L’analisi dei gol di Torino-Lazio 1-2: Luis Alberto illuminante, ma manca la pressione

L’analisi dei gol di Torino-Lazio 1-2: Luis Alberto illuminante, ma manca la pressione

L’analisi / Il primo gol dei biancocelesti porta la firma del fanatsista spagnolo che con un pallone con i contagiri serve Immobile, il secondo parte da un dribbling troppo facile di Lukaku

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

GOL BELOTTI

TURIN, ITALY – JUNE 30: Andrea Belotti of Torino FC celebrates with his team mates after a scoring a penalty during the Serie A match between Torino FC and SS Lazio at Stadio Olimpico di Torino on June 30, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Marco Rosi – SS Lazio/Getty Images)

Il Torino perde la seconda partita di fila. Con la Lazio, nonostante il vantaggio immediato dei ragazzi di Longo, è venuta fuori la maggior bravura dei biancocelesti. Il primo gol arriva subito ed è dei granata appunto. Nasce tutto da una punizione sbilenca di Verdi, che cerca di servire sul secondo palo Lyanco, ma il cross è a campanile.

Sulla palla però arriva senza troppi problemi Parolo. Ma il centrocampista laziale tenta un goffo rinvio e di fatto fa una torre a centroarea per i granata.

Sulla sfera si avventa Nkoulou che tenta una girata al volo. Sulla conclusione si avventa Immobile, che respinge di fatto con la mano (QUI per la moviola della partita): viene giustamente assegnato il rigore al Toro.

Sul dischetto si presenta Belotti. Il Gallo rispetto alla partita con il Parma cambia angolo, apre il piattone e spiazza Strakosha. Il capitano granata con freddezza così regala il vantaggio al Toro. Dalla panchina del Torino qualcuno avrà sicuramente pensato: se avesse tirato in questo modo anche contro Sepe…

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Emilianozapata - 1 mese fa

    Forse per pressare bisognerebbe correre…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. grammelot - 1 mese fa

    La pressione ce l’abbiamo eccome…ma da tergo….martellante e continuativa da 15 anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy