Genoa-Torino, la moviola: Molinaro-Acquah shock. Ma ai granata manca un rigore

Genoa-Torino, la moviola: Molinaro-Acquah shock. Ma ai granata manca un rigore

Gli episodi arbitrali / Netto il primo rigore, Peres viene graziato da Doveri che poi compensa punendo il ghanese per un’ingenuità. Maksimovic tiene tutti in gioco sul terzo goal genoano

5 commenti

Genoa-Torino è stata una partita molto difficile e ricca di episodi dubbi per Daniele Doveri. La moviola è molto ricca e ne esce che l’arbitro di Roma non è stato irreprensibile.

Al 4′ minuto il Torino passa in vantaggio. OK la posizione di Immobile sulla sponda di Belotti: De Maio tiene il campano in gioco per l’azione che sigla il vantaggio granata.

Non così in occasione della seconda rete: Immobile, al momento del lancio di Acquah, è con la gamba sinistra in fuorigioco. Off-side, a termine di regolamento, pur se si tratta di questione di centimetri.

Al 19′, rigore per il Genoa: Peres perde palla, Ansaldi la riconquista, entra in area e viene steso inopinatamente da Molinaro mentre si stava allargando. Rigore netto e infatti nessuno protesta: Cerci dal dischetto va a firmare l’1-1.

Al 22′ Izzo entra in area, Acquah frappone il corpo davanti a lui e riconquista la palla: assolutamente non c’è calcio di rigore.

Al 25′ episodio particolare, con il guardalinee Vivenzi che entra in campo su uno spiovente di Maksimovic per Acquah: nel tentativo di evitare il pallone, lo spaesato collaboratore dell’arbitro poco comprensibilmente varca la linea ed entra nel terreno di gioco, e per poco non ostacolava la corsa dei giocatori.

Al 27′ l’episodio più contestato da parte genoana: Dzemaili pesca Pandev solo davanti a Padelli; un Peres colpevolmente in ritardo rinviene in modo disperato sull’attaccante macedone, commettendo fallo, perchè Pandev mette il corpo davanti e Peres non prende assolutamente il pallone. Il macedone poi fa una scenata fuoriluogo, come colto fosse stato colto da una gomitata in faccia, il pubblico e Gasperini fanno sentire le loro proteste. Doveri, in ogni caso, avrebbe dovuto fischiare calcio di rigore per la carica irregolare del brasiliano, estraendo di conseguenza il cartellino rosso per fallo da ultimo uomo.

Le pagelle di Genoa-TorinoIl film della partitaLe parole di Ventura: “La classifica non preoccupa”

Al 36′ manca un giallo su Dzemaili: il centrocampista genoano si getta per terra fingendo di aver preso un calcio da Vives, ma il centrocampista napoletano non prende per nulla lo svizzero.

Si arriva all’ultimo corner del primo tempo. Batte Cerci, Padelli blocca la sfera ma Doveri indica nuovamente il dischetto, per un’irregolarità di Acquah su Izzo. Il ghanese commette un’ingenuità perchè cinge in modo evidente e imprudente (anche se non con forza tale da impedire a Izzo di muoversi) il collo dell’avversario col braccio, nonostante fosse chiaro che il pallone sarebbe stato presa di Padelli, dando il pretesto a Doveri per fischiare, anche in compensazione per il rigore non fischiato precedentemente per l’intervento di Peres. Inoltre Izzo, furbescamente, si lascia andare e la frittata è fatta. Cerci si ripresenta sul dischetto e fredda Padelli all’incrocio dei pali per il pareggio.

Al 64′ c’è la punizione del sorpasso Genoa: il fallo c’è, per un abbraccio di Moretti sullo stesso Suso. Batte lo stesso Suso, e Rigoni viene favorito da una difesa granata assente. La linea granata nè si muove in avanti per il fuorigioco con decisione nè segue l’uomo; a Rigoni basta prolungare la traiettoria del pallone per bucare Padelli. In particolare, è Maksimovic a tenere senza ombra di dubbio il centrocampista genoano in gioco.

Al 69′ Bruno Peres chiede un rigore: entra in area dalla destra, prendendo il tempo Gabriel Silva, che lo carica irregolarmente da dietro con uno sgambetto. Qui Doveri doveva fischiare il calcio di rigore: ha ragione il brasiliano a protestare.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone - 10 mesi fa

    Da oggi all’inter ci sono una 20ina di gg.
    Un nuovo allenatore avrebbe il tempo di prepare una squadra in grado di vincere lo scontro diretto con l’Atalanta.
    Ma su, teniamoci ancora chi sta dimostrando di non esserci più con la testa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Zagor - 10 mesi fa

      Risposta da coniglio! E cosa avresti paura di perdere oltre alla faccia ormai inpresentabile ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Zagor - 10 mesi fa

    Bisogna essere obbiettivi. Se l’arbitro sapeva e rispettava le regole doveva finire 4 a 1. Il secondo gol del toro (volutamente minuscolo riferendomi alla rappresentativa attuale) è in fuorigioco e al Genoa manca un rigore su Pandev con espulsione di Peres. Pensate quale banda di desaparesidos (non li considero una squadra) può perdere una partita 3 a 1 (mi riferisco al primo tempo) senza che l’altra squadra abbia fatto un tiro in porta su azione da gioco. La delusione sull’atteggiamento della banda Ventura è tale che al derby spero i gobbi ci infilino almeno 4 gol per tempo per vedere se il “mister” ha ancora la faccia tosta di ripresentarsi alla Sisport.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Achille - 10 mesi fa

      E parte gli scherzi e la delusione, ma temo davvero che possa finire 8-0

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. valex - 10 mesi fa

      Finirà tre a zero per i gobbi, solo perché non vorranno infierire troppo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy