Izzo-Mandragora, da Scampia alla Nazionale: l’anima partenopea del Torino

Focus on / Due leader tecnici dei granata con le stesse radici e gli stessi sogni realizzati

di Silvio Luciani, @Silvio_Luciani

“Io mi sento un figlio di Scampia” ha sempre dichiarato Rolando Mandragora, orgoglioso delle proprie origini. Le stesse di Armando Izzo, difensore granata con cui ha già condiviso lo spogliatoio nel Genoa e che l’ha visto esordire a Marassi nell’ottobre del 2014 a soli 17 anni. Izzo e Mandragora, in comune, non hanno solamente un passato in rossoblù. Le radici, il riscatto sociale passato dal calcio: partiti da Scampia, arrivati a vestire l’azzurro della Nazionale, per gridare all’Italia intera che non tutto è come viene dipinto e che le storie positive, spesso trascurate, vanno invece esaltate: “Io, così come altri sportivi siamo la testimonianza che in questo quartiere non esiste solo quel lato brutto di cui parlano tutti, ma c’è anche tanta brava gente che ogni giorno con umiltà, dedizione e sacrificio porta avanti le cose importanti della vita” disse qualche anno fa proprio Mandragora.

LEGGI ANCHE: De Simone (ag. Mandragora): “Rolando, il Jorginho del Torino: ecco perché ha scelto i granata”

NOI, FIGLI DI SCAMPIA – Tra “gli altri sportivi” c’è sicuramente Armando Izzo, che nel quartiere della periferia napoletana è cresciuto tra mille difficoltà prima che il suo talento calcistico gli desse l’opportunità di emergere: “Quando nasci a Scampia non sai cosa c’è fuori, non vedi altre prospettive. Per me l’unica parola era sopravvivenza. Non avevo tempo per sbagliare strada. La maggior parte degli amici con cui condividevo quei pomeriggi in piazza è finita in galera” ha raccontato Izzo in una recente intervista a Cronache di Spogliatoio. E quel legame col calcio: “Mettevamo due buste per terra e pensavamo al calcio, non c’era tempo da perdere. Era l’unica ancora di salvezza. Perché appena la palla usciva dal recinto di gioco, la normalità ti affossava… Una cosa era certa: quando nasci senza niente, l’unica cosa che puoi mettere in palio è il cuore”. È proprio quel cuore che Izzo e Mandragora dovranno mettere a disposizione del Torino, che ora ne ha bisogno più che mai: è facile immaginare i due come leader tecnici della squadra che dovrà giocarsi la salvezza. Ora sta a loro confermare di poterlo essere.

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 3 settimane fa

    Uno mi è piaciuto fin da subito, e non ho mai condiviso critiche o peggio insulti a lui rivolti x un “umano”, momentaneo calo di forma e rendimento.
    L’altro sia il benvenuto!
    E speriamo vada tutto bene, x loro e per il Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. filippo67 - 3 settimane fa

      Mandragora,Baselli e le faro’ vedere come girerà bene anche Linetty avendo un po’ di qualità in piu’ a centro campo,cosi’magari ognuno finalmente giocherà nel proprio ruolo e non solo “adattati”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 3 settimane fa

        Bene, speriamo che lei abbia ragione!
        Purtroppo ad aver perso la fiducia in Linetty non sono io sola: decine di tifosi diversi si sono espressi in modo molto più feroce del mio nel criticare lo scarso e scadente gioco del polacco!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. filippo67 - 3 settimane fa

          Linetty ha sempre giocato bene nella Samp,uno non puo’ diventare un brocco all’improvviso,ci sono tanti fattori da tenere conto e soprattutto avere qualità,quella che al Toro è sempre mancata fino ad ora,con due giocatori migliori a centrocampo e Rincon finalmente nel suo ruolo,le cose andranno meglio e ci spero vivamente.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bastone e Carota - 3 settimane fa

    Senza occhiali avevo letto “Anonima Partenopea”.

    Ci spero tanto in Mandragora e gli auguro tanta tanta salute.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. filippo67 - 3 settimane fa

    Napoli città sempre nel mio cuore,noi gente partenopea con anima Granata da generazioni.Forza e onore…sempre.Un cairo qualunque o uno strisciato certe cose non le capiranno mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese Granata - 3 settimane fa

      Parte nopei e parte granata 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Paul67 - 3 settimane fa

    “Voglio trovare un senso a quest’…… Articolo.
    Anche se quest’…… Articolo un senso nn c’è lo ha”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese Granata - 3 settimane fa

      Lo hanno fatto per me! 😉 Anche io mi sento parte di quell’anima.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Paul67 - 3 settimane fa

        Bene, allora un senso ce lo ha

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy