Torino, passare alla difesa a quattro? Manca un terzino sinistro di ruolo

Il tema / Longo per ora ritiene che non ci sia un giocatore impiegabile come terzino sinistro

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

La difesa a quattro? Per ora può aspettare. In questi giorni si è levata da più parti intorno al Torino la corrente di pensiero secondo la quale Longo dovrebbe provare a cambiare modulo; non solo una parte della critica, ma anche dei tifosi – e lo testimonia anche il sondaggio proposto da Toro News negli scorsi giorni – vedrebbero di buon occhio il passaggio proprio a una difesa a quattro. Forse lo pensa anche Moreno Longo, che sicuramente è nato come allenatore che predilige questa retroguardia (chi seguiva il suo Torino Primavera lo ricorda bene).

Tuttavia, il tecnico ha confermato, per le sue prime partite, la difesa a tre “Mazzarriana”. E al momento pare improbabile che possano esserci cambi di rotta. Il perché è presto detto: Longo ha sempre affermato che questo Torino è stato costruito per giocare a tre dietro. In particolare, a pesare è la difficoltà nel reperire un giocare in grado di fare il terzino sinistro della difesa a quattro. Tra i difensori a disposizione, non ci sono mancini di piede (nè Bremer, nè Djidji, nè Lyanco); non convincono in quel ruolo nemmeno Aina (tanta esuberanza, poche capacità difensive) e Ansaldi (che ha il suo pezzo forte nella fase di spinta e nella qualità, merce rara in questo Toro). A destra può giocare De Silvestri, a sinistra non c’è una pedina ideale per Longo. E infatti nelle partitelle al Filadelfia il tecnico sta continuando a insistere sulla difesa a tre, sparigliando le carte invece dalla mediana in su.

47 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. neleserra - 8 mesi fa

    SIRIGU
    IZZO NKOULU LYANCO BREMER
    AINA LUKIC RINCON BASELLI ANSALDI
    BELLOTTI

    Per cercare di non perdere!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tororossogranata - 8 mesi fa

    4 3 1 2 Sirigu, De Silvestri, NKoulu, Izzo, Ansaldi. Baselli, Lukic, Rincon.
    Verdi
    Millico Bellotti.
    Che ne pensate?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. policano1967 - 8 mesi fa

      Ke puoi mischiarli come vuoi,di buono nn ne esce niente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

    5-5-5 la b zona, ma che è mister il modulo per andare in serie b? No b sta per bis cioè 2 volte zona, come se io le dicessi bistrot che non vuole dire bistrot in francese ma due volte stronzo, arrivederci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ardi2 - 8 mesi fa

    Ma un paio di svincolati per poter cambiare modulo e avere alternative no è, finisce che falliamo….di andare in serie b

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paul67 - 8 mesi fa

    Con gli € gettati tra Niang, Zaza, e Verdi ci si pagava mezzo stadio, il resto lo si finanzia a. Questi 3 acquisti nn hanno migliorato la squadra di una virgola, anzi….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paul67 - 8 mesi fa

      Opss, sbagliato articolo, era riferito a Verdi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 8 mesi fa

      I soldi per niang se li sono ripresi. Quelli di verdi quasi , vendendo bonifazi e falque arrivano 20 milioni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

    Io non so se cambiare continuamente modulo sia la cosa più furba.
    Ma non solo a me sfugge solo una cosa logica, se il problema non era Mazzarri perchè bisogna cambiare il modulo di Mazzarri?
    Se ci aggiungi che per molti i giocatori lo stanno facendo apposta che senso ha parlare di moduli?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pesce - 8 mesi fa

    Come tutti anche io provo a dire la mia pronto ad essere coperto di insulti:
    Difesa a 4:
    Izzo (in nazionale con mancini fa quel ruolo), nkoulou, Lyanco, Ansaldi (è talmente una spanna sopra che può fare quel ruolo, lo faceva all’inter)
    Qui arriva il bello, Centrocampo a 5, convincendo però gente coi piedi buoni (Verdi, Edera, Millico) a sacrificarsi a fare gli esterni di centrocampo (esattamente ciò che Mourinho chiese di fare a Eto’o nell’anno del triplete: prese una punta coi piedi buoni e la convinse a fare la vecchia ala tornante). Centrali Rincon, Baselli, Lukic
    Attacco: Belotti
    Se fra i tre (Edera, Verdi, Millico), si riesce a tirarne fuori almeno due disposti/capaci di fare il lavoro sporco e comunque coperti dietro da due terzini (Izzo e Ansaldi), forse potrebbe essere una soluzione.
    Ok ora potete dare il via agli insulti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pesce - 8 mesi fa

      So che se la stessa formazione la scrivo così
      Izzo-nkoulou-lyanco-ansaldi
      Baselli-rincon-lukic
      Edera-Belotti-verdi/millico
      è un 4-3-3, ma è proprio qui il problema, non deve essere un 4-3-3, ma un 4-5-1 perché al momento tre giocatori offensivi non riusciamo a sopportarli, nemmeno 2

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 8 mesi fa

        La squadra, I giocatori sono quelli. 20 metri avanti indietro 10 metri più larghi o più stretti. Non cambia nulla. Tutta la catena di sinistra partendo dal centrale ha lacune. Prendiamo il 50% dei gol da quella parte. Moretti con l esperienza tappava buchi e ola aina dello scorso anno non lo abbiamo visto. Fra tagli in orizzontale da destra a sinistra con marcature fantasma e diagonali mancate ci siamo mangiati almeno 5 o 6 punti e l eliminazione dalla coppe.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Wallandbauf - 8 mesi fa

      Mi sembra la soluzione più razionale e intelligente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. eurotoro - 8 mesi fa

    Ahahahahah!!!.. manca un terzino sinistro di ruolo..ah ah ah manca ah ah ah un terzino ah ah ah sinistro ah ah ah..di ruolo ah ah ah ah…manca sempre 1 per fare 31…che ridere siamo alle comiche scoprire a marzo che
    in difesa non esistono giocatori di piede sinistro..comicità agghiaggiande

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. lucabenzoni7_8317634 - 8 mesi fa

    Il gigante Marco Van Basten (per me uno dei tra attaccanti più forti che ho visto giocare dagli anni ’70 in poi) ultimamente è uscito con un intervista ed un libro dove ha specificato che allenatori e tattiche non contano nulla nel giuoco del calcio : il calcio lo fanno i giocatori e la loro voglia di primeggiare ……………… concordo in pieno …………… FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 8 mesi fa

      ..certo! tutto vero!..il meglio allenatore è quello che fa meno danni…e qui di danni tutti ne fanno tanti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. LeoJunior - 8 mesi fa

      QUesto è poco ma sicuro! Spesso sono le squadre a fare grandi gli allenatori. Difficile il contrario. Il Milan di Sacchi potevo allenarlo anch’io…. anzi, se vediamo gli scudetti che ha vinto forse facevo anche meglio.
      Però poi vedi l’Atalanta di Gasp e dici …. se l’avesse allenata WM non si sarebbe salvata.
      Aiuto! non so cosa pensare…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 8 mesi fa

        ..è proprio questo il concetto dell’allenatore che non deve fare danni…Mazzarri all’atalanta coi suoi dettami di distruzione del gioco altrui se li sognerebbero 70 gol e calcio champagne pur avendo ilicic gomez zapata…meditate gente

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Héctor Belascoarán - 8 mesi fa

          Ilicic giochererebbe allegramente in Turchia da due anni…

          Per il resto io invece sono convinto che l’allenatore conti tantissimo, non tanto nella modulistica ma nel seper tirare fuori il meglio dai suoi ragazzi da un punto di vista fisico, mentale, motivazionale e anche tattico naturalmente. Però per avere un allenatore in grado di mettere in moto una macchina perfetta (come l’Atalanta di questi tempi) ci vuole anche una società che, in collaborazione col suo mister, sa quello che fa.

          Ecco noi siamo molto lontano da questo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Wallandbauf - 8 mesi fa

          Ilicic e gomez non giocherebbero

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mazz - 8 mesi fa

    visto che siamo tutti allenatori, non voglio essere da meno.
    difesa a 4
    IZZO (DESILVESTRI)-NKOULOU-LYANCO-AINA(BREMER)
    centro campo protezione e prima impostazione:
    BASELLI-RINCON (LUKIC)
    VERDI-BERENGUER-ANSALDI dove i due esterni ambidestri possono sia crossare che rientrare per tirare e Berenguer fa la spola attacco\centrocampo
    in attacco
    BELOTTI
    (davvero pensiamo di saperne più di chi fa l’allenatore di professione? Povero Moreno )

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Donato - 8 mesi fa

      Berenguer è più esterno di Verdi ma tre dietro Belotti mi gusta, considerando anche Millico ed Edera come pronti rincalzi
      Resto dell’idea che il problema sia principalmente di testa. E poi Aina, Meitè e Zaza a spalare la neve

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Francesco67 - 8 mesi fa

    Sirigu
    Desi Izzo Ncoulou ansaldi
    Rincon lukic
    Edera baselli verdi
    Belotti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Donato - 8 mesi fa

    Siccome non capisco nulla di tattiche, altrimenti avrei fatto l’allenatore, faccio una osservazione “di pancia”.
    Non è il numero di difensori che conta ma l’intensità mentale. Amnesie incredibili vanificano anche un eventuale ottimo lavoro d’insieme. Izzo e Nkoulou sono le controfigure dello scorso anno. Bremer e Djidji fanno ciò che possono; lo stesso dicasi per Lyanco. Manca gente del calibro di Moretti e il grande Glik, sempre sul pezzo per 95 minuti.
    Poi aggiungiamo che abbiamo un centrocampo che non fa filtro, Rincon altra controfigura rispetto allo scorso anno, Baselli e Berenguer, troppo leggeri e Aina e Meitè…sopravvalutati.
    Il centrocampo nemmeno costruisce nulla per le punte; Verdi ha deluso malgrado grandi potenzialità.
    Attaccanti: Zaza doveva essere ceduto a giugno poiché aveva già dimostrato tutto lo scorso anno; Belotti a portare la croce si è spompato; Millico dovrebbe giocare con maggiore continuità; Edera ha fatto male ogni volta che è stato mandato in campo da Mazzarri, ma gli va data ancora fiducia, tanto peggio di altri non può fare.
    Baselli magari andrebbe riportato più avanti e maggiore fiducia in fase offensiva a Verdi, Millico, Edera e Berenguer
    Non sono un allenatore, quindi ho buttato lì osservazioni a caso.

    FVCG !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. torole - 8 mesi fa

      Verdi – millico – edera, io proverei questo trio d’attacco

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. r.ponzon_13686323 - 8 mesi fa

        Impossibile lasciare fuori il Gallo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. torole - 8 mesi fa

          Sono d’accordo ma ultimamente non sta facendo proprio nulla, magari lasciarlo fuori potrebbe dargli la scossa giusta

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. suoladicane - 8 mesi fa

    scrivete delle inesattezze enormi, il torino fc ha due terzini sx in rosa, uno si chiama Ansaldi, l’altro si chiama Aina, sono entrambi nati laterali a tutto campo e possono ben fare i terzini, Laxalt è stato ceduto proprio perchè in rosa ci sono questi due;
    Che poi Ansaldi sia stato schierato a tutta fascia dimostra la cocciutaggine di chi ha allenato prima che lo schierava in quel modo perchè avendo i pieni buoni ed intelligenza calcistica superiore alla media della rosa garantiva un certo rendimento in avanti; purtroppo però bisogna fare di necessità virtù e rendersi conto che oggi il reparto maggiormente in difficoltà è la difesa, e quindi le doti tecnico tattiche di Ansaldi sono più utili come terzino che come ala a tutta fascia, ruolo che peraltro comporta un dispendio di energie che l’argentino non può al momento permettersi.
    Se poi venisse schierato un centrocampo a tre con Baselli regista affiancato da due cacciatori di palloni di come Rincon e Meitè o Lukic la fase difensiva ne guadagnerebbe, così come quella offensiva; davanti tridente vero, verdi gallo, edera (o millico) così magari diventi pericoloso in area………
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. torole - 8 mesi fa

      Difatti 442: sirigu, desi izzo nkoulou ansaldi, verdi rincon baselli berenguer, millico gallo. Aina sostituto dei terzini o laterali, bremer djiji lyanco dei centrali, meitè e lukic centrocampo, edera laterale destro, infine zaza degli attaccanti. Per me si può, forse longo non la applica per via dei meccanismi tattici mah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. r.ponzon_13686323 - 8 mesi fa

      Questa volta concordo con te, anche se al posto di Edera fari giocare Berenguer (o Millico)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. suoladicane - 8 mesi fa

        guarda berenguer sempreperterra per me non è un giocatore da serie A, piuttosto facciamo giocare uno dei ns. giovani che peggio di lui non possono fare……..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. drino-san - 8 mesi fa

      Aina di ruolo é un terzino destro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. drino-san - 8 mesi fa

        Mettete pure i meno ma sempre terzino destro rimane. Che poi da noi giochino tutti fuori ruolo é un altro discorso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Granata69 - 8 mesi fa

      Ne Ansaldi ne aina sono mancini, non so come tu faccia a spacciarli per tali, difatti rientrano sempre sul destro per crossare o tirare. E sicuramente non sono dei difensori da qualsivoglia modulo difensivo,come le amnesie in serie testimoniano. Solo che nel caso di ansaldi le amnesie sono compensate da quello che da in fase offensiva, nel caso di aina è meglio lasciar perdere. Sono due esterni di fascia che danno il meglio nella fase offensiva, ma inaffidabili in fase difensiva. Infatti la cessione di Laxalt è veramente un mistero perché era l’unico mancino in rosa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. suoladicane - 8 mesi fa

        se hai fatto caso le amnesie difensive di aina e ansaldi sono state fatte quasi sempre in recupero, non mi pare a difesa schierata; per fare l’ala a tutto campo occorre una condizione atletica che ansaldi non ha ed una capacità di concentrazione che aina non ha, tutto qui; poi come gioca un destro come bremer centrale di sx, può un destro giocare terzino.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Granata69 - 8 mesi fa

    Pensare che il problema sia tra difesa a tre o a quattro è assurdo. Il nostro non è certo un problema di modulo. Sicuramente costruire una rosa senza un solo mancino è da incompetenti, vedere Bremer portare avanti il pallone con l’esterno è assurdo a questi livelli. Almeno due difensori su sei avrebbero dovuto essere mancini. Non do assolutamente la colpa a Bremer, è scontato che stando costantemente a piede contrario prima o poi ci scappa l’errore in appoggio o la svirgolata. È una normale questione di postura del corpo, i terzini non sono le ali che si possono invertire.
    Sul problema degli attaccanti , sicuramente ricevono pochi palloni, ma quei pochi che arrivano , di testa la sbagliano, di petto la sbagliano, di piede la sbagliano, hai voglia a prendertela con i compagni. La realtà è che Belotti è giù di condizione e Zaza anche, oltre che modesto. Ma al gallo non si può rinunciare perché altri non ne abbiamo. Non si scappa dal 352 con uno tra verdi o Berenguer o Millico o edera a fianco del gallo. Le tre punte non siamo in grado di sopportarle, siamo troppo fragili al momento perché baselli, Ansaldi e Rincon sono anche loro in condizioni pessime. Gli unici che corrono sono lukic, bremer e il buon de Silvestri pur con i suoi limiti, sempre dalla nostra area alla loro. Avete ricordi di aver mai visto aina nell’area avversaria in 2 anni?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. willy - 8 mesi fa

    Ma qualche scienziato ha ceduto Laxalt senza sostituirlo…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. leggendagranata - 8 mesi fa

    Sei sconfitte consecutive in campionato, 19 gol presi e solo 3 fatti. Mi pare evidente che certe formule di mazzariana memoria (come la difesa a tre, che poi è una difesa a 5, visto che non facciamo pressing alto e i due esterni rinculano all’ altezza dei tre difensori) andrebbero riviste. Contro il Napoli abbiamo visto come non serva mettere due punte, se poi il resto della squadra rimane bloccato a decine di metri di distanza e le serve con lanci lunghi imprecisi o cross buttati a casaccio in area avversaria dalla trequarti campo. La tattica messa in campo da Longo sia col Milan che col Napoli è stata quella di chi ne vuol prendere il meno possibile. Mancano velocità negli scambi, ripartenze efficaci, palla che corre per vie centrali, cross dal fondo. I tiri in porta sono rarissimi, i centrocampisti non avanzano e non si prendono la responsabilità di calciare dal limite. Possiamo prendercela con Zaza e Baselli, ma il primo non giocava con Belotti dal 30 ottobre scorso (ci si poteva aspettare che non avesse il ritmo partita e l’ intesa fosse carente) e non ha ricevuto palle giocabili e il secondo continua a essere utilizzato in un ruolo (quello di mediano) che non è nelle sue corde e nel suo fisico. Ripeto da tempo che Longo deve cercare nuove strade e non scimmiottare pavidamente il suo predecessore, che, è bene ricordarselo, è stato giubilato dopo avere preso 7 gol dall’ Atalanta e 4 del povero Lecce (che a sua volta ne ha presi 7 dai bergamaschi). Ora si parla di ricorrere a Millico o Edera da affiancare a Belotti, ma se non si cambiano le cose dietro (difesa a 4 e centrocampo a 4), non si mette un regista/trequartista in mezzo al campo (Baselli), supportato da due cursori in mediana, e non si servono le punte in modo adeguato, potremmo avere anche Van Basten e le cose non cambierebbero. A parte che a sinistra può giocare Ola Aina, ricorda giustamente un amico che mi ha preceduto che all’ andata contro il Milan Mazzarri passò alla difesa a quattro con buoni risultati (così come con buoni risultati giocò la coppia Belotti/Zaza).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Thor - 8 mesi fa

    Passiamo alla difesa a 10. Ci restano 13 partite: con 13 pareggi 0-0 siamo salvi.
    Ci metterei la firma, lo dico da mesi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 8 mesi fa

      per come siamo messi io temo che anche mettendosi in 10 in difesa un goal riusciremmo a prenderlo. Guarda sui calci piazzati….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Donato - 8 mesi fa

      Siamo già alla difesa a 10 !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. EraldoPecci - 8 mesi fa

    Questa non è una novità si sapeva anche a gennaio… poi se si inneggia all’unità, al cuore, eccetera eccetera sui social e si va in campo a passeggiare, possono esserci anche dieci terzini di ruolo che siamo al punto di partenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. LeoJunior - 8 mesi fa

    Passare a gente che ha voglia di giocare! Altro che schemi e numeri. Conta poco se non vai sulle seconde palle, se non aiuti il compagno, se non ti proponi.
    Qui la baracca va salvata con quelli che hanno un minimo di interesse personale a salvarla.
    I big sanno perfettamente che con gli stipendi che hanno non possono scendere in B e verranno ceduti (se non già fatto). Gli accordi li hanno già in tasca. Svegliaaaa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Simone - 8 mesi fa

    All’andata col Milan, dopo un primo tempo in cui ci avevano preso a pallate, Mazzarri cambio modulo passando a 4 dietro e la partita cambiò.
    Giocò con Izzo, Lyanco, Bremer e Aina. Nkoulou in punizione in tribuna

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 8 mesi fa

      Soluzione audace, ma mi piace !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Héctor Belascoarán - 8 mesi fa

      Me lo ricordo, fu una delle poche occasioni in cui, col cambio di modulo, il Gallo e Zaza fecero bene insieme.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. jimmy - 8 mesi fa

    Strano con tutti quelli che abbiamo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy