Le cose invisibili

Editoriale / Le sensazioni ottimistiche di Giampaolo trovano riscontro nelle prestazioni del Torino

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

A questo Torino non basta una vittoria contro una squadra piuttosto in disarmo come il Parma attuale per gridare alla svolta, ma sicuramente si può parlare di boccata di ossigeno e di iniezione di fiducia. Il gruppo granata aveva un grande bisogno di questi tre punti per convincersi di poter iniziare un percorso che possa portare quantomeno a una salvezza senza patemi. Sono arrivati con merito: la prestazione del Torino non è stata scintillante (il risultato di 3-0 forse è eccessivo), ma positiva sì. Ora servono controprove e il mese di gennaio non tarderà ad offrire possibilità di trovarle. Tuttavia la partita di Parma, se messa in fila con quanto si è visto a Napoli, fa sospettare che Giampaolo potrebbe averci preso quando parlava alla vigilia di sensazioni ottimistiche e di squadra in crescita, “non soltanto per le prestazioni, che vedono tutti, ma anche per le cose invisibili”.

LEGGI ANCHE: “Le pagelle di Parma-Torino 0-3: l’urlo di Izzo lancia il nuovo anno dei granata”

Il tecnico ha affermato di percepire qualcosa di diverso in ciò che si respira all’interno dello spogliatoio, parlando vagamente di “un altro spirito” e di “una diversa presa di responsabilità”. Cosa intenda in particolare Giampaolo lo sa solo lui e chi vive la squadra dall’interno, però è chiaro che chi perde 23 punti da posizione di vantaggio ha problemi di compattezza e di serenità, ingredienti che nel Torino sono mancati per troppo tempo, qualunque siano le cause di questo.
La vittoria di Parma non cancella con un colpo di spugna tutti i limiti della squadra. E resta fermo il fatto che, nel percorso che deve portare a una salvezza tranquilla, serve ora un intervento sul mercato, concreto e significativo, da parte della società, per alzare il livello qualitativo e per facilitare l’allenatore nella gestione del gruppo. Però, per quanto questa squadra sia limitata, vale più della zona retrocessione, non solo perché il monte ingaggi è l’ottavo della Serie A. Ci si può e ci si deve aspettare che Parma sia stato solo il primo frutto di una nuova “alleanza” interna; il Torino non può retrocedere, al Filadelfia lavorino tutti insieme per la salvezza e poi si tireranno le somme.

33 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. giacki - 2 settimane fa

    Cambiando le sue idee Giampaolo ha dimostrato di voler bene al TORO…ora vediamo quanto gle ne vuole cairo(minuscolo)servono cose VISIBILI…mercato di riparazione strutture societarie.

    Siamo in attesa..anche se con poca fiducia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. WGranata76 - 2 settimane fa

    Se ad una squadra in crisi profonda, come lo eravamo noi fino a prima del Napoli, con il peggior attacco della serie A togli anche il miglior attaccante, cosa ne rimane?
    Si sono visti alcuni piccoli spunti positivi, ma tanti troppi problemi ancora. Non si tratta di essere pessimisti, ma realisti. Il Gallo ha fatto tutto da solo impostando il gioco per gli altri, facendo regista e trequartista insieme. Il resto della squadra ha sprecato diverse occasioni per chiudere presto la partita e abbiamo avuto le solite due tre amnesie gravi, ma stavolta è tornato San Sirigu a tamponare.
    Non passi il messaggio che tutto va bene, che stiamo risolvendo tutti i problemi e che siamo sulla giusta strada, che la società non aspetta altro che questa scusa per non comprare nessuno.
    Le lacune c’erano prima del Parma e ci sono ancora adesso.
    Non siamo così scarsi vero, ma abbiamo accumulato un deficit di punti tale da non poter lasciare nulla al caso e quindi piedi ben saldi a terra e mercato puntuale per prendere almeno un regista forte, davvero forte, ed eventualmente una seconda spunta se si trova da scaricare Verdi o Zaza. La B è sempre molto probabile ad oggi e che la società dia risposte subito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bucci-ole-ole - 2 settimane fa

    L’invisibile (cessione a fine anno? premi Europa league?forniture di rabaton a vita?) Fa sì che il visibile (una squadra magari non fenomenale ma che almeno suda la maglia) si avveri. Se corriamo e lottiamo non siamo da b.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gianluca - 2 settimane fa

    Io leggo commenti allucinanti che dimostrano quanto siano volatili le idee in questo fantastico gioche che è il calcio. Ad esempio leggo che ieri RIncon non avrebbe giocato una buona partita. Vabbeh, amen. Però c’è un limite a tutto. Un elogio al General da parte mia, il più Toro di tutti e non gli si può chiedere di fare Jorginho. A proposito, ieri il decentato De Paul ha provato a fare il regista e a girarsi in campo aperto… tre secondi e il numero sette dei gobbi raccoglieva palla in rete. Poi leggo che Giampaolo praticherebbe un gioco diverso rispetto a Mihajlovic (e qui è evidente, almeno il primo Mihajlovic) e Mazzarri. Giampaolo sarebbe meglio di Mazzarri come gioco. Siamo al marketing puro, perché l’atteggiamento tattico attuale ripete esattamente quello del Toro di Mazzarri e come quello…funzionicchia! Però se hai l’ambizione di andare in Europa ti agiti dopo un girone d’andata con 27 punti e Boga che ti stampa un gol da fuoriclasse a Sassuolo. Arrivando all’esonero. Se poi vai così giù da ambire alla salvezza, ti galvanizzi per lo stesso gioco riproposto con minori risultati purtroppo (e almeno al momento). Mi sembra sinceramente folle.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. olivia - 2 settimane fa

    Guardiamo alla realtà.Verdi ha i piedi buoni ma non riesce a ingranare .Bisogna recuperarlo.Si era mangiato il goal del 2 a0 l altro anno a Sassuolo e ieri di nuovo.Al prezzo pagato non ha mercato.Bisogna recuperarlo.Via Zaza e Meite che sono irrecuperabili.Millico in prestito.Se si recuperano Ansaldi e Baselli basterebbe una riserva valida per Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. oscarfc - 2 settimane fa

      Ti sei dimenticata il regista, per dare ordine in mezzo al campo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. stanislaobozzi - 2 settimane fa

    bene la vittoria (il parma è molto peggio di noi e senza gervinho ndr ma prima voglio vedere come giocano con il verona squadra che in trasferta fa davvero bene
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. toro52anni - 2 settimane fa

    Ormai è consolidato che giochiamo con il 352 che poi è un 361 o 3511 e mi sembra che Gojak avanzato a seconda punta o in appoggio al centravanti gli calzi a pennello.
    Il gol di ieri con il Parma a parer mio è stato molto bello, l’ha messa dove non ci sarebbe mai arrivato il portiere e denota freddezza e buona sensibilità nel calciare la palla.
    A me sto ragazzo piace e lavorandoci su può diventare molto forte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giancarlo - 2 settimane fa

      Concordo con te. Anche a me è piaciuto Gojak pure se, avendo giocato pochi minuti non lo possiamo giudicare più di tanto. Aspettiamo i famigerati rinforzi, ma intanto contro il Verona non vedrei male riproporlo dal primo minuto in coppia con Lukic in un 3-4-2-1 come, sostanzialmente, è terminata la partita di Parma. Offrirebbe così maggiori garanzie nelle due fasi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. PotenzaGranata - 2 settimane fa

    Per il momento i migliori acquisti di gennaio sono stati quelli di Sirigu e Izzo.

    Il mandrogno ha ceduto, dunque tregua e ritorno ai fasti di un tempo sino a fine campionato, con tanto di premio salvezza, per togliere la cairese dai bassifondi, e poi liberi di andare dove vogliono.

    Meglio così comunque.

    P.S.: sarebbe il caso di provare a fare lo stesso con Nkoulou, se esiste ancora un margine di trattativa. Con Sirigu, Izzo e lui, Lyanco può tornare in panchina e la difesa tornerebbe ad essere quella di due anni fa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. giancasortor - 2 settimane fa

    Ultimi in classifica,non me le ricordo sinceramente altre annate cosi,eppure quest’anno abbiamo anche toccato il fondo! Ebbene io in questa stagione ho comunque avuto buone senzazioni,dopo anni ho rivisto una squadra e non una forma di gioco individualista.Mi spiace dirlo,ma sia Mihajlovic,con il suo gioco spregiudicato,che Mazzarri, palla lunga e pedalare,avevano completamente logorato la squadra rendendola completamente amorfa e prevedibile.Con questo non voglio giudicarli come uomini,che tra l’altro stimo,ma come allenatori hanno dimostrato tutti i loro limiti.Quando abbiamo preso Giampaolo ero sicuramente tra i suoi piu accaniti detrattori,ma nelle difficoltà,nelle sconfitte tra mille polemiche e casi umani mentre collassavamo in fondo alla classifica,ho iniziato intravedere qualcosa di buono.Certo,anche Giampaolo ha le sue colpe,come la società,come alcuni giocatori che hanno dimostrato di essere poco professionisti, però se in questo mese si riuscisse a riordinare la casa,sfoltendo la rosa dei pezzi inutili (tipo Edera e Milico)di quelli scontenti(tipo Nckolou)e si acquistassero 2/3 giocatori necessari (un difensore di esperienza,un centrocampista di qualità ed una vera seconda punta da affiancare a Belotti)credo che in questa seconda parte di campionato potremmo avere anche delle soddisfazioni in più che una semplice salvezza.La strada è lunga,il percorso difficile,tocca adesso alla società dimostrare di essere all’altezza della situazione!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. stanislaobozzi - 2 settimane fa

      io non sto vedendo nulla di diverso nel gioco rispetto agli altri anni… il miglioramento del nostro gioco non dipende dal modulo o dall’allenatore ma dalla qualità dei centrocampisti che in questi anni “cairoti” è sempre stata straordinariamente bassa…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Messere Granata - 2 settimane fa

    Calma e gesso. Il Torino deve correre e battagliare sempre. Coloro che si sentono “invaghiti” dalla comodità delle pantofole, restino in panchina, in tribuna o siano ceduti. Ieri Russell “Izzo” Crowe ha riproposto una riuscita versione de “Il Gladiatore”. Di uomini e non di “pupazzi incompresi” abbiamo bisogno. Senza “palle” la qualità non serve a nulla e se poi manca anche quella…ti raccomando. Spero che tutte le scelte future, in Campo e in Società, verranno fatte in quest’ottica. Siamo in Guerra. E sarà ancora lunga.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. LeoJunior - 2 settimane fa

    Su Rincon: io stesso ho detto che spesso i nostri problemi nascono dai suoi limiti. Però ieri non possiamo dire che abbia giocato male. Ha fatto bene quello che può fare in quel ruolo. Quindi diciamo che non è pane per i suoi denti ma non addossiamo a lui le colpe.
    Se prendiamo un regista, Rincon o Baselli possono essere buone alternative.
    Ma se lo prendiamo, quando gioca il play titolare, avremmo Rincon/Baselli/Lynetti/Lukic come mezze ali, e non è male. Gojiak può alternarsi come mezz’ala ma meglio come trequartista, dove va preso un titolare. Anche non pronto per quest’anno ma per il prossimo, e volendo anche a giugno e non necessariamente adesso.
    La seconda punta invece serve come il pane. Il Gallo non ha una spalla valida e lì va fatto il secondo acquisto mirato.
    Problema con difese schierate: con il 352 se i due esterni non saltano l’uomo sei prevedibile. Rodriguez non lo fa e Singo sembra avere ancora un pò di timore. Forse lì c’è l’altro problema…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dr Bobetti - 2 settimane fa

      A Rincon ci son poche colpe da dare, il suo impegno è sempre il massimo. Il suo è un altro ruolo, non quello del regista.
      Potremmo utilizzarlo in quella posizione solo se avessimo due interni capaci non solo di corsa ma anche di giocata e di impostazione (per capirci come è stato il miglior Barcellona con Busquets in mezzo e Xavi Hernandez ed Iniesta interni, il meglio possibie).
      Non abbiamo questi interni quindi serve la qualità in mezzo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Dr Bobetti - 2 settimane fa

    La strada è ancora lunga ma certamente qualcosa si è visto nelle ultime 2-3 partite.
    A Giampaolo dò atto di aver avuto inaspettata flessibilità sul modulo, comprendendo che il pressing alto ci è costato molto nel girone di andata.
    Sono felice se possiamo alternare il 352 al 4312 (o altro modulo) in funzione dell’avversario.
    Nel 352 serve un laterale sinistro (Rodriguez non c’entra nulla con quel ruolo) ed in mezzo Lyanco deve lavorare molto per avere un rendimento adeguato nell’uno contro uno (Andersen sarebbe servito).
    Serve il regista, anche a fronte di un recupero di Baselli che quel ruolo lo può fare bene. Serve qualità in mezzo e pure una seconda punta (Zaza improponibile oramai, Bonazzoli una riserva al più, Verdi oggettivamente fuori). Gojak meglio da trequartista che da interno.
    Tenere Sirigu fino a fine stagione per pianificarne al meglio la successione. Vanja con tutto l’affetto è un’altra cosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. leggendagranata - 2 settimane fa

    Preferisco parlare di cose “visibili” piuttosto che di quelle “invisibili”. E le cose “visibili” sono che Giampaolo ha cambiato tattica, abbandonato il suo pressing alto, le triangolazioni rapide, la squadra votata all’ attacco (e spesso al suicidio). E poi l’ ha finita con la mediana Meitè-Rincon-Lynetti, riutilizzato giocatori preziosi come Sirigu e Izzo (il portiere al 50% è meglio del carneade Milikovic Savic, giubilato anche dall’ Ascoli), inserito costantemente Singo, retrocessi nelle gerarchie Murru e Vojvoda. Oggi il Toro gioca sostanzialmente col 5-3-1-1, una tattica molto prudenziale, attendista che nelle ultime tre giornate ha portato due pareggi e una vittoria. Ci sono ancora un po’ di cose da sistemare: si patisce un po’ troppo l’ avversario quando si viene pressati, Verdi è in una posizione innaturale per lui, bisognerebbe rimettere ‘Nkoulou nella difesa a tre (ma non credo che avverrà, perchè ci si prepara a venderlo essendo l’ unico ad avere mercato), Lynetti più di tanto non sa dare (e proverei il giovane Segre), se Ansaldi sta bene piantiamola con Rodriguez (altro mediocre). Insomma l’ “incorruttible” si è fatto corrompere della critiche che gli sono piovute addosso da molte parti ed ha modificato le sue convinzioni di partenza. Certo la vittoria col Parma è stata favorita dalla modestia dell’ avversario e ci vuole una conferma già col Verona.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. OldBull - 2 settimane fa

    Commenti tecnici ne faccio pochi perchè nella vita di mestiere non ho mai fatto l’allenatore, facevo altro…
    L’unica cosa che non mi piace di Giampaolo sono i cambi sempre o tardivi o a volte assolutamente incomprensibili ma io, ripeto, sono un meccanico, non un allenatore e poi, a dirla tutta, se alla gobba hanno mandato via un fior d’allenatore come Sarri per prendere una gatta morta come Pirlo solo perchè quest’ultima in panchina ci va in giacca e cravatta mentre l’altro si presentava in tuta, beh…
    Finalmente non è stato schierato Meitè, era ora, adesso però vorrei promuovere una raccolta fondi tra i tifosi con lo scopo di pagare Giampaolo perchè non metta più Rincon.
    Ho letto commenti positivi sulla prestazione del General, ora siccome la partita l’abbiamo vista tutti in TV, mi viene da pensare che le valutazioni sui giocatori cambino in base alla marca del TV, per esempio io ho un SONY e ho visto il solito Rincon ai limiti del ridicolo, magari con un Philips le immagini cambiano…
    Comunque in alto i cuori! abbiamo vinto, del resto e chi se ne frega!
    Però… però… però… Se è vero che COMUNQUE i giusti rinforzi devono arrivare, non vorrei mai che il fenomeno di Masio colga l’occasione di questa vittoria per confermare che: “La squadra è forte così com’è, difficilmente è migliorabile, e non nel mercato invernale e soprattutto, Baselli è il colpo del mercato di gennaio”
    Cioè, siamo messi talmente male che, anche se vinciamo non c’è da stare allegri…
    Sempre Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. avvopal_14171626 - 2 settimane fa

    Iniziamo col dire che che quei benedetti 23 punti persi da una posizione di vantaggio sono del tutto ipotetici: certo, ne abbiamo buttati ma trovo assurdo lamentarci dicendo che a quest’ora saremmo terzi, 7 punti in più delle merde ecc….Ne avremmo avuto sicuramente di più di ora ma non certo tutti e 23….
    Quanto a ieri, abbiamo sì battuto una squadra in disarmo ma dieci giorni fa eravamo andati vicinissimo a vincere a Napoli e solo un invenzione di Insigne ci aveva tolto i tre punti: quindi abbiamo svoltato e siamo sicuramente sui binari giusti. L’abbraccio collettivo ad Izzo denota davvero unità d’intenti e questo dimostra anche che la guida tecnica è salda. Certamente, servono innesti giusti magari non moltissimi ma decisivi sì: quindi regista e seconda punta e magari difensore adatto alla linea a 4 se Giampaolo vorrà ritornare sui suoi passi. Nkoulou, Verdi, Zaza e Meitè (oltre ad Edera e Millico che non considero nemmeno) sono i 4 che dovrebbero salutare il prima possibile: su Verdi avrei avuto ancora qualche dubbio perchè le qualità ci sono ma l’errore di ieri (oltre alle due punizioni tirate di prima, sbagliandolo entrambe) dimostra che quando non ce n’è non ce n’è e quindi è ora che se ne vada.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. LeoJunior - 2 settimane fa

    Quello di ieri è un piccolo segnale di ripresa, ma siamo lontani da poter dire di essere fuori dal tunnel. La squadra sembra aver passato un periodo di lunga degenza e le ricadute possono essere dietro l’angolo. Quindi gestiamo tutti con molta calma questo momento. Quello che si è visto è molta più attenzione e spirito di gruppo, ma anche tanti errori che con una squadra appena decorosa, avremmo pagato caro.
    Il problema del play di sostanza al quale affidare la palla per metterla in cassaforte continua ad esistere e si vede negli errori di Lyanco e delle mezze ali. Il Gallo ha scarsa fiducia nei compagni di gioco; lo abbiamo visto più volte fare giocate solitarie piuttosto che dialogare con i compagni. Anche questo non è un bel segnale.
    Quindi sotto con i rinforzi che devono essere di qualità sia tecnicamente che umanamente. Non rompiamo equilibri che si stanno ricreando.
    Vorrei vedere qualche passo verso la normalità. Vorrei vedere un paio di acquisti intelligenti. Sogno un Cairo che si illumina e inizia a lavorare su altri fronti, in primis il consolidamento delle struttura societaria.
    GP deve avere fiducia e se azzecchiamo la partita di mercoledì con il Verona (banco di prova per il tipo di squadra) allora possiamo mettere la testa fuori.
    Dai ragazzi, ieri ci siete piaciuti.

    PS Ma Izzo adesso resta o se ne va?! …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lake - 2 settimane fa

      Ti quoto in toto,ieri sullo 0-1 c’è stato il momento della svolta,ma prima abbiamo rischiato il pareggio,e da li si è purtroppo visto spesso come va a finire.Dopo aver segnato serve tener palla per alleggerire il momento,cosa che con questo centrocampo è quasi impossibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Contrabbasso Granata - 2 settimane fa

        A me sembra che in tutto il primo tempo loro non abbiano fatto dei veri tiri in porta, mentre noi abbiamo sbagliato almeno un’altra occasione se non due.
        Io credo che tutti abbiamo avuto la sensazione di subire gol solo per “abitudine”, perchè nei fatti la nostra vittoria non è mai stata davvero in discussione.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. FORZA TORO - 2 settimane fa

          vero,non abbiamo subito nulla se non una sterile predominanza loro,hai ragione è stata più la paura di poter prendere gol che altro,certo cìè molto da miglioraare

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Andreas - 2 settimane fa

        non riusciamo a tenere la palla. Il Parma ha avuto il 63% di possesso palla

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. CLAUDIO - 2 settimane fa

      Condivido tutto il tuo commento. Ma come già detto in passato con Izzo e un sirigu di nuovo all’altezza le possibilità di salvezza salgono enormemente. Vendere ora Izzo sarebbe l’ennesima follia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. CUORE GRANATA 44 - 2 settimane fa

    Caro Sartori,a proposito di somme,si hanno notizie circa l’inizio lavori per sala mensa\relax al Filadelfia?Si dirà che sono “solo”dettagli..ma ,a mio parere,sono queste “piccole somme”a fare la differenza ed a farci,forse comprendere,le reali intenzioni del Patron.Sempre FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PotenzaGranata - 2 settimane fa

      “E’ la somma che fa il totale” (Antonio De Curtis)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. MarchigianoGranata - 2 settimane fa

    Una vittoria serviva assolutamente anche se forse è arrivata più per demerito del Parma che per merito del Toro, comunque bene così e mettiamo fieno in cascina.
    Adesso però aspettiamo mosse sul mercato da parte della societa, ma ora, subito e non fra un mese. Tra l’ altro non credo neanche che sia stato individuato qualche elemento adatto alla nostra causa; non vorrei che questa vittoria e il rientro di Baselli faccia credere a Cairo di essere a posto cosi.
    Sospetto solo partenze ma nessun arrivo fondamentale.
    Vedrete voi come andrà a finire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 2 settimane fa

      Tutti i confronti sportivi mettono in relazione meriti e demeriti… altrimenti a che servirebbe giocare una partita?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MarchigianoGranata - 2 settimane fa

        Logico, ma sperare di vedere il Toro vincere per propri meriti e non perché le altre squadre sono più scarse è chiedere troppo?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. PaCo68 - 2 settimane fa

    I giocatori dovrebbero rendersi conto di dove siamo e di dove dovremmo essere se in campo si fossero comportati TUTTI sempre da professionisti e non da “bambini viziati e complessati” … 11 punti fatti ma anche 23 buttati a mare e regalati agli avversari … ovvero 34 punti … 7 più dei gobbi e comunque dal lato opposto della classifica !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pacman - 2 settimane fa

      Marchigiano fammi capire la logica del tuo commento, noi non dobbiamo essere più forti degli altri, ma dobbiamo batterli: quindi non dobbiamo criticare Cairo se fa squadre scarse, ma lo dobbiamo criticare se fa squadre più forti delle altre, perché altrimenti mi non si vince per meriti ma perché le altre sono più scarse!!!! Ma che commento hai fatto????? Abbiamo vinto perché in campo siamo stati migliori del Parma e abbiamo vinto meritatamente. Mi sono un po’ rotto di leggere ste str….. ma vattele a dare in camera tua da solo le martellate sulle palle

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Sanguegranata - 2 settimane fa

        Davvero non capisco cosa c’entra il tuo comkmento con quel che ha detto PaCo68, peraltro trovo il tuo commento non solo affatto attinente a quello di PaCo68 ma anche offensivo e alquanto fosco, tipo le “martellate sulle palle”, da dove saltano fuori?

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy