Chi era Lice, il campione interrotto dalla Grande Guerra

Chi era Lice, il campione interrotto dalla Grande Guerra

Nel segno del Toro / Nuovo appuntamento della rubrica di Stefano Budicin

di Stefano Budicin

Chi è Lice? Quale ruolo ha ricoperto nel Torino? E in che periodo della storia granata ha avuto modo di mettersi in mostra?

Avete mai sentito parlare di Lice? Siete o non siete a conoscenza di questo affabile diminutivo? Felice, nome di battesimo dell’attaccante Berardo, è uno dei più grandi giocatori italiani che abbiano calzato la maglia granata prima della Grande guerra. Noto anche per aver giocato in Nazionale ben quattordici volte, Felice è ancora oggi ricordato con orgoglio e ammirazione da più di un tifoso torinista.

Lice nasce a Torino e si forma nel Piemonte, dove non impiega molto prima di farsi notare per le sue competenze tecniche, al punto che “La Stampa Sportiva” dichiarerà quanto segue:

Berardo occupa il difficile posto di centravanti. È un giocatore che possiede tutta la tecnica del grande footballer. Ottimo dribblatore, è elegantissimo e corridore veloce. Non sposta l’uomo, ma lo sormonta correttamente. Il suo shot in gol è di una forza e precisione ammirevoli e rare volte fallisce. È indubbiamente il miglior centroforward italiano della nuova generazione. Col fratello Enrico fu uno dei fondatori del F.C. Piemonte sorto sulle rovine delle due società Virtus e Vigor.

LEGGI ANCHE: Chi era il “King” del Toro

Dopo essersi fatto le ossa con il Piemonte, lascia per la Pro Vercelli, un tempo capace di competere con i club più forti a livello nazionale. La decisione viene accolta con un sentimento di stupore, da un lato, e di scandalo, dall’altro. Lice, dopo tutto, è uno “straniero”, essendo nato a Torino. Quale club sano di mente potrebbe mai accettare di condividere il campo da gioco con un torinese? Se non fosse che Lice era già considerato un grande campione, aveva presenziato in Nazionale in qualità di mezzala, e la Pro Vercelli era in dovere di valutare l’acquisto con serietà.

LEGGI ANCHE: Il bandito Giuliano e la sua passione per i granata

I puristi continuarono a reputare Lice uno straniero, motivando la scelta con le seguenti illuministiche ragioni: ” il nostro sangue non si mescola con quello degli altri”. Gli altri, un po’ più saggi, ribadivano però essere Lice un piemontese come loro, un atleta che “ragiona con il nostro cervello, che ha gli stessi nostri sentimenti. È, inoltre, un magnifico giocatore. Perché ce lo dobbiamo far scappare?”.

LEGGI ANCHE: Chi sono Lollo e Lallo

Il dibattito durò per giorni, e si risolse con la decisione finale: Berardo, lo straniero, poteva giocare nella Pro Vercelli. E con il club portò a casa due scudetti in tre anni. Il Genoa, rapito dalla sua bravura, volle a tutti i costi ingaggiarlo, sicché Lice nel 1914 abbandonò la Pro per sbarcare in Liguria, dove ebbe modo di guadagnare l’ultimo scudetto, conquistato nel 1915, perché il campionato fu interrotto dall’intervento italiano nella Prima Guerra Mondiale.

Il Toro vide tra le sue fila Felice solo quando costui era ormai ridotto a essere l’ombra del campione che fu. Nonostante i bei tempi fossero già passati, Lice si integrò bene nella squadra e seppe regalare autentici momenti di meraviglia alla platea.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy