Toro News
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Calciomercato, Torino al lavoro per un difensore: Ferrari e Andersen i preferiti

Calciomercato / Djidji e Lyanco in uscita, ancora da definire la situazione che riguarda Izzo: Vagnati al lavoro anche per un difensore centrale

Nicolò Muggianu

Difensore centrale cercasi. Continuano i movimenti sul mercato del Torino, che nelle ultime ore si è attivato sul fronte difensori. Davide Vagnati è al lavoro per regalare a Giampaolo un potenziale titolare da affiancare a Bremer e Nkoulou. In uscita, invece, ci sono da segnalare le sempre più probabili partenze di Lyanco e Djidji; mentre resta da sbrogliare la situazione riguardante Armando Izzo, già sul mercato ma per il quale il Torino non ha ricevuto ancora un'offerta congrua.

ANDERSEN - Ad oggi sono due i profili che maggiormente hanno attirato l'interesse del Torino: Joachim Andersen del Lione e Gian Marco Ferrari del Sassuolo, entrambi già allenati da Giampaolo alla Sampdoria. Per il primo Davide Vagnati ha riallacciato i contatti con il club francese offrendo, secondo quanto dichiarato da Gianluca Di Marzio, 3 milioni di euro per il prestito oneroso più 17 milioni per il diritto di riscatto. Una valutazione complessiva da 20 milioni di euro per il nazionale danese, la stessa (o quasi) che il Sassuolo fa per Ferrari.

FERRARI - Il centrale del Sassuolo è l'altro profilo seguito dal Torino e gradito a Giampaolo, anche se da Reggio Emilia nella giornata di ieri è arrivata una prima chiusura. “Dai granata non abbiamo mai avuto alcun tipo di richiesta - ha dichiarato ieri a Sky Sport l'ad neroverde Giovanni Carnevali - se non un’offerta che non è accettabile per quello che è il valore del giocatore”. Tradotto: c'è distanza trai due club sul valore del cartellino di Ferrari. Distanze che il Torino proverà a limare nei prossimi giorni, continuando a mantenere vivi i colloqui con il Sassuolo e provando allo stesso tempo a portare avanti parallelamente anche i discorsi per Andersen.

tutte le notizie di

Potresti esserti perso