Torino, Mazzarri insiste: servono cessioni, il calciomercato non è chiuso

Torino, Mazzarri insiste: servono cessioni, il calciomercato non è chiuso

Il fatto / Da Niang ad Edera a Ljajic, alcuni attaccanti non sono certi della permanenza

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Mazzarri aveva poca voglia di parlare di mercato, nella conferenza stampa di presentazione di Torino-Roma. Da quel poco che ha detto, però, ha dato la sensazione di ritenere il mercato aperto più oggi che sino a due giorni fa. Più che soddisfazione per gli acquisti realizzati, Mazzarri ha esternato preoccupazione per i problemi di sovrabbondanza che si intravedono all’orizzonte. Sin dalla fine della scorsa stagione aveva detto di volere quattro attaccanti in rosa, ora ne ha sette. Tutti giocatori difficili da tenere in panchina che potrebbero, qualora esclusi, generare malumore all’interno dello spogliatoio. Il Torino a sorpresa ha deciso di prendere Simone Zaza a prescindere da eventuali cessioni: che l’attaccante piacesse da tempo era noto, ma era opinione comunque che il suo arrivo avrebbe dovuto essere preceduto da almeno una, se non due cessioni.

Dunque adesso Mazzarri spera in un paio di cessioni. Come noto, il mercato in Spagna, Germania e Francia chiuderà il 31 agosto. C’è quindi tempo per piazzare due giocatori all’estero: Niang e uno tra Ljajic ed Edera. Il primo e l’ultimo, tra l’altro, sono anche stati tenuti fuori dalla partita contro la Roma. Niang all’estero è cercato da tante società: dal Nizza al Betis Siviglia al Siviglia, il Torino ha parlato con tanti ma non ha ancora concretizzato con nessuno. Edera avrebbe potuto trovare squadra in prestito a fine mercato (c’erano Parma, Frosinone e Genoa), ma non c’è stata la possibilità di concludere e dunque ora si ritrova ristretto al Toro da una forte concorrenza. Al Toro piacerebbe che il gioiellino potesse vivere una stagione da protagonista. Non è da escludere che si possa provare una soluzione estera. Infine, Adem Ljajic: a Mazzarri e Cairo piace, ai tifosi anche, ma dovessero arrivare offerte importanti saranno ascoltate. Sembra invece lontano dai giochi di mercato Iago Falque, ritenuto fondamentale.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Vanni - 1 anno fa

    Mazzarri non cominciare a piangere. Hai chiesto questi giocatori, probabilmente un paio te li togli dalle palle. Hai il miglior Toro dai tempi di Lentini. Non ci sono scuse, se non fai risultati è perché sei un incapace anche solo a gestire uno spogluatoio. Divresti imparare dagli allenatori Veri come fanno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. marcocalzolari - 1 anno fa

    Mazzarri ha ragione. Lasciando stare il sensazionalismo del mercato, sappiamo tutti che una squadra non si costruisce facendo l’album delle figurine (vedi il Milan lo scorso anno o il West Ham tutti gli anni).
    Una squadra si costruisce con delle logiche, per creare una sana competizione, ma senza avere scontenti all’interno di un gruppo.
    E un conto è la squadra di Venaria, che gioca la Champions, il campionato e che ha (purtroppo) campioni assoluti, che anche se litigano poi vanno in campo e portano punti, un conto siamo noi che proprio sui valori del gruppo dobbiamo fondare i nostri risultati, perché Zaza non è Ronaldo e nemmeno Mandzukic.
    Sono convinto che due cessioni (Edera e Niang possibilmente) siano necessarie.
    Detto questo sono fiducioso, perché abbiamo finalmente un allenatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 1 anno fa

      Pero’ il Milan delle figurine e’ arrivato a 64 punti, SESTO, 10 punti piu’ di noi, NONI, senza figurine.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Esempretoro - 1 anno fa

    Solo due cosette. A parte che fare il conto algebrico “ne abbiamo 6 ed io ne vorrei 4” esclude squalifiche ed infortuni (magari!),il 352 non è un vangelo! Già se servisse passare al 3412 o similari lo “sbilancio” cambierebbe…
    L’altra è un po’ più cattivella:se un giocatore che la società non ha ritenuto congruo vendere non trova posto fisso e instilla la sua negatività nello spogliatoio può sempre accomodarsi in tribuna…solo per capire che un professionista deve accettare tutto per il bene della squadra,e sfruttare al massimo tutte le occasioni delle quali potrà approfittare. Tralascio sottolineare che per questo “sacrificio” comunque è più pagato di mio figlio,che salta da un lavoro all’altro,sta muto perché diritti non ne ha e spesso deve abbassare il capo di fronte a geni conclamati…Mister,pure te,io ti stimo,ma se Acciuga può gestire 500 mln di euro in panca non ce la puoi fare tu con molto meno? Ci sono anche i cambi…FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. WGranata76 - 1 anno fa

    Le preoccupazioni del mister sono uno dei motivi per cui dicevo che il mercato è da 7 e non da 8. Un esubero pesante come Ljajic va gestito e dando per scontato che Niang se ne vuole andare e probabilmente sarà venduto, spero che Iago non venga sacrificato in luogo del serbo.
    L’abbondanza va gestita dal mister, ma se vendessimo Ljajic e Niang coprendo economicamente i prossimi riscatti sarebbe un’ottima mossa, perché renderebbe anche più semplice il lavoro di Mazzarri. Inoltre sui social Iago mi sembra completamente integrato nel gruppo, mentre Ljajic tende a spendere tempo privato più al di fuori di esso con amici suoi connazionali; il serbo è liberissimo di farlo, ma un dubbio che possa diventare elemento di disturbo in caso di malcontento da scarse presenze in campo è legittimo.
    Staremo a vedere, intanto per il primo anno nell’era Cairo ho visto un mercato più che sufficiente e le basi per una crescita sportiva, vedremo se Mazzarri e i giocatori colmeranno le lacune regalandoci qualche soddisfazione finalmente.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. torracofabi_159 - 1 anno fa

    Ci si è sempre lamentati di rosa corta e non di qualità, adesso che c è si impari a gestirla come fanno le grandi squadre! Vendere solo Njang e dare Edera in prestito al limite… Altrimenti facciamo come Penelope….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Nidam - 1 anno fa

    Il mercato è stato ottimo. La preoccupazione di Mazzarri legittima è che qualche giocatore scontento per il poco utilizzo possa minare la coesione all’interno dello spogliatoio. Il problema è che come ha detto chiaramente Cairo ieri nell’intervista non si vogliono svendere giocatori a prezzo di saldo (Niang Ljajic). Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13995053 - 1 anno fa

    Non si è mai felici….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. rensenbrink granata amen - 1 anno fa

    Qualcuno parla di concorrenza tra i giocatori del Toro in “esubero”. In realtà non c’è nessuna concorrenza: esistono due “grandi” acquisti che, per nome e per costo, e, soprattutto, per ego petrachiano/cairiano, non potranno essere messi in secondo piano: pena uno sbugiardamento del tronfio parlare di “grandi acquisti migliorativi della squadra”. Per cui l’esubero non fa altro che rovinare i già esistenti: Falque, soprattutto, che difficilmente accetterà di essere in secondo piano, giustamente, dopo che è stato il migliore del Toro in questi anni (visti nel loro globale), e Ljajic, che, da prima donna, già escluso per via del modulo, si sentirà ancora più in un angolo e demotivato. Quindi non c’è concorrenza; c’è solo un rovinare Falque e Lijajc. In attesa di venderli. Roba da incapaci: visto che i due sono superiori: Lijajc superiore a Soriano, e Falque a Zaza (tralasciamo la pena di averlo preso: anche se fosse stato gratis). Solo la solita incapacità di un allenatore che sa fare solo una cosa, e la fa pure male, ci obbliga al nulla. Facendo sempre finta che non siamo già al NULLA da molti anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 1 anno fa

      Se vuoi avere piena coscienza della nullità non c’è bisogno che scrivi del Toro, basta che ti metti allo specchio ed osservi. In silenzio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. BACIGALUPO1967 - 1 anno fa

      Reseminkia@ sei il più fulgido esempio che l’annullamento della legge Basaglia è stato un grave errore.
      Fvcg

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. FVCG'59 - 1 anno fa

    Di solito si preferisce avere problemi di abbondanza = concorrenza per i vari ruoli ma questo comporta la capacità di saper gestire e motivare i calciatori in modo adeguato: pensavo Mazzarri ne fosse all’altezza, anche perché quando “devi vendere” il prezzo lo decide chi compra e quindi difficilmente fai buoni affari…
    Una rosa così forte, variegata, con la possibilità di applicare tanti schemi, a seconda dell’avversario e della partita che devi giocare, il Toro sono tanti anni che non l’aveva a disposizione: FVCG, metti paura alla Roma!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. GlennGould - 1 anno fa

    Niang Iago Liajc Belotti Edera Zaza (più Damascan che non conosco), e non facciamo le coppe.
    Considerazione uno: leggere un parco attaccanti del genere, mi rende felice.
    Considerazione due: almeno uno se non due sono aimé di troppo (perché sempre aimé non facciamo le coppe).
    Si ricomincia, buon campionato a tutti, anche a chi di recente ha pensato bene di insultare me, dandomi dell’analfabeta (di tutti gli “epiteti” ha scelto il piu’ improbabile, mi pare), nonché di storpiare maleducatamente il mio nickname, che utilizzo per omaggiare un’artista straordinario.
    Anche a lui auguro un buon campionato, forza toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 1 anno fa

      Gli insulti sono l’unico metodo di espressione degli inetti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Lemmy - 1 anno fa

      Suggerirei al soggetto in questione (ossia colui che ti ha dato dell’analfabeta storpiando il tuo nickname, di trovare la pace con se stesso ascoltando la Variazioni Goldberg (ovviamente eseguite dal vero Glenn Gould)almeno un paio di volte la settimana.

      Sempre forza Toro….adesso porto fuori il mio cane Maspero e poi entro in clima partita.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy