Segre, la furia cieca dei tifosi e i precedenti con Quagliarella e Soriano

Editoriale / Il 23enne Jacopo ha sbagliato e si è preso la sua razione di insulti, ora gli va data la possibilità di farsi perdonare

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Jacopo Segre è stato tra i primi bersagliati dalla contestazione del Filadelfia. Il centrocampista del Torino, finito nella bufera per l’ormai nota foto (non da lui pubblicata, ma destinata a rimanere privata) con la maglia di Dybala. Quella del 23enne centrocampista resta una grossa cavolata: inevitabile che quella foto, in caso di divulgazione incontrollata come è poi accaduto, potesse essere interpretata come una mancanza di rispetto verso i tifosi o un segnale di menefreghismo.

Segre si è scusato sui social e ieri, insieme a tutto il resto della squadra, si è preso la sua razione di insulti durante la contestazione, molti dei quali a lui indirizzati personalmente. La vicenda fa tornare alla mente alcuni episodi simili degli anni recenti. Ad esempio quel che capitò a Fabio Quagliarella, che nel gennaio del 2016 segnò un rigore col Toro in casa del Napoli e poi chiese scusa ai tifosi azzurri. Un gesto reputato offensivo dai tifosi granata, che non glielo hanno più perdonato, nonostante il successivo giro di campo sotto la Maratona per chiedere scusa. Di lì a pochi giorni, anche per il contestuale ritorno di Ciro Immobile, Quagliarella si convinse poi a lasciare Torino, sbarcando alla Sampdoria dove ha segnato sino ad oggi 76 reti.

Quagliarella, Gol e highlights, Di Bello
Quagliarella segna su rigore il pareggio per il Torino

Ancora più simile alla vicenda di Segre è stata quella di Roberto Soriano, centrocampista che visse un periodo molto negativo al Torino nell’autunno del 2018. Era arrivato per cambiare il volto del centrocampo granata, ma deluse per una serie di prestazioni negative. La “ciliegina” sulla torta fu rappresentata da un paio di “likes” su Instagram a giocatori della Juventus dopo un derby giocato a dicembre. Frattura con l’ambiente e immediato trasferimento al Bologna, di cui oggi è un leader tecnico che è anche tornato nel giro della Nazionale.

Segre deve ancora dimostrare di poter arrivare ai livelli di Quagliarella e Soriano, e resta fermo il fatto che abbia commesso un errore, ma i due precedenti sopra citati fanno pensare che, in un’epoca in cui – in generale – esistono pochi calciatori con principi sani e solidi rispetto a quelli di un tempo (i quali, tuttavia, erano avvantaggiati dall’assenza dei social…), sarebbe più opportuno giudicare un giocatore dalla sua professionalità, dall’impegno in campo e dalle doti tecniche. Il 23enne Segre sta espiando le sue colpe e ha incassato la lezione, ora è giusto che non venga “marchiato” ma abbia la possibilità di farsi perdonare sul terreno di gioco se riuscirà a convincere Giampaolo a concedergli spazio.

89 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. robros58 - 1 mese fa

    vogliamo giocatori veramente impregnati di attaccamento alla maglia? Allora fondiamo una squadra amatoriale ed arruoliamo operai, commercianti, ecc.
    Quando circolano soldi (da pochi a tantissimi) l’amore per la maglia è qualcosa che interessa solo i tifosi che in quella squadra si identificano completamente.
    D’altra parte se ad un operaio della Fiat, a pari condizioni, venisse offerto un contratto di lavoro più remunerativo mettiamo alla Renault, cosa pensate che farebbe?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gantonaz64 - 1 mese fa

    Ma basta con ste cazzate. Gli sgrammaticati che sono andati al Filadelfia hanno perso una occasione di dialogo. Fissassero piuttosto con una delegazione di rappresentanti dei tifosi,un incontro con Cairo. Naturalmente con qualcuno che sappia articolare una frase, e non solo sbraitare insulti e improperi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 6USCITOCOLIONE! - 1 mese fa

    Sono 50 anni che soffro per questa maglia e non vi nascondo che mai come quest’anno avrei voglia di mettermi alle spalle i quasi 500 km che mi dividono da Torino per urlare in faccia a Cairo e alla squadra la mia rabbia!
    Ma quello che non capisco è perché, chi oggi ha avuto questa possibilità, è stato capace solo di insulare le persone senza PRETENDERE spiegazioni più serie suI perché?
    Perché vi cagate addosso ogni partita da quasi un anno a questa parte?
    Perché pesano di essere così scarsi difronte ad ogni avversario , nonostante abbiano la possibilità di giocare in A?
    Perché hanno scelto di giocare nel Toro , quando ci sono società e tifosi meno pretenziosi?
    Perché a parlare sono sempre i soliti due personaggi che dicono sempre le solite parole retoriche , dopo i soliti risultati?…. ma soprattutto quale obiettivo vi siete posti per questa stagione?
    E comunque è giusto fare sentire la nostra rabbia visito che allo stadio non ci possiamo andare, ma trovo comunque IMPORTANTISSIMO fare di tutto per sostenere il Toro perché stiamo scivolando pericolosamente nell’obblio. NON VOGLIO PENSARE A UNA TORINO SENZA IL GRANATA Come colore primario!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Paul67 - 1 mese fa

    Nn è da crocifiggere Segre, ma nemmeno da difendere. Che assuma le conseguenza delle sue azioni come, fanno o dovrebbero fare, le persone adulte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Prawda - 1 mese fa

    A mio parere e’ sbagliata la premessa. Segre non e’ un giocatore del vivaio, ha fatto solo un anno al Torino in prmavera e ben nove al Milan in precedenza, dopo quell’unica stagione ha girovagato qualche anno in prestito tra Piacenza e Verona e quest’anno e’ tornato a Torino; con queste premesse definirlo prodotto del vivaio e’ decisamente sbagliato. Semmai e’ molto piu’ rossonero che granata, in questo e’ molto simile al suo presidente.
    Detto questo i tempi sono diversi e profondamente cambiati ed e’ chiaro che negli anni di Ferrini o Pulici un fatto del genere non sarebbe mai potuto accadere ma quel Toro purtroppo non c’e’ piu’ ed il il Torino di oggi non e’ nemmeno imparentato alla lontana con quella squadra, quella societa’ era completamente diversa da quella attuale e non solo per presidenza ed obiettivi, per cui non mi sento di gettare troppo la croce addosso ad un ragazzo che conosce probabilmente molto poco della storia del Toro e che milita in una societa’ senza obiettivi, colori e senso di appartenenza.
    Il vero problema non e’ tanto la posizione in classifica, il problema e’ che il Torino sta lentamente morendo, i suoi tifosi si stanno poco per volta estinguendo e con esso tutti i valori che rappresentava.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

      Un momento: è lui che ha sempre detto di essere del Toro come tutta la sua famiglia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Prawda - 1 mese fa

        E’ di Torino per cui puo’ essere ma non mi sembra fondamentale. Ha fatto una stupidaggine ma e’ chiaro che con una societa’ inesistente non ci sono filtri, protezioni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Synesthesy - 1 mese fa

      Bisogna però constatare che ai tempi di Ferrini e Pulici non esistevano i social, e se qualcuno si è mai fatto una polaroid con la maglia di Platini semplicemente non lo sapremo mai….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Prawda - 1 mese fa

        Vero e forse perche’ quegli anni li ho vissuti posso anche dirti che per molti aspetti erano decisamente migliori rispetto a quelli attuali.
        Ferrini e Pulici erano due che il granata lo avevano come seconda pelle, due persone straordinarie, che non significa che non avessero magari amici bianconeri ma mai si sarebbero fatti fare una foto sfoggiando una maglia dei gobbi.
        Io ripeto non crocefiggerei piu’ di tanto Segre, ha fatto una stupidaggine ma la responsabilita’ piu’ grande e’ dovuta all’assenza di una societa’.
        Avevo scritto anni fa, quando la ristrutturazione di quello che fu il Filadelfia stava per essere completata, che non sarebbero stati quei muri a far tornare il senso di appartenenza, l’orgoglio di essere il Toro, per farlo occorreva che vi fosse una societa’ che quello se lo ponesse come obiettivo primario. Purtroppo c’e’ una societa’ che non ha nemmeno obiettivi sportivi, figuriamoci altri.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Kieft - 1 mese fa

    Spero che non sia una ideone consigliata da qualcuno per cambiare aria ….visto che non vede mai il campo ……
    Io se devo essere sincero più che segre quagliarella soriano……sarà che avevo un altra età…ma vedere balzaretti con la maglia della juve mi aveva lasciato un groppo alla gola …..superato quello non mi scalfisce più nulla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pau - 1 mese fa

      Per me invece il peggiore da digerire fu Serena.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 1 mese fa

        Serena… brutta botta, anche oerche con quel ragazzo li l anno successivo si sarebbe potuto fare ancora meglio…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

          Però non era nostro era in prestito dall’Inter e sempre in prestito è andato a quegli altri. Un periodo, tra l’altro, in cui il calciatore poteva scegliere ben poco.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Paul67 - 1 mese fa

        Serena però, se nn sbaglio, era in prestito e a quei tempi le società decidevano le destinazioni dei giocatori.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Pau - 1 mese fa

          Si vero, ma allora, anche se le cose che dite sono giustissime, era davvero raro vedere qualcuno passare da una sponda all’altra qui a Torino.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Paul67 - 1 mese fa

      Quella di Balzamdrda fu una botta tremenda, io nn la ho ancora superata, quando lo vedo lo maledico ancora, meno male che ora ha spesso vicino quella gran Topa della Diletta che migliora la visione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Madama_granata - 1 mese fa

      D’accordissimo su Balzatetti, per me la figura meno dignitosa tra tutti coloro che hanno voluto “fuggire”, o che hanno fatto degli sgarbi
      al Toro.
      Belzaretti ha mollato la nostra Società in uno dei momenti più bui e difficili della sua storia, senza preavviso, dando al Toro ancora una mazzata in più per abbatterlo!
      E pensare che era stato promosso capitano e si puntava proprio su di lui “risorgere”!
      Balzaretti peggio di Cerci.
      Verso Quagliarella, Soriano (che tra l’altro non è mai stato veramente un giocatore del Toro, ma solo uno di passaggio) e pure verso Serge credo che si dovrebbe essere
      più tolleranti.
      Bonucci, giocatore della Juve, ha un figlio che tifa Toro e adora Belotti.
      Che farebbero i tifosi granata a parti inverse?
      Se un nostro giocatore (tra l’altro uno tra i più importanti e longevi in squadra) avesse un figlio dichiaratamente della Juve, che farebbero?
      Un infanticidio???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gusto - 1 mese fa

    Non mi sentirei di gettare la croce addosso a Segre. Forse è stato leggero. Probabilmente ha voluto in ricordo per sè, parenti o amici gobbi (anche io ne ho) la maglia di un giocatore per cui nutre ammirazione, contro cui solo sognava di giocare fino a poco tempo fa. La foto non era destinata ad essere pubblicata. Non tutti i giocatori con maglia a strisce bianconere sono esseri umani ignobili. Credo che sia bene distinguere fra le persone (Dybala,tra l’altro, credo sia stato in privato a Superga) e la società f.c. Juventus, della quale non condivido nulla, a partire dal vergognoso motto ‘vincere è l’unica cosa che conta’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. tric - 1 mese fa

    E piantatela con ‘sta storia! il vero problema sono i punti in classifica e l’ultimo quarto d’ora di ogni partita!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Pulster - 1 mese fa

    La foto è trapelata, non è stata pubblicata su un social, quindi qualche suo amichetto, dotato di poco acume, ha pensato bene di renderla pubblica; chissà quanti fenomeni che militano nel Toro fanno foto, o vanno a cena con Gobbi, vedi Zaza e l’unica cosa che riusciamo a fare e scaricare le nostre frustrazioni su un ragazzo di 23 anni, complimenti a tutti, il problema del Toro è la foto di Segre, ma per favore.
    Piuttosto focalizziamo la protesta sulla poca forma fisica e concentrazione mentale; questi sanno giocare a calcio e cmq a mio modesto parere lo scoglio maggiore è una società inesistente. Opinione personale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Messere Granata - 1 mese fa

    Alla fine è giusto così. Perché prendersela con un giocatore del Torino per una foto con una maglia dei gobbi, quando abbiamo il Presidente con in ufficio una maglia del Milan? Poveri fessi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Synesthesy - 1 mese fa

    Comunque negli anni di una volta in cui c’erano tanti campioni che voi ricordate, non c’erano i social e se hanno fatto qualcosa del genere nessuno lo saprà mai…..
    E comunque io rivendico che il tifare Toro è amore per questa squadra per questa maglia, per quelli che non ci sono più e per quelli che arriveranno, non è odio verso nessuno, perché il calcio non merita certo odio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 1 mese fa

      Bravo, bravo, bravo Synesthesy

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Kimi Forza Toro - 1 mese fa

    A quella foto trapelata avesse risposto dicendo :

    “Siamo nel 2020 questi campanellismi non li condivido, non odio la Juventus avevo piacere di farmi una foto con la maglia di un giocatore che apprezzo. Mi scuso con i Tifosi della mia squadra ma spero mi diano la possibilità di essere giudicato per le mie prestazioni sul campo. Darò il meglio di me per dimostrare ancora di più il mio valore.”

    Stop

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. mp63 - 1 mese fa

    Io credo che sia stato un errore, non di Segre, ma di qualcuno che gli è vicino. Non credo che il ragazzo deve essere trattato male. E’ uno dei pochi giocatori cresciuti nel vivaio. Se penso a chi gioca e Segre rimane in panchina mi viene male. Poi magari si difendono Zaza e Verdi. Sono top player solo nell’ingaggio. Negli altri campionati i giovani vengono inseriti. Il Toro li manda via. E se fossi al posti di Millico sarei un pò incavolato anche io. Bonazzoli, Verdi e Zaza non sono dei fuoriclasse ma hanno la possibilità di giocare. Lui è stato fatto entrare a 10 minuti dalla fine. Cosa può dimostrare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. granataLondinese - 1 mese fa

    Averceli Soriano e Quagliarella in squadra, averci pure Segre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. MarchigianoGranata - 1 mese fa

    Comodo prendersela con un ragazzo che, ritornato al Toro non ha giocato praticamente mai e che accumula quindi frustrazione sia per la situazione di squadra che per quella della inesistente società. Boh, mi sembra più un tentativo di spostare l’ attenzione da problematiche più pesanti.
    Un proverbio dice: quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. gm - 1 mese fa

    Ma come fate a difendere un 23enne che ha fatto solo un anno e 1/2 di primavera da noi, cresciuto nel Milan, arrivato a rinforzare la mediana solo per vicinanza geografica, era destinato al Chievo. Questo del Toro ha un idea superficiale, se io domani mi presento a lavoro sventolando la bandiera del principale concorrente della mia azienda mi prendono giustamente a calci nel sedere..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

    Ok, c’è un commento che non è possibile postare così comè… provo a riformularlo.

    Circola un audio dove il nostro, parlando trafelato con un certo Beppe, spiega che la maglia era per suo padre (alla faccia che in famiglia son tutti granata) che “l’aspetta da 63 anni” (non quella di Dybala suppongo ma una strisciata originale) e che “lui è il NOSTRO giocatore preferito”

    Naturalmente non ho competenze per autenticare il vocale, ad orecchio direi che è lui… comunque, da tifoso, mi sento un po’ preso in giro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

    Su questa vicenda circola un audio ma non riesco a pubblicarne il contenuto… il che è piuttosto inquietante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. PaCo68 - 1 mese fa

    Manifestazione ridicola fatta da persone frustrate non certo per i risultati del Toro … i tifosi sono altra cosa … questa è gente che non è degna di definirsi tifosa … bandiamo lì a vita dagli stadi e … riconoscimento e multa a tutti quelli ripresi/fotografati senza mascherina o con mascherina usata come sciarpa !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxgemelli - 1 mese fa

      È arrivato Savonarola… ma finiscila..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Madama_granata - 1 mese fa

      Giusto, giustissimo, PaCo68!
      In un altro alticolo ho fatto la stessa identica osservazione!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. enrico - 1 mese fa

    Ma che palle!! Forza Segre!!! non farlo più che ci sono dei tifosi incazzosetti e con le paturnie che non accettano le scuse. Tutti film già visti …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Aca Toro - 1 mese fa

    la foto rappresenta l’impronta societaria inesistente. non mi stupisce più di tanto… ci rimango male ma immagino che ai giocatori questo importi poco. mi dispiace per segre che è troppo pippa per essere preso dai gobbi e fare contenti i parenti. Però adesso veramente a gennaio chi non vuole rimanere se ne deve andare. L’obbiettivo salvezza non è così alla nostra portata al di la della fede che GP professa. Ricordiamoci che in porta non abbiamo più un fenomeno ma un portiere normale/scarso. adesso pensiamo all’udinese sperando che questa contestazione (sono molto dubbioso)possa aver innescato una voglia di rivalsa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. smncast_93 - 1 mese fa

    Quello che vorrei dai ns Pseudo-giocatori sarebbe vedere almeno un po di senso di appartenenza.. o almeno per coerenza non dire “Ho il cuore Toro, conosco la leggenda degli invincibili ecc ecc” e poi fare la foto con la maglia da noi odiata”
    Di Balzaretti ne abbiamo avuto già uno…
    Sarebbero più sinceri e coerenti se dicessero “Ragazzi, fino a quando mi pagano e mi accontentano in tutto corro per il TORO, appena ho uno screzio o non mi danno l’aumento inizio a giocare da schifo e a rompere le pxxxe per essere ceduto”…. Stop… Noi sappiamo che è così, ma meglio che ricordarlo sempre, essere onesti e non illudere nessuno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aca Toro - 1 mese fa

      la dura verità pura e semplice.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

    Non riesco a postare

    Prova

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. olivia - 1 mese fa

    EVITIAMO di darci come sempre la zappa sui piedi.Segre e’ stato sprovveduto a fare quello che ha fatto.Va bene per e’ un granata dentro bisogna sostenerlo nella crescita perché e’ un potenziale campione.Sappiamo bene che i dirigenti delle squadre che sappiamo non aspettano di magagne interne per portarci via i ns migliori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. mp63 - 1 mese fa

    Credo che il ragazzo vada perdonato. Non ha fatto niente di grave, secondo me. Pirla chi ha mandato in giro la foto. Credo che Segre sia in buona fede. E’ un ragazzo per bene. Certo se attacchiamo lui e poi difendiamo Verdi e Zaza che non ne combinano mai una giusta. Segre va difeso, aiutato. Deve capire che non si possono fare certe esternazioni. In società ci dovrebbero essere persone, come indicato da altri, come Pulici, Sala e Zaccarelli. Sono 3 persone speciali che saprebbero far capire cos’è il senso di appartenza alla maglia del Toro. Certo che Pulici farebbe fatica a spiegare a Zaza le cose. Zaza mi sembra un bambino svogliato. Ma guadagna 1.7 milioni all’anno. Forza Jacopo. E stai attento a chi hai intorno. Sei all’inizio della carriera e qualche testa di birillo te la può rovinare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. DaveLeg - 1 mese fa

    Sta storia di Segre ha rotto il cazzo…. se non troviamo di meglio che prendercela con un giocatore a cui hanno violato la privacy pubblicando una sua foto non destinata ad essere divulgata, abbiamo proprio finito gli argomenti…
    Ma che maglia doveva regalare ad un parente, magari juventino, quella di Zaza? Ma cercate di esprimere concetti un po’ meno beceri…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. enrico - 1 mese fa

      non limite al peggio! Hai proprio ragione!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. donato - 1 mese fa

      Zaza con la maglia della gobbentus.
      Scherzi a parte, hai ragione, a volte occorre fare ricorso alla pazienza dei grandi per non mandare a quel paese questo manipolo di frustrati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. gm - 1 mese fa

    Soriano è indifferenza, Quagliarella lo giustifico e poi è gobbo dentro, Segre no! È stato meschino nel fingere di essere tifoso al punto da diventare capitano alla prima partita da titolare. Il sorriso sulla sua faccia mentre io mi maceravo per l’ennesimo derby perso e gli sfottò di tutto il mondo gobbo mi da l’idea dell’indifferenza verso qualcosa che amo. L’idea di tifare per dei valori profondi non può essere svenduta per un buffone in mutande che per vivere tira calci a una palla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 1 mese fa

      Sei confuso su Quagliarella: come fai a giustificare un gobbo dentro? In realtà tifa Napoli e per questo chiese scusa e non esulto’ dopo avergli segnato un gol. La stessa sommessa pacatezza che noi pretendemmo da Lyanco dopo che il Bologna, nel quale si trovava in prestito, ci segnò un gol che lo fece esultare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. christian85 - 1 mese fa

        Mimmo 75, scusa ma… quando mai ha segnarto Lyanco al Toro ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 1 mese fa

          Infatti ho scritto che il gol lo segno il Bologna non Lyanco, che però giocava con loro ed esultò in modo talmente ostentato da finire sulla graticola.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Mimmo75 - 1 mese fa

    Comunque, noi tifosi, secondo me, siamo a un bivio. Come vogliamo comportarci con un ragazzo del vivaio che ha ammesso di aver sbagliato, ha chiesto scusa, ma evidentemente è confuso su cosa voglia dire essere veramente granata dentro, per usare le sue parole? Vogliamo linciarlo o gli vogliamo dare una seconda possibilità (Cairo è alla sedicesima…)? Vogliamo continuare a insultarlo o vogliamo aiutarlo a “capire”? E qui faccio un appello a Pulici, che magari neanche lo leggerà, ma ci provo lo stesso: lo contatti e lo aiuti a capire, gli regali quella consapevolezza che in società non troverà mai. Accenda la scintilla perché son sicuro che Jacopo sia davvero tifoso, sinceramente tifoso, ma molto meno di quanto lui stesso possa mai immaginare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 1 mese fa

      Concordo. Si é preso giustamente la strigliata, ha capito e finisca lì.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Integralista Granata - 1 mese fa

      Insisto come sempre, siamo resistiti piu’ di 110 anni senza Segre, possiamo farcela per altrettanti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. GiaguaroGranata - 1 mese fa

    Andate a guardare i cantieri se non sapete cosa fare, altro che fare ridere davanti al Fila con manifestazioni patetiche.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Tarzan - 1 mese fa

    Proprio perché c’era già stato il caso Soriano Segre poteva dimostrare di avere un minimo di cervello in più. Se vuole ha tutte le possibilità di redimersi. Cresca nel rendimento, si guadagni un posto da titolare, dimostri abnegazione e spirito di sacrificio. E, se e quando ne avrà l’opportunità, al derby spacchi il mondo. Testa bassa e pedalare, da un episodio negativo possono anche nascere cose buone, i tifosi sanno riconoscere i comportamenti positivi. Ma ad oggi i fischi se li merita tutti, e se è intelligente lo ammetterà e si suderà in campo la stima dei suoi tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Kimi Forza Toro - 1 mese fa

    Potrebbero esser state più gravi le scuse con le relative motivazioni che il gesto in se. A me personalmente ha dato fastidio soprattutto la foto con il suo sorriso a distanza di poche ore dalla sconfitta nel Derby. Sono cose che si dovrebbero evitare per rispetto della propria intelligenza, della Società di appartenenza e non ultimo rispetto per i Tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. enrico - 1 mese fa

    beh proprio cieca la furia non era! Mi sembra ci vedesse benissimo! Una stupida e ignorante furia per giunta incurante delle regole anticovid19!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dajeee - 1 mese fa

      Svegliati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. bordeauxgranata - 1 mese fa

    Pure la mia ragazza che é francese, non capisce un sega di calcio e mi sopporta quando me e le mie sfuriate per il Toro da tre anni, mi ha risposto dopo che le ho raccontato del fatto segre:”ce mec est vraiment stupide!”, “questo qui é proprio scemo”.. ci é arrivata lei, fate uno sforzo pure voi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bordeauxgranata - 1 mese fa

      *e sopporta le mie sfuriate da tre anni…ho scritto come un troglodita scusate

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Emilianozapata - 1 mese fa

    “Furia cieca” è un’espressione che riserverei ad altre situazioni. Il sunto dell’articolo è: visto che ormai le cose vanno così e che non si può pretendere che nel 2020, con le attuali normative sul mercato dei calciatori (ricorate la famosa legge sullo svincolo, molti molti anni fa?), per cui il giocatore è un semplice “prestatore d’opera”, un professionista che, come tutti i liberi professionisti, non è tenuto a identificare anche la sua persona con l’azienda per cui lavora (quanti giornalisti avrà Cairo che in realtà divergono dalle sue idee politiche?), fuori dal luogo di lavoro può fare quello che vuole.
    E qui sta il punto. Anche un libero professionista deve fare i conti con una deontologia professionale che, nel caso di un calciatore, ha come referenti il suo datore di lavoro e il pubblico. Pubblico, che, nel caso del calcio, vive una profonda identificazione con i simboli e i valori della squadra di cui si definisce tifoso. L’ostensione della maglia a strisce, nella fattispecie, offende quel pubblico (me compreso, tra l’altro). E, ripeto, in un momento come questo è un gesto che denota superficialità e irresponsabilità. Segre non ci ha pensato (è grave ma è così), ma con un derby appena perso, con una squadra in zona retrocessione, un malcontento molto diffuso nei confronti di una dirigenza accusata, oltre al resto, di non sostenere i valori e i simboli in cui il pubblico si identifica, l’esasperazione di un pubblico privato della possibilità di accedere alle partite in presenza e, mettianoci anche questo, il fatto che per tante persone, in una fase in cui l’emergenza sanitaria sta causando enormi difficoltà economiche, il calcio, il Toro, siano una delle poche occasioni capaci di offrire un diversivo, ecco, a fronte di tutto questo il “ragazzo” ha compiuto un atto che cozza contro una semplicissima constatazione: il calciatore è un uomo pubblico, un uomo di forte impatto mediatico. Come tale, e quindi anche come professionista, al di là della sua fede calcistica e dei suoi gusti cromatici, è tenuto a un comportamento molto più responsabile sui social e su ogni altro mezzo di comunicazione.
    Sono sicuro che il gesto non volesse essere una provocazione, ma di fatto questo è stato l’esito e probabilmente è stato, sia pure in parte, causa delle proteste di ieri. Penso che il datore di lavoro del professionista Segre farebbe bene, quanto meno, a sanzionarlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 1 mese fa

      Non per difenderlo ma non ha pubblicato lui la foto. Secondo me, comunque, stai sbagliando il focus. Ne fai più una questione di forma che di sostanza. A me rode il fatto che un prodotto del vivaio si sente talmente granata dentro da trovare normale posare sorridente con una maglia strisciata in mano dopo un derby (l’ennesimo) perso. Mi rode perché vuol dire che ormai le nuove generazioni han perso il senso di quel che davvero vuol dire essere granata. Segre per me è sinceramente dispiaciuto di quel che è successo ma lo è più per le conseguenze che per il fatto in se. È granata per come gli hanno insegnato a esserlo, altrimenti, a prescindere dal pubblicarla o meno, quella foto non l’avrebbe mai scattata e quella maglia sarebbe ancora a fare degnissima compagnia alle mutande e ai calzini lerci delle blatte a strisce.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Emilianozapata - 1 mese fa

        No no, per me, cone per te, è una questione di sostanza e di appartenenza. È per il soggetto in questione che evidentemente non è né forma né sostanza. Diciamo che fornalmente una persona di 23 anni che fa una cosa del genere sarebbe da licenziare. Ma forse hanno ragione i molti che scrivono qui: se ne sta parlando anche troppo. A quest’ora il pirlotto se ne sarà già dimenticato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Granata69 - 1 mese fa

    Faccenda enormemente ridicola. Il 90% dei calciatori si scambia la maglia con i colleghi, figuriamoci un ragazzo che fino a pochi mesi fa giocava in serie B e che ora si trova di fronte Cristiano Ronaldo . A me la cosa di Segre non mi ha turbato per niente , forse perché prendo la cosa per quello che è , ovvero una cosa normalissima. È in campo che si dimostra l’attaccamento alla maglia, le parole sono aria fritta. Ho diverse maglie a casa, ad esempio quella dell’Ayax , devo strappare una maglia che ha indossato un campione come Cruyff perché ci hanno soffiato una coppa Uefa? Sicuramente non ho e mai avrò una maglia della zebra, ma non insulto altri se lo fanno.
    Ho molti amici juventini, posso biasimarli per la pessima scelta ,ma sono amici , alcuni i migliori amici. Forse perché ho la materia grigia per dividere le cose veramente importanti da quello che è e deve essere un gioco. In questi tempi grami si dovrebbe riflettere su quali sono le cose veramente importanti nella vita, e nella mia vita il Toro lo è sicuramente, ma tutto con il giusto equilibrio. Se penso a tutte le scemenze e insulti che ho letto in questi 2 giorni mi cadono veramente le braccia e anche parti anatomiche più in basso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pic.serg_13664072 - 1 mese fa

      hai messo il sito sulla piaga, sono pienamente d’accordo ma sapendo che l’équilibrions non è la prima qualità di un tifoso penso che questa esperienza gli sia servita da lezione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. donato - 1 mese fa

      92 minuti di applausi !!!!
      Hai saputo esprimere molto meglio di me il vero sunto della situazione.
      Certa gente continua a vivere in un mondo di principi farlocchi e non riesce a cogliere le cose per il loro reale valore.
      A me di Segre non importa granché, certo avrei evitato ma non ne faccio una questione di principio.
      Penso piuttosto all’assembramento fuori ai cancelli in barba ad un virus che sta sterminando decine di migliaia di persone e mi rendo conto dell’idiozia. Assembrarsi per urlare quattro frasi sconnesse e insulti ad un ragazzo e giù di li. Che tristezza!!!
      Ovviamente la prima cosa che ho fatto dopo il derby è stato chiamare mio cugino gobbo e scambiarci sfottò e opinioni. Pensa che per lui avremmo meritato sorte migliore. Questo non vuol dire essere meno granata di lor signori, ma avere il senso della misura.
      Poi sulle pippe a proposito di …”ai tempi di Pulici….”, quei tempi non esistono più, il mondo è cambiato, non accorgersene è da disadattati.
      Ah a casa ho le maglie di Liverpool, PSG e Barca.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ToroNelCuore - 1 mese fa

        Ai tempi di Pulici, Pulici stesso e Cuccureddu erano amici. Castellini e Zoff erano amici. Ma in campo erano fieri avversari. Non esistevano, per fortuna, ‘sti social di merda e tutti campavano più sereni facendosi i cazzi propri. Diciamo però che Segre, che sicuramente è un bravo ragazzo, non è stato molto sveglio. Uno di 23 anni è abbastanza giovane da capire che una foto del genere presto finisce sul web, e dovrebbe essere abbastanza maturo per capire che basta spedire ‘sta merda di maglietta sacrilega al suo parente senza farsi selfies.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Dajeee - 1 mese fa

    Io non so in quanti di voi abbiano mai fatto una foto con la maglia delle merde…io non so quanti di voi abbiano giocato a calcio nel Toro( magari proprio un derby)…bene…adesso in quanto di voi hanno fatto entrambe le cose? Spero (e credo fermamente) nessuno. Ora mi domando: ma perché questi relitti umani senza né dignità né tantomeno intelligenza debbano venire ,puntuali, da noi…ogni anno c’è qualche fenomeno che deve dare dimostrazione di incapacità e d qualche anno a questa parte,non solo si inizia a provare meno fastidio ma addirittura qualcuno li difende. Io mi auguro che chi ha il coraggio di difendere tali comportamenti sia in realtà un gobbo prezzolato, sennò dobbiamo perdere fiducia non solo in questa squadra di brocchi senza palle, non solo in questa società creata apposta per farci evaporare nel bolo primordiale ma pure nei nostri compagni di tifo e questo non voglio farlo. Sono sicuro che in realtà nessuno perdonerà mai il gesto di Segre quindi per il suo bene e per la sua preziosissima carriera gli conviene cambiare aria ed in fretta. Grazie Urbano per tutto ma levati dal c**zo pure te.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. Pulster - 1 mese fa

    Tutti noi tutte le sante mattine ci svegliamo ed andiamo a lavorare cercando di fare bene il nostro lavoro, perché dal nostro lavoro dipende il futuro di altri; loro fanno un lavoro d’oro, giocano a calcio e devono mettere un pratica i dettami di una persona, loro giocano per lavoro, noi no!!!! Non sono complottista, ma tante cose non mi tornano e purtroppo il primo a rimetterci sarà l’allenatore e noi al seguito!!! Spero di sbagliarmi!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. CUORE GRANATA 44 - 1 mese fa

    Clima da “basso impero:tutti contro tutti.Il “Nostro”nella Sua personale “Fortezza Bastiani”avrà già fatto i conti e starà valutando il da farsi.Non m’illudo che “molli l’osso” tanto presto:dispone tutt’ora di “parecchio fieno in cascina.” Forse a fine girone la situazione sarà più chiara e comprenderemo dalle cessioni che verranno fatte i Suoi veri intendimenti.La contestazione? A mio parere,del tutto inutile stante le modalità con le quali si è svolta.Quanto a Segre: di certo ha fatto una sciocchezza ma ben altri..Non bruciamo questo ragazzo che dovrebbe essere una risorsa per il futuro prossimo venturo.Non diamoci “la zappa sui piedi!”FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. dattero - 1 mese fa

    nessuno furia cieca,pessimo ,e non è il pmo,esempio di giornalismo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. Mimmo75 - 1 mese fa

    Per quanto mi riguarda è più che perdonato, lo scrissi già nell’articolo precedente. Solo che prima di definirsi granata dentro dovrebbe capire diverse cose, almeno le basi. Ma se in società non c’e nessuno che si occupi di fare capire a chi veste il granata cosa ciò rappresenti, non è certo colpa del Segre di turno se poi accadono certe cose. È granata dentro secondo i parametri del Toro di Cairo, quindi solo a chiacchiere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. smncast_93 - 1 mese fa

    Credo solo che NOI dovremmo avere e cercare UOMINI e GIOCATORI che tengano veramente al TORO e che sappiano la ns storia…loro sono figli dei tempi ok, ma la società (QUALE SOCIETA’) dovrebbe far capire loro che NOI SIAMO DIVERSI… NOI SIAMO STORIA… IL FILADELFIA, GLI INVINCIBILI, MERONI, FERRINI, PULICI, RADICE, MONDO, AMSTERDAM ECC ECC ECC…
    Il ragazzo ha sbagliato, non è un pivellino e visto che è un professionista seguito e consigliato da procuratori ecc ecc è giusto che paghi (ammenda) e si prenda le sue belle caxxiate!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 1 mese fa

      Si però se il Toro schierasse solo uomini e giocatori che tengano al Toro stesso mi sa che la squadra sarebbe composta da tifosi, temo che per scarso che sia Rincon in regia, Meitè a centrocampo etc i loro sostituti sarebbero decisamente più scalcagnati.

      L’unico è Zaza: credo che qualsiasi tifoso non obeso e che sappia fare 10 passi di corsa lo potrebbe sostituire 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. smncast_93 - 1 mese fa

        Probabilmente si.. Ma quello che vorrei dai ns Pseudo-giocatori sarebbe vedere almeno un po di senso di appartenenza.. o almeno per coerenza non dire “Ho il cuore Toro, conosco la leggenda degli invincibili ecc ecc” e poi fare la foto con la maglia da noi odiata”
        Di Balzaretti ne abbiamo avuto già uno…
        Sarebbero più sinceri e coerenti se dicessero “Ragazzi, fino a quando mi pagano e mi accontentano in tutto corro per il TORO, appena ho uno screzio o non mi danno l’aumento inizio a giocare da schifo e a rompere le pxxxe per essere ceduto”…. Stop… Noi sappiamo che è così, ma meglio essere onesti e non illudere nessuno… 🙂
        Purtroppo per me… Sono Obesotto e non potrei sostituire nemmeno Zaza… aahahahhahahahhh

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. Contrabbasso Granata - 1 mese fa

    Quindi non l’ha nemmeno pubblicata lui stesso.
    Allora si sta parlando del nulla assoluto, quest’indignazione mi pare esagerata, non era nemmeno destinata alla pubblicazione.
    Cioè, davvero state tutti giudicando quello che fa una persona nella propria sfera privata?
    Mah

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tajarin - 1 mese fa

      Beh, se ti professi “Granata dentro” non ti verrebbe nemmeno in mente di poter fare una foto (in divisa ufficiale peraltro…) con la maglia di uno sterco. Ti fa schifo a prescindere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. abatta68 - 1 mese fa

      Beh… in casa mia la maglia di un gobbo non ci entra di sicuro, ma nemmeno un asviugamano di dubbio colore!! Un conto se glik mi mostra la maglia sporca di sangue di giaccherini, ma in questo caso… dopodiché non colpevolizziamo il ragazzo che ha fatto sta foto probabilmente per dire a qualcuno che conosce che aveva il regalo promesso, tutto qui

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Rimbaud - 1 mese fa

      Ciò che vuole dire che se è stato un terzo a pubblicarla e lui la foto l’ha fatta solo per far piacere a questo famoso “parente” , il tutto chiaramente si ridimensiona.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Contrabbasso Granata - 1 mese fa

        Esatto.
        Cioè, se io effettivamente conoscessi Dybala e un mio amico fosse juventino gli farei avere la maglietta di Dybala e poi lo chiamerei juventino di merda. Ma la maglietta gliela darei

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. Rimbaud - 1 mese fa

    Titolo infelicissimo. Sia perchè evoca il gobbo , sia perchè non corrisponde troppo a realtà. Basta pompare questa vicenda, se il ragazzo dimostrerà con i fatti sul campo di valere e di impegnarsi, tutti lo perdoneranno, anzi può essere una molla per affermarsi definitivamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. Gallochecanta - 1 mese fa

    Vattene!
    Serenamente e pacatamente senza furia, ma per correttezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. Messere Granata - 1 mese fa

    In un “pitale” strabordante di liquami, quella di Segre è stata l’ultima goccia di urina riversatasi dentro. Nessuna “furia cieca”, ma ha contribuito a colmare la misura, finendo per rovesciarsi nel comodino. Servono dei “pannoloni” per gli incontinenti e dei “pannolini” per i bambini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Opi - 1 mese fa

      Acuto, ….. come sempre,
      Messere , siete voi di Torino?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Messere Granata - 1 mese fa

        Sono di Cassano D’Adda come Mazzola, di Trieste come Ferrini, di Como come Meroni, di Torino come Gabetto, di Vicenza come Menti, di Savona come Bacigalupo, Istriano come Loik e potrei andare avanti all’infinito citando i giocatori che erano del Torino e con il Torino nel Cuore. Penso che basti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. abatta68 - 1 mese fa

    Mah… il punto non è la foto o dybala, questo purtroppo è il calcio fi oggi, fatto di liberi professionisti gestiti da manager, che un giocano dove possono trovare le condizioni più vantaggiose. La cazzata non è questa… la cazzata è dire di essere “Granata dentro” senza sapere cosa voglia nemmeno dire. Dopodiche il ragazzo crescerà e imparerà che promettere fedeltà non serve a nessuno. Non colpevolizziamo segre per delle cose che non conosce… l società invece queste cose le dovrebbe conoscere e saper trasmettere… e invece…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. Il_Principe_della_Zolla - 1 mese fa

    Furia cieca dei tifosi? Ridicolo anche solo pensarlo.
    Parliamo piuttosto di idiozia che ci vede benissimo di Segre.
    E poi basta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. Mimmo75 - 1 mese fa

    Furia cieca? A posto siamo… mamma mia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. Pau - 1 mese fa

    Ma quale furia cieca?? ma perché dovete dare ‘sti titoli? La maggior parte dei commenti ha accettato le scuse pur trovando ridicolo l’atteggiamento sorridente e la foto in sé. E’ figlio dei suoi tempi, uno degli altri commenti più condivisi…
    con Soriano e (purtroppo) Quagliarella era tutt’altra storia, soprattutto perché il secondo era titolare e aveva una storia travagliata sia sportivamente che personalmente che lo accompagnava. Segre non ha nulla in comune con Quagliarella suvvia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. fabrizio - 1 mese fa

    Giusto far notare queste cose al ragazzo, ma se certa gente usasse le stesse cure riservate a Segre con chi ci prende per il culo da 15 anni (vestirsi da sceicco sui social per perculare chi lo ritiene braccino) magari non saremmo in questa situazione..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 1 mese fa

      Effettivamente è così: mai uno che abbia attaccato (figuriamoci insultato) Cairo…
      Ma dove vivi??? Cairo critiche (giustissime) o insulti ne riceve, anche solo su questo blog, a quintalate….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabrizio - 1 mese fa

        non mi pare ne abbia ricevute a dovere. a parte qualche striscione. Riconosco che e’ anche difficile fargliene di persona visto che non si fa mai vedere. Poi le critiche sul blog, nemmeno le legge.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy