Niang segna a raffica, il Rennes pensa al riscatto: il Torino attende e spera

Niang segna a raffica, il Rennes pensa al riscatto: il Torino attende e spera

In uscita / L’attaccante ex Milan potrebbe rimanere in Francia: le ultime prestazioni potrebbero indurre il Rennes a riscattarlo

di Alberto Giulini, @albigiulini

Sta attraversando un periodo particolarmente felice Mbaye Niang, che nelle ultime settimane ha inanellato una serie di prestazioni decisamente positive con la maglia del Rennes. Con il club francese l’attaccante sembrerebbe dunque aver ritrovato la migliore condizione, dopo un campionato in granata con più ombre che luci.

CESSIONE IN FRANCIA – Approdato in granata la scorsa stagione a fronte di un investimento da quindici milioni di euro, Niang non è riuscito a convincere in granata. Qualche spunto positivo in più da prima punta per l’ex Milan, che però ha collezionato una serie di prestazioni negative finendo nel mirino dei tifosi. E così, a fine agosto, è arrivata l’opportunità, prontamente colta dalla società, di cedere il giocatore in prestito con diritto di riscatto al Rennes. In Francia, dopo un avvio non privo di difficoltà, l’attaccante sembra finalmente aver trovato la migliore dimensione.

Millico out, Belkheir in crescita: Atalanta e Viareggio per prendersi il Toro

IL RISCATTO CONVIENE A TUTTI – Sei gol e quattro assist in trentuno presenze per Niang, risultato in forte crescita soprattutto nelle ultime settimane. Dal 16 gennaio ad oggi, Niang ha segnato cinque volte. Proprio l’altra sera, anche grazie ad un suo gol, il club bretone è arrivato in semifinale di Coppa di Francia. Il Rennes, di conseguenza, sta valutando approfonditamente la possibilità di esercitare il diritto di riscatto – fissato a quindici milioni – al termine della stagione. Al momento è ancora prematuro per parlare di decisioni definitive, ma di sicuro in caso di riscatto sarebbero soddisfatte tutte le parti in causa. Il giocatore non ha nascosto il desiderio di voler rimanere nel club francese, così come il Toro sarebbe ben contento di rientrare dell’investimento compiuto per acquistare il giocatore (nonostante il Milan abbia una percentuale sulla rivendita) ed allo stesso tempo liberarsi di un esubero. In casa granata ci sperano, è ovvio, e così l’attaccante senegalese, che a Rennes sta trovando quella continuità che in carriera non ha mai avuto. Per garantirsi un futuro al Roazhon Park Niang ha una sola strada: continuare sui livelli dell’ultimo mese di stagione.

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Filadelfia 2106 - 6 mesi fa

    Provate a pensare se invece di Niang avessimo preso Zapata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13999465 - 7 mesi fa

    Stai pure in Francia o dove ti pare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Como Granata - 7 mesi fa

    Vuoi vedere che ora della fine stagione….segna altri 6/7 goals???
    Buon per lui e per il nostro club…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ardi - 7 mesi fa

    Quindi oltre che cornuti pure mazziati nell’op Niang. Il Milan ha pure una percentuale sulla rivendita….che affarone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

      il Milan ha il 2,5% sulla futura vendita, cioé su 15 mln 375mila.
      Direi che si può fare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. r.ponzon_13686323 - 7 mesi fa

      Ardi, magari informati un po’ prima di sparare sentenze….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. drino-san - 7 mesi fa

    Adesso con Zaza si fanno gli stessi discorsi fatti per Niang, Boyé, Martinez, Verdi ecc. Il fatto é che un giocatore per valutarlo devi vederlo in campo titolare almeno 7-8 partite di seguito. Ma se valuti i risultati su spezzoni di partita 9 volte su 10 sbagli. Come valuteremmo Belotti se avesse giocato gli stessi minuti di Zaza?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gio - 7 mesi fa

      A me pare che Zaza quando è entrato, abbia dimostrato grinta, impegno e abnegazione. L’altro era indolente e svagato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Madama_granata - 7 mesi fa

    Concordo con TRIC, soprattutto per Benassi e Verdi: ottimi giocatori di cui ci siamo disfatti prima del tempo.
    Li rimpiango molto entrambi!
    E concordo ovviamente con KIEFT: avrei puntato su Parigini ed Edera, messi in panca o alla porta senza prove d’appello!
    A Berenguer e Zaza, persino ai primi Djidji e Aina, sono state date le seconde, terze, quarte chances, per poi emergere o meno: ai nostri ragazzi, no!
    Temo che il Toro finirà x lasciarli andare, come Benassi e Verdi appunto,e credo anche come Bonifazi, x poi vederli brillare altrove e rimpiangerli.
    Su Boyé, e soprattutto su Niang, nutro molte riserve.
    Boyé: il campionato in Grecia
    credo sia alquanto diverso dal nostro, che è più stressante e più equilibrato tra le varie squadre.
    Niang si è fatto detestare da noi tifosi del Toro soprattutto x la sua indolenza e la poca brillantezza. Può darsi che, dopo vari trasferimenti, ora si sia reso conto che, o si dà da fare, o sparisce dal “calcio che conta”; può darsi pure che la Francia gli sia più congeniale dell’Italia!
    Zaza: aspettiamo che Belotti debba saltare un turno x somma ammonizioni e, ancora una volta, proveremo a vedere cosa riesce a fare.
    Per me è comunque un giocatore che va rispettato perché si è sempre impegnato al massimo, senza mai risparmiarsi. L’opposto di Niang, insomna!
    I risultati, purtroppo, per ora sono un’altra cosa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 7 mesi fa

      Per quanto caratterialmente discutibile, Niang al Toro ha dimostrato di valere 10 volte Zaza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. r.ponzon_13686323 - 7 mesi fa

        Ciò detto, nè Niang nè Zaza nel futuro del Toro

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. unasolafede - 7 mesi fa

      Sono d’accordo su Benassi e Verdi anche se in fondo non valgono più dei nostri attualmente in rosa. Lo sono molto meno su Edera e Parigini. Siamo in serie A, un allenatore serio valuta i giocatori in allenamento e non concedendo “chanches”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

        Penso che se Mazzarri ha concesso le seconde, terze, quarte chances ad alcuni è perché vedendoli tutti i giorni sa che cosa possono dare alla squadra.
        Altri per ora li ha utilizzati davvero poco, o perché non valgono molto o perché sa che devono crescere ancora un po’: in questo secondo caso li sta aspettando e tutelando dall’impazienza dei tifosi, sempre pronti a voler in campo il Millico di turno, salvo poi fischiarlo perché palesa la sua immaturità tattica e psicologica.
        Non ho mai sentito di un allenatore pragmatico e quadrato che abbia scartato un giocatore bravo e funzionale allo spogliatoio e alla squadra.
        Sarebbe una novità.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. èunafede - 7 mesi fa

      Un margine di errore nelle valutazioni dei giocatori penso sia fisiologico ed inevitabile: la maturazione di un giocatore non segue regole fisse e a ciò si aggiungono altre variabili fondamentali quali ambiente, allenatore, schemi, ecc. Certo che quando gli allenatori che non ti fanno giocare diventano due, tre, quattro, quando gli ambienti e le squadre che non ti valorizzano diventano due, tre, quattro, anche in serie minori, a me sinceramente qualche dubbio viene. Sono anni che seguo con estrema speranza i nostri ragazzi della primavera, e sono anni che si perdono nelle serie minori. Sognavo Aramu Parigini Bonifazi e Edera, solo per citarne alcuni, insieme in prima squadra, ma i sogni non fanno punti, non fanno goal, non fanno assist. Aramu gioca nel Robur Siena. Bonifazi sta facendo bene, ma ho in mente le partite che ha fatto da noi, sempre un leggerino brividino… Parigini a tratti esaltante, altre volte imbarazzante. Ora, continuiamo a sperare nel nostro settore giovanile, che finalmente ci da soddisfazioni che al momento la prima squadra non da, ma dobbiamo essere consci che purtroppo non sono tutti fenomeni. comunque FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. GlennGould - 7 mesi fa

    Essere sesti in classifica (lazio partita da recuperare), con Toro Chievo alle porte, e contestualmente esprimere rammarico per Niang, è fatto quantomeno singolare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

      Già…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. èunafede - 7 mesi fa

        Già…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. tric - 7 mesi fa

    L’importante è segarli e sbolognarli prima che comincino a maturare: Benassi, Verdi, Niang, Boyé, ecc. Il massimo rendimento dei giocatori è a 28 anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. èunafede - 7 mesi fa

      Si, come Piatek, Chiesa, ecc. ecc. Ottima idea prenderli a 20 anni e poi aspettare solo quegli 8 anni che esplodano, sempre se esplodono.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. tric - 7 mesi fa

        Allora fai come i gobbi: li compri a peso d’oro quando sono affermati e non sciupi soldi con la primavera.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

          Te ne intendi di galassia bianconera, vero?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. r.ponzon_13686323 - 7 mesi fa

          Hai ragione, questi che protestano sempre fanno i fighi col c..o degli altri (ndr: cioè con i soldi di Cairo)

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

      Benassi rende adesso tanto quanto rendeva da noi.
      Boyé ha fatto una doppietta abbastanza casuale.
      Niang speriamo che continui così per rientrare dei soldi buttati.
      Certo che sentire rimproveri perché abbiamo segato rami secchi…
      A noi servono gli Ola Aina, i Meité, i Djidji, e giocatori di qualità ancora superiore. Altro che aspettare che Benassi sbocci.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. r.ponzon_13686323 - 7 mesi fa

        Concordo , giusto commento !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Mauro_Mo - 7 mesi fa

    io continuo a pensare che sarebbe stato meglio tenerlo al posto di comprare Zaza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Jalo - 7 mesi fa

      Di sicuro Zaza è ancora peggio, ma se in estate il Toro avesse tenuto Niang sarebbe scattata una rivolta. Diciamo che sarebbe stato meglio darlo via e non prendere Zaza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 7 mesi fa

        Jalo, perdonami ma una società seria non può certo farsi condizionare dalla piazza.
        La verità è che Niang non voleva rimanere a giocarsi il posto e ha preferito andare là dove aveva migliori garanzie in tal senso. La penso come Mauro_Mo , francamente io lo avrei tenuto anche perché non è che al suo posto è arrivato Neimar, è arrivato Zaza che obiettivamente fin qui ha deluso enormemente quanto e forse più di Niang, anche rispetto a Niang non ha fatto mancare l’impegno (questo bisogna dirlo..)…..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Kieft - 7 mesi fa

      Tecnicamente si equivalgono , ma zaza gioca corre e lotta mentre niang cammina…..poi se mi dici che zaza ha caratteristiche simili a bel otto e assieme si pestano i piedi, ti do ragione. Io avrei puntato su edera e parigini perché chiesa nella Fiorentina l’anno scorso non era forte come quest anno ……

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Gio - 7 mesi fa

      Io no.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy