Primavera Torino, per Karamoko multa e maxi-squalifica in arrivo. E su quella rissa…

News / Da capire il perché della reazione, che potrebbe essere nata dopo insulti razzisti

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Gli strascichi della partita della Primavera del Torino contro la Fiorentina non finisco. Sotto la lente d’ingrandimento c’è la rissa provocata da Ibrahim Karamoko e Vittorio Agostinelli. È attesa per la decisione del Giudice sportivo. Pare quasi scontata una maxi squalifica per i due giocatori. Inoltre potrà fare chiarezza anche sulla dinamica degli eventi. Il Torino, a prescindere, prenderà provvedimenti nei confronti del ragazzo, che ha sbagliato e per questo verrà multato.

DINAMICA – Quello che è da capire è perché dopo l’espulsione Karamoko sia schizzato come un forsennato verso i giocatori Viola. Ciò che si è potuto vedere dagli spalti e dalle riprese televisive infatti non basta. Dopo il fallo commesso su Frison, il centrocampista granata scalcia (in modo sicuramente non veemente) l’avversario a terra e di conseguenza è espulso con un rosso diretto. A quel punto Karamoko, accompagnato dal vice di Cottafava Michele Coppola, si dirige verso gli spogliatoi e viene raggiunto da Agostinelli e Bianco che gli dicono qualcosa. La prima risposta del granata, stando a quanto riportato da fonti vicine alla Fiorentina, è stato uno sputo rivolto a un giocatore della Fiorentina. Poi di scatto (nella foto qui sopra si vede l’esatto momento) si è girato e come una furia (nemmeno Coppola è riuscito a fermarlo sul momento, ma l’ha riacciuffato pochi secondi dopo) ha puntato il capannello di giocatori viola davanti alla panchina di Aquilani. Questo momento è quello da chiarire. Il dubbio, che trova conferme da parte della società granata, è che il ragazzo sia stato vittima di insulti razzisti. Una spiegazione del genere farebbe capire il perché di una reazione così improvvisa e violenta, e comunque non giustificabile.

MULTA E SQUALIFICA – La società granata, comunque, non intende difendere il ragazzo e per questo lo multerà. Poi, come detto, sarà attesa per la decisione del Giudice sportivo. Viene da supporre che Karamoko verrà sospeso per almeno 3 giornate. Una punizione severa sarà più che giusta, ma, come già anticipato, ora è il momento anche di fare chiarezza sull’accaduto: il giudice sportivo prenderà come base delle scelte il referto arbitrale e sarà interessante capire quello che l’arbitro Bitonti di Bologna ha messo a verbale.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. extremoduro - 2 settimane fa

    io ho visto il nº10 dei viola dare una manata in faccia prima della reazione di kamoko quindi penso che la colpa ce l`hanno tutti e due

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. extremoduro - 2 settimane fa

      *karamoko

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gm - 2 settimane fa

    Se vuole diventare un campione deve tenere saldi i nervi. Gli avversari provocano da sempre, il tempo sarà sempre galantuomo. Piuttosto grave mi sembra il comportamento di Aquilani, a 45 anni invece che sedare gli animi aggredisci l’arbitro? Lo hai imparato a Venaria?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. blubba - 2 settimane fa

      Lo stile prima di tutto a venaria. Ad essere onesti il gesto del calcetto ci stava eun giallo con conseguente espulsione perchè ammmonito forse avrebbe chiuso tutto.Quello che nn sopporto sono le sceneggiate di quelli che si rotolano a terra pur essendo solo sfiorati,quelle sono le cose antisportive ke mi mndano in bestie.Solo per quello avrebbe meritato il giallo per la simulazione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. blubba - 2 settimane fa

    Be sul fatto ke dietro ci sia il razzismo nn vi sono dubbi.La verità è ke in Italia a livello giovanile e nn solo i ragazzi di colore sono trattati a pesci in faccia anche dagli arbitri .Le ammonizioni nei loro confronti fioccano anche se, nelle maggior parte dei casi, i falli commessi vengono fuori dalla irruenza e dallo strapotere fisico ke nalcun di essi hanno rispetto ai pari età nostrani.Aggiungerei ke il fallo se si puo definire tale sulla espulsione è condito da una patetica sceneggiata del viola e della sua panchina ke è evidente gli abbia suggerito il comportamento da tenersi in questi casi(sportivi).Tutto quello ke viene dopo è figlio dell’aria malsana ke certa gente fa girare in Italia altrimenti nn si spiega la baraonda con il mister di una squadra ke invece di sedare i suoi cerca di fomentarli…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Granata - 2 settimane fa

    …. una punizione severa sarà più che giusta….. ugliono, sarebbe più giusto tu andassi a fare altro piuttosto che scrivere. I fatti si raccontano per intero. Tu non lo fai, come molti altri eh, non sei privilegiato. Giù le mani da Karamoko !!! Lasciatelo in pace!!! Ha capito da solo cosa è successo, cosa ha fatto di buono e cosa non doveva fare. Tutti pronti ad andarci giù pesante col culo al caldo e seduti belli comodi. Se non sapete, e non sapete, abbiate la decenza di stare zitti!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bertu62 - 2 settimane fa

    Vado controcorrente, me ne rendo conto, però…
    Però, francamente, comimcio ad essere un po’ “stufo” di questo buonismo che pervade il mondo in generale e quello del calcio in particolare, soprattutto quando si tratta di razzismo, di un insulto che di peggiore non ne esiste…Sì ragazzi perché è così, c’è poco da fare: anche in materia di leggi esistono “i gradi” sia per i delitti (intesi come atti criminosi) sia per le eventuali pene (oltre che per i vari “gradi” di giudizio..), quindi?
    Quindi PERCHE’ sostenere che le (eventuali) colpe di Karamoko siano comunque GRAVI?
    Lo sarebbe SE avesse reagito così ad un insulto “normale”, uno come magari anche noi ne abbiamo lanciati e ricevuti, ma se invece fosse indirizzato al colore della pelle?
    Dato che la madre degli imbecilli purtroppo è sempre incinta ed è abituata a parti pluri-gemellari, che ne possiamo sapere SE e magari QUANTE VOLTE sia stato oggetto di tali insulti, Lui come magari anche la Sua famiglia?
    Personalmente, PRIMA di pronunciarmi e schierarmi fra le fila dei “buonisti” che condannano a prescindere la Sua reazione, visto soprattutto che in ambito calcistico poi NESSUNO ha mai fatto nulla di concreto, né la UEFA né la FIFA (massimi organi) né tantomeno FIGC e LEGA CALCIO (figuriamoci, questi poi seguono i massimi organi SOLO in ambito “mazzettiano”…) qualora venisse fuori che il ragazzo ha reagito a delle frasi razziste IO non solo lo solleverei da ogni procedimento disciplinare ma anzi mi congratulerei con Lui andando invece a punire PESANTEMENTE sia l’autore delle frasi sia chi non ha provveduto a denunciarlo apertamente…
    Se non si comincia a combattere attivamente e pesantemente fin da piccoli, a scuola come in famiglia, questi atteggiamenti poi ce li si ritrova ingigantiti a dismisura sia in adolescenti che peggio ancora in uomini adulti, e poi hai voglia a piangere vittime e colpevoli!
    Non abbiamo scelto noi di nascere con un colore di pelle di un tipo piuttosto che di un altro, però possiamo scegliere COME educare i nostri figli ed i figli degli altri alla tolleranza ed al vivere comune, sennò che ci andiamo a fare su Marte caro Elon Mask, cosa esportiamo, razzismo violenza intolleranza?
    FV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. FuriaGRANATA - 2 settimane fa

    Se ha reagito così un motivo ci deve essere stato.comunque i viola mi cominciano a stare sulle p..le.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ALELUX777 - 2 settimane fa

    Il ragazzo imparerà a non reagire alle provocazioni, ed è giusto che subisca una punizione costruttiva, ma la sua grinta e la sua forza vanno indirizzate e non smorzare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. tric - 2 settimane fa

    Bah! chiedetelo a lui, no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SIMOLINCE - 2 settimane fa

      C’è il covid e fa freddo, meglio fare articoli su supposizioni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy