Torino, quando i numeri non dicono tutto: Longo saluta a testa alta

Torino, quando i numeri non dicono tutto: Longo saluta a testa alta

Focus on / Contro il Bologna l’ultima partita di Moreno sulla panchina del Torino: ecco cosa dicono i numeri della sua stagione

di Nicolò Muggianu
longo

Moreno Longo non sarà più l’allenatore del Torino. L’ex tecnico del Frosinone, come da lui ammesso pubblicamente dopo la sfida di Bologna, lascia la panchina granata dopo 16 partite, 13 punti e una salvezza ottenuta con le unghie, con i denti e soprattutto con due giornate di anticipo. Sono pochi i rimpianti di Moreno, a cui va dato il merito di aver centrato un obiettivo tutt’altro che scontato e di aver riportato un po’ di “granatismo” in un momento in cui c’era un’evidente necessità da parte di squadra e società di tornare a lottare.

LA STORIA – Quando il 4 febbraio accettò il contratto di quattro mesi (senza alcun tipo di clausola per il rinnovo) propostogli da Cairo e dall’allora ds Bava, Longo in cuor suo probabilmente già immaginava che il Torino avesse in mente progetti diversi dai suoi dopo il fallimento che stava maturando nella stagione 2019/2020. Come si dice però “al cuor non si comanda” e così Moreno, anche o soprattutto per amore del Toro, ha deciso di prendersi la responsabilità di portare a termine una stagione già costellata di errori, malumori e un rapporto con la tifoseria a dir poco complicato. E anche per questo a Longo il Torino deve dire “grazie”.

LEGGI: Cairo, a Longo dico grazie

I NUMERI – A bocce ferme ci sono però anche da analizzare i dati oggettivi della sua esperienza in granata. I numeri della sua stagione parlano di 13 punti in 16 partite (3V, 4P, 9S) con una media di 0,81 punti a partita. Numeri sufficienti a garantire la permanenza del Torino in Serie A, ma probabilmente non ritenuti all’altezza dalla società per concedergli una chance di conferma. Un trend peggiore rispetto a quello fatto registrare da Mazzarri (27 punti in 22 partite). Dati che vanno certo presi in considerazione, ma che non dicono tutto. Il contesto trovato da Longo, infatti, parlava di una squadra che aveva totalmente tirato i remi in barca: la dicono lunga i 15 gol in una settimana tra Atalanta, Milan in Coppa Italia e Lecce tra gennaio e febbraio. Un calo verticale che Longo ha saputo arginare in qualche modo, con pragmatismo e concretezza, con la mente rivolta all’obiettivo della salvezza anche durante le lunghe giornate di isolamento per il coronavirus. Ai posteri, dunque, rimane l’immagine di un Longo che ha saputo salvare il Torino nel campionato più anomalo di sempre: le strade si separano, ma la “fedina granata” di Longo rimane intonsa.

42 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fantomen - 2 mesi fa

    Ma come lascio una squadra al 13 posto con 27 punti questo la porta 16 esima quasi la fa retrocedere ed esce a testa alta per aver salvato una squadra che lui stesso anziché migliorare la porta sull’orlo della retrocessione………sarà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maxgemelli - 2 mesi fa

    Spiegatemi dove avete visto un po’ di granatismo, portato da Longo… 13 punti su 48 disponibili, che li avrebbe fatti anche Oronzo Canà. Se ci siamo salvati è grazie solamente a quelli dietro che hanno fatto peggio, perché se fossimo finiti a pari punti con il Lecce o la Spal, saremmo retrocessi. Siete veramente ridicoli, neanche il buon gusto di tacere…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GiaguaroGranata - 2 mesi fa

    I numeri non mentono mai

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. WALTER MAZZARRI 63 PUNTI - 2 mesi fa

    Classifica dalla 23a alla 38a giornata (fonte Transfermarkt)

    1] 39 Atalanta
    2] 34 Milan
    3] 32 Napoli
    4] 31 Inter

    5] 31 Roma
    6] 29 Juventus

    7] 28 Lazio
    8] 25 Sassuolo
    9] 24 Fiorentina
    10] 23 Genoa
    11] 22 Sampdoria
    12] 21 Udinese
    13] 18 Verona
    14] 17 Parma
    15] 17 Bologna
    16] 16 Lecce
    17] 13 Cagliari

    18] 13 TORINO !!!!!!!!!!
    19] 10 Brescia
    20] 5 Spal

    Grazie Sir Mazzarri per averci magnanimamente lasciato un po’ di fieno in questa squallida cascina prima di andartene (senza chiedere un euro!!!).
    TVB <3

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 2 mesi fa

      La pochezza di questo post è disarmante

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Leojunior - 2 mesi fa

      Dai Sir Mazzarri, a leggere i tuoi deliri eri uno di quelli che a febbraio lo chiamava ubriacone testa di ghisa. No perchè sai qua il mandriano ignorante ora è uno di noi.

      In ogni caso, giusto per rimettere le cose a posto, il tuo idolo ha di fatto svolto una preparazione ridicola, compromettendo tutta una stagione. Quando il primo turno lo passavamo anche su una gamba sola, e il secondo saremmo usciti uguali. Non ha saputo gestire la squadra che a febbraio era allo sbando, non ha saputo dare i consigli giusti per gli acquisti. Ha voluto la la panchina corta e non ha valorizzato alcun giocatore. Tutte le partite importanti, decisive, le ha perse. Longo ha trovato una squadra allo sbando, non ha potuto fare preparazione, ha avuto 15 giorni per imbastire una squadra dopodiche partite ogni tre e giorni, ha avuto l’infortunio di uno dei giocatori piu importanti Baselli. Ti ricordo che quella squadra ha perso all’andata ed al ritorno dal lecce (e abbiamo preso 4-0), ha perso in casa con la SPAL per non dire del 7-0 dall’atalanta. Poi fidati se ne è andato lui perchè non voleva fare figuracce e non aveva le palle, e perchè i tifosi guarda caso lo contestavano. Non aveva capito che qua si contesta tutti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Ardi - 2 mesi fa

    Quando si parla di Longo, bisogna anche tenere conto che ha giocato ogni tre giorni con una rosa risicata all’osso. Non voglio dire che sia un genio, ma lo ringrazio comunque per aver centrato la promozione, e spero trovi una società che punti su di lui, che faccia bene e cresca, per poi, magari, rivederlo un giorno al Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WALTER MAZZARRI 63 PUNTI - 2 mesi fa

      PoveVo MoreVo CuoVe ToVo, ha giocato ogni 3 gioVni mentVe gli altVi ogni 10. GVandissimo MoVeno cuoVe ToVo, gVazie di tutto, sei foVtissimo. MazzaVVi vattene

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. verarob_701 - 2 mesi fa

    Leggo alcuni commenti e mi chiedo ma dove viviamo…leggo di onestà intellettuale, poi si conta solo il post lockdown, si fa segnare il rigore di Belotti al Parma ecc….
    Dati di fatto Longo ha preso il Toro con 27 punti, da allora ne ha fatti 13, prendendo in considerazione le squadre in crisi che hanno cambiato allenatore, la Fiorentina che era 2 punti sotto ne ha fatti 24,l’Udinese che era 3 punti sotto ne ha fatti 21, la Samp 7 punti sotto, 22, il Genoa 11 punti sotto 23, il Lecce 8 punti sotto, (senza camnbio), 16, il Brescia ne ha fatti 10…..
    Ed erano squadre in mezzo a una strada.
    Qui si parla di problemi con Mazzarri, ottimo, quando arriva un nuovo mister che conosce l’ambiente ed è benvoluto già dovrebbe migliorare.
    C’era poi un gap di preparazione con le avversarie (dato dai preliminari), che il Covid ha azzerato, consentendo a Longo di partire alla pari con le avversarie.
    E come si cita il rigore sbagliato con il Parma,con prestazione che meritava la vittoria, citiamo allora, per onestà intellettuale, il “furto” nella gara con l’Udinese, la mancata vittoria a Ferrara, i rischi con il Brescia, e con il Verona….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Graziano - 2 mesi fa

      D’accordo su tutto. Mazzarri è stato mandato via quando la zona retrocessione era molto lontana e ci si illudeva di avere una squadra da sesto posto. Arrivato Longo abbiamo rischiato la B. Bisogna essere onesti e ammettere che mazzarri in 2 anni aveva fatto risultati maggiori di quanto meritasse la rosa. Però se si vuole giudicare solo in base a simpatia o antipatia a pelle, allora è un’altra cosa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fabio00ari - 2 mesi fa

      Ciao,
      siccome il tuo commento richiama molto il mio precedente post, ho piacere di risponderti facendo degli appunti al tuo.
      1. Hai citato tutte squadre che nel mercato di gennaio si sono rinforzate sul mercato. Noi abbiamo ceduto 4 elementi con potenziale minutaggio.
      2. Mazzarri ha fatto 27 punti in 22 partite. Longo 13 in 16. Direi che stiamo paragonando mele con pere. I 27 punti sarebbero potenzialmente raggiungibili anche da Longo su 22. Mazzarri nelle stesse partite guidate da Moreno ha fatto 17 punti, non 30.
      3. L’ambiente con Moreno è migliorato. Ci siamo salvati. Al suo arrivo a Torino, 17 goal in 5 partite, c’erano un migliaio di tifosi al Fila.
      4. Il Covid ha semplicemente dato la possibilità a Longo (dove perde anche Baselli per tutta la stagione, Verdi e Ansaldi parzialmente) di ragionare e far ragionare la rosa, su quello che è il vero obiettivo di stagionem, salvare la faccia e le chiappe. Senza Covid per me saremmo retrocessi anche con Longo, senza se e senza ma. Su questo non ci piove. Ma cosi come con Guidolin, Mim’ Coco’ e Klopp.
      Longo non è Guardiola, nessuno dice questo, ma tutti secondo me prendono alla leggera la situazione che si è trovato a dover gestire.
      Stagioni come queste, 99,9% su 100 diventano fallimento.
      I fatti dicono che questo fallimento, se non quello tecnico, quello di risultato sportivo, Moreno lo ha evitato.
      E non sentir dentro di dover ringraziare vivamente Longo, simpatie o antipatie a parte, ma semplicemente perchè si tifa Toro, beh, per me non è un vero tifoso del Toro, o per lo meno, non del Toro che ho in mente io.
      Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. TOROPERDUTO - 2 mesi fa

      Mi sembrano valutazioni superficiali e semplicistiche e fare questo calcolo di punti tra Mazzarri e Longo vuol dire non aver capito una mazza di quello che è successo.
      Con questo non faccio di Longo un eroe ma neanche un coglione, idem Mazzarri.
      Continuiamo a disquisire del nulla mentre chi sta distruggendo il Toro continua imperterrito nella sua opera avendo l’avallo di tutti, tifosi, giornalisti, addetti ai lavori

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. WALTER MAZZARRI 63 PUNTI - 2 mesi fa

    Ringraziate Sua Santità Walter Mazzarri se siete salvi !!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. WALTER MAZZARRI 63 PUNTI - 2 mesi fa

    13 punti in 16 partite, media da Champions League… Grande Moreno, cuore Toro BLA BLA BLA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. WALTER MAZZARRI 63 PUNTI - 2 mesi fa

    Quante belle parole per sta pippa d’allenatore solo per essere nelle grazie dei tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. iugen - 2 mesi fa

    Aggiungo una considerazione a favore di Longo: è una persona seria, nessuna scenata in conferenza stampa, lontano anni luce dai vari Ventura, Mazzarri, Mihajlovic, uno più insopportabile dell’altro fuori dal campo. E anche Giampaolo, a pelle, non sembra mister simpatia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WALTER MAZZARRI 63 PUNTI - 2 mesi fa

      E tieniti sta pippa. Così ti godi la sua simpatia nelle conferenze pre Torino-Cosenza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. fabio00ari - 2 mesi fa

    Dato che si parla di numeri, provo a metterne giù due io. Allora, io credo che per onestà intellettuale, si possa e si debba parlare di gestione Longo, a partire dal post lockdown, Torino-Parma 1-1. Inserire nelle statistiche Samp,Milan e Napoli dopo il filotto di sconfitte consecutive e i 15 goal presi dalla banda Mazzarri, credo sia ingeneroso e ingiusto. Quella squadra era in caduta libera. Serviva un reset, che è forzatamente arrivato. Ma torniamo ai numeri. Longo nelle partite post-lockdown ha totalizzato 13 punti in 13 partite, con una media punti di 1,0 a partita. Se Belotti non avesse sbagliato il rigore col Parma i punti sarebbero 15, 1.15 di media. Media Mazzarri presa (1.23). Vincevi col Parma, andavi a 1.3. Non capisco sinceramente questo atteggiamento di freddezza nei confronti di Longo. A Moreno dobbiamo tutti noi dire GRAZIE per averci portato via dalla mer.da in cui ci siamo ritrovati e che non eravamo pronti ad affrontare.
    Poi, sulla permanenza ognuno può avere la sua idea. Se verrà Giampaolo, forza Giampaolo, e zero pregiudizi a priori, le persone vanno prima valutate, per poter essere giudicate.
    Ma questo non toglie merito e onore a Moreno Longo, che con Sirigu ed il Capitano hanno portato a termine con successo questa battaglia imbarazzante ed agonizzante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ulisse71 - 2 mesi fa

      se si fanno i conti, è meglio farli giusti. non vedo perché si debbano togliere le prime 3 partite pre-lockdown. in particolare, la sconfitta casalinga con la samp è stata molto pesante e significativa della scarsa efficacia del cambio allenatore. e se non ci fosse stato il lock down? avremmo dovuto sospendere il giudizio su Longo, per trascinamento delle responsabilità di Mazzarri, anche in caso di retrocessione?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bloodyhell - 2 mesi fa

        fratello ulisse, è inutile.ormai è in corso una beatificazione di moreno longo,e il tuo discorso ragionevole si scontrerà con una retorica che si sta tagliando a fette. quello che si è visto in campo pare non contare più, contano solo i racconti che in qualche testa da romantico si sta trasformando nella versione peggiore della collezione harmony. se uno prova,come te, a fare ragionare, secondo questi neo “harmonisty” non capisce niente di calcio e di psicologia da spogliatoio che sarebbe stato distrutto da mazzarri.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Madama_granata - 2 mesi fa

        Ulisse71:
        Per me, certamente sì!
        Non si è trattato, purtroppo, del classico calo di rendimento di una squadra, della pochezza dei risultati, e del normale cambio di allenatore!
        Qui la squadra non c’era più!!
        Non reagiva,non giocava!
        Metà era attanagliata dalla paura, insicura e tentennante, senza più alcuna fiducia nei propri mezzi; l’altra metà se ne fregava altamente: semplicemente non aveva voglia di giocare. Punto.
        E qualcuno pensa che Longo, alla prima o alla seconda partita, avrebbe pure dovuto vincere?
        Già un miracolo che le sette reti subite dall’Atalanta non fossero diventate 10 o 14!!!
        Onore a Longo: in pochi sarebbero stati in grado di ottenere la salvezza, e risultati comunque tutti quanti onorevoli!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ulisse71 - 2 mesi fa

          anche nella classifica post lockdown siamo quart’ultimi…
          se riteniamo però che l’operato di Longo non possa essere giudicato con i freddi numeri, sia perché la squadra pre-Covid era bollita, sia perché post-Covid non c’era tempo per allenarsi regolarmente, allora sospendiamo del tutto il giudizio. mi sembra ipocrita eccedere con gli elogi nei suoi confronti, in particolare tutti sapendo ormai che se ne va. Longo stesso, che è un professionista serio e intelligente, capirà che per il Toro è necessario cambiare radicalmente. proprio in seguito agli sfracelli di quest’annata (colpa un po’ di tutti).

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. fabio00ari - 2 mesi fa

        perchè Longo si è trovato in mano una situazione che vedeva la rosa ancor più ristretta, con la cessione di 4 elementi (Bonifazi Parigini Iago Falque Laxalt), quindi mercato chiuso, e una squadra che veniva da 17 goal incassati in 5 partite, in 15 giorni..uno spogliatoio allo sbando da 6 mesi…non uno schema, non UNO. Poi per carità, ripeto, il calcio è bello perchè è vario. Ma chi non sente dentro di dover ringraziare Longo per quello che ha fatto , per me non tifa Toro. O per lo meno, non tifa il Toro che intendo io. Non voglio cadere nel banale, e neanche Moreno lo merita, ma faccio notare solo un minuscolo dettaglio. Con Mazzarri, durante i calci d’angolo tornavi da Sirigu 8 volte su 10. Con Longo, abbiamo addirittura visto degli schemi e far goal.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bischero - 2 mesi fa

      Scherzi vero? Allora togliamo anche il derby… In fin dei conti lo perdiamo sempre. Togliamo anche la lazio e Inter. Si giocavano lo scudetto. Ma che discorsi sono?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 2 mesi fa

        Si giusto, se se se….per me il calcio è fatto di numeri e i numeri di Longo parlano da soli. Poi certo se Belotti, se Sirigu, se Baselli…Ma che discorso è?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. massimo.buff_2491189 - 2 mesi fa

    Buongiorno a tutti.
    C’è dunque chi pensa che Longo vada lodato per averci portato alla salvezza e chi pensa vada biasimato per i risicati risultati ottenuti.
    Secondo il mio parere (ovviamente soggettivo e discutibile);
    1- Longo ha accettato un contratto a termine perché non aveva altro né in corso né in prospettiva.
    2- Il fatto di essere scuola Toro è stata una ragione a supporto della decisione, non la principale.
    3- Spostando l’obiettivo alla salvezza, Longo sapeva di poter aggiungere un altro obiettivo raggiunto al suo palmares. E avrebbe avuto molte più probabilità di avere un ingaggio al prossimo campionato, magari al Toro.
    4- Ha considerato basso il rischio di non farcela considerata la qualità della rosa che, considerando i singoli,è obiettivamente superiore a parecchie altre squadre.
    Se così fosse:
    – non ci vedo nulla di strano
    – obiettivo raggiunto
    Io lascerei perdere tutte le belle storie, leggende, ricordi di un Toro che fu, del Cuore Toro, …. Direi grazie per la salvezza a Longo, direi penosi i giocatori specie i senatori, confiderei in una nuova avventura con gente affamata, direi sempre Forza Toro.
    Un saluto da Parigi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    Longo ha lavorato sulle macerie. E senza tempo per allenare la squadra.
    Non sarà Klopp e non è un eroe con quel che guadagna.
    Ma insultarlo come ho letto in molti post qui denota ingratitudine e stupidità.
    Reputarlo incompetente è invece semplice e pura ignoranza calcistica.
    Fosse stato incompetente o “sborone” ci avrebbe mandato dritti dritti in serie B. Ha preferito agire invece con saggezza senza stravolgere la squadra e preparandola al meglio nelle 3 partite che dovevamo vincere ad ogni costo. E lo ha fatto. Forse ha sbagliato solo contro la Samp, ma era la prima partita dopo i quattrocento gol subiti nelle gare precedenti…

    Adesso ben venga il nuovo mister. Anche se sarà Gianpaolo che non mi piace. E in bocca al lupo a tutti, noi per primi, perché sarà dura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Bischero - 2 mesi fa

    Una stagione non può essere bollata in una settimana seppur mortificante. Questa storia dei 15 gol in 7 giorni lascia il tempo che trova. Cosa rimane sono i punti fatti. Le dinamiche tecniche, i gol fatti e subiti. Longo merita rispetto come uomo e professionista. Ha delle attenuanti senza ombra di dubbio. Ma é un dato di fatto che la situazione con lui é peggiorata. Come punti, posizione in classifica e differenza reti. Non leggete nel mio commento quello che non c’é. Si analizza semplicemente quello che é stato rispetto al girone di andata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 2 mesi fa

      Bischero è verissimo, ma sai benissimo che quest’anno non c’era Santo che teneva.
      Questo non fa di Longo un Salvatore ma neanche un coglione.
      Fare il paragone di punti tra Mazzarri e Longo è intellettualmente non onesto.
      Per quanto riguarda le altre squadre che hanno fatto il cambio di allenatore nessuna di esse aveva i problemi che avevamo noi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. FORZA TORO - 2 mesi fa

    un grazie se lo merita di cuore,fare molto meglio credo sarebbe stato difficile per chiunque,ha raggiunto l’obiettivo,buona fortuna Moreno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Leojunior - 2 mesi fa

    Dovremmo tutti ringraziare Longo, invece leggo pure con lo deridono chiamandolo Pongo. Tutti lo volevano, ora metà dei tifosi lo massacrano.
    Il massimo però è Gianpaolo, può pure non piacere, ma manco è arrivato e gia lo contestate.
    Manco iniziato il calcio mercato e già vi lamentate epr gli acquisti.
    Tifoseria di psicopatici incompetenti. Queli del solo Millico ci salverà…
    By the way, sembra che Sirigu se ne voglia andare a causa delle contestazioni e dell’ambiente malato che a lui non piace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 mesi fa

      Io non ho mai contestato Longo ,né la campagna acquisti che ancora non è partita, ne Giampaolo. Ma se sirigu se ne vuole andare per l ambente malato ,se davvero è questa la ragione , allora significa che non regge la pressione. Vorrei vedere qualunque tifoseria con un minimo di ambizione applaudire per gli spettacoli indegni che ci hanno propinato quest anno . Chissa se al Milan avessero finito al sedicesimo posto li avrebbero applauditi…mah.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata78 - 2 mesi fa

        Dire che il portiere della nazionale, un giocatore con una carriera internazionale enorme, con partite di Champions e vincitore di vari titoli all’estero non regge la pressione è follia pura. Forse non gli va che gli si lancino contro bombe carta e che si fischi a prescindere e su questo non gli si può dar torto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. FORZA TORO - 2 mesi fa

          sono d’accordo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Bischero - 2 mesi fa

        Davide Sirigu se ne va perché ha ambizioni tecniche ed economiche. Non fantastichiamo. La stessa cosa izzo nkoulou e giustamente Belotti.cosa rimangono a fare? Fossero coperti di soldi é un discorso. Ma guadagnano poco rispetto al potenziale e non hanno un ottica futura. Al loro posto ognuno di noi farebbe la stessa cosa. Per loro é lavoro. Ognuno di quelli che ho citato possono andare a guadagnare come minimo un milione di euro in più con prospettive europee. Dobbiamo essere realisti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

      Grande stima per Sirigu come portiere, forse il migliore che ho visto dai tempi di Castellini.
      Ma nono sono d’accordo sui gesti di stizza verso i tifosi a causa di una piccola parte di tifosi violenti. La stragrande maggioranza di noi lo ha osannato e si è subita in silenzio un’annata fatta in gran parte di umiliazioni. Non penso che altrove, in piazze come la nostra o più importanti avrebbero fatto molto meglio i tifosi.
      Se Sirigu vuole andar via perché non crede nel progetto della società, lo capisco. Se lo fa per quatto imbecilli violenti invece proprio no.
      Allora a Napoli i vari Hamsik rapinati per strada cosa avrebbero dovuto fare ?
      Ah, Hamsik è diventato capitano e recordman della storia del Napoli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Leojunior - 2 mesi fa

        Non mi pare proprio che il problema sia reggere l’attenzione, ma a un giocatore come lui chi glielo fa fare di rimanere in una piazza del genere dove c’è contestazione permamente. Leggevo un altro fratello tifoso che sosteneva che siamo la quinta società con più titoli, più del Napoli, Fiorentina, Lazio ecc ecc…. Gli vorrei ricordare che probabilmente anche la Pro Vercelli è più titolata di Napoli, Lazio, Fiorentina. Il problema nostro, e lo abbiamo da circa 40 anni, è che viviamo ancora della sindrome Grande Torino, e che una squadra con una tifoseria con mediamente 15000 tifosi allo stadio possa competere davvero. Sento dire “eh ma Torino Mantova” erano 50000…. una volta all’anno se va bene. Io mi ricordo un’intervista a Borsano, dopo Torino Boldklubben ai quarti di finale della coppa uefa 91-92, in cui diceva che era molto deluso perchè allo stadio non c’erano solo 20000 persone e l’incasso gli permettev a malapena di pagare il premio ai giocatori. Poi se pensate che mo arriva tizio e butta nel Toro 500 milioni di euro… auguri. Comunque lo ho detto tante volte, quest’anno i tifosi degni della squadra… cioè una pena.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. bloodyhell - 2 mesi fa

      ma è davvero possibile pensare che sirigu se ne voglia andare, messo sia così, perchè qualcuno ha contestato? ormai si crede anche all’asino che vola in questo paese. nessuno a chiedersi se per caso, dico per caso, sia possibile che sirigu abbia ricevuto un’offerta più conveniente e legittimamente la voglia cogliere. se questo accadrà,spero non abbia l’indecenza di dire che se ne va per qualche episodio di contestazione, anche se qualcuno qui dentro sarebbe disposto persino a credere ad una balla del genere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. CLAUDIO - 2 mesi fa

      Purtroppo sembra che qui molti vengano solo per sfogare le loro frustazioni. Se no non si capirebbero i continui insulti spesso gratuiti. Longo sbeffeggiato solo perché è una persona per bene Zaza gioca male insultato segna insultato ancora di più Izzo passato da eroe a scugnizzo che si vende le partite e potrei continuare per ore con gli esempi. Ora iniziamo a criticare Giampaolo senza nemmeno averlo visto all’opera. Bravi continuiamo così con critiche solamente distruttive.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Dr Bobetti - 2 mesi fa

    Ho letto anche ieri tante e troppe critiche a Longo. Che non abbia esperienza è vero, che non si sia visto il gioco scintillante è vero.
    Ma è anche vero che ha lavorato su ciò che prima di tutto serviva ovvero la testa dei giocatori, che avevano ammutinato con Mazzarri e con una situazione diventata disastrosa (0-7 e 0-4 a Lecce che poi è retrocessa sono segnali evidenti).
    Che Moreno potesse finire qui questa storia al Toro poteva anche essere ed io credo sia anche meglio. Ha portato la nave in porto pur piena di falle e con equipaggio almeno ricompattato per toccare terra.
    Quindi bravo Longo e non solo per la questione Cuore Granata. Che pure un peso ha.
    Ora è tempo di rifondazione e per questa servono le basi solide. Io mi auguro Giampaolo offra qui il bel calcio visto a Genova lato ciclisti, torniamo ad una difesa a 4 che è più semplice da gestire. Vagnati-Giampaolo come Petrachi-Ventura? Magari ma con un pezzo in più, ovvero quel benedetto salto di qualità per stare stabilmente nelle prime 7-8.
    Qui arrivano i dolori, che non sono Longo o Giampaolo ma il manico. Cairo se si ostina in questa sua posizione così minimalista rischia di creare un effetto bomba che ci porta dritto all’inferno, evitato quest’anno ma per poco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. avvopal_14171626 - 2 mesi fa

    Non è stato per nulla facile perchè mentalmente la squadra ha staccato dopo lo 0-7 con la Dea e a quel punto tutti hanno capito che l’Europa era un sogno e che la stagione era pressochè finita, credendo bastasse poco per una salvezza dignitosa. Il lockdown ha fatto il resto. Aver fatto meno della metà dei punti del girone d’andata la dice lunga su quanto la testa sia più importante delle gambe. Per cui grazie Moreno ma ora c’è bisogno d’altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 1 mese fa

      test

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy