La spinta granata

La spinta granata

TosoSofia / Torna la rubrica di Elisa Fia: Quello che si era chiesto al Toro, o che almeno si sperava di vedere nelle sue prestazioni, era una arrembante voglia di salvezza”

di Elisa Fia

A dieci giorni dall’inizio del “nuovo” campionato, a fronte di quattro partite disputate, si possono iniziare a tirare le somme su quello che sembrerebbe essere il corrente andamento granata.
Quello che si era chiesto al Toro, o che almeno si sperava di vedere nelle sue prestazioni, era una arrembante voglia di salvezza, una carica che non negasse l’evidenza dei fatti, ovvero un campionato andato totalmente per il verso sbagliato, ma che prendesse coscienza dei propri errori per migliorarsi, andando oltre l’indebolimento di quest’anno, tornando più forte di prima.

LEGGI ANCHE: Toro alla riscossa

Nelle partite disputate sicuramente la grinta tanto auspicata non è mancata, almeno non da parte di alcuni giocatori che hanno mostrato un miglioramento evidente. Tuttavia, ciò che è venuto meno è stato quel piglio che permettesse al Toro di andare oltre, superando la mediocrità di una prestazione grintosa, ma priva di finalizzazioni che sono necessarie per portare a casa dei punti importanti, se non indispensabili, per la classifica granata.

LEGGI ANCHE: Il Toro della ripresa: cosa c’è da aspettarsi?

Se il cuore c’è ed è evidente, è la testa a mancare come mezzo tramite il quale un meccanismo, che sembrerebbe poter funzionare in potenza, inizi a funzionare in atto, facendo sì che tutta la grinta venga finalizzata in risultato. Purtroppo non sempre il cuore basta per riuscire a superare una condizione spiacevole, in quanto se quest’ultimo può indirizzarci nel compiere il giusto percorso, è solo e soltanto la mente a poter consolidare l’intenzione, che potrà concretizzarsi in quella tanto cercata azione vincente.


Disclaimer: gli opinionisti ospitati da Toro News esprimono il loro pensiero indipendentemente dalla linea editoriale seguita dalla Redazione del giornale online, il quale da sempre fa del pluralismo e della libera condivisione delle opinioni un proprio tratto distintivo.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. grammelot - 1 mese fa

    Mamma mia che “articoli”.

    Adesso ce l’hanno tutti con la grinta: quello che abbiamo visto in campo non è grinta, è solo poltiglia molle che nemmeno il più virtuoso, geniale, fantasioso degli artisti riuscirebbe a modellare.

    La domanda è sempre la stessa: ma che partita avete visto ?

    Non avrete, per caso, mica “ereditato” il monitor dell’avvinazzato livornese!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy