Tas-Milan, la procedura d’urgenza: che cos’è e che speranze ha il Torino

Tas-Milan, la procedura d’urgenza: che cos’è e che speranze ha il Torino

Milan / La procedura può essere richiesta con il consenso delle parti

di Redazione Toro News

Sul dossier relativo alla violazione del Fair Play Finanziario del Milan, che il Torino continua a seguire da lontano per capire se ci sono ancora possibilità di ripescaggio in Europa League, i punti fermi sono due: la sospensiva decisa dall’Uefa sul procedimento relativo al triennio 2015/18 e la pendenza di fronte al Tas, per la seconda volta, di quello relativo al triennio 2014/2017; a tal proposito, nel programma diramato dal massimo tribunale sportivo europeo non sono previste udienze relative alla disputa tra Torino e Milan almeno sino a Ferragosto. A questo punto sono due le possibilità che possono lasciare ancora speranze al Torino: il ricorso a una procedura di urgenza che porti a una pronuncia accelerata del Tas e l’accordo stragiudiziale tra Milan e Uefa davanti al Tas. Analizziamo in questa sede la prima opzione.

IL RICORSO – Come si diceva, il Tribunale Arbitrale dello Sport non ha in programma l’udienza sul Milan almeno fino al 14 agosto. Salvo il ricorso a procedimenti d’urgenza (una sorta di rito abbreviato), la partecipazione all’Europa League da parte dei rossoneri non è a rischio. La sanzione contestata dal Milan non ha previsto l’esclusione dalla prossima competizione europea, ma altre misure (una multa, una restrizione della Lista Uefa e l’esclusione dalle competizioni europee se il Milan non avrà raggiunto il pareggio di bilancio entro il 2021). Per questo il ricorso al Tas, sollevato dal Milan a dicembre, sta seguendo il percorso ordinario. Se viceversa fosse in discussione l’esclusione del Milan dall’Europa League, il ricorso avrebbe avuto obbligatoriamente carattere d’urgenza, a causa dell’esigenza di stilare i calendari delle competizioni (lo prevede il regolamento dell’Europa League). E’ stato così per il primo ricorso al Tas del Milan, quello del luglio 2018: la società rossonera ottenne l’annullamento della prima sentenza Uefa, che la escludeva dalle coppe europee, e fu quindi riammessa prima della compilazione dei calendari.

 

Tas-Milan, Boban fortifica l’ipotesi di accordo stragiudiziale. E sul Torino…

LA PROCEDURA – Stavolta quindi non c’è obbligo, ma solo la facoltà delle parti. Il Milan potrebbe comunque invocare al Tribunale Arbitrale dello Sport la procedura d’urgenza (expedited procedure) a ricorso già inoltrato, così come normata dall’articolo R44.4 del codice procedurale del TAS, che, tradotto, recita testualmente:

R44.4 Procedura d’urgenza

Con il consenso delle parti, il Presidente della Camera Giudicante o la Commissione Giudicante possono ricorrere ad un procedimento d’urgenza e fissarne le modalità

Con il consenso delle parti, quindi, si può procedere in modo accelerato. Legalmente parlando, il procedimento d’urgenza può essere richiesto – e adottato – quando esistono timori che, passando per la procedura ordinaria, le parti possano subire un danno. Sempre stando al codice procedurale, la parte appellante può presentare documentazione e motivazioni aggiuntive e può richiedere l’audizione di testimoni o esperti a supporto che il Tas valuterà se ammissibili o no.
IN PRATICA – In termini pratici il ricorso alla expedited procedure è un’opzione ancora al vaglio della dirigenza rossonera; che potrebbe puntare ad una “pax” immediata, per ottenere una sentenza che eviti uno stillicidio di sentenze e ricorsi negli anni a venire (il monitoraggio sui conti dei club della Uefa è infatti annuale). Di certo ci vorrebbe, a tal proposito, anche il benestare della Uefa e del Tas, fermo restando il fatto che l’organo calcistico continentale ha già negato al club rossonero la possibilità di un settlement agreement. Da questo punto di vista, quindi, le speranze del Torino sono interamente legate alla decisione del Milan: non è previsto che a richiedere la procedura d’urgenza possa essere un club terzo coinvolto indirettamente.

 

 

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Toro71 - 1 mese fa

    Il Fair Play finanziario dovrebbe colpire il Milan anche a livello nazionale. Perché non gli infliggono 10 punti di penalizzazione per il prossimo campionato di serie A?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13963758 - 1 mese fa

    boban croato bastardo, uomo di mrd, abituato a compiti da infame, prestaculo dell’uefa, sparabanalità di sky, ora pronto a giocare coi soldi di una società che si regge su 350 e più mln riciclati/rubati. fai schifo. sparati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. andrea.granata - 1 mese fa

    D’accordo al 100% con Madama. Tutte balle scritte per parlare di qualcosa. Fino al 2021 non succederà un bel niente, e probabilmente neanche dopo.. mettevi l’anima in pace, se si vuole andare in europa bisogna arrivare almeno sesti.. o settimi a meno che la Lazio di turno non vinca la coppa Italia.. l’altra volta era il Parma ad essere stato squalificato.. squadra che non interessa a nessuno..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13802271 - 1 mese fa

    dateci la sentenza e toglieteci ogni speranza così possiamo prenotare x Bormio in tranquillità.
    questi falsi squilli disturbano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Madama_granata - 1 mese fa

    “Tas-Milan, la procedura d’urgenza: che cos’è e che speranze ha il Torino”.
    Titolo ambiguo: fa immaginare che il Milan l’abbia richiesta, questa benedetta
    procedura d’urgenza!
    E invece, no! Sono tutte supposizioni, anzi speranze della Redazione di Toronews!
    Si rassegnino i giornalisti torinisti: il Milan una procedura che potrà solo danneggiare la loro squadra non la chiederà mai!
    Intanto questo anno giocano l’Europa League, e la giocheranno fino al 2021, perché l’esclusione dalle Coppe Europee, se non pareggeranno il bilancio, scatterà dal 2021.
    Il Milan continuerà ad acquistare nuovi giocatori, a spendere, e ad aumentare il debito; forse, può darsi, magari, anche a vincere qualcosa.
    Poi, assunto Boban, forse i rossoneri riusciranno ad accordarsi con l’UEFA, a trovare una “scappatoia”, a farsi assolvere..
    O forse nel 2021 saranno cambiate le regole e le restrizioni UEFA saranno solo un brutto ricordo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. torofabri - 1 mese fa

    Dico solo che arrivati a questo punto, al di là degli interessi economici e del prestigio, conviene programmare la stagione senza pensare all’Europa. E se mai una sentenza ci darà questa opportunità, si rinuncia, non si può essere ostaggi di una giustizia sportiva scadente, e partire già con i preliminari a luglio, rischiando di arrivare a marzo con la lingua a penzoloni e compromettere la stagione. Puntiamo alla Champions il prossimo campionato e dimostriamo che siamo tornati grandi.. Forza Toro!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Tifoso Obiettivo - 1 mese fa

    Una sfilza di commenti all’insegna di vittimismo e scaricabarili vari da far paura. Quando bastava vincere in casa col bologna..
    Se ci riesce l’Atalanta, visto che vi piace parlare di fatturato, a fare lo stadio nuovo e ad andare in champions, sono sicuro che ci possiamo riuscire anche noi.
    Forse manca la voglia? Forse la sfortuna?
    Rimane il fatto che il bilancio degli ultimi anni è troppo, troppo poco per una società gloriosa come la nostra.
    Meritiamo molto di meglio. Speriamo si stia andando in questa direzione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RFgranata - 1 mese fa

      Secondo me stiamo andando nella direzione giusta finalmente quindi dai presidente mantieni la promessa e fai 3 innesti mirati tanto ormai tutti sappiamo dove bisogna intervenire ciao

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. gior_425 - 1 mese fa

      Se ci riesce l’Atalanta… sposta venaria vicino a Bergamo e vedi cosa lasciano fare all’Atalanta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. pupi - 1 mese fa

      L’Atalanta non è un esempio, è una mosca bianca, un exploit quasi irripetibile. Inutile continuare a prenderla come esempio di facile emulaziine, da ammirare certo. Senza i succhiasangue di venaria gli è stato possibile fare cose ottime, sennò…..mai al mondo ci sarebbero riusciti, pensare il contrario è come mentire acriticamente a sé stessi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13963758 - 1 mese fa

    il Milan è solo un società a delinquere, gestita da merdosi, infami, sacchi di letame. Maldini boban gazidis, tutti infami conniventi. hanno rubato o ripulito 350mln, e continuano impuniti a spendere, presumibilmente riciclando denaro sporco. per loro solo l’impiccagione a testa in giù, bastardi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-14276130 - 1 mese fa

    Basta con questi articoli
    Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Policano - 1 mese fa

      Si basta farci del male, scervellarci in cazzate

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. alrom4_8385196 - 1 mese fa

    Il Toro è stato estromesso dalle competizioni europee durante il campionato grazie ad alcune gare che ebbero un arbitraggio per così dire “strano” e non dal TAS che non lavora , lo vogliamo capire o no che lo sgambetto ce lo hanno fatto in Italia ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RFgranata - 1 mese fa

      Ottimo commento che è solo da condividere bravo alrom

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Madama_granata - 1 mese fa

      Ottima osservazione, concordo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. BACIGALUPO1967 - 1 mese fa

      Lo sgambetto purtroppo arbitraggi osceni a parte c’è lo siamo fatto da soli a Bologna da 0/2 a 2/2, in casa contro il Parma, ad Empoli a Cagliari etc etc.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. RFgranata - 1 mese fa

        Hai ragione Baci ma quel tipo di sgambetti durante il campionato capitano a tutti mentre tanto sgambetti così da parte degli arbitri capitano solo a noi e non avevamo una rosa così forte da vincere contro tutto e tutti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13722867 - 1 mese fa

    poverini saranno carichi di lavoro al tas…fino al 14 agosto oltre che mafiosi sono pure pelandroni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. robert - 1 mese fa

    Praticamente una legge sportiva fatta ad hoc per le squadre big dove i giudici,come quelli civili,interpretano la legge per gli amici e applicano la legge per i nemici.Cairo deve svegliarsi se vuole partecipare alla EL e non cadere nel tranello dei 3 specchietti.Il Milan non ha rispettato il famoso Fair Play per diversi anni e quindi è da escludere da qualsiasi competizione internazionale e nazionale altro che balle che non stanno ne in cielo ne in terra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. alrom4_8385196 - 1 mese fa

    A parte i fatti che conosciamo tutti a memoria ( i punti sottratti al toro dagli arbitri , il Milan che acquista impunemente a gennaio quando non potrebbe/ dovrebbe ) qualcuno mi sa dire che cosa aggiunge questo articolo alla telenovela ” Europa si -Europa no “? E’ cambiato qualcosa o no ? Il Milan è il Milan ed il Toro è solo il Toro . Punto .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Policano - 1 mese fa

    Scaroni re dei ladri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Luka68 - 1 mese fa

    Troppe parole e pochi fatti…non vedo il motivo per accettare il ricorso su una violazione palese e ripetuta del fayr play finanziario. Hai sgarrato? Punto, sei fuori. Altro che ricorsi… Ma stiamo parlando di lobby televisive e mafiose. Mi ripeto…nessuna testata giornalistica ha detto o scritto il pensiero di tutti: se va in Europa il Milan l’è TV guadagno di più, quindi il Toro sarà fuori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Policano - 1 mese fa

    Basta!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. bertu62 - 1 mese fa

    Prendo atto che ci siano ANCORA parole da scrivere in merito alla vicenda UEFA-MILAN, così come prendo atto che ci siano ANCORA nostri tifosi che parlino di “giustizia del campo” che in qualche modo ci saremmo dovuti guadagnare raggiungendo DA SOLI le posizioni più alte in classifica….
    Beh, mi domando COME avremmo dovuto fare se, a conti fatti E NON A PAROLE, siamo stati l’unica squadra PENALIZZATA di ben 7 punti alla fine del campionato! E a dirlo non sono né io né la stampa in qualche modo “riconducibile” a Cairo ma totalmente obiettiva! 7 punti che ci avrebbero portato BEN più in alto, ed a maggior ragione ANCORA DI PIU’ SE solo avessimo una FIGC che funzioni VERAMENTE anziché essere lì per dare MOLTE poltrone comode a politicanti vari e per rendere favori agli “amici”! Il MILAN avrebbe dovuto essere fermato dalla FIGC già l’anno scorso per DOPING FINANZIARIO, con il blocco del mercato e con l’obbligo di rientrare nei parametri ITALIANI, la UEFA non fa altro che applicare il regolamento quando gli compete, cioè in ambito Europeo non certo Nazionale, quello spetterebbe alla FIGC ma tant’è, questa è l’Italia dei GOBBI, falsi fino al midollo, e dei suoi degni compari! Ancora grazie che non ci fanno finire in zona retrocessione…..
    FV♥G!!! SEMPRE !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RFgranata - 1 mese fa

      Grande Bertu sottoscrivo al 100% quello che scrivi come quasi sempre

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. user-14287754 - 1 mese fa

    se non era il Milan eravamo in Europa!! purtroppo la legge nn uguale x tutti forza toro!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Antoniogranata76 - 1 mese fa

    Al Milan non faranno nulla ,parteciperà all’Europa League e gli faranno una finta multa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. wendok - 1 mese fa

    stante la udienza nn calendarizzata prima del 14 agosto, NON per volontà o decisione dei rossoneri, cosa che nn metterebbe a rischio l’Europa League, nn vedo proprio tutta questa necessità da parte del Milan, d ricorrere al rito abbreviato. pochi o tanti( dal loro punto di vista ), la EL porta dei soldi. poi si vedrà. x il toro, meglio cosí. l anno prossimo magari nn si disperdono punti assurdi, e di arriva sul campo, alla champions. detto questo, spero che se.nn.questo, il fossimo o nel ,,2021 alilan gli faranno amare te rimpiangere dimaver fatto i furbi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy