25 aprile: Erbstein, Staccione e Neri, i granata che hanno combattuto per la libertà

Nell’anniversario della liberazione d’Italia, tre brevi ritratti di uomini granata che hanno lottato per la libertà

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

25 APRILE

Il 25 aprile di 75 anni fa l’Italia tornava ad essere finalmente libera dall’oppressione del regime fascista e dall’occupazione dei nazisti. La festa della Liberazione rappresenta la rinascita del nostro Paese e l’uscita dal periodo più buio del secolo breve. Una rinascita che dobbiamo al coraggio di uomini che hanno dato la vita per conquistare la libertà: tra loro c’è Bruno Neri, il centrocampista partigiano del Toro caduto nel 1944 in uno scontro con i nazisti. Non solo, con il regime hanno dovuto fare i conti anche Vittorio Staccione, il mediano socialista granata lasciato morire in un campo di concentramento per essere rimasto fedele agli ideali di uguaglianza e libertà e Erno Erbstein allenatore del Grande Torino, perseguitato perché ebreo. Vogliamo celebrarlo così questo giorno, dedicandolo a questi coraggiosi personaggi granata che hanno subito sulla propria pelle l’orrore nazi-fascista.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. barrieradimilano - 6 mesi fa

    Grazie all’articolista (fa piacere che un ragazzo così giovane tenga viva la memoria dei partigiani molti dei quali hanno sacrificato la loro vita nel fiore degli anni) e alla redazione per aver voluto commemorare il 25 aprile che è e sarà sempre il giorno della liberazione dal Nazifascismo. Ora e sempre Resistenza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy