacco dal potere centrale del mondo del pallone. Quando si comanda una società importante è fisiologico sbagliare ogni tanto un acquisto o una cessione, ben più grave è non strutturarsi con dirigenti che curino certi aspetti che vanno al di là del piano tecnico”. 

Passiamo a parlare del campo: una rimonta incredibile subita dal Torino, in cui hanno colpe specifiche due giocatori che un tempo erano certezze come Sirigu e Nkoulou. 

“Chi ci segue settimanalmente sa come la penso su questi due giocatori. Non conosciamo le dinamiche interne alla società, certo, ma possiamo immaginare e ipotizzare cosa sia successo. Magari loro due avevano intenzione di trasferirsi in club più ricchi del Torino ma non gli è stato concesso. Se già è difficile raggiungere un equilibrio di squadra quando tutti i calciatori sono presenti mentalmente, figurati quando succedono dinamiche di questo tipo. Comunque da Nkoulou e Sirigu mi aspetto che sappiano sgombrare la testa dai problemi e riprendere a lavorare duro per aiutare la squadra a tirarsi fuori da una situazione che è diventata difficilissima. Così fosse, ne sono certo, torneremmo a rivedere quel che sanno fare”. 

E poi c’è l’errore sottoporta clamoroso di Verdi. 

“Sì, clamoroso e pesante, ma come ti dicevo la settimana scorsa il fatto che Verdi riesca ad arrivare sotto porta con questa frequenza è un buon segnale, significa che Giampaolo gli ha trovato il ruolo giusto. Con questo modulo ha meno compiti difensivi ed è più libero di svariare in avanti. E questo è un merito del tecnico, che poi può fare poco se il giocatore davanti alla porta sbaglia”.

Parliamo proprio di Giampaolo: hai sentito il suo sfogo nel post-partita?

“Certo che sì. Il tecnico merita tutto il nostro rispetto, ma lui è il primo a sapere che se la barca non riuscirà a prendere una giusta direzione il primo ad affondare sarà lui e gli saranno addebitate le colpe, anche quelle (tante) che non sono sue”. 

Facciamo un passo indietro: Singo ha fatto benissimo contro il Lecce e ha raccolto molti elogi. Tu, due settimane prima, ti eri spinto a dire che fare a meno di lui è autolesionismo. 

“Sai, ho sentito qualcuno dire che questo ragazzo è al Torino non per meriti del club ma per merito del procuratore di Nkoulou che l’ha portato. Sono cose dette da chi non conosce bene come funzionano le dinamiche di mercato. A volte succede che i club siano attrezzati con osservatori che segnalano ai loro responsabili i talenti, i quali vengono seguiti per mesi e poi eventualmente acquistati. Ma il più delle volte succede che i giocatori promettenti vengono segnalati ai club importanti da dirigenti di società minori o, appunto, procuratori. A quel punto spetta ai club fiutare l’affare e capire di chi fidarsi. Se Singo è arrivato al Torino, dunque, chi lo ha preso va elogiato, non criticato. L’aspetto negativo secondo me è un altro”. 

Quale?

“Non sono state capite in tempo le sue grandi potenzialità. Quest’estate il Torino è andato a prendere come terzino destro Vojvoda dal Belgio: un buon giocatore, per carità, però quei milioni avrebbero potuto essere investiti in altri ruoli, avendo in quel ruolo uno come Singo. Quando uno è bravo bisogna capirlo subito. Questi sono errori di programmazione che alla lunga si ripercuotono sulla società e sui giocatori stessi”.

60 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. christian85 - 3 settimane fa

    esattamente Paul67

    lo disse anche Moggi in un’intervista di 10 gg fa.. in cui disse chiaramente che nella sua carriera, non ha mai visto un presidente lontano dalla squadra, e per lontano intende come sede.

    Vagnati e il mangiatore di panini Poldo, non sono quelli che rappresentano a fondo il Toro, dovrebbe essere solo Cairo, visto che le decisioni dipendono esclusivamente solo da lui.

    Ai tempi di Moggi, dg del Toro, il presidente Borsano era eccome presente quotidianamente e queste cose sono importantissime.

    Detto questo, sono 2 le cose : o Cairo e’ talmente antipatico che in Lega non lo sopporta nessuno oppure delegasse una volta per tutti chi di dovere e non si intromettesse,, poiche’ di calcio non ne capisce una beata mazza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paul67 - 3 settimane fa

    Anch’io, come Serino avevo notato la differenza, tra la presenza dirigenziale in tribuna delle 2 società, sembrava che giocasse in casa la Lazio.
    Lo ripeterò fino allo sfinimento se una società è ben strutturata e organizzata saprà sempre costruire qualcosa di buono, al contrario si rischia l’altalena.
    L’altro esempio della pochezza societaria sono i 2 terzini dx, 2 giovani promettenti che probabilmente si pesteranno i piedi tutta la stagione, mentre a sx sono stati acquistati 2 scarti che insieme nn ne fanno 1 buono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dattero - 3 settimane fa

    Il patron è legatissimo al potere,non sarebbe dov’è senza di esso. È stato,ed è protetto tuttora. Il calcio gli serve solo x fare favori,affari e compiacere chi di dovere,al momento. Il resto son solo elzeviri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. nopainnogain - 3 settimane fa

    personalmente non mi interessa entrare nel merito dei rigori non dati e/o subiti. semplicemente perché anche gli alibi, vanno almeno meritati e questa squadra certamente non li merita. temo che le ultime due partite ci abbiano sbattuto in faccia l’evidenza che questa ormai è una squadra di perdenti. La sconfitta gli si è attaccata addosso dalla scorsa stagione e ormai non si staccherà più. e questo, purtroppo, conferma che avremmo dovuto cambiare molte più giocatori (stavo per dire “uomini”, ma non mi sembra proprio il caso…) rispetto all’anno scorso, quantomeno per far entrare aria nuova e fresca. a me GP non dispiace: credo si veda qualche segnale del suo modo di giocare (segniamo con molta più facilità). le 11 rimonte subite sono un tarlo che non ha causato lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. leggendagranata - 3 settimane fa

    Non credo ai complotti, ma credo al peso negativo che ha la mancanza di professionalità. Con Rampanti concordo che è questo il peccato originale del Toro, da cui derivano molti altri e l immagine dai lui citata della Tribuna del Toro con il povero Comi solo e soletto è significativa. Si fanno errori per incapacità ,superficialità, poca programmazione, scarsa conoscenza delle dinamiche di un mercato dei calciatori da tempo divenuto globale. E capita da tempo: se andiamo gli stranieri ingaggiati, abbiamo raccattato molti pedatori del pallone di modestissimo, se non nullo, valore. Cito solo qualche esempio a memoria: i Sanchez Mino, i Ruben Perez, gli Ajeti, i Carlao, i Prcić, i Pryima, i Sadiq, i Gabbionetta, i Larrondo. Spesso si ha l’ impressione che ci si basi soltanto sui suggerimenti dell’ allenatore di turno e così quest’ anno ci siamo riempiti di ex sampdoriani, nessuno dei quali mi pare un fulmine di guerra. Oltretutto, elementi che tengono in panchina due giovani interessanti (Segre e Singo) che potrebbero (il condizionale è d’ obbligo perchè il calcio dà poche certezze) dare un fattivo contributo al gioco della squadra. Per quanto riguarda Verdi, è vero Giampaolo lo ha messo a fare quello che sa fare meglio, l’ esterno di fascia, ma Verdi non è un goleador, “cicca” troppe ghiotte occasioni. Io lo vedo come un “tornante” che scodella palloni per le due punte. E, a proposito di quest’ ultime, continuo a non capire il dirottamento di Belotti sull’ altra fascia e senza una vera spalla (non può essere Lukic).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. bloodyhell - 3 settimane fa

    la catena di sinistra della nostra difesa è assai scarsa, ma ciò che si è visto domenica ha dell’incredibile.persino il pareggio ci sarebbe stato stretto. è un momento che va così, anche se di gol ne stiamo prendendo davvero troppi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. LeoJunior - 3 settimane fa

    Ma vi siete accorti che nessuna trasmissione sportiva parli del fatto che siamo ultimi? Non è nemmeno più un fatto sportivo rilevante. Parlano della Fiorentina in difficoltà, ma ben sopra di noi e di noi che stiamo affogando, nessuno se ne importa. Guardate che è un segno desolante della nostra fine. Ormai si parla di Sassuolo, di Verona, di Samp e addirittura di Crotone e Benevento. Noi nell’oblio più cupo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 3 settimane fa

      E da anni….nelle trasmissioni quando un ospite…non il conduttore ma l ospite tirava in ballo il toro…il conduttore riusciva sempre a tagliare…o capitava sempre qualke altra cosa e l argomento si spostava su altre…
      Ognuno ha il suo perché…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

      Il tutto ha solo un nome anzi due……..
      Urbano Cairo
      Oblio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bilancio - 3 settimane fa

    Vi capita anche a voi di scrivere e nel mentre, desistere, in una sorta di…ne abbiamo parlato così tante volte..quasi un apatia…ebbene andiamo subito alla causa principale…la domanda delle domande che contiene anche la risposta e la fine…
    Perche la Viola fallì, la prese un della valle e si ritrovò al campo noi in champions
    Perche il napoli fallì e trovo un de laurentis che la porto quasi stabilmente in champions
    Perche il parma falli e trovo Barilla e soci ed ora e’ davanti a noi?
    Perche noi trovammo Cairo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 3 settimane fa

      …la viola Si ritrova al camp nou in champions…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. LeoJunior - 3 settimane fa

    Non credo che l’organizzazione di una società si misuri con la quantità di potere che ha nei palazzi. La forza “politica” semmai si raggiunge come conseguenza di un percorso che porti ad acquisire peso sportivo e quindi politico. E su questo, il re è nudo.
    Io ho smesso di cercare di capire come un imprenditore che non credo sia un genio nè un’eccellenza (ma l’ho già detto e argomentato decine di volte) ma che dovrebbe conoscere come funziona un’azienda, possa pensare di gestire in questo modo una squadra di serie A. Ho perso ogni speranza. Siamo di fronte ad un suicidio sportivo e aziendale certo. E non si vuole cambiare nulla. O è masochista o ci sono ragioni che mi sfuggono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. byfolko - 3 settimane fa

      E’ MASIOchista

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Leojunior - 3 settimane fa

    Ma è ovvio che l’arbitraggio sia stato scandaloso ragazzi, ma questa è una squadra che ha preso 15 gol in 5 partite.
    Metti il rigore inventato, metti il gol incredibile all’incrocio del tipo del Sassuolo. Rimangono pur sempre 13 gol. Ci ha segnato pure il Lecce. Metti il Karma negativo, la sfiga, le cavallette, metti tutto… ma la fase difensiva è un disastro. Se imposti poi la difesa a 4 non è che alla fine metti il quinto, rimani a 4 e al massimo aggiungi un centrocampista. abbiamo preso 4 gol in 10 minuti cosi facendo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Hastasiempre - 3 settimane fa

    Ma basta con ste cazzate ……….domenica di riffa o di raffa o come cazzo vi pare , senza quel demente in mala fede di arbitrucolo del cazzo la si vinceva senza se e senza ma . Ma ci volgliamo rendere conto che gli errori ai nostri danni sono stati addirittura indescrivibili !!! Mai visto uno scempio simile………

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Leojunior - 3 settimane fa

    Mah, io trovo i commenti di Rampanti sempre pessimi. Detti da uno poi che come allenatore è stato un disastro. E’ tutto “come dicevo”, e non ne azzecca una.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 3 settimane fa

      Disastro non direi… Con la nostra primavera ha vinto più di Longo facendo uscire talenti come Vieri Carbone Delli Carri Baggio Pancaro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. suoladicane - 3 settimane fa

    stiamo parlando di una sconfitta arrivata perchè non si è buttata una palla in tribuna o non si e fatto un fallo tattico sulla trequarti, ma invece si è fatto sgusciare un attaccante avversario tra 4 difensori nostri che hanno dormito……
    al ’92 si vinceva 3-2 se non sei capace a palleggiare la palla si spara oltre la copertura, non si fanno battere le rimesse, ecc…ecc… ma di cosa stiamo parlando? la società ha tutte le colpe del mondo, ma questi non sono giocatori da serie A ed il tecnico nemmeno.
    CAIRO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granataLondinese - 3 settimane fa

      Uno spettacolo duro a vedersi, specialmente se si sono visti i fasti dei vari Bruno e Policano, gente che non certo andava per il sottile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ALESSANDRO FIENAURI - 3 settimane fa

    Io non capisco proprio come non si attacchi un arbitro sciagurato con quello scempio fatto domenica con la Lazio. Io sono il primo a dire che non è possibile prendere 2 gol nei minuti di recupero sicuramente ci sono delle paure nella testa dei giocatori..ma questo purtroppo si sapeva, ma quello che ha combinato l’arbitro è sconcertante o è in incapace e quindi deve stare a casa o è in malafede lui e soprattutto quell’altro che stava dietro al var è inconcepibile che uno sgambetto netto in area non è stato neanche visto e per un tocco di pancia invece è stato dato rigore. MA DI CHE PARLIAMO la realtà è questa è inutile che giriamo intorno e non ci incaxziamo…sai il battito di una farfalla si dice che crea un iragano…quindi questi episodi sono gravissimi il limite del calcio come tante cose nella vita sono fatte di dettagli e se non aveva dato rigore forse stavamo godendo e dicevamo pure che n.kulo era stato il salvatore con quella respinta di pancia, invece… la preda proprio in.kulo. Bisogna alzare la voce e pure forte dal magazziniere a chi comanda soprattutto se sei uno che ha in mano gran parte della stampa..ma di che ha paura! Pensate voi se questi episodi erano capitati contro i bianconeri o i nerazzurri ma anche se era successo a parti inverse a Lotito pensate voi Mino c’era stata una rivolta di stato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

      Sì sì avrai ragione.
      Ti sei chiesto perché la società non parla?
      Già la società, di quale società parliamo?
      Che rispetto vuoi avere degli arbitri se il Toro non è rispettato neanche dalla sua pseudo società.
      Non avete ancora capito che a Cairo non frega un cazzo del Toro!!!!
      Poi detto questo dopo che è un anno che perdi in continuazione chi vuoi che ci prenda sul serio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO FIENAURI - 3 settimane fa

        Si questo hai perfettamente ragione non abbiamo una società non abbiamo un presidente. Ma questo sono anni che lo dico che non vedo l’ora che vende. Con cairo gli anni più anonimi della storia del toro. Secondo me neanche tifa Toro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

          Scusa mi sono riferito a “non avete ancora capito” a te ma era in senso lato e rivolto anche a me

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. capitanuncino.a_14326565 - 3 settimane fa

    Io penso che da troppo tempo manchi una minima programmazione. Non ci sono soldi o non si vogliono investire ? Allora puntiamo sui giovani, diamogli fiducia e facciamoli giocare….Non può marcire in panca un ragazzo come Segre per farne giocare uno a fine carriera e fuori ruolo…comunque, domani si vince !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Bischero - 3 settimane fa

    Giampaolo é lasciato solo perché non esiste una società. L unico professionista in organico é vagnati. Comi? Caliamo un velo pietoso.società gestita a livello dilettantistico e Sono 15 anni che ripetiamo le stesse cose e non cambieranno mai. Sìngo é bravo ma inesperto e a volte ingenuo(come é giusto che sia) non ci trovo nulla di male ad avere un alternativa più consolidata. Utilizzo per me é corretto. Sta giocando meno ma comunque con continuità. Su verdi la penso some rampanti. non é un caso se cmq creiamo almeno 5 palle gol a partita rispetto al duo zaza Belotti dove se andava bene tiravamo una volta. Alla fine della stagione verdi si avvicinerà alla doppia cifra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Fabio19 - 3 settimane fa

    Se ci andiamo ad impantanare nei discorsi del potere delle Società e delle attenzioni arbitrali non ne usciamo più. Diciamo le cose come stanno. Oggi il calcio è diventato uno spettacolo da vendere; è una merce come tante che, per esser venduta, deve riscuotere interesse. E l’interesse per chi compra lo spettacolo calcio sono i gol. Questi sono triplicati grazie alle regole cambiate e ai nuovi dettami tattici che prevedono difese inesistenti. Da tutto ciò deriva l’esigenza di giocare in attacco. Quando la palla gira in area un qualcosa succede sempre e se una volta un rigore non lo concedono, la seconda o la terza sono costretti ad assegnarlo, pure a noi. Che poi nei casi dubbi si favoriscano le “solite” lo sappiamo e tifiamo Toro proprio per questo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Gigiotto - 3 settimane fa

    L’ho detto e lo ripeto oggi,se sei il proprietario dei due quoridiani più venduti in Italia,forse è il caso di farsi sentire. È mai possibile che gli altri se daneggiati hanno sempre il titolone e noi no!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Fb - 3 settimane fa

    Il rigore su Verdi e‘ inesistente su Internet

    Se fosse successo al Napoli o all‘Inter…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Guevara2019 - 3 settimane fa

    E quando mai il Toro è stato vicino al potere? Poi se ci si scontra contro una squadra che ha un presidente ben impastato in federazione,embè le tutele arbitrali arrivano di conseguenza.
    Non siamo nati ieri Serino,è e sarà sempre così in tutti i campi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guevara2019 - 3 settimane fa

      Aggiungo

      In tribuna potevano esserci una decina di dirigenti con famiglia al seguito,la trombata con quel rigore sarebbe avvenuta ugualmente,poi se si vuole sfondare una porta aperta affermando che la società Toro sia da considerare come un armata brancaleone,direi che lo sanno tutti.
      Però ripeto,se non sei potente,ricco e ben oliato con gli ingranaggi del potere in questo caso calcistico,le trombate sequenziali arrivano di conseguenza.
      Semmai ciò che è inquietante.è che le trombate arrivano e la passività regni sovrana,anche se non servirebbe quasi a nulla strillare,però almeno si dimostrebbero gli attributi che non ci sono…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Messere Granata - 3 settimane fa

    Il Calcio, per sua natura, continuerà ad essere uno Sport determinato dagli episodi. Il volenteroso tentativo di commentarli, dando di essi un giudizio definitivo, è inutile. Ciò che oggi può apparire come una sentenza, verrà smentito domani e ancora di più dopodomani. Ai “punti” il Torino avrebbe meritato di vincere con la Lazio, ma questo è il Calcio e non la Boxe. Coraggio. Domani o dopodomani “girerà” meglio per noi. Se è vero che la fortuna arride agli audaci, la sfiga perseguita gli sfigati. Niente alibi e combattere sempre. Questo conta. Never give up!!! SFT.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Torello di Romagna - 3 settimane fa

    Che novità ! Da sempre il Toro non conta nulla”politicamente” al palazzo del calcio …. Se ci va bene così manteniamo pure questa linea (importante poi che non ci si lamenti per i trattamenti ricevuti) .
    Inoltre , quest’anno la società ha prodotto un altolesionismo fotonico nel voler stravolgere la situazione tecnico tattica senza avere tempo per poterla praticare , né le possibilità economiche attuare .
    Non era l’anno giusto per un mister con visioni diametralmente opposte alle caratteristiche della rosa e all’impostazione tattica della squadra visto l’intervallo minimo tra i due campionati oltre al fatto che non è stato”accontentato” con l’inserimento di giocatori chiave fondamentali.
    Si doveva inevitabilmente migliorare la rosa ma senza stravolgere troppo l’impianto di gioco (non è stato fatto ne l’uno né l’altro) .
    In classifica è avanti chi non ha cambiato molto infatti .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Integralista Granata - 3 settimane fa

      Quoto al 101%.. Questa faccenda del cambiamento al momento meno opportuno alla fine puo’ costarci la categoria…ma chi decide predica pazienza, quindi pazienza. Ma lo aspetto al varco…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Cuore granata 69 - 3 settimane fa

    Il punto sulla dirigenza è il nodo cruciale..abbiamo un Dg e un Ds che mi pare siano troppo distaccati dalla squadra per non parlare dai palazzi dove se piangi stle lazio i regali prima o poi arrivano..ma anche su cose dello spogliatoio.Zaza e Millico per fare un esempio come stanno??? Si stanno allenando?? Qualquno sa qualcosa?? Visto che Belotti e malconcio li davanti recupera qualcuno?? Qui non si sa mai niente.società troppo asente e Giampaolo troppo solo..invece avrebbe bisogno di certezze visto che è da poco arrivato…così non si va da nessuna parte!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. user-14591855 - 3 settimane fa

    Tutte considerazioni giuste e condivisibili

    Voglio aggiungere una cosa: Rincon è troppo falloso. Regala falli ingenui e troppo pericolosi.
    Ad inizio ripresa commette un fallo su Correa che non aspettava altro che essere toccato e c’è stato il pareggio. Sarebbe stato fondamentale far stancare la Lazio e così non è stato
    Ha regalato la punizione che ha portato alla mischia del 3-4. Mancavano 30/40 secondi e forse non ci sarebbe stato il tempo per nessuna delle due squadre di costruire una serie azione da rete. Allora mi chiedo come mai continui ad essere titolare. Non soltanto non è un regista e non è colpa sua, ma soprattutto i suoi falli danneggiano la squadra. In attesa di Baselli facciamo giocare Segre che sicuramente non è così falloso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Mimmo75 - 3 settimane fa

    lucabenzoni7_8317634, guarda che non serve uno sceicco per organizzare bene una società. Ben vengano i soldi ma qui il problema è di gestione e organizzazione. Qui si tira a campare non perchè a Cairo manchino i soldi, anzi, ne ha persino sperperati un sacco ultimamente. Il problema è che un presidente dovrebbe limitarsi a strutturare la società, scegliere i dirigenti e mettergli a disposizione un budget. Qui accade l’esatto contrario: organigramma ridotto all’osso, nessuna rete strutturale di osservatori, tre ds e tre allenatori in un anno, presidente onnipresente in sede di mercato e budget che prende forma a seconda di come vanno le cessioni piuttosto che prestabilito come si fa quando si vuole investire seriamente. Il risultato è sotto gli occhi di tutti. Se poi vogliamo applicarci sul fatto che sia vero o no che i dirigenti del Toro siedono vicino alla squadra facciamolo pure. Serino ha espresso un’opinione, ha detto di aver avuto una “impressione” di abbandono. Ma, ripeto, applicarsi su questa affermazione e correggerla equivale a non aver capito nulla di quel che il ragionamento complessivo voleva evidenziare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lucabenzoni7_8317634 - 3 settimane fa

      Guarda che non hai capito ancora : non dico solo per i soldi ma ho detto in TUTTO ……. Non hai risposto alle mie …….. FT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 3 settimane fa

        Che si fa fin quando non viene a comprare nessuno? Di certo non mi metterò a battere le mani a Cairo e non rinuncerò al diritto di critica. Massimo sostegno all’allenatore e ai pochi in campo che meritano rispetto, feroce ma civile contestazione alla società fin quando non cambierà. Tu che intenzioni hai?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. lucabenzoni7_8317634 - 3 settimane fa

          Io tiferò TORO ottimisticamente SEMPRE e comunque …. l’altra ? …. FT

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. ALELUX777 - 3 settimane fa

    Massimo rispetto per il granatismo di Rampanti, ma non sono d’accordo con le sue analisi. Il fatto che esistano arbitri che sono deboli caratterialmente è si fanno influenzare(si spera non consapevolmente, ovvio, sennò salta tutto il sistema calcio..) dal potere di una o l’altra società e presidente, dimostra che quelli non sono arbitri adatti alla serie A e forse non sono proprio adatti ad arbitrare, non davvero che per vincere devi diventare potente per poi influenzare l’arbitro debole di turno.
    Il calcio rimane ancora uno sport giusto?
    Il fatto che poi basti mettere più persone in società, con ruoli non ben chiari, per avere una società forte e vincente mi sembra una logica causa effetto molto semplice talmente facile che come mai ci sono squadre zeppe di dirigenti che retrocedono ogni anno. Fosse così facile…
    Infine sta cosa cosa di Singo è una roba assurda al limite dell’imbarazzante, perché Singo è fortissimo e piace molto anche a me, ma ceduto Aina, serviva un terzino e ne hanno preso uno forte. Piuttosto,con già Ansaldi e Rodriguez, l’operazione Murru non è stata chiara, ma a costo 0 e senza obbligo di riscatto, per cui o bocci il giocatore oppure se va bene ti ritrovi un buon terzino.
    Il fatto poi di avere speso 7 milioni per Voivoda mi sembrano soldi spesi bene per un giocatore forte ancora da scoprire e Mi piacerebbe però che Rampanti dicesse anche quali sarebbero i giocatori su avesse investito lui, perché con 7 milioni son proprio curioso di sapere quale regista o trequartista avrebbe comprato…
    Piuttosto la mancata cessione di Izzo, figlia della non buona stagione precedente e anche di dinamiche di mercato influenzate dall emergenza covid, dove un po’ tutti hanno tirato il freno, ha impedito di avere un capitale da investire sul mercato.
    Massimo rispetto per il suo granatismo, ma da un granata, del settore calcio, esterno alla società, mi aspetterei una maggiore onestà intellettuale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 3 settimane fa

      Murru è arrivato con Rodriguez infortunato e a quanto ci sta facendo vedere il mister Ansaldi non è una sua prima scelta nel ruolo di terzino, nè la prima riserva. Lo ha invece schierato da interno. Evidentemente è li che lo vede ed è per questo che ha chiesto anche Murru.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALELUX777 - 3 settimane fa

        Concordo con te, Giampaolo voleva un terzino sinistro di maggior copertura per la difesa a 4 rispetto ad Ansaldi che considera invece più un giolly di centrocampo(esterno in presenza dei tre centrali o mezzala negli altri casi)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. lucabenzoni7_8317634 - 3 settimane fa

    Tare e Peruzzi in tribuna equivalgono ai ns. Vagnati e Moretti che sono TUTTE LE PARTITE IN PANCHINA sveeegliiiaaaa !!!!! NO SEMPRE parlare ad minchiam, bisogna saperle o guardarle le cose !!!!!! …… FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 3 settimane fa

      Continua a guardare il dito piuttosto che la luna. Non è questione di dove e con chi ti siedi ma di come sei strutturato e lavori. La Lazio frequenta abitualmente le parti alte della classifica e ogni anno gioca in Europa. Lotito è un pezzo di fango ma la società l’ha strutturata bene e mette i suoi dirigenti in condizione di lavorare con profitto, non cambia allenatori e direttori sportivi ogni 6 mesi, non promette mari e monti per poi regalarli nella boccia di cristallo soprammobile. Sveglia!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lucabenzoni7_8317634 - 3 settimane fa

        Mimmo è ovvio che non capisci mai : hai forse MAI letto che IO dico che la ns. società è la migliore ??!!!!! MAI !!!!!!! ….. in questo mio post ho solo detto com’è una cosa VERA e cioè che i ns. sono in campo e quindi più vicini materialmente di coloro che stanno in tribuna perchè Rampanti (e voi) dice che i ns. dirigenti sono distanti dalla squadra rispetto ad altri che sono in tribuna : questa è una c….a visto che sono in panca !!!! …… PUNTO !!!!! …… FT

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 3 settimane fa

          Facciamo un gioco, visto che ti piace girare intorno al problema: la Lazio è una società migliore del Toro? E se lo è, per quale motivo? Visto che hai scritto che si parla ad minchiam e non si sanno le cose, illuminami su ciò che pensi della società Torino e di quella Lazio. A prescindere da dove si siedono i dirigenti e se sono in buona compagnia.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. lucabenzoni7_8317634 - 3 settimane fa

            Mimmo visti i risultati ti devo anche rispondere ????!!!!!!!!!!! Mi sembra ovvio che la Lazio ad oggi è superiore in tutto …… io ho sempre voluto che venisse un Gazprom o uno sceicco arabo : fidati che ne sarei stracontento ……. ma ora rispondimi : fino a che non arriva nessuno a comprare che si fa ?????!!!!! e come mai non viene nessuno al TORO ????!!!! ….. FT

            Mi piace Non mi piace
  28. Tommydado - 3 settimane fa

    Disamina sempre precisa da chi di calcio se ne intende da dentro la società non è strutturata per il volere di un uomo che vuole comandare in un mondo di cui non capisce niente vedasi la perla acquisto vojoda con un singo così in panca… ha ragione anche sul mister ormai è in barca doveva guardare prima se non era in grado di navigare.. condivido su verdi ma sono convinto che con il passare del tempo diventerà sempre più importante se gli sarà rinnovata fiducia coppia …i gol arriveranno l’attacco con belotti e lukic è ben equilibrato male rincon e meite e in difesa bene lyanco e bremer il resto non mi ha convinto compreso sirigu

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Il_Principe_della_Zolla - 3 settimane fa

    Rampanti sempre più realista, sempre più critico nei confronti del Torino FC (finalmente, non ci voleva poi tanto), sempre più schierato. Comi solo in tribuna, quando inquadrato più attento al cellulare che alla partita in campo. La società è assente, quindi tecnico e squadra sono abbandonati alla loro sorte, che è grama per antonomasia. L fatto non è che oggi il re è nudo, il re non è mai stato vestito. Ma c’è ancora chi guarda il dito e non la luna, e non sono pochi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. gior_425 - 3 settimane fa

    “Torino troppo distaccato dal potere” e quando mai non lo siamo stati? Forse ai tempi di moggi, ma io non li rimpiango… Si critica, giustamente, lotito per i suoi atteggiamenti mafiosi e questo lo porta come esempio da imitare? Sarà che ha fatto per più tempo l’assessore che l’allenatore in A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. lucabenzoni7_8317634 - 3 settimane fa

    Rampanti mi dica : gli altri 100 e passa anni di storia il TORO è stato sempre aiutato invece dagli arbitraggi perchè superpotente ??!!!!! ….. ma per favore …… FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Il Giaguaro - 3 settimane fa

    Serino ha messo il dito sulla piaga… L’assenza della società ad ogni livello! Se con Cairo in ospedale tutto ciò che la rappresenta è Comi, solo come un cane, in tribuna quando giochi in casa! L’assenza nei media (e Cairo è un editore!!!!), non si protesta nelle opportune sedi per il mancato uso della VAR su Verdi come a partita finita si aspetta un minimo sospetto di fallo per consultarla a parti invertite. Anche così si perdono punti (tanti) e fiducia….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 3 settimane fa

      Io fatico ad accettare il punto di vista secondo il quale bisogna stare vicino al potere per essere tutelati. Non ho le fette di salame davanti agli occhi, so che purtroppo funziona così ma non è questo il calcio che vorrei, non deve decidere il potere ma le regole. Con questo non giustifico la ridicola organizzazione e gestione societaria del Toro, che resta palpabilissima non tanto per la presenza solitaria di Comi in tribuna quanto per l’assoluta evidenza dei risultati sportivi in picchiata costante nonostante cambino allenatori, direttori sportivi e calciatori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Bastone e Carota - 3 settimane fa

    Rampanti questa volta ha detto “una cagata pazzesca” (cit. Fantozzi).
    Avessimo in ogni ruolo del campo il dualismo Vojvoda/Singo saremmo i più felici del mondo. Il problema sono i troppi soldi spesi per giocatori mediocri, Zaza, Verdi, o la resa di gente potenzialmente forte ma con la testa ormai altrove, Izzo, N’Koulou, Sirigu.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. granataLondinese - 3 settimane fa

    Concordo su tutto ma il dualismo sulla fascia destra è tanta roba.
    I problemi sono altri, e non è neanche la telenovela della mancanza di un play o di un tre quartista, visto che andiamo molto bene e molto spesso sotto la porta avversaria.
    Il problema sono le motivazioni e la concentrazione dei singoli.
    Da quasi due anni ormai commentiamo ah, errore del singolo.
    Cambiando allenatore abbiamo valorizzato un paio di giocatori che erano fuori dal gioco prima ma c’è ancora troppa gente che pensa a giocare altrove o che ha paura di perdere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Mimmo75 - 3 settimane fa

    Mi stupisco di quanto dice l’ottimo Serino su Singo e Vojvoda. Secondo me, invece, la fascia destra è stato l’unico reparto nel quale la società ha agito bene in termini di investimenti (praticamente 4 spicci in tutto per due ottimi prospetti), tempismo di mercato, qualità tecnica, freschezza atletica e motivazioni. Abbiamo una coppia giovane che vuole emergere e che sarà stimolata dalla concorrenza reciproca, il calendario ristretto e gli impegni con la nazionale di Vojvoda faranno si che ci sarà spazio per entrambi. Dicevo che mi stupisco di quanto afferma Serino perchè sappiamo bene che i giovani vanno un po in altalena (fenomeni a parte, ma ad oggi non ne vedo in rosa) e che prima di poterci fare sicuro affidamento vanno testati nel lungo periodo. Chi altri avremmo a destra? Ansaldi? Si ma non rende al massimo in una difesa a 4 e comunque, come già fece Mazzarri, anche Giampaolo pare vederlo meglio da interno, forse anche perchè l’età non consente più di fare su e giù a tutta fascia, senza dimenticare la propensione agli infortuni muscolari che da sempre rappresentano il suo tallone d’Achille. In conclusione, con poco più di 5 milioni complessivi ci ritroviamo due terzini giovani, di qualità e corsa. Fatico a capire come si sarebbe potuto fare meglio di cosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granataLondinese - 3 settimane fa

      Ma si infatti, almeno c’è un reparto di cui non preoccuparsi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Tommydado - 3 settimane fa

      Però dice che in certi altri ruoli con giocatori adattati e siamo scoperti e invece lì abbiamo due giocatori titolari quindi qualcosa non quaglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 3 settimane fa

        Non quaglia che sono scoperti altri ruoli. La soluzione per coprirli non è lasciarne scoperti altri. Serino ha detto chiaramente che si sarebbe potuto evitare di comprare Vojvoda. Il risultato però sarebbe stato il solo Singo, con tutte le incognite che un giovane esordiente porta con se nel medio periodo, e Ansaldi con i suoi 34 anni e mille acciacchi, in un ruolo che può fare ma non con il profitto che garantisce giocando un più avanti e correndo meno e in modo diverso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. gigioscal - 3 settimane fa

      D’accordo con te

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy