Toro, Longo batte Lopez: vincente la scelta del trio Verdi-Zaza-Belotti

Toro, Longo batte Lopez: vincente la scelta del trio Verdi-Zaza-Belotti

Il confronto / Squadra a trazione anteriore per i granata, bravi a reagire nella ripresa. Diego Lopez paga una panchina cortissima: i cambi non incidono

di Alberto Giulini, @albigiulini

Seconda vittoria sulla panchina del Toro (la terza in Serie A) e tre punti fondamentali per Moreno Longo, che si aggiudica la sfida personale con Diego Lopez in quello che era uno snodo fondamentale per la stagione dei granata. Poteva solo vincere il Toro, chiamato però a fare i conti con una squadra senza più nulla da perdere che si giocava l’ultima occasione di rientrare in corsa per la salvezza. Ed i tre punti conquistati sono una boccata d’ossigeno per i granata, forti ora di sette punti di vantaggio sul Genoa terzultimo in classifica.

LE SCELTE – Da un punto di vista tattico, Longo ha optato per una squadra a trazione anteriore. Il tecnico ha rispolverato le due punte, scegliendo Simone Verdi a supporto della coppia Simone Zaza-Andrea Belotti. Una soluzione che ha pagato, dato che tutti e tre i terminali offensivi sono stati determinanti e pericolosi in più di un’occasione. Ma il grande merito del tecnico è stato quello di motivare nel giusto modo la squadra all’intervallo. Dopo un inizio positivo, il fortunoso vantaggio del Brescia aveva mandato in confusione i granata, che in troppe occasioni hanno rischiato di subire il gol del raddoppio. Ma con un paio di accorgimenti tattici in marcatura (Qui le parole di Ansaldi sul tema), il tecnico ha saputo ribaltare la situazione.

LEGGI: Le pagelle di Torino-Brescia 3-1: Verdi decisivo, Belotti segna ancora. Ma dietro che sofferenza

LA RIPRESA – Nel secondo tempo è venuta fuori la maggior qualità del Toro, da subito molto determinato alla ricerca della vittoria. Il pareggio trovato dopo appena tre minuti ha dato ulteriore coraggio ai granata, bravi a premere sull’acceleratore e a ribaltare la gara. Il Brescia non ha più trovato la forza di reagire e Diego Lopez ha pagato una rosa estremamente corta: i cambi, tra giovani e seconde scelte, non sono stati all’altezza e non hanno dato alcun apporto alla squadra. Una situazione che ha consentito a Longo di temporeggiare, facendo i cambi solamente nel finale: Ola Aina ha rilevato uno stanco Ansaldi (tornato titolare dopo oltre quattro mesi) e di conseguenza Lukic ha preso il posto di Verdi. Una volta acquisito il risultato, poi, la decisione di preservare De Silvestri e Belotti: lunedì ci sarà infatti l’insidiosa e complicata trasferta di San Siro contro l’Inter.

 

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. LeoJunior - 1 mese fa

    Due cose: più che Longo che batte Lopez, diciamolo. I nostri tre, almeno sulla carta, dovrebbero essere di un altro Mondo rispetto ai loro! Hanno solo fatto quello che avrebbero dovuto fare. Detto questo, bravo Longo a metterli insieme. Non scontato. Verdi speriamo si confermi.

    Su Balotelli. Secondo me è un caso di studio. Tutti dicono che è potenzialmente forte e che è stato rovinato dal suo carattere e dalle stupidate che fa. Io ho sempre pensato il contrario. Giocatore mediocre che ha sempre coperto i suoi limiti proprio con questo equivoco. Tutti continuiamo a pensare che abbia qualche talento inespresso e ostacolato dal suo carattere. In realtà il talento non esite e arriverà a 40 anni con questo equivoco.
    Ha solo un gran tiro. Io non gli ho mai visto fare un dribling che sia uno, non ha grandi piedi, di testa quasi zero. Questo deve fare un monumento a Raiola perchè lo ha gestito come una star dello spettacolo senza avere sostanza. Genio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SempreTORO - 1 mese fa

      Hai proprio ragione, la penso esattamente come te… il Balotelli ha avuto la grande fortuna di essere stato preso sotto l’ala dal Rauola, che è un gran venditore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GlennGould - 1 mese fa

    Ragionissima sulla panchina scarsa per quantità ma soprattutto qualità del Brescia. Il fatto che Balotelli non abbia combinato nulla manco lì, non fa altro che nominarlo definitivamente il giocatore più sopravvalutato della storia del calcio.
    E pensare che qualcuno lo voleva al toro..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rimbaud - 1 mese fa

      non è che noi abbiamo la panchina del Real, anzi non credo sia molto meglio di quella Brescia, probabilmente il livello è basso uguale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bela Bartok - 1 mese fa

    Però bisogna ammettere che Lopez ha i capelli più fighi del mondo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SempreTORO - 1 mese fa

      Esatto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy