Genoa, Iago Falque entra al 70′ ma non incide. In Serie B si rivede Kone

Genoa, Iago Falque entra al 70′ ma non incide. In Serie B si rivede Kone

Italia Granata / Il rendimento dei granata in prestito: prestazione positiva per Buongiorno e Segre, dopo nove mesi si rivede in campo Ben Kone

di Alberto Giulini, @albigiulini

Torna l’appuntamento con Italia Granata, la consueta carrellata sulle prestazioni dei giocatori in prestito del Toro. In campo questa settimana la Serie A per la trentunesima giornata e la Serie B per la trentatreesima. Si gioca anche in Serie C: campionato ormai concluso ma sono in corso i playoff per decretare l’ultima promossa nella serie cadetta.

IAGO FALQUE (Genoa): Sconfitta casalinga per la squadra di Davide Nicola, che perde 2-1 contro il Napoli e scende al terzultimo posto in classifica. Iago Falque fa il suo ingresso in campo al 70′ ma non riesce a dare la scossa: gestisce qualche pallone ma non incide (VOTO: 5,5).

DE LUCA, ZACCAGNO (Entella): Frena l’Entella, che non va oltre l’1-1 sul campo della Juve Stabia e si trova ora a quattro punti dalla zona playoff. Indisponibile Zaccagno, solo panchina per De Luca, rientrato soltanto la scorsa settimana da un infortunio.

LEGGI: Inter-Torino, da D’Ambrosio ad Ansaldi: gli ex che incrociano il proprio passato

KONE (Cosenza): Pesantissima sconfitta per il Cosenza, che perde 5-1 sul campo dello Spezia. Non manca però un’ottima notizia: dopo quasi nove mesi è tornato in campo Kone, al rientro dopo la rottura del crociato. Per lui poco più di dieci minuti a partita ormai compromessa, ma rivederlo in campo è un ottimo segnale. Bentornato (VOTO: NG).

CANDELLONE (Pordenone): Rimane in corsa per la promozione diretta il Pordenone, che supera di misura il Pisa e rimane a tre lunghezze dal secondo posto occupato dal Crotone. Occasione da titolare per Candellone, che non riesce a svariare come suo solito ed è poco lucido sotto porta. Esce al 66′, dopo aver mancato un’ottima occasione per chiudere la partita (VOTO: 5,5).

FERIGRA (Ascoli): Un piccolo passo indietro per Ferigra che, alla terza consecutiva da titolare, non riesce a confermarsi sui livelli delle scorse gare. Dopo un primo tempo molto attento, il centrale causa un calcio di rigore per fallo di mano e fatica a contenere quando la Salernitana attacca dalle sue parti. Per l’Ascoli arriva comunque un’importantissima vittoria per 3-2, ma questa volta la prestazione di Ferigra non può essere sufficiente (VOTO: 5,5).

LEGGI: Inter-Torino, i precedenti: la tradizione recente a San Siro è favorevole ai granata

SEGRE (Chievo), BUONGIORNO (Trapani): Solo un pareggio per il Chievo, fermato sull’1-1 dal Trapani. Sufficiente la prestazione di Segre, che si conquista un calcio di rigore (dubbio) da cui nasce l’iniziale vantaggio dei clivensi ma in mezzo al campo patisce la fisicità di Coulibaly (VOTO: 6). Ancora una conferma per Buongiorno, che si conferma attento in difesa e prova a farsi vedere anche nell’area avversaria su calcio piazzato (VOTO: 6,5)

FIORDALISO (Venezia): Un punto per il Venezia, che pareggia 1-1 sul campo del Benevento già promosso in Serie A. Dionisi sceglie di dosare le forze e concede un turno di riposo a Fiordaliso.

GILLI (Alessandria): Si chiude al primo turno della fase nazionale l’avventura ai playoff dell’Alessandria. I grigi pareggiano 2-2 sul campo del Carpi e vengono eliminati per il miglior posizionamento in classifica degli avversari. Solo panchina per Gilli, che chiude con dodici presenze complessive la prima stagione tra i professionisti.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Toro Forever - 4 settimane fa

    Jago Falque non è peggiorato. È cambiato il Calcio intorno a lui e a molti come lui. Oggi la fisicità assume un ruolo preponderante e le letture tattiche degli avversari limitano gli spazi applicando, per esempio, raddoppi di marcatura e marcature preventive. Oltretutto gli arbitri non fischiano più tutti i contatti e i contrasti di gioco ritenuti regolari, alla luce dei nuovi regolamenti, e nei quali il fisico di Falque ha spesso la peggio. Cambia il Mondo intorno a noi. E vale per tutti. O si accetta o si subisce. Anche il Toro dovrà prenderne atto. E in fretta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gallochecanta - 4 settimane fa

      Sei saggio e un po’ amaro.
      Cambia il mondo intorno a noi, per tutti e non certo solo per il calcio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SempreTORO - 4 settimane fa

        E noi invecchiano senza rendercene conto… non ci resta che aspettare la nostra ora.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Héctor Belascoarán - 4 settimane fa

          Stavo pensando di suicidarmi per questo pomeriggio.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. SempreTORO - 4 settimane fa

            Hahahah…ahahaha

            Mi piace Non mi piace
  2. Madama_granata - 4 settimane fa

    Si salvano (per nostra fortuna) i soliti 2 ragazzi,
    Segre e Buongiorno: non è una novità, ma è una buona notizia per il Toro del futuro!
    Fiordaliso “riposa”, qualcuno non gioca x infortunio, ma tutti gli altri sono “tentennanti”, nessuno strappa la sufficienza.
    Nulla di nuovo,purtroppo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. farnaud_10560030 - 4 settimane fa

      ….ma se “patisce la fisicità di Coulibaly” (cartellino di proprietà dell’Udinese) il buon Jacopo non è ancora pronto per la A. I centrocampisti africani saranno sempre di più, hanno una fisicità superiore, e spesso, non sempre, anche buona tecnica. Per gli italiani di valore, di ottimo valore, il torneo di riferimento è ormai la Serie B, dove giocano tanti italiani dal piede eccellente, specie sulla trequarti e in attacco. Ma lo stopper più aitante tra i professionisti, esordiente nel Livorno e subito in gol, è un prodotto del vivaio granata, e forse ancora di proprietà del Toro: Alessandro Coppola, fisico da lottatore su 2,02 di altezza. Suo fratello, credo, era un appena discreto portiere della Primavera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy