Torino-Crotone: Miha, le due punte occasione per Maxi Lopez

La Lavagna Tattica / Anche Boyé può essere un’alternativa valida. Occhio alle ripartenze degli ospiti

di Lello Vernacchia

Non sarà una partita semplice, quella del Torino contro il Crotone. La speranza in Calabria è tornata, ora ci credono – giustamente – ancora più di prima. Certo è che pagherebbero per fare un punto a Torino, visto che l’Empoli, diretta avversaria, sarà a Firenze: ora si battaglia veramente, e tutte le partite hanno punti che valgono doppio.

Tornando al Toro: mi è piaciuto che Mihajlovic abbia cambiato modulo. Ljajic largo tocca pochi palloni, mentre al centro va meglio; Boyé, subentrato a Iturbe contro il Cagliari, deve ancora maturare tanto. Ha bisogno di fiducia e continuità. Potrebbe diventare un’alternativa nel caso i granata passassero al 4-3-1-2, con Valdifiori circondato a centrocampo da Benassi e Baselli. Davanti, l’alternativa che io ho sempre sostenuto è Maxi Lopez: sa tenere palla e appoggiare con i tempi giusti, potrebbe essere l’uomo ideale da affiancare a Belotti.

ROME, ITALY - MARCH 13:  Maxi Lopez with his teammates of FC Torino celebrates after scoring the team's first goal during the Serie A match between SS Lazio and FC Torino at Stadio Olimpico on March 13, 2017 in Rome, Italy.  (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)
ROME, ITALY – MARCH 13: Maxi Lopez with his teammates of FC Torino celebrates after scoring the team’s first goal during the Serie A match between SS Lazio and FC Torino at Stadio Olimpico on March 13, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

In caso di 4-2-3-1, invece, sulla destra preferirei Iago rispetto al giovane argentino: Boyé non ha le caratteristiche adatte per agire sulla fascia. Carlão, al di là del rigore procurato conto il Cagliari, merita di guadagnare un’altra chance e di giocarsi le chance per la prossima stagione, mentre ormai Ajeti rischia di essersi bruciato. Con il modulo con i tre trequartisti, ad ogni modo, può esserci più pressione nella metà avversaria.

Iago Falque: “4-2-3-1? Posso giocarci”

Il discorso, però,  dipende anche dal Crotone: l’Inter, la settimana scorsa,  si aspettava un Crotone chiuso, invece i pitagorici hanno attaccato nei primi minuti, approfittando poi delle ripartenze. Diventa importante prendere alto il pallone, sfruttando le non eccelse abilità in palleggio degli ospiti. Non si può, però, rischiare il contropiede, una delle armi decisive del gruppo di Nicola. Da questo punto di vista e molti altri, quest match sono un esame anche per Mihajlovic, che con questa squadra – e questo Belotti – non può stare dietro alla Sampdoria. Queste sette partite vanno perciò giocate a muso duro, pensando al prossimo anno.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. contegranata - 4 anni fa

    Contro una squadra affamata come il Crotone, oggi pomeriggio, non sarà affatto facile per il nostro Toro!
    Anche io vorrei vedere, finalmente, dal 1° minuto in campo Maxi Lopez in appoggio a Belotti.
    Ajeti temo abbia concluso anzitempo la sua carriera in Granata. Aspettiamo conferme da Carlao. Boyè è un talento sul quale il Torino ha il dovere di puntare per il prossimo futuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy