Torino Primavera, Sandri ha convinto Sesia: potrà essere il regista della squadra

Torino Primavera, Sandri ha convinto Sesia: potrà essere il regista della squadra

Focus / Il tecnico granata oltre alla grande attenzione su concetti tecnici e tattici, si focalizza anche sulla testa dei suoi giocatori

di Roberto Ugliono

Protagonista con la Berretti di Max Capriolo, ora Mattia Sandri vuole prendersi anche la Primavera del Torino di mister Sesia. Dopo aver giocato la passata stagione da mezzala, il centrocampista granata è stato spostato in posizione di play basso dal suo nuovo tecnico e, con il passare degli allenamenti, ha convinto sempre di più Marco Sesia. Nelle prime uscite in quel ruolo aveva spesso giostrato Onisa, ormai esperto della categoria e perno del centrocampo di Coppitelli un anno fa, ma nell’ultimo test contro il Casale è stato spostato a mezzala, mentre il ruolo di play è toccato a Sandri. Sembra proprio questa l’idea per il futuro e su cui Sesia vorrebbe lavorare.

La presentazione della nuova Primavera a La Salle: “Sta nascendo un bel gruppo”

OCCASIONE  – Sandri è stato molto bravo a farsi trovare pronto, visti gli acciacchi di Onisa durante il ritiro di Cantalupa prima e a Morgex ora. Così, con l’assenza del rumeno, il canterano granata ha saputo mettersi in mostra e ha scalato così le gerarchia, convincendo Sesia a provare i due insieme sulla mediana con Onisa nel ruolo di mezzala nel 3-5-2. Quest’ultimo, nell’allenamento mattutino, ha svolto una seduta personalizzata per continuare a lavorare per smaltire i fastidi muscolari passati, mentre Sandri sul campo continua a mettere in mostra qualità tecniche e umane. Del ragazzo, infatti, non colpiscono solo le doti tecniche, ma anche l’umiltà e la generosità che mette in ogni sessione di allenamento.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 2 settimane fa

    Sono questi i giovani che vogliamo vedere nel Toro!
    Proveniente da ottime prestazioni con la Berretti, italiano, canterano granata.
    Cito: “Doti tecniche, ma anche umiltà e generosità”.
    Bravo Sandri, speriamo che tu possa diventare “grande” in una grande squadra come il Torino Calcio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy