Toro, con questa compattezza ti salvi

Editoriale / Un clean sheet contro la capolista può rappresentare un’iniezione di fiducia, anche se la fatica accumulata rappresenta un problema

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Tanta fatica per nulla. La serata di Coppa Italia è andata, da un certo punto di vista, come peggio non si poteva per il Torino. E così all’amarezza per il risultato in casa Toro si somma l’acido lattico nelle gambe: non le migliori condizioni possibili per il percorso di avvicinamento a un match “della verità” come quello contro lo Spezia, che non può non avere la priorità. Vero che Giampaolo ha limitato del tutto o in parte l’impiego di molti giocatori che utilizzerà sabato, ma la squadra di Italiano ha avuto pure un giorno di riposo in più.

LEGGI: Le pagelle di Milan-Torino 5-4 d.c.r.

Però la serata di San Siro ha portato anche alcune buone indicazioni, a Giampaolo. Come il fatto che i granata abbiano ritrovato compattezza e spirito di squadra. Probabilmente ha influito in positivo il contesto differente: si giocava in Coppa Italia, non in campionato, senza il peso della classifica su pensieri e azioni. Però il fatto di avere colto una rete inviolata contro la capolista può essere visto come un segnale incoraggiante. Il tremebondo Milinkovic-Savic non ha preso gol anche per un pizzico di fortuna (vedi i due pali colti dal Milan), ma per la maggioranza dei 120 minuti il Torino è rimasto in partita, ben messo in campo e pure in grado (specie nel primo tempo) di costruire gioco con raziocinio e personalità.

La prima regola per salvarsi è quella di lottare su ogni pallone e di non perdere la bussola quando il mare è in tempesta. Questo Torino ha perso tanti punti per problematiche psicologiche. La partita di Coppa Italia da questo punto di vista riannoda virtualmente il filo con l’inversione di tendenza che aveva portato a quattro risultati utili consecutivi, interrotta poi con l’inguardabile primo tempo della sfida di campionato contro il Milan. Ieri a San Siro si è rivista una “squadra”, con tutti i suoi (tanti) limiti. Non sarà mai ripetuto abbastanza il fatto che dal mercato serve un’iniezione di qualità. A ben vedere, però, non sono tanto i gol ad essere mancati a questo Torino (che con 26 reti segnate ha il decimo attacco della Serie A) quanto la compattezza e la capacità di coesione anche nei momenti difficili. Ingredienti fondamentali per salvarsi e che a San Siro si sono visti di nuovo.

96 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 settimana fa

    Io avrei intitolato
    “Toro. Con questa pochezza non ti salvi “

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 1 settimana fa

      Io “Toro. Con questo presidente non ti salvi”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. domenico66 - 1 settimana fa

    Ti salvi comprando dei giocatori buoni, non dico ottimi, e giusti per il modulo. Che compattezza hai visto? Hai scambiato la compattezza per culo che ci ha detto per quasi 120 minuti? Il presipezzente ha segnato la strada in discesa per la B. Io non riesco ad incolpare il tecnico che probabilmente ha i suoi difetti, ne quei giocatori con evidenti limiti tecnici e di ruolo, ma il pezzentone si. Lo sbando evidente di tutta la società, dalla prima squadra al settore giovanile, ne è la riprova evidente di una volontà autolesionista che probabilmente ha uno scopo che io non riesco a comprendere. L’unica cosa che sò è che sono diventato tifoso di questa squadra in una domenica di aprile del 1974 per un gol di Claudio SALA contro la Roma all’Olimpico e che da allora nessun presidente che c’è stato o che verrà mi toglierà la fede granata. Quindi caro Cairo, Vaff….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Luigi65 - 1 settimana fa

    sono d’accordo con quanto espresso nell’articolo ma era una partita infrasettimanale di Coppa Italia, un turno dove tutte le grandi hanno sofferto contro le piccole…ci sarà un motivo ? secondo me fa testo solo il campionato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. michelebrillada@gmail.com - 1 settimana fa

    secondo me con questa compattezza non ci salva nemmeno la buon’anima di dogliotti che pure di vite ne ha salvate tantissime ma noi siamo un caso disperato ,se in giro c’è un allenatore perdente sempre esonerato con un curriculum da ridere (per non piangere) lo prende cairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luigi65 - 1 settimana fa

      il fatto, secondo me, è che solo l’allenatore non basta, a meno che non si chiami GPV o Mazzarri che a modo loro con la rosa che avevano hanno fatto miracoli, serve una Dirigenza seria e preparata cosa che qua non c’è da decenni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Gengranata - 1 settimana fa

    sto vedendo giuve – genoa. anche il genoa di Ballardini è meglio di noi. corrono il doppio, giocano la palla in velocità…… noi siamo la squadra con il peggior gioco della A davanti al Crotone solo per la rosa. la B è certa. speriamo solo arrivi un presidente migliore di Cairo che resetti tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Torissimo - 1 settimana fa

    No, così non ti salvi neanche per sogno caro Toro. Passaggi solo in orizzontale o in dietro, pericolosità nulla, poche occasioni di contropiede sprecate, nessun dribbling, manovra prevedibilissima. Zero occasioni vero di rete in 120 minuti. Così non vai da nessuna parte se non in B. C’è uno strano entusiasmo tra allenatore e giornalisti che mi preoccupa tantissimo, non si è capito che senza costruire il gioco gli altri, anche lo Spezia, ti sotterrano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. suoladicane - 1 settimana fa

    cose negative
    1.un unico tiro nello specchio
    2.aver fatto giocare rincon – chi farà il regista sabato senza aver mai provato in partita? questo è un grosso azzardo che dimostra la superficialità di tutto l’ambiente
    cose positive
    i giovani Segre e Buongiorno, credo meritino di giocare titolari sempre
    CAIRO VATTENE GP SVEGLIATI!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Teschicometazze - 1 settimana fa

      Rincon è squalificato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. leggendagranata - 1 settimana fa

    Ieri si è giocato meglio perchè in campo c’ era gente come Segre, Buongiorno, ‘Nkoulou e (poi) Singo. Giampaolo la deve smettere di dare la precedenza ai suoi qattro “protetti”, deve puntare sui tre talenti giovani della nostra “rosa” e ascoltare l’ appello d Rampanti: faccia giocare con continuità i cosiddetti senatori, Sirigu, Nkoulou, Izzo, e io aggiungo Verdi e Zaza. Ieri il Toro è stato copo perchè a fianco di Zaza c’ era Gojak, che, fra l’ altro, non ha sfruttato due ottime opportunità per andare a rete. Dobbiamo giocare con due punte, se vogliamo vincere coon lo Spezia, e magari anche con Verdi, con quella formula a tridente (Belotti-Zaza-Verdi) che la scorsa stagione permise a Longo di fare gli unici punti salvezza. Questo passa il convento, smettiamola di sognare. Anch’io voglio credere alle favole e sperare in rinforzi veri e di qualità dal mercato di gennaio, ma per intanto stiamo tutti con i piedi per terra, a cominciare da Giampaolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 1 settimana fa

      Ieri si è giocato meglio perché non c’era nulla da perdere non perché c’erano Segre e buongiorno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ciccio76 - 1 settimana fa

    Il vuoto cosmico del ns gioco è davanti agli occhi di tutti , in 120 minuti avremo effettuato 3 tiri in porta ad un Milan che più di tanto non spingeva , tanto sapeva chi aveva di fronte, senza tralasciare le botte di culo anzi scusate di palo che hanno salvato la baracca. Abbiamo giocatori arrivati a fine carriera vedi Rincon , Ansaldi, Zaza e Meite’( se mai l’avessero iniziata) , dei brocchi da serie b vedi Murru , Linetty ( mi aspettavo molto di più) , Rodriguez ( salvo solo le punizioni) e giovani ancora acerbi vedi Gojak, Bonazzoli . Un attacco dove il Gallo sembra Lawrence d’Arabia nel deserto alla ricerca d’aiuto.Ricapitolando dove vogliamo andare ? Senza almeno 3/4 innesti di qualità il prossimo campionato lo giocheremo di sabato sicuro.FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. pandaniels - 1 settimana fa

    La compattezza difensiva vista ieri dà un barlume di speranza per il proseguo del campionato e per raggiungere la salvezza. Leggo che si chiede qualità a centrocampo, posso esser d’accordo, anche se secondo me la qualità si guasterebbe appena inizia a far parte di questa “armata brancaleone” che è il Toro.
    Io domando: quanta “qualità” hanno le rose di Spezia e Benevento (per citare due squadre)? Eppure fanno il fuoco con la legna che hanno.
    Mentalità, compattezza cose semplici, crederci e CORSA
    Io penso che basterebbe fare delle cose “semplici” (visto il livello che abbiamo) e non “aspettare una vita” che GP sistemi la squadra con le sue (permettetemi) strampalate teorie da maestro del calcio (“voglio un passaggio in più…”, ecc ecc)
    Basterebbe poco (per salvarsi)
    Poi ci sarebbe da rifondare tutto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 settimana fa

      Dipende cosa devi fare . La compattezza serve di certo ma se non hai gli uomini ti può andare bene un anno o due e poi torni in b. Quello che succederà a Benevento e spezia. Questo vuole essere il nostro futuro?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. miele - 1 settimana fa

        Probabilmente basterebbe un allenatore concreto, pragmatico, un centrocampista decente ed una punta di supporto a Belotti. Tutte cose che, però, costano ed allora rimarremo come siamo ora. Le partite tipo quella di ieri o la vittoria contro il disastrato Parma, sono tutti pretesti che il volpone utilizzerà per non spendere un centesimo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. abatta68 - 1 settimana fa

      “Il passaggio in piu” lo spezia già lo fa, non sono cose strampalate, sono la base del calcio! Io trovo incredibile che gennaio non siamo ancora in grado di costruire due geometrie in croce e ad avere un certo dinamismo, tutto qui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. pandaniels - 1 settimana fa

        Appunto. Convengo con te. Non si è ancora in grado di fare due schemi in croce. Ma questo è colpa solo dei giocatori? Non servono “fenomeni” per fare cose semplici (imho)
        Giampaolo è come il docente universitario di matematica che al nipote non sa come far capire come si risolve una equazione di primo grado (parere mio per carità, e con il massimo rispetto per l’uomo Giampaolo)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Toroperduto - 1 settimana fa

      Perdonatemi.
      Ma vogliamo capire una cosa?
      Che lo stato mentale globale è quello che conta?
      Che quando si guasta totalmente non lo recuperi?
      Lo Spezia arriva da una promozione sono gasati noi veniamo dal nulla cosmico e siamo depressi.
      Ho detto che è più di anno che questa squadra è triste non si diverte giocando non si diverte quando segna un gol.
      Voi parlate tanto di schemi dell’allenatore imputando tutto a lui ma se non c’è un calciatore che sia uno che si libera, supera l’uomo, triangoli con i compagni.
      Voi il passaggio in più lo chiamate strampalate idee di Giampaolo io lo chiamo la base minima sindacale su cui dovrebbe innestarsi il lavoro di un allenatore.
      Ecco noi siamo come un auto senza i sedili, difficile sedersi sopra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. cocco.dixi_10363554 - 1 settimana fa

        E’ proprio per quello che l’unica soluzione, anche senza giocatori nuovi, e’ cambiare la gestione tecnica…i giocatori devono trovare motivazioni nuove che possono arrivare solo in questo modo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Toroperduto - 1 settimana fa

          Continuiamo a cambiare l’allenatore?
          Quando ci fermeremo al millesimo o più?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. PotenzaGranata - 1 settimana fa

    Sartori, glielo ribadisco per l’ennesima volta: cambi registo e dimostri di essere un giornalista con gli attributi, anzichè un lacchè del padrone.

    La storiella della “compattezza e dello spirito di squadra ritrovati” è solo una squallida scusa, trita e ritrita dallo scorso campionato, girone di ritorno, per distogliere lo sguardo dal vero e unico responsabile di questo scempio inenarrabile, personaggio che lei non ha nemmeno il coraggio di pronunciare nei suoi articoli, MAI.

    Ieri il Milan non ha praticamente giocato e, nelle poche accelerazioni che ha effettuato nel corso dei 90 minuti regolamentari, tra legni presi e occasioni sciupate, ne poteva fare almeno tre e chiudere anzitempo il discorso qualificazione

    Dunque mi faccia la cortesia: o ci mette gli attributi e punta il dito sul mandrogno e sui suoi servi in organigramma, oppure eviti di pubblicare questi “articoli di copertura” e, soprattutto, cambi mestiere.

    Saluti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bordeauxgranata - 1 settimana fa

      Grazie @PotenzaGranata, le tue parole mi danno conforto. Ma come caxxo si fa a scrivere un articolo del genere?!?!.
      Il problema del Torino sono soprattutto questi”giornalisti” che continuano a spazzare sotto il tappeto, ne basterebbe uno serio per rovesciare un camion di m*rda sul rifiuto urbano e ridicolizzarlo davanti a tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. dattero - 1 settimana fa

      potenza granata,mi hai tolto le parole di bocca,d’accordissimo in tutto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. dattero - 1 settimana fa

      potenza granata,totalmente in sintonia con te,questa è semplice propaganda,il giornalismo è altro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Toronelcuore - 1 settimana fa

      Bravo. Io ti appoggerò sempre a difesa del nostro Toro. È ora di farla finita con questi articoli del ca..o. va bene la compattezza, ma devi valutare la partita degli altri (e appena hanno giocato 3 minuti hanno colpito 2 pali) e il nulla cosmico del nostro attacco. Anche facessimo da qui alla fine 22 0 a 0 si va in serie B. Poi con questi articoli si tende sempre a mascherare l’altro nulla cosmico della società. In un altro articolo leggo che Bonassola non rientra più nel progetto. Ma di quale progetto parliamo? Ok liberarci di tutti gli scarsi, ma a quel punto la squadra la facciamo per iscriverci al campionato di calcio a 5. Via Meite, Edera, Millico, Zaza, Bonassola, Nkoulu (questo scrivono i giornalisti) e chi c…o arriva? Van de corput? Quello che faccio io tutti i giorni guardando sta società e sto presiniente di m…a.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. fandangogranata - 1 settimana fa

    Partita a ritmi da dopolavoro, purtroppo non fa testo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. policano67 - 1 settimana fa

    E la classica partita per fornire alibi alla dirigenza.siamo usciti ai rigori vero ma troppo povera di gioco e di idee la squadra.il problema nn e fare una bella figura col milan con palla lunga e pedalare.il problema e fare bella figura con lo spezia doue sei costretto a vincere.per arrivare a centrocampo fanno duecento passaggi tra loro tra cui 180 all indietro perche nessuno sa tenere palla.nn esistono movimenti senza palla.giocano solo se hanno la palla e in modo lento e confusionario.nn si va da nessuna parte.bravi i primavera e qualke altro ma e poco per restare in a.troppo scarsi e vero ma il maestro manco le le cose basilari ha portata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ToniToro76 - 1 settimana fa

    Adesso addirittura facciamo passare positiva la stagione parlando di Salvezza ….. questa è una annata molto fallimentare,, abbiamo preso Giampaolo e fatto mercato per andare in Europa … ma qui paga qualcuno o va sempre bene tutto … Vagnati esonerato no? Giampaolo esonerato no? Cairo che vende no ? Mha …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 1 settimana fa

      lo puoi ben dire,chiunque con un po’ di sale in zucca già all’inizio pensava che questa stagione si potesse al massimo pensare alla salvezza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. avvopal_14171626 - 2 settimane fa

    Partita dignitosa che naturalmente è terminata come abitualmente terminano questo genere di partite per noi. Anche così però sono evidenti alcuni aspetti. a) serve un catalizzatore di gioco b) il gallo non ha sostituti in questa squadra c) zaza ha esaurito il suo tempo da noi d) nkoulou quando c’è con la testa vale tutti gli altri nostri difensori messi assieme ma soprattutto e) gojak avrebbe buone doti ma giocare in italia è un’altra cosa…lo manderei subito in B a fare sei mesi di apprendistato. Per il resto è evidente che Braccinocorto aspetterà come al solito gli ultimi giorni e che quindi spezia e benevento e fiorentina le giocheremo con questa rosa…..auguri…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. TyrannoCairus Rex - 2 settimane fa

    Il gioco del Toro si può sintetizzare così: Palla Indietro e Pedalare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. stanislaobozzi - 2 settimane fa

      oppure il gioco si può sintetizzare anche così : non gioco 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Gigiotto - 2 settimane fa

    Contento della prestazione, ma io rimango convinto vhe realisticamente tra noi e il Milan la differenza di classifica e squadra non sia reale.
    Far passare Leao e Hernandez come fenomeni….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 2 settimane fa

      ieri sera il Toro ha fatto bene e mi è piaciuto,questo ovvio relativamente alle scarsissime doti che abbiamo,giocare bene al calcio è un’altra cosa in questo non siamo gli unici,altre squadre hanno però evidentemente altri pregi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FORZA TORO - 2 settimane fa

      non sono fenomeni ma hanno qualità tecniche che ai nostri mancano

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. bordeauxgranata - 2 settimane fa

      Cioè stai cercando di convincerci che tra Milan e Torino non c’è molta differenza?!?!per piacere su, hanno calciatori che danno del tu al pallone, con tre tocchi sono in area.
      Cosa non si dice per parare il culo a questa banda di scappati di casa…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. charles - 1 settimana fa

      Pienamente d’accordo con te anche tranne sul giudizio su Leao,tieni conto che ha 20 anni e soprattutto guarda i gol e gli assist che ha fatto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. fandangogranata - 1 settimana fa

      Il livello attuale è molto basso, per questo sarebbe una vergogna retrocedere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. dattero - 1 settimana fa

      si,verdi molto meglio,ma smettiamola

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. GRANATORO - 2 settimane fa

    Verdi è in grado solo se gioca a sinistra in un attacco a 3, zaza anche quando si impegna è poca cosa ieri 2 tiri da 30 metri totalmente inutili oltre a quei passaggi in difesa di 40 metri pericolosissimi, gojak in attacco lasciamo stare, ogni volta che si presentava l’occasione di puntare la porta avversaria rallentava il gioco e tornava indietro, millico 4 mesi di panca, devono prendere qualcuno decente da affiancare al gallo, è lampante, e qualcuno a centrocampo ma aspettano sempre alla fine e poi fanno cazzate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 1 settimana fa

      Zaza “palla persa” è una sciagura e Gojak è tutto meno che una punta. Su Bonazzoli non c’è da fare affidamento, tantomeno su Verdi e di conseguenza Belotti rimane solo nel deserto, cercando anche di aiutare il centrocampo a scapito dell’azione offensiva. Probabilmente non vede l’ora di lasciare questa disgraziata compagnia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Guevara2019 - 2 settimane fa

    Ieri la squadra si è comportata bene,solo nella fase di contenimento però,non è poco ma per salvarsi tocca creare e finalizzare.

    C’è subito la verifica sabato,non ho nient’altro da aggiungere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 2 settimane fa

      Purtroppo e dico purtroppo io sabato prevedo una sconfitta o massimo un pareggio.
      Spero di sbagliarmi ma non sono per nulla fiducioso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Guevara2019 - 1 settimana fa

        Non faccio previsioni, reputo la partita decisiva, se arriverà positività andremo a Benevento e riceveremo la Fiorentina in un certo modo,altrimenti il destino è segnato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. miele - 2 settimane fa

    Per salvarsi bisogna vincere qualche partita. Per vincere bisogna creare occasioni, giocare nella metà campo avversaria, pressare alto. Tutte cose che nel Toro non si vedono. Mi sta bene la compattezza in fase di contenimento; ieri c’è stata, ma se non si è assolutamente in grado di riproporre gioco, se i palloni buttati in avanti sono casuali, se non c’è manovra ragionata, sarà impossibile portare a casa delle vittorie se non approfittando di qualche calcio da fermo. Ieri sera il Toro è stato dignitoso fino a centrocampo, poi quasi il nulla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. filippo67 - 2 settimane fa

      Leva il “quasi”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. miele - 1 settimana fa

        Beh, sai, così per non infierire troppo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Alex70 - 2 settimane fa

    Sono riuscito a vedere la partita fino al primo tempo supplementare, e per me è un record, visto che questa squadra mi stufa subito. Eppure adesso, a mente fredda, devo dire che secondo me il Torino non ha per niente sfigurato, giocando gran parte della sfida contro la capolista con le riserve. Per cui mi domando se, oltre a fare qualche innesto, che indubbiamente serve, non valga la pena cercare anche di valorizzare dei giocatori che già abbiamo, anche se stanno andando così così. Mi riferisco ai due Simoni, Verdi e Zaza. Secondo me Verdi è uno dei pochi giocatori di fantasia che abbiamo, e nonostante tutto mi è parso nettamente migliore del Gojak visto ieri, che mi è sembrato un giocatore poco esperto e con poca personalità. Zaza ieri ha fatto un sacco di errori, è irritante, ne sono consapevole, però è un giocatore veloce, forte di piede e di testa. Come Verdi ha fatto parte anche del giro della Nazionale. Io non dico che questa gente non la dobbiamo dar via, ma se la diamo via dobbiamo darla via bene, perché sono sicuro che questi due giocatori, messi in una squadra che gli dà fiducia, non giocherebbero affatto male, anzi. Per rimpiazzare Zaza e Verdi ci vogliono almeno Kouamé (o comunque un altro attaccante forte, visto che Zaza è pure esperto, Kouamé non ha ancora la carriera di Zaza) e Ramirez (o Vazquez). Altrimenti tanto vale che ce li teniamo e cerchiamo di dargli fiducia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. altoro - 2 settimane fa

    La compattezza del gruppo è una nota positiva, tuttavia per il conseguimento dell’agognata salvezza rimane la qualità tecnica la caratteristica peculiare, la quale rimane, ahimè assolutamente carente, in particolare nel settore nevralgico del centrocampo della formazione granata. Ribadisco, Rincon è semplicemente un buon interditore in mediana davanti alla difesa ma il suo esperimento da regista è assolutamente naufragato , non disponendo né della qualità della tecnica individuale né della visione di gioco che costituiscono le assolute peculiarità di un autentico regista. L’appellativo di “piedi di ferro” assegnato al trentatreenne Capitano della Nazionale venezuelana non è frutto del caso e ieri sera nella lotteria dei rigori il suo decisivo errore tecnico costituito da un tiro assolutamente “ciofeca”, nè potente nè tantomeno preciso, scagliato dal dischetto costituisce l’ulteriore prova dei suoi evidenti limiti tecnici. La crescita di Segre pone lo stesso quale sostituto naturale dello squalificato Rincon in vista della sfida in chiave salvezza di sabato contro lo Spezia, in considerazione anche della pessima prestazione del bosnico Gojak. A questo punto del mercato ritengo auspicabile anche l’ingaggio dello svincolato centrocampista danese trentaquatrenne Schone per offrire qualità ad un reparto con evidenti lacune sotto questo aspetto tecnico. Il prossimo recupero di Baselli offrirà ordine al reparto ma certamente non il livello di qualità tecnica che necessita con estrema urgenza all’anemico centrocampo della squadra granata. Forse lo stesso Duncan della Viola potrebbe essere funzionale alla causa in luogo dell’evanescente Meitè in uscita. Chissà … . Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Messere Granata - 2 settimane fa

    Capisco la delusione di tutti, che è anche la mia, ma in sostanza il tema resta la salvezza. Il Torino non ha nessuna possibilità di diventare l’Atalanta o il Sassuolo, per i motivi che purtroppo ben conosciamo. Cairo. Con tutti i difetti che abbiamo, spero ancora nella salvezza, sia che passi attraverso la compattezza, che un po’ di buona sorte. “Fondoschiena”. Il Toro è la mia Squadra e insieme la mia malattia, che come per molti si sta aggravando. Ho il dovere di sperare. Poi verrà il momento di pretendere un “medico” migliore. Ma ora dobbiamo rimanere in vita. A qualunque costo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 2 settimane fa

      La malattia non è incurabile.
      Ci vuole il trapianto di presidente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. olivia - 2 settimane fa

    Zaza ieri non ha fatto niente.Tutti i giornali lo danno insufficiente.Non ha fatto un tiro nello specchio della porta.Non sa dribblare.Non sa stoppare un pallone Non sa fare un passaggio di 20 metri.Con lui e Gojac in avanti potevamobgiocare tre ore e non si sarebbe mai segnato.Vorrei sapere da quando e’ da noi quanti goal ha fatto.Preso per 15 milioni di euro.Contratto per 5 anni a1,5 milioni netti a stagione.UNA FOLLIA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. altoro - 2 settimane fa

      Olivia, perfetta analisi a consuntivo delle due stagioni e mezza in maglia granata dello scadente, sotto l’aspetto tecnico,attaccante lucano. Il suo contratto quinquennale dal milione e mezzo netto della prima stagione ad aumentare progressivamente, forse in rapporto all’inflazione … , naturalmente si tratta di una considerazione personale assolutamente sarcastica nel merito e nella sostanza, rimane ai miei occhi uno dei tanti assoluti misteri del sistema del calcio professionistico in genere. Resta il dato oggettivo che l’ex Direttore Sportivo Petrachi, amico dell’attaccante lucano. ha confezionato un colossale “pacco”, sotto l’aspetto economico dei relativi costi a libro paga, alla Società TORINO F.c. . Verificata l’assoluta inconsistenza tecnica e caratteriale di Zaza, il cui quoziente intellettivo è nettamente inferiore a quello della media dei calciatori professionisti in genere, in quanto durante la competizione agonistica egli sbaglia totalmente e puntualmente, come da consolidata abitudine, la scelta personale delle sue giocate individuali, la Società granata prova invano da circa un anno a scaricare Zaza anche con la formula del prestito ad una altra Società, tuttavia nessun Club è disposto in modo assolutamente legittimo ad addossarsi integralmente un onere finanziario del genere e infatti propongono alla Società di via Arcivescovado la relativa ripartizione dei costi del suo milionario contratto in scadenza soltanto in data 30 Giugno 2023. Ribadisco, il contratto quinquennale a quelle cifre dello scadente attaccante lucano è un autentico insulto al buon senso !!!. Amen. Alè TORO !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. pupi - 2 settimane fa

    La compattezza se non sai e non hai le qualità per ripartire non serve ad una mazza. Non tiri in porta, non fai gol, solo qualche 0 a 0. E non ti salvi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Grande Torino i formidabili da 408 reti - 2 settimane fa

    Giocare partite senza concludere in porta, è sintomo che tutto l’organico societario deve fare le valige perché il calcio non è per loro….di questo passo vediamo la B sempre più vicina che figura di merda…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. rolandinho9 - 2 settimane fa

    Criticatemi aspramente ma allo stato attuale 1000 volte meglio Zaza davanti di Verdi. Nessuno dei due é il partner ideale di Belotti ma almeno Zaza ha i chili e i cross di vojvoda in particolare ma di singo Murrubo chi gioca hanno due possibili destinazioni anziché una che Verdi di testa i difensori piuttosto che marcarlo raddoppiano Belotti

    Belotti Zaza nel bene o nel male é il miglior tandem che abbiamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 2 settimane fa

      Il problema di Zaza è che ha il cervello di una gallina ma ormai ci rinuncio non lo correggi più.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. lake - 2 settimane fa

    Non sono poi tanto convinto che Edera ieri sera avrebbe fatto peggio di Goyac,con tutto che il giovane balcanico deve pur fare esperienza..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Stufodellamediocrita' - 2 settimane fa

    Cara Redazione, ormai ci aggrappiamo a qualsiasi cosa…ieri sera siamo sì arrivati ai rigori ma la squadra non ha mai dato l’impressione di poter superare il turno e se non fosse stato per un Milan un po’ supponente e poi impreciso o sfortunato, il match sarebbe finito molto prima.
    La squadra è purtroppo povera a livello tecnico, non esiste il centrocampo e, soprattutto, manca il giocatore in grado di superare l’uomo e creare superiorità numerica: l’unico che ci prova ogni tanto, soprattutto per l’esplosività fisica che ha, è Singo. A sx non esistiamo, Ansaldi è ormai un ex giocatore, Murru non lo è mai stato e Rodriguez è più un centrale che un esterno.
    Manca l’uomo d’ordine, il rifinitore e la seconda punta, che uniti al terzino di fascia portano a 4 le pedine fondamentali che non abbiamo per poter giocare finalmente a calcio.
    GP avrà tanti limiti ma è onesto intellettualmente, sa di non poter praticare il suo gioco e si è adeguato alla rosa che ha, molto povera. Purtroppo la strada è in salita, il mercato non ci darà nulla di quello che serve e andremo avanti così, forse cambiando mister se dopo Spezia e Benevento non avremo ottenuto almeno 4 punti. Ma se è tardi adesso figuriamoci dopo, con buona pace di noi tifosi, a parte le poche mosche bianche, che ancora sostengono una proprietà indegna ed imbarazzante.
    Qui urge una rivoluzione totale, dalla proprietà alla società, alla squadra alle strutture, tutte cose che in oltre 15 anni di nulla sportivo non si sono viste.
    Compattezza, spogliatoio unito, cuore oltre l’ostacolo, obiettivo sulla prossima partita, sono solo titoli buoni per scrivere articoli inutili. Siamo al GAME OVER!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gen-X Granata - 2 settimane fa

      Sostanzialmente d’accordo, è necessaria una rivoluzione culturale per iniziare un nuovo capitolo.
      Mi sembra prematuro dire che siamo già in B, ma se non sistemiamo qualcosa in questo gennaio il rischio diventa alto, nonostante la squadra non si sia disunita e segua ancora GP. Ma non basta!!
      Va benissimo infatti la compattezza bla bla…, ma ricordo che se sei compatto, ma non fai quasi un tiro in porta in 210 minuti come con il Milan (ma anche nelle ultime partite) è difficile vincere e fare punti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. mpelleg_2596827 - 2 settimane fa

    Purtroppo non abbiamo ancora toccato il fondo….ma presto ci arriviamo e rimaniamo li fino alla fine del campionato.
    UrbaNO prenderà il paracadute e spero vivamente che con il gruzzolo e la vendita in saldo di quello che rimarrà possa andare “Felice ” ad investire in un altro settore che non sia il calcio .

    P.S. Se come probabile si dovesse perdere contro lo Spezia cambio Mister da un Maestro ad un Super Maestro da GP a GPV . i DOLORI NON FINISCONO MAI!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Opi - 2 settimane fa

    Sig. Sartori,
    Dovrebbero darle il pulitzer per la bravura con cui commenta il nulla!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. LeoJunior - 2 settimane fa

    Io temo seriamente che siamo finiti in una situazione paradossale. Hanno preso GP, gli hanno promesso quello che serviva, come fatto sistematicamente anche in precedenza non l’hanno accontentato. GP arrivava da una serie di insuccessi e dando le dimissioni avrebbe perso 1,5 mio di euro per 2 (?) anni e sarebbe sparito dai radar del calcio. Quindi, a mio avviso quasi con un atteggiamento provocatorio/ripicca, ha detto: non “sporco” il mio calcio tentando di farlo con giocatori non adatti. Sai che faccio? Gioco con il modulo “di Mazzarri” e me ne frego. A, B, C poco mi interessa.
    Lo vedo zero coinvolto e temo trasmetta ben poco ai giocatori. Lui forse da l’anima per insegnare il SUO credo ma dubito che si danni per inculcare ai giocatori un credo non suo solo per salvarsi. Se ci salviamo bene, ma se non ci salviamo a lui cambia poco.
    La faccia è comunque salva: TUTTI nel mondo del calcio sanno che sta allenando una squadra non sua …
    Altro bel casino creato da quel testadighisa (lui sì lo è davvero!) di Presidente che abbiamo con quei quattro dirigenti ridicoli che si porta appresso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Toroperduto - 2 settimane fa

    Mi fanno tenerezza questi titoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. bordeauxgranata - 2 settimane fa

    Sapete chi erano Theodore Brailey, John Hume, Percy Taylor, Frederick Clarke, John Woodward, Roger Bricoux e George Krins? I componenti dell’orchestra del Titanic, che continuava a suonare mentre il transatlantico colava a picco…
    Come la redazione di ToroNews

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. mp63 - 2 settimane fa

    Io non capisco se l’articolo lo ha scritto senza guardare la partita o se non capisce un cazzo. La prossima partita è sempre quella della svolta ma per il toro se non cambia la guida tecnica e compra qualche giocatore il destino è segnato. Le altre squadre hanno un gioco migliore e sul piano fisico sono superiori. Spero di sbagliarmi ma io ieri avrei fatto giocare la primavera. Tanto in un modo o nell’altro si perdeva. Un altro arbitro all’altezza, delle aspettativa del Milan.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Gianluca - 2 settimane fa

    L’analisi del Torino è un rompicapo. Perché è assodato che giochiamo meglio se stiamo chiusi. Questo al 100%. Però, pur tenendo conto dell’avversaria, non si capisce come in decine di situazioni, anche contro squadre di media caratura (e anche con Mazzarri nell’anno buono) siamo passati in vantaggio e poi, quando avremmo potuto giocare come più ci piace, siamo crollati. Vedi Toro-Bologna 2-3, Toro-Cagliari 1-1, Torino-Spal 1-2 (sempre in vantaggio, con Mazzarri, qui forse per incapacità psicologica di fare catenaccio)…poi quest’anno a Sassuolo, in casa con la Lazio, Cagliari, Bologna, quindi a Napoli, derby, San Siro con l’Inter. Capisco una volta o due, anche cinque, ma siamo alle decine. Questo è il rompicapo. Comunque serve gente di gamba e tecnica. Simil Cerci, Messias, Gervinho. Quel tipo di giocatore lì. Ancora più di un regista che rischierebbe di collassare, se poi davanti a lui non affondano il colpo e perdono palla. Ieri sera Gojak ha ricevuto i palloni per incidere. Almeno un paio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 2 settimane fa

      Non è nessun rompicapo, se sommi questo con il fatto che con tutte le squadre di fascia bassa toppiamo sempre è palese che oltre ad un fatto di qualità generale è un fatto mentale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. Gianluca - 2 settimane fa

    Io avrei tre domande/”spunti” per la redazione:
    1) ieri sera, nei supplementari, c’era un sesto cambio o no? Nel caso, perché diamine abbiamo tenuto Verdi e Rodriguez (almeno uno dei due poteva entrare) fuori dalla lotteria dei rigori? Rodriguez è il rigorista che ha mandato la Svizzera agli ultimi Mondiali. Non uno qualunque
    2) dov’era Sirigu, visto che Donnarumma era in panchina. Deve essere ceduto? E quindi? Perché non dovrebbe giocare fino all’ultimo? Non deve essere ceduto? E quindi, giornata premio a 1,7 milioni a stagione in una gara dentro-fuori???
    3) Curiosità statistica: un portiere del Toro aveva mai segnato un gol (in questo caso un rigore nella serie finale) ufficiale?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. Gallochecanta - 2 settimane fa

    La partita di ieri sera è stata giocata ad un ritmo che, se lo riproponi contro lo Spezia, ce ne fanno 4.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giogranata - 2 settimane fa

      Concordo, non c’è movimento, interscambi, una parvenza di gioco corale, solo passaggi indietro. Basta con questi pseudo maestri del calcio. Poi intelligenza dei giocatori pari a zero. Sono ridicoli. Un mea culpa della società tutta no…?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. robinhood_67 - 2 settimane fa

    amici di Toronews, il punto di partenza da settimane ormai è quello fotografato da ALELUX777: o questa rosa è inadeguata al gioco di Giampaolo, o il club è convinto che con un altro allenatore, con questi stessi uomini, ci si salvi in carrozza.
    A decidere sarà forse Toro-Spezia, altra partita senza ritorno.
    Nella prima ipotesi, il club deve agire presto e bene sul mercato e la partita di San Siro ha ribadito che i problemi (evidenti da mesi) sono a centrocampo.
    Nella seconda, dovremmo imparare dal passato: con questi uomini, Longo ha fatto più o meno gli stessi punti di Giampaolo. TREDICI. Ammesso che ci arriviamo alla fine del girone di andata, pensare di salvarsi con ‘questa compattezza’ significa accreditare questa rosa di 27 punti al ritorno, un rendimento da qualificazione Europa League.
    Amici di Toronews, vi suggerisco un sondaggio per vedere quanti tifosi granata credono al vaccino compattezza. Auguri
    Forza (quel che resta del) Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 2 settimane fa

      Sarebbe come dici ti se prendessimo le partite con spezia e Benevento, arrivando al giro di boa con 12 punti…. è ovvio che così di va inserite b! Se invece si vincessero queste due, come è lecito arrendersi, si finirebbe a 18… altri 22 e sei salvo. Non mi pare che 22 punti in 19 partite siano fa considerarsi un impresa impossibile, tantomeno da EL come dici tu.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. robinhood_67 - 1 settimana fa

        abatta68, io alla salvezza ci credo. La vedo difficile con questa rosa e questo allenatore. O si integra la rosa con due centrocampisti di qualità, o si cambia gioco con un allenatore per la salvezza tipo Nicola, Guidolin, che ci riporta con la stessa rosa al gioco mazzarriano.
        Se l’alternativa è lasciare a Giampaolo questa rosa, per cambiare allenatore di nuovo a mercato chiuso, divento pessimista.
        Non riesco a dare per scontate vittorie con Spezia e Benevento, che arriveranno a Torino per giocare con due risultati su tre disponibili. Noi ne abbiamo uno solo.
        Oltretutto, la quota salvezza quest’anno potrebbe riservare sorprese.
        Sperando di sbagliarmi, naturalmente.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. abatta68 - 2 settimane fa

    Questa disamina dovrebbe portarci alla conclusione che l obiettivo finale sarebbe giocare male, ma con catenaccio che ci consentirebbe di reggere in difesa, e contro le dirette concorrenti per la salvezza, andare in vantaggio avendo la capacità poi di difenderlo. L obiettivo quindi è tornare al peggior calcio mazzariano, grosso modo con gli stessi giocatori, ma con un allenatore che predica nel deserto, rilanciando un modulo adatto ai suoi giocatori. Fantastico! Quando si dice una società che sa programmare eh

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. stanislaobozzi - 2 settimane fa

    se lo dice Sartori che così ci salviamo sono molto più tranquillo 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. bordeauxgranata - 2 settimane fa

    Bravo Sartori, un’altra disamina lucida e impeccabile.

    Hahahhahaha. Buone azioni?! personalità?! raziocinio?!?! Ma avete mai tirato due calci ad un pallone o vi hanno messo a scrivere nella sezione calcio perché erano al completo nel curling e nella pelota basca?!?!

    “Ma é del mestiere questo?”cit.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. granata63 - 2 settimane fa

    Anche a me è piaciuta la squadra ieri, a parte alcuni giocatori che non ho capito con chi giocavano, Zaza e gojak, ma le chiacchiere stanno a zero. Abbiamo dodici punti in 17 partite. Qualsiasi allenatore sarebbe stato già mandato via con un rendimento simile. Per cui Giampaolo, meno chiacchiere e più punti. Se non facciamo punti da subito non riusciremo a recuperare. Ringraziamo Dio che abbiamo un paio di squadre che, come noi, stanno stentando. Cagliari e Parma. Il Genoa è in ripresa, così come lo Spezia, la Fiorentina. l’Udinese raccoglie poco ma è una squadra che mi piace molto. Vedremo cosa faremo nelle prossime tre gare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. Veyser - 2 settimane fa

    Mi sembra un tantino ottimista il Sartori ma spero vivamente che abbia ragione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. christian85 - 2 settimane fa

    Premetto che fossimo anche passati, sarebbe servito a poco, visto che a livello di rosa non abbiamo i giocatori giusti per affrontare 2 competizioni ( questo sempre grazie al Sig. Cairo ).

    Il Milan di ieri era davvero poca roba.. svogliato, lento, impacciato e sembrava la copia del Milan pre-Pioli, che se inizia ad assumere questo atteggiamento torna a essere il Milan di 2 anni fa.

    Quanto a noi, siamo sempre li, puoi cambiare modulo, ma alla fine constatando che il 3-5-2 è quello più “sicuro” con i giocatori che si hanno, purtroppo si vede spesso questa mania di passarla continuamente indietro..

    Visa la situazione però, va bene cosi.. se il Toro inizia seriamente a prendere base come concetto di gioco quella vista ieri, con alcuni spunti interessante, ci si può salvare.. ma la cosa realmente triste è che sarà di nuovo un riparti da zero, visto che alla fine GP sta giocando con dei giocatori non richiesti da lui e sta utilizzando un modulo che non rispecchia il suo modo di fare calcio..

    Il dubbio è quindi.. ma si spera che arrivano almeno 3 acquisti mirati come desiderava GP per poter finalmente esprimere il calcio ideato, oppure bisogna tirare fino a maggio con questa rosa spuntata ( perchè lo è , salvarsi senza un minimo di gioco e idea e prossimo anno ripetere la stessa cosa ?

    Non ha senso nulla, buona prestazione in generale quella di ieri.. ma in una partita che obiettivamente parlando, aveva pochissimo senso per noi, visto che ormai sono 30 anni che snobbiamo questa coppa.

    Adesso, oggi, 13 gennaio, vediamo se il 1 febbraio dobbiamo vedere arrivare altri giocatori inutili al gong del calciomercato.. vediamo quanto andranno avanti ancora con questo circo Vagnati e Cairo.

    Nel frattempo, non so voi, già ad agosto mi ero portato avanti, non abbonandomi nè a Sky nè Dazn.. niente e a oggi direi che ho risparmiato non alla grande… ma alla grandissima !

    Il prossimo anno, farò ancora cosi.. spero anche voi 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. robytrol_181 - 2 settimane fa

    REDAZIONE!
    il titolo esatto è ” CON 40 PUNTI TI SALVI”. smettetela di parare il c**o al presiniente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. Il_Principe_della_Zolla - 2 settimane fa

    Si continua a guardare il dito invece della luna. Con la compattezza non andiamo da nessuna parte senza fosforo e condizione atletica. Ripeto, da nessuna parte, anzi dritti in serie B.
    La società deve (doveva!!!!) intervenire pesantemente, con almeno tre elementi in entrata: non la farà o lo farà tardivamente e non con elemnti in grado di cambiare il peso specifico della squadra.
    La condizione atletica è scarsa.
    Iero sera non siamo stati MAI veramente pericolosi, 120 minuti a fare da sparring partner. Ma noi ci gargarizziamo con la compattezza. Da piangere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bordeauxgranata - 2 settimane fa

      Giusto Principe, io non vedo mai un’azione manovrata nello stretto, é tutto frutto della confusione in campo, mettiamo due passaggi di fila per puro caso.
      Abbiamo fatto 3 tiri in porta così tanti per, senza costruire.
      Ma come si fa a fare calcio così?!?!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. ALELUX777 - 2 settimane fa

    Il risultato condiziona molto. Nel primo tempo il Milan è partito volutamente piano per non arrivare cotto nel finale come sabato, poi ha spinto e la fortuna di Milinkovic Savic che è stata che il pallone in almeno 3 occasioni gli è finito in mano senza che nemmeno se accorgesse.
    Inoltre il Milan pressava altissimo e in questi casi manda in difficoltà gli avversari ma qualcosa concede, così come Sassuolo e Napoli.
    Dico che i punti persi dal Toro sono il frutto di episodi che hanno portato la squadra ad andare in vantaggio e dover quindi ripartire solo in contropiede contro squadre che per necessità e natura tendono a attraccare con tanti uomini e quindi a concedere qualcosa, ma se vai sotto, per il toro attuale è impossibile competere con le prime. Col Verona, che sulla carta superiore non è, la reazione è riuscita ma che fatica. Per cui è evidente che Belotti è da solo, che manca l’uomo d’ordine a centrocampo che prende per mano la squadra e giocatori che saltano l’uomo e creano superiorità. Questo 0a0 non cambia nulla è una rosa incompleta e costruita male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. FuriaGRANATA - 2 settimane fa

    Cairo in questi 15 anni ti sei fatto conoscere e hai avuto visibilità.adesso impegnati a vendere la società.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. Panthers - 2 settimane fa

    Rossogranata sono d’accordo con te, secondo alcuni avremmo fatto meglio a prendere tre gol nel primo tempo così non ci affaticavamo.
    Per i denari che guadagnano divertendosi dovrebbero fare una partita ogni due giorni a tutta.
    Forza toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  51. Scott - 2 settimane fa

    Si è capito quel che si sapeva già. Non ci sono piedi e cervello per far partire l’azione. Non ci sono piedi e cervello per rifinire le punte. Ci sono due cerbiatti impauriti sulla fascia sinistra, tra Murru e Rodriguez scegliere non saprei.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  52. rossogranata - 2 settimane fa

    Per il morale della squadra questa partita non è una sconfitta. Dire d’incontrario significa credere all’apparenza del risultato e non della sostanza che esprime una compattezza di squadra mai vista finora. Una volta tanto lasciamo i pessimismi radicali e andiamo avanti!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  53. Nero77 - 2 settimane fa

    Compattezza?10 calciatori dietro la linea di meta campo e un infinita di retropassaggi!!Si vede tutta la mano del tecnico svizzero-abruzzese!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 2 settimane fa

      A me sembra che comunque sia stato fatto un numero di passaggi in avanti enormemente alto (rispetto alle altre partite del Toro, non quelle del Liverpool).
      Mi ha dato l’impressione che giocando con la testa più libera il gioco migliora e di molto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Nero77 - 2 settimane fa

        Che partita hai visto?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  54. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 settimane fa

    Si partita compatta, giocata bene in difesa etc ma alla fine ci siamo solo spompati per 120 minuti e sabato si gioca.
    E ho visto davvero poca qualità in troppi giocatori.
    Urgono rinforzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilCalu - 2 settimane fa

      Segre come ha giocato? Non l’ho vista…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Veyser - 2 settimane fa

        Bene…. un compitino ben fatto direi….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  55. puliciclone11 - 2 settimane fa

    Seppur nulla di trascendentale la partita ha confermato alcune verità: 1) finché la condizione regge (un tempo o poco più) far girare il gioco e fare movimenti senza palla è possibile 2) è meglio aggredire gli spazi e cercare la profondità anziché rifugiarsi nel solito passaggio a Belotti spalle al difensore per prendere punizioni a metà campo che non servono a nulla 3) quando riapriranno gli stadi Ansaldi, invece della fascia, potrà fare avanti e indietro nei distinti a vendere il caffè borghetti 4) Buongiorno ha più cervello e tecnica di Izzo e Lyanco messi assieme e deve giocare di più 5) non si capisce perché ha giocato così tanto uno lento e indolente come Meite quando Segre sa sempre cosa fare con la palla, gioca di prima, non sta fermo e si inserisce 6) oltre che regista Rincon è pure un rigorista 7) tra i punti di forza di GP (a parte coniugare i verbi nelle interviste non si sa quali siano) non vi è il tempismo nei cambi visto che Zaza da 10 minuti faceva di tutto per non affaticarci nei supplementari e per poco non ci è riuscito 8) che Verdi giochi o no non si avverte la differenza 9) quelli presi perché conoscevano il verbo di GP tipo Murru e Linetty potevamo lasciarli tranquillamente dove erano 10) Baselli ha ormai appeso le scarpe al chiodo e a breve lo vedremo segnare i cambi al posto di Moretti 11) sui rigori Savic invece di dare botte alla traversa dovrebbe usare le mani per cercare di toccare il pallone

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy