Fontana (Hellas1903): “Verona più organizzato, ma nei granata più qualità”. E su Juric…

Il giornalista esperto delle vicende in casa scaligera: “A Verona si parla del futuro del tecnico croato, che dovrà decidere cosa fare”

di Marco De Rito, @marcoderito

Dalla partita di questa sera, al futuro di Ivan Juric. Molti i temi toccati nell’intervista a Matteo Fontana, giornalista di Hellas 1903 (partner di Gazzanet) e Gazzetta dello Sport. La sfida tra Torino e Hellas Verona si disputerà questa sera alle 21.45 all’ombra della Mole, e a tenere banco c’è già il calciomercato.

Matteo Fontana, che partita si aspetta tra Torino e Hellas Verona?

“Le due squadre arrivano da situazioni diverse. L’Hellas Verona è a quota 45 punti, secondo me è stata la vera rivelazione del campionato e arriva alla sfida contro il Toro dopo un pareggio conseguito con l’Atalanta. Gli scaligeri sono una squadra ben quadrata che fa dell’organizzazione il suo punto di forza. Il Toro invece deve conquistare la salvezza. Dirlo fa strano, una squadra del calibro dei granata che non sia ancora sicura della permanenza in Serie A. L’andamento della partita dipenderà da come le due squadre approcciano, se sarà una gara dove l’organizzazione e il gioco conteranno di più, il Toro avrà la peggio. La squadra di Moreno Longo mi sembra che non abbia mai trovato un’identità da inizio campionato. D’altro canto se i singoli emergeranno, il Torino potrà affermarsi”.

Lei ha rimarcato l’importanza dell’approccio al match, il Toro spesso ha sbagliato in questa stagione questo aspetto. A cosa devono stare attenti i granata questa sera?

“Il Torino dovrà essere consapevole che il Verona sfrutta molto il pressing alto e l’aggressività, se i granata non saranno reattivi sin da subito rischiano di passare un brutto quarto d’ora”.

Leggi anche: Riaprire gli stadi? Il Toro inizia ad attrezzarsi, al Grande Torino arriva il sistema “Feel Safe”

Quali saranno i giocatori chiave delle partita?

“Sicuramente Matteo Pessina è uno dei mediani più interessanti del campionato, è il capocannoniere della squadra con sette reti. Anche se i granata sono fortunati, visto che nell’Hellas mancherà Amrabat a causa della squalifica subita. D’altro canto il Torino può contare sull’apporto di Andrea Belotti, è semplice dire che tra i granata sarà di cui i veneti dovranno prestare più attenzione”.

Leggi anche: Torino-Verona, perché sì e perché no: la voglia di rivalsa granata contro le ambizioni scaligere

Ivan Juric è stato accostato anche al Toro nei giorni scorsi…

“A Verona in verità non si parla tanto della partita contro il Torino, quanto del futuro di Juric. Il rinnovo annuale per l’allenatore è scattato, è stato automatico una volta conquistata la salvezza. Adesso però il tecnico croato deve decidere cosa fare nel futuro. Si vocifera di interessamenti di Torino e Fiorentina, squadre con diverse disponibilità economiche rispetto agli scaligeri che potrebbero puntare su progetti ambiziosi. Probabilmente in casa Hellas invece ci sarà una rivoluzione, con molte pedine importanti che partiranno”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy