Calciomercato: Falque piace in Italia e all’estero, ma la priorità è il Torino

Calciomercato: Falque piace in Italia e all’estero, ma la priorità è il Torino

Calciomercato / Villareal, Atalanta e Genoa si sono fatte avanti per il fantasista galiziano, ma al momento per il Torino non è in vendita

di Nicolò Muggianu

Non mancano le richieste per Iago Falque che, nonostante i tanti infortuni, ha attirato su di sé le attenzioni di diverse squadre, sia in Serie A che all’estero. Al momento però il Torino non sembra intenzionato a privarsi del suo numero 10, pronto a tornare a disposizione di Mazzarri dopo l’infortunio muscolare alla coscia che lo tiene fuori da inizio novembre.

Torino, le ultime dal Fila: si rivedono Iago ed Edera. In gruppo anche Millico

INTERESSE – Villareal, Atalanta e Genoa: sono queste le tre squadre che ad oggi si sono fatte avanti più o meno concretamente con il Torino nei primi giorni di calciomercato, sondando il terreno per Iago Falque. Secondo quanto emerso però, la società granata non sarebbe intenzionata a privarsi del proprio numero 10 nel mercato di gennaio. Porte chiuse – al momento – ai possibili acquirenti dunque, per un giocatore sul quale Mazzarri punta moltissimo e che a Torino si sente ancora al centro del progetto tecnico.

NEL 2020 – Una prima metà stagione sfortunata per l’ex Roma, che in cinque mesi di campionato ha collezionato appena 4 presenze in Serie A per un totale di 99′ complessivi. Pochi, troppo pochi per uno che negli ultimi tre anni era stato tra i grandi protagonisti dell’attacco del Torino. Dietro le tante assenze i due infortuni, il primo ad agosto ed il secondo a novembre, che ne hanno fortemente condizionato la disponibilità. Ora però i tempi sembrano essere maturi e, dopo essere tornato ad allenarsi con il gruppo, Iago scalpita per riprendersi il Toro sul campo. Mazzarri lo aspetta, con la speranza che il 2020 sia per lui un anno di rinascita.

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Andreas - 2 mesi fa

    Iago uno di noi! Non scherziamo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Kieft - 2 mesi fa

    Dopo sirigu il nostro miglior giocatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianTORO - 2 mesi fa

      …ah si…?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Kieft - 1 mese fa

      Si….belotti con il pallone bisticcia …iago no

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sensi-toro - 2 mesi fa

    Forza Iago! Sto aspettando il tuo ritorno!
    Ti auguro che il 2020 sia per te e per tutto il nostro Toro, un anno di serenità!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bischero - 2 mesi fa

    Io non credo che Iago partirà a gennaio. Come non credo che parta a giugno. Ha 30 anni. Un contratto importante e lungo. Al procuratore converrà venderlo a 31 anni con un triennale a venire per chiudere la cariera. Quando sarà in condizione diventerà titolare e andrà a giocare con Belotti e verdi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Ardi - 2 mesi fa

    Visto che il miglior gioco lo esprimiamo col 3-4/2/1 o 3/4/3 e visto che è uno dei due o tre giocatori più tecnici che abbiamo, vendere jago sarebbe una porcata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. eurotoro - 2 mesi fa

    In attacco siamo a posto cosi con verdi berenguer Jago edera e gallo…un giovane se va via zaza ed un mediano di esperienza se va in prestito meite (gli farebbe bene!)..poi un terzino giovane se de silvestri non rinnova

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Filadelfia - 2 mesi fa

    Non riesco a capire perché se ci interessa Barrow dell’Atalanta si attende che sia quasi del Bologna prima di inserirsi nella trattativa. Non si poteva anticipare le mosse del Bologna invece di dover sempre rincorrere? Misteri del mercato granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ALESSANDRO 69 - 2 mesi fa

      Perchè evidentemente Barrow non ci interessa……

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gianTORO - 2 mesi fa

        oppure a BArrow non interessava il Toro…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. avvopal_14171626 - 2 mesi fa

    Senza Europa, mi pare fin ovvio, la squadra sarà rivoluzionata e gente come Sirigu, Nkoulou, Izzo, Iago e Belotti non ci sarà più. Anche giustamente. Questi 5 hanno un mercato importante e anche se gente come Nkoulou e Sirigu non sono più giovanissimi,sfrutteranno certamente la possibilità di un ultimo contratto importante per vincere qualcosa…anche perchè è gente da grande squadra e noi non siamo (ancora). Avremo un mister nuovo e una rosa nuova per ripartire da zero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabertoro - 2 mesi fa

      Al momento sono tutti ancora qui

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. spelli_446 - 2 mesi fa

      Beato te che hai la palla di vetro..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Ardi - 2 mesi fa

      Se così fosse la colpa sarebbe di cairo, che oltre a non far niente per fare il salto di qualità, è senza dirigenza e con strutture talmente ridicole, da costringere i giocatori a riposarsi nelle loro auto, tra un allenamento e l’altro. Credo che solo questo dica tutto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Madama_granata - 2 mesi fa

    Speriamo che “salvino” almeno lui!
    Non dimentichiamoci che, quando Belotti stette a lungo fuori per infortunio, e poi stentò a ritornare ai suoi livelli, chi salvò il Toro, e segnò molti gol, fu proprio Iago Falque.
    Io continuo a pensare che un Falque “risanato” a destra, con Belotti (o Zaza) al centro e Verdi a sinistra, siano pur sempre un “signor attacco”!
    Probabilmente, giocando con continuità ed affiatandosi meglio con i compagni, anche Verdi tornerebbe ad alti livelli. Per me questo giocatore “stenta” perché doveva essere “buttato subito nella mischia”, ed inserito continuativamente in squadra, non tenuto mesi in panchina, o “messo in campo” solo x brevi frazioni.
    Prima o poi il “rodaggio” doveva farlo: sarebbe stato meglio subito.
    Ora avremmo un giocatore totalmente ritrovato e completamente inserito.
    Invece Verdi sta ancora stentando!
    Globalmente: pare che in questa benedetta nostra squadra si prospetti un “fuggi-fuggi” generale!
    Io andrei molto, molto cauta a “far fuori” giocatori che poi non potremo far altro che rimpiangere!
    Parlo di Falque, appunto, di Zaza, di De Silvestri, di Bonifazi, di Millico.
    Tutti uomini/ragazzi che, ne sono sicura, farebbero (o faranno) altrove la fortuna di altre squadre.
    Anche se, ovviamente, in modi e con compiti diversi.
    P.S. – non ho messo un soggetto: ho evitato nome e cognome di chi, pare, abbia intenzione di “sfasciare” la squadra.
    Pare, ripeto.
    Io personalmente, ovvio, non ne so nulla: parlo in base a ciò che si legge sui giornali.
    Ho scelto di agire così solo per “rispetto” verso le idee di alcuni co-tifosi con cui dialogo e che stimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ALESSANDRO 69 - 2 mesi fa

      Condivido l’ipotesi che Jago ,Belotti e Verdi sarebbero un trio ben assortito. Ciò però che non mi torna è la disamina su Verdi (almeno credo di aver capito che stava parlando di lui..) quando afferma che è stato tenuto mesi in panchina.
      A oggi conta 16 presenze di cui almeno 10-12 da titolare .Perchè dice che è stato tenuto mesi in panchina….???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 1 mese fa

        L’espressione “mesi in panchina” è ovviamente enfatizzante, anche perché l’intero campionato è durato, dall’inizio ad oggi, solo alcuni mesi
        (es. Durante le feste ho mangiato chili di dolci=
        molti dolci, non certo chili!).
        Intendo dire che all’inizio Verdi non giocava perché, a detta di Mazzarri, “non era pronto”.
        Poi ha giocato spezzoni più meno brevi di partite, e solo più recentemente gare intere.
        E “non è ancora al massimo”, come forma e come affiatamento con i compagni.
        Se avesse giocato da subito con continuità, probabilmente ora avrebbe raggiunto l'”optimum”.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ALESSANDRO 69 - 1 mese fa

          Comunque fra spezzoni e partite intere conta 16 presenze su 18 ..Non si può dire che non lo abbia utilizzato. Sarà mica colpa di Mazzarri se a Napoli non ha praticamente mai giocato?? Non crede che forse dipende proprio da l fatto che per quasi un anno l’ha vista dalla panchina???

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Kieft - 2 mesi fa

      Il pulcino berenguer contro la Roma ha fatto una grande partita ….meglio anche di Verdi ….purtroppo noi vediamo le partite e non gli allenamenti…..ma se Mazzarri ( che continuo a non amare ) lo ha sempre preferito a parigini ed edera adesso inizio a capire il perché….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. checktoro - 2 mesi fa

    Forza Iago ! Campione vero e uno di noiFVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. granatissimo - 2 mesi fa

    …Io direi che “sfortunata” sia finanche un eufemismo per definire la stagione di Iago… Ma soprattutto il calcio ha la memoria corta, anzi cortissima; spesso dimentichiamo il reale e di fondamentale apporto alla squadra di taluni “signor” giocatori…E’ non è l’unico caso il suo… Prendiamo ad esempio Djidji: al suo rientro alla fine, si spera, del suo completo recupero fisico, la difesa è tornata quella granitica ammirata nella seconda parte della stagione dell’anno scorso perchè quella era la difesa titolare ricordo: Sirigu-Izzo-Nkoulou e appunto Djidji con Moretti che prese il suo posto nelle ultime giornate causa infortunio…Intelligenti pauca….FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. avvopal_14171626 - 2 mesi fa

    Io penso che la maggior parte dei problemi di quest’anno nascono dalla sua indisponibilità: non possiamo dimenticare che il mister aveva schierato il 3-4-3 col Debrecen e che quello era il modulo che era stato deciso a inizio stagione. Iago si fa male già in quella partita e tutto deve essere ripensato. Iago è uno che in condizioni normali è tra gli 11 iniziali, non in panchina: speriamo che si riprenda del tutto e che faccia un girone di ritorno all’altezza del suo passato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. maxx72 - 2 mesi fa

    Si certo ma siamo matti? Sarà Iago il nostro acquisto di gennaio! Vedrete che se starà bene ci dara una grossa mano. Forza Iago!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy