gazzanet

Torino, il pagellone di fine 2020: Vojvoda 5.5, un buon impatto e poco più

FLORENCE, ITALY - SEPTEMBER 19: Mercim Vojvoda of Torino FC in action during the Serie A match between ACF Fiorentina and Torino FC at Stadio Artemio Franchi on September 19, 2020 in Florence, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

I voti / Il laterale kosovaro ha patito l'esplosione di Singo e il contagio Covid. Ultimamente è stato adattato a sinistra

Redazione Toro News

Sotto le Feste su Toro News torna l'appuntamento con i pagelloni di fine anno: a ogni giocatore assegneremo un voto che riassuma la prima parte della stagione 2020/2021, ossia il periodo che va da settembre a dicembre. Buona lettura.

Ultimi sgoccioli di 2020 per il Torino di Marco Giampaolo che ha concluso il suo anno calcistico con un pareggio allo stadio Diego Armando Maradona contro il Napoli di Gennaro Gattuso. Continuano i pagelloni di fine 2020 con il terzino kosovaro arrivato quest'estate a Torino attraverso il mercato estivo: Mergim Vojvoda. Un giocatore che, causa Covid-19, non ha potuto seguire la squadra contro Inter, Virtus Entella - partita di Coppa Italia - e Sampdoria.

 FLORENCE, ITALY - SEPTEMBER 19: Mercim Vojvoda of Torino FC in action against Patrick Cutrone of ACF Fiorentina during the Serie A match between ACF Fiorentina and Torino FC at Stadio Artemio Franchi on September 19, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

PARTITA TOP - In questa prima frazione di campionato Mergim Vojvoda ha dato buoni segnali soprattutto contro Atalanta (perso 4-2), Cagliari (perso 3-2) e Sassuolo (pareggiato 3-3), malgrado il Torino non abbia ottenuto risultati positivi. Il terzino granata in tutte e tre le partite ha permesso ai granata di riscoprire i cross dal fondo, creando così occasioni da gol: il primo assist per il colpo di testa di Andrea Belotti contro la Dea, poi il momentaneo 2-2 di Belotti contro il Cagliari grazie a una leggera deviazione del kosovaro e infine la palla messa per il primo vantaggio firmato da Linetty contro gli emiliani.

 TURIN, ITALY - SEPTEMBER 26: Mergim Vojvoda (L) of Torino FC is challenged by Robin Gosens of Atalanta BC during the Serie A match between Torino FC and Atalanta BC at Stadio Olimpico di Torino on September 26, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

"PARTITA FLOP - Per la partita casalinga contro l'Udinese dello scorso 12 dicembre, Vojvoda è stato adattato come laterale sinistro del 3-5-2, lui destro naturale, a causa delle contemporanee assenze di Ansaldi e Murru. In quell'occasione non ha dato dimostrazione di potersi calare nella parte, a causa di alcune difficoltà nell'arrivare al cross con il piede non naturale. Diversi errori hanno condito una prestazione non sufficiente anche per la mancanza del ritmo partita (Vojvoda, infatti, non giocava titolare da oltre un mese).

 TURIN, ITALY - NOVEMBER 01: Sergej Milinkovic Savic of SS Lazio compete for the ball with Mergim Vojvoda of Torino FC during the Serie A match between Torino FC and SS Lazio at Stadio Olimpico di Torino on November 01, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images)

"VOTO - Il voto che assegniamo al difensore del Torino al termine delle gare del 2020 è un 5,5. In generale, il kosovaro è un po' sparito dai radar dopo un buon impatto - causa Covid-19 e soprattutto per la concorrenza di Wilfried Singo - , in cui, in diverse partite, aveva dimostrato di essere presente, sia nella fase offensiva che difensiva. La squadra in questa prima parte di campionato è stata travolta da un black out e il reparto difensivo sembra essere quello maggiormente colpito - 32 gol subiti in 14 gare - , ma il nuovo acquisto granata arrivato durante il mercato estivo dallo Standard Liegi è tra coloro da cui ci si può aspettare un miglioramento del rendimento nel 2021. Fermo restando che è da capire in che modo Vojvoda possa avere lo spazio necessario per affermarsi quando nel suo ruolo si sta imponendo un giocatore dal potenziale universamente riconosciuto come Singo.

di Cecilia Mercatore

Potresti esserti perso