Doveri, Rizzoli, Bergonzi e… gli arbitri che influenzano i derby: Guida aggiorna la lista

Doveri, Rizzoli, Bergonzi e… gli arbitri che influenzano i derby: Guida aggiorna la lista

Memorie / Carrellata sugli episodi arbitrali più recenti a favore dei bianconeri

di Redazione Toro News

ROSSO AD ACQUAH

Juventus FC v FC Torino - Serie A

 

6 maggio 2017. In quell’occasione il Torino sfiora l’impresa: Ljajic su punizione aveva fatto pregustare la prima vittoria allo Juventus Stadium. Al 57′ però, Valeri prende la sciagurata decisione di espellere il ghanese Acquah per doppia ammonizione. Il direttore di gara valutò un intervento su Mandzukic troppo violento, nonostante il centrocampista granata avesse colpito la palla. A nulla servirono le proteste di Mihajlovic, allontanato anzitempo dal terreno di gioco. Nel post partita il tecnico serbo non si nascose: “È uno scandalo, ha preso la palla pulita“.

37 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Toro71 - 7 mesi fa

    Gli arbitri sono tutti gobbi di merda a libro paga della Rubentus!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Carlin - 7 mesi fa

    Il problema degli arbitri è che se favoriscono la gobba vengono messi al massimo a riposo per una domenica,se invece la danneggiano,non arbitreranno piu partite di cartello.Ecco perchè questa seconda ipotesi non succede mai!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13797744 - 7 mesi fa

    I rubentini con gli stessi episodi avrebbero circondato l arbitro e portato di peso al var, in caso il rubentino leccalecca non fosse stato pronto a suggerire RIGORE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Rock y Toro - 7 mesi fa

    Un appello a Belotti: Andrea ribellati a Mazzarri, piazzati al limite dell’area avversaria e non ti schiodare da lì!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 7 mesi fa

      Prima eviti il capitano (volutamente minuscolo) della squadra che fu di capitan Ferrini, Pulici zaccarelli, Claudio Sala e Valentino Mazzola di andare festeggiare nel covo gobbo. Povero Ferrini si rivolta nella bara.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. plexy67 - 7 mesi fa

    Se giochiamo male,meritiamo la sconfitta e riflettiamo x capire cosa non è andato x il verso giusto,se giochiamo bene,ma l’avversario è più forte e vince,va riconosciuto merito al vincitore e nulla si può recriminare…Ma quando la partita la decidono gli arbitri come Guida ieri sera,allora evidentemente c’è qualcosa che non va…Da sempre leggiamo i commenti dopo una partita e sappiamo che si fa anche x sfogare la rabbia nel caso di una sconfitta che brucia.Oggi siamo quì a commentare la gestione di una partita che ha dello scandaloso…Ancora una volta entra in ballo la soggettività di chi decide cioè gli arbitri,Guida ha sbagliato,ma chi stava al Var,peggio ancora perchè non ha assolutamente indirizzato Guida ad’andare a controllarsi le azioni irregolari!!!Mazzoleni è peggio di Guida!!!Ripeto,si può sbagliare andando a valutare l’episodio allo schermo con il Var,ma non considerare la spinta di Matutidì su Belotti o la trattenuta di Alex Sandro su Zaza,è u reato,il solito che ogni Derby viene fatto i danni del Toro!Possibile che non ci sia un modo x fare qualcosa??Ma deve essere tutta la vita così??Cosa racconto ai miei figli ogni volta che mi chiedono una spuegazione su questi episodi,che stiamo lì x subire sempre dalle persone che hanno più potere???Noi siamo fieri di esser Granata e tutte le volte cerco di spiegare la storia che ci ha contraddistinto nel tempo,perchè si sceglie di tifare Toro,ma oggi non mi basta più questo,voglio giustizia così come la vogliono tutti!!E questo non è un regalo è un mio diritto!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. barierant - 7 mesi fa

    ieri agnelli era comodamente seduto in tribuna, che fine ha fatto la petizione a Cairo e conseguenti dichiarazioni minacciose? solo parole zero fatti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Fscuticchio - 7 mesi fa

    avevo dimenticato il tarantoo!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Fscuticchio - 7 mesi fa

    seguo il calcio da molti anni, forse dagli anni 70, ne ho visti di errori arbitrali: contro l’inter, la roma, il napoli, il milan, la lazio, il toro…. la samp il perugia, la triestina, il chievo, il catanzaro, il bologna, la ternana, il genoa, l’atalnta, il palermo, l’udinese, la fiorentina,……….il verona, la sambenedettese, l’ascoli,…. il parma,………ecc, ecc.. ecc.
    non ricordo una sola volta in cui la juve sia stata danneggiata dagli errori arbitrali….
    La legge dei grandi numeri non esiste in quest caso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. giacki - 7 mesi fa

    Chiuso per furto continuato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mario66 - 7 mesi fa

    Ottobre1955 hai ragione. Sabato tutti a Reggio! Naturalmente chi può

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. fabio1906 - 7 mesi fa

    È inutile parlare degli arbitri. Il vero problema é la mancata radiazione del clan di Venaria nel 2006. Come un Provenzano condannato ad un anno di reclusione sono tornati più delinquenti ed arraffoni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-14052178 - 7 mesi fa

    La Juve sta al calcio come cesare Battisti sta alla giustizia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 7 mesi fa

      🙂 🙂 grande!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. torracofabi_641 - 7 mesi fa

    Sabato si gioca contro la gobba B, che si scenda in campo con la primavera e vedi come si muovono le acque, altrimenti, stiamo zitti e non lamentiamoci più, perché lo sapevamo già prima di scendere in campo che in caso di bisogno le merde sarebbero state aiutate…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ottobre1955 - 7 mesi fa

    Mario a Sassuolo bisogna andare per non lasciare i ragazzi soli.
    E sono d’accordo con te, solo una cosa aggiungo:
    Forza Vecchio Cuore Granata
    SEMPRE!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Mario66 - 7 mesi fa

    Ho visto la partita solo ora perché ieri ero impegnato. Sapevo già il risultato è avevo letto tutti i commenti e le interviste. Personalmente ho visto un gran bel TORO e ce la siamo giocata alla pari. Non capisco alcuni commenti e riyengo che la squadra è da primi 6 posti. Il problema sono gli arbitri e la Var. Il nostro calcio è in mano ad un gruppo criminale a strisce c’è poco da dire. Per noi l’importante è che la squadra non si disunisca.
    Domenica a Reggio Emilia bisogna vincere è abbiamo le potenzialità per farlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 7 mesi fa

    ecco perche’ le smorfie a fine gara e nessun commento sugli episodi…… ehehhehehehehehe
    Hagakure’ dove seiiiiii
    hai visto? eeeh ci avevi preso giusto tu… ehehehe
    bravo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 7 mesi fa

    Ora facciamo una pausa importante:
    un estratto da un’articolo, sembra che CAIRO entri in politica?
    da “nicolaporro . it” Il fattore C

    ——
    Il fattore ‘C’, come Conte e Cairo, comincia a prendere sempre più forma nello scenario politico italiano. Entrambi, venuti dal nulla e spinti da un ego ipertrofico, si stanno convincendo che possono giocare partite per loro un tempo inimmaginabili. Conte, ora a Palazzo Chigi, fino a sei mesi fa era appollaiato nel suo studio di piazza Cairoli a Roma o nelle aule dell’Università di Firenze. Cairo, oggi spavaldo padrone di RCS e de La7, era un piccolo editore di successo.

    Ambedue professionalmente figli d’arte: Peppino Conte di un maestro del diritto come Guido Alpa; Urbano Cairo di un tycoon che ha fatto la storia d’Italia come Silvio Berlusconi. Conte ha capito che deve ritagliarsi uno spazio autonomo tra il Movimento 5Stelle e la Lega; Cairo si è convinto che come imprenditore dei media difficilmente potrà andare oltre. Conte, stufo di fare il vaso di coccio tra Salvini e Di Maio, si è quasi del tutto deciso a sfidare il mondo, forte anche di una rete di rapporti internazionali che si sta creando, non disdegnando alcun invito che gli arrivi da un qualsiasi Paese straniero o da qualche fondazione oltretevere, come Villa Nazareth dove si è fatto le ossa, fino ovviamente al Palazzo Apostolico da Bergoglio. Cairo sa che non può più continuare ad utilizzare i suoi giornali come grancassa quotidiana dei propri successi imprenditoriali.

    Ed allora che fare? Per entrambi la strada è pressoché obbligata: un’investitura popolare che non può che venire dalle elezioni. Quali? Conte pensa alle prossime europee; Cairo alle politiche, meglio se anticipate. Nel M5Stelle c’è già grande agitazione per le mosse future di Conte, per timore che si ripeta il film visto con Lamberto Dini e Mario Monti, che da Presidenti del Consiglio in carica si sono presentati con proprie liste e hanno scompaginato i giochi.

    Il pressing su Conte è iniziato. Per Grillo, Di Maio e Casaleggio il dilemma è se “l’avvocato del popolo”, percepito ormai come un DC doc, non sposti troppo a destra il baricentro del Movimento che il figliol prodigo Di Battista potrebbe invece collocare più a sinistra.

    Per Cairo, la ‘discesa in campo’ sta diventando un’ipotesi concreta, innervosito anche dal contenzioso milionario con il fondo Blackstone per una vicenda immobiliare legata alla vendita della sede storica di via Solferino, che lo fa litigare con i suoi supporter di Banca Intesa e con alcuni studi legali di Milano. La sua strategia è tutta rivolta al post Berlusconi ritenendo che Salvini, da solo, non ce la possa fare. Circa una volta a settimana, offre la vetrina del Corriere ad Antonio Tajani per interviste preconfezionate e, soprattutto, ha uno sponsor d’eccezione, Marina, la figlia del Cavaliere, alla quale piacerebbe moltissimo che il ‘self made man’ alessandrino raccogliesse l’eredità del padre.

    E per Salvini, con il suo elettorato tradizionale in fibrillazione, Cairo in politica diventa qualcosa di più di una semplice minaccia. Così come una lista Conte per il Movimento 5Stelle, a meno che il Capitano non decida di far saltare il banco prima con l’obiettivo di vincere le elezioni.

    Luigi Bisignani Il Tempo 16 dicembre 2018

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 7 mesi fa

      …è sempre e solo questione di tempo, Hic: prima è entrato a Torino, da pidocchio dell’informazione, e ha subito capito da che parte doveva stare per perseguire i suoi scopi imprenditoriali, editoriali e di lucro.
      Aveva solo la necessità di trovare un pretesto, un motivo che lo rendesse “amabile” alla corte degli agnelli e il fallimento del Torino Calcio è stata l’occasioni che attendeva.

      Ne ha rilevato i resti per quattro soldi, promettendo alla merdosa parte avversa di toglierne ogni velleità, onore e dignità, di trasformarlo in una società anonima e mediocre, satellite dei potenti, nonchè utilizzandola come bancomat mediante operazioni fatte di acquisti a bassissimo costo di giovani di belle speranze, di “restiling” a costo zero di bolliti e di rifiuti di altre società, in cambio della futura promessa di essere “l’erede naturale” del Gruppo RCS in caso di cessione della maggiornaza del pacchetto azonario in mano alla famiglia agnelli, cosa puntualmente avvenuta nel 2016.

      Ed ora che denaro e potere sono nelle sue saccocce, il passo successivo e naturale sarà quello di difendere il malloppo “duramente” conquistato con l’unica arma possibile per farlo: diventare onorevole ed entrare a far parte della “congrega” del suo mentore e “maestro d’infanzia” per prendere poi il suo posto, con la sua benedizione.

      Fine della storia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. user-13967438 - 7 mesi fa

    Bon…
    Sepolto sotto 10 km di terra il commento sugli episodi arbitrali (le bestemmie reiterate temo siano solo di fastidio), resta una partita giocata di fatto alla pari, ma nulla mi leva dalla testa che i maialissimi non abbiano mai spinto realmente sull’accelleratore… 0 cambi dicono soprattutto questo.
    Ora pensiamo a vincere a Sassuolo, dove temo che non la butteremo dentro neanche con la canalina…
    Non giochiamo male, anzi, se lo scopo del gioco non prevedesse una porta dall’altra parte del campo giocheremmo più che bene.
    Il dato di fatto è che negli ultimi venti anni non siamo mai stati forti come quest’anno… eppure i risultati sono insoddisfacenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BIRILLO - 7 mesi fa

      Non so fratello per te, ma dopo la sbornia con la Samp che dopo la pareggite sembrava un fuoco di paglia, c’è stata Milano e ieri.
      Noi sempre aspettando che il Belotti diventi cigno (c’è affinità tra gallo e anatra ?) perchè qualcuno dovrà metterla dentro.
      Ieri fino all’errore abbiamo giocato pur senza finalizzare, e contro agli equini che, dolorosamente ricordiamo che sono…forti, in modo attento, difesa super centrocampo iper. Ma non produciamo occasioni.
      Se, e col se e col ma…, dicevo se, nelle prossime partite non si perderà questo spirito e si comincerà ad essere più decisivi in porta…
      Bisogna svoltare, io ci credo ancora, si fottano i gobbi e gli arbitri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. BIRILLO - 7 mesi fa

    Quindi l’unica rivincita possibile sarebbe rinforzando a dovere la squadra e giocando con arbitri europei… In Italia impossibile.
    Sentito Cairo ? Tira fuori l’orgoglio pure tu (se ancora lo hai), fai fuori quel c3sso di Niang appena mette piede di nuovo qui e cancella Soriano dalla nostra lista.
    Completa la squadra e facci giocare con arbitri europei, contro di loro, in Europa…
    Poi mi sveglio tutto sudato, mi accorgo che l’orgoglio un pò latita da quelle parti, e almeno spero che grinta e agonismo dimostrati ieri sera ora rimangano incisi a fuoco nella squadra.
    Peccato ! Ci ho creduto veramente.
    Che nervi.
    Forza TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 7 mesi fa

    a che cosa serve giocare il derby? Sappiamo tutti che si dovra’ perdere in un modo o nell’altro. Se in quel momento la juve e’ forte, vince di forza. Se come ieri le squadre si equivalgono allora scattano gli episodi a favore. C’e’ un’omerta’ spaventosa, nessuno dice nulla, tutti hanno paura. Nascondono persino i filmati su Youtube con le moviole.I presidenti delle squadre devono tacere o limitarsi ad insinuare, i giornalisti devono sorvolare. Per non parlare dei lecchini di turno che durante le telecronache tifano apertamente per loro , fantozziani ricordi. Che pena vedere una situazione simile. Un qualsiasi bambino puo’ dire che il re e’ nudo,se ne accorgerebbe chiunqque, tutti fingono, tutti sanno ma nessuno fa nulla. Ma il carrozzone del campionato va avanti perche’ deve produrre denaro…..
    Si e’ perso di vista lo scopo… e’ diventato come il wrestling, tutto e’ falso…
    Ma diamogliela vinta a tavolino, poi pero’ avrebbero paura….allora devono far vedere di partecipare e sorridere. Vedere i Mazzarri e i Giocatori che non possono neppure dire la verita altrimenti verrebbero scacciati , umilia lo sport. La nostra dirigenza non apre bocca… mai. Neanche per soriano , neanche per i grandi torti… l’importante e’ che si siano le bignole per gli yes men….
    Che pena

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 7 mesi fa

      p.s. Onore ai giocatori e spero vivamente che queste due partite siano servite a far credere in loro stessi anche i piu’ miti. Siamo bravi ad aggredire, a difendere ad interrompere il gioco altrui ma vedere Belotti che ara il campo in tutti i settori nonn fa bene. Non la buttiamo dentro neanche se dovessimo giocare partite da 200 minuti e questo Mazzarri deve capirlo, non basta quello che abbiamo imparato a fare, bisogna segnare caro Mazzarri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. user-13719128 - 7 mesi fa

    Poi fanno anche i fenomeni e annullano il gol del 2-0 per pochi centimetri. Ma andate a fare in culo venduti di merda. Date il rigore sullo 0 a 0 MERDE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Gig66 - 7 mesi fa

    ORMAI è inutile giocare il derby, per non dire il campionato…. Il potere politico di questa società ( che non voglio nominare) è talmente forte che va oltre ai valori sportivi espressi sul campo. Amiamo così tanto questo sport che ci facciamo andare bene tutto, in realtà un modo per rovinare la festa a questi presunti dirigenti ( anche loro non li nomino) ci sarebbe , rifiutarsi di iscriversi al campionato di serie A e creare una nuova competizione senza di loro…. Che facciano il campionato da soli …. MA QUESTA MIA IDEA È SOLO UN ‘UTOPIA, PECCATO !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 7 mesi fa

      Resta ancora una curiosita e desiderio…speriamo che un Liverpool li seppellisca…che goduria…che goduria…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Toro71 - 7 mesi fa

    Il fermo immagine parla da solo…la maglia di Zaza è tirata[ Le parole sono ormai superflue. Guida era a 5 metri non può non aver visto, questa è malafede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. fabio.tesei6_765 - 7 mesi fa

    Il risultato di ieri sera è solo la conferma del modo di agire di questa nuova generazione di agnelli. Dominare le regole alla luce del sole per dimostrare l’assoluto potere che hanno in ogni settore non solo nel calcio. Sono l’esatto contrario di ciò che insegna ogni sport. Ieri sera purtroppo al di là della sconfitta sono rimasto deluso da Ronaldo il gesto che ha compiuto mi ha fatto veramente male da lui non me lo aspettavo. Se lui è così ha scelto la squadra giusta. Che peccato poteva essere un grande campione, invece

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Ferrini - 7 mesi fa

    Oggi Ciccio Graziani ha detto il contrario. Per lui non era fallo su Belotti mentre quello su Zaza era un comune contrasto di gioco. Si è allineato anche lui?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 7 mesi fa

      Graziani può dire quello che vuole, tanto ormai i giornalisti o opinionisti che siano sono funzionali al sistema. Fanno tutti da cassa armonica ai potenti. Guardate come pompano i giocatori come fecero cin balotelli. La verità è che un piciu rimane un piciu e non diventa un campione, ed un furto rimane un furto poi lo possono mascherare quanti vogliono, per me il campionato è già scritto, è truccato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. antoniasens_751 - 7 mesi fa

        Mi ffa incazzato che non si incazzato ribellano cairo Mazzarri e quel ..ditemi voi COMI

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 7 mesi fa

          Anche su questo avrei una mia chiave di lettura ma non la dico qui perché potrei essere querelato.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 7 mesi fa

      Graziani e’ stato il primo a cambiare scarpe al Toro dei 50 punti gli atri usavano Superga lui le Puma (per lo sponsor). Lui era gia’ avanti….
      Lui deve fare presenza in Tivvu’ allora e’ meglio che tiri l’aria che tirano gli altri…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Filadelfia - 7 mesi fa

      Graziani è un venduto. Uno che per timore dell’anonimato si è messo a fare un reality con il Cervia è tutto detto. Pulici è semplicemente di altra categoria in tutto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Hagakure - 7 mesi fa

    Devo dire che la mossa del duo Nicchi/Rizzoli è stata veramente “finissima”.

    Un arbitro “ex novo” ed insospettabile per il derby (Guida) a fare da burattino, ma ovviamente dietro le quinte e in cabina di regia il burattnaio Mazzoleni pronto ad ogni evenienza.

    Partita già scritta ancor prima di essere giocata, perlatro come ho evidenziato io stesso al momento della pubblicazione, su questo sito, dell’avvenuta designazione.

    P.S.: non state a cercare il mio post, poichè è stato cancellato (non chiedetemi il perchè, domandatelo alla Redazione).

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy