Baselli chiarisce con Mazzarri: contro la Fiorentina può tornare capitano

Baselli chiarisce con Mazzarri: contro la Fiorentina può tornare capitano

Focus on / Il centrocampista nelle ultime due gare è stato sostituito, deve ancora recuperare la brillantezza dopo l’infortunio

di Marco De Rito, @marcoderito
Baselli

“Non mi sono accorto di niente”.  Così Walter Mazzarri ha commentato i borbottii di Daniele Baselli alla sua uscita nella gara contro il Genoa che hanno destato qualche perplessità. Il tecnico ha spiegato la dinamica: Probabilmente sono stato io maleducato a non dargli la mano. Se borbottava lo faceva per i cavoli suoi, io con lui ho un grande rapporto”. Nulla da cui preoccuparsi, non sembrano esserci problemi tra i due che comunque si sono chiariti. Il fastidio provato al momento dell’uscita dal campo dal vice-capitano è stato frutto del momento. Anche se comunque non è accaduto niente di eclatante: il centrocampista ha comunque salutato Meité – che l’ha sostituito – e si è seduto in panchina con i compagni.

FORMA – Il problema in questo momento che riguarda Baselli sembra essere la brillantezza. Il numero 8 granata nelle ultime due partite è rimasto in campo un’ora circa. Fino al 71′ contro l’Inter e fino al 64′ contro il Genoa. Dopo la distorsione alla caviglia che l’ha costretto a saltare la partita contro il Brescia (l’unica in tutto il campionato) il giocatore sembra non essere al top della forma. L’ha confermato anche Mazzarri in conferenza stampa post Genoa-Torino, che spiega così la sostituzione: “L’ho recuperato da un infortunio, a un certo punto è calato e l’ho levato. Poi era ammonito, non potevo rischiare”.

Torino-Fiorentina e i giovani del vivaio: la viola ci punta, il Toro no

INFORTUNIO BELOTTI – Con l’infortunio di Andrea Belotti che potrebbe durare più del previsto, contro la Fiorentina il ruolo di capitano spetterebbe proprio a Baselli. Quest’ultimo ha già rivestito questo ruolo contro il Genoa, e si tratta di una fascia che pesa. Perchè Belotti, oltre ad essere il bomber del Toro, è anche il trascinatore della squadra nei momenti di difficoltà. Negli ultimi anni è stato un punto fermo del Toro e, in sua assenza, c’era Emiliano Moretti che rappresentava una colonna portante della squadra. Ora è il centrocampista di Manerbio a doversi prendere più responsabilità da uomo-squadra: si è trasferito all’ombra della Mole nel 2015 e conosce molto bene l’ambiente, fattore fondamentale per un capitano.

LEADER – Il tecnico di San Vincenzo l’ha incoronato: “E’ uno dei leader della squadra”, ma adesso dovrà dimostrarlo nelle prossime gare. A partire da quella contro la Fiorentina, squadra che peraltro desta a Baselli ottimi ricordi: i tifosi aspettano sempre che i due gol siglati ai viola con due tiri da fuori, uno nel Torino-Fiorentina del 2015 e l’altro nell’ultimo incrocio tra granata e toscani al Franchi, possano essere replicati.

 

 

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. altoro - 3 giorni fa

    Baselli è giunto alla quinta stagione in maglia granata.
    Oramai quindi egli conosce perfettamente l’ambiente e personalmente ritengo giusto affidargli domenica prossima contro la Fiorentina la fascia di capitano, perdurando l’indisponibilità del “Gallo” Belotti.
    Durante le precedenti stagioni egli ha dimostrato discreta tecnica individuale, tuttavia ha palesato evidenti limiti sia nel temperamento sia nella continuità di rendimento. Adesso è giunta finalmente l’ora del reale salto di qualità, per cui sono convinto che la fascia di capitano lo responsabilizza maggiormente in modo tale che, ribadisco, finalmente decida di prendersi con maggiore autorevolezza, rispetto a quella dimostrata sino ad oggi, le chiavi del centrocampo della squadra.
    Ritengo che egli è molto migliorato in fase di interdizione, per cui mi attendo da lui identici progressi nella fase della manovra, ossia nella fase propositiva e offensiva.
    Forza Baselli, ora o mai più … per dimostrare finalmente il tuo reale salto di qualità, sia sotto l’aspetto tecnico sia sotto quello agonistico, che l’intero ambiente granata si attende dal ragazzo bergamasco. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14287754 - 5 giorni fa

    daniele e un grande tanti non vedono il lavoro sporco che fa e fondamentale per noi!! forza toro!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paul67 - 5 giorni fa

    É un buon centrocampista che spesso svolge un lavoro oscuro in fase difensiva, certo che se giocasse anche qualche palla di prima ogni tanto sarebbe meglio per tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. pinco pallino - 5 giorni fa

    Ho letto anche i commenti sotto, davvero belle parole
    che mi trovano d’accordo.
    Gli insulti se li è presi perchè nn combatteva,adesso è maturato tantissimo.
    A me, che non lo conosco, da l’impressione che è un bravo ragazzo e che al TORO il suo posto se l’è dovuto conquistare anno dopo anno.

    Lotta con amore per il simbolo del TORO, la grinta è la tua forza, granata il tuo colore
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. granatadellabassa - 5 giorni fa

    Baselli è un discreto centrocampista. Il suo problema è che negli anni non ha mantenuto le promesse che in lui molti addetti ai lavori e tifosi avevano riposto. Ogni anno ad aspettare invano che esplodesse, che facesse il salto di qualità! Ma da qui a dire che sia un bidone ce ne passa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. pinco pallino - 5 giorni fa

    Basellino, nel bene e nel male è uno dei nostri,
    mi ci sono affezionato. Poi realmente si nota che adesso ci tiene.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 5 giorni fa

      ..ogni anno mi dà la sensazione che diventa Basellone..mi piace il suo stile..d’altronde io mi affeziono a tutti quelli che si sbattono x la mia maglia..io uno come Meggiorini me lo tengo sempre tutta la vita..pure a lui ero affezionato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. pinco pallino - 5 giorni fa

        D’accoridissimo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. eurotoro - 5 giorni fa

        ..ecco mi è venuto il perchè mi piace..in certe situazioni di gioco nello stretto in mediana mi ricorda le movenze ed i disimpegni di Vincenzino Scifo…la visione di gioco irraggiungibile il mio idolo belga

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Toro75 - 5 giorni fa

          Ciao
          Chi ha vissuto gli anni 90 calcistici come te e me sanno che certi calciatori erano nostri idoli/dei

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Toro75 - 5 giorni fa

            Forse non
            Paragonabili agli attuali

            Mi piace Non mi piace
          2. eurotoro - 5 giorni fa

            ebbe’ fratello se parliamo di giocate stile e piacere x gli occhi io se penso a Gigi Lentini garet bale mi emoziona moolto meno…se penso a Martin Vazquez e vedo modric idem…Policano non lo scambierei con marcelo….ahhhh che ricordi di vero Toro

            Mi piace Non mi piace
  7. toro52anni - 5 giorni fa

    facciamo un bello scambio di mercato Baselli -Castrovilli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Garnet Bull - 5 giorni fa

      Io non ne sarei così sicuro al momento… Castrovilli non ha fatto nemmeno metà campionato, mentre baselli ha esperienza e il suo lo fa, nonostante sia un lavoro sporco che in pochi vedono, e che lo portano a ricevere non pochi insulti, anche se lui è il miglior recuperatore di palloni e il miglior innescatore di ripartenze… Certo può e deve migliorare come diciamo tutti da un po’ di tempo ormai, però non sottovalutiamolo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 5 giorni fa

        Finalmente trovo qualcuno con cui sono d’accordo su Baselli 🙂

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Madama_granata - 5 giorni fa

          Presente all’appello!
          Anche io stimo ed apprezzo Baselli.
          Come detto:
          – recupera palloni
          – innesca ripartenze
          e in più:
          – è sempre uno di quelli che corrono maggiormente
          – accetta che Mazzarri gli cambi sempre ruolo (ora fa paticamente il difensore)
          – assente Falque, e senza più Ljajic, non ancora in squadra Verdi, ha accettato di buon grado il compito di battere le punizioni, anche se non era il suo mestiere!
          -criticato, vituperato e persino insultato da tanti tifosi, ha sempre accettato ogni giudizio senza ribattere o protestare!
          – il centrocampo se lo “portano sulle spalle” praticamente solo lui e Rincon!
          Il resto è nulla!

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy